Vinix Grassroots Market

Catalogo

 

Come funziona?

Acquisto minimo 6/12 unità (a seconda del prodotto) a moduli di 6, sconti scalari fino al 51% reale rispetto ai canali tradizionali al dettaglio Possibilità di acquisto singolo o in cordata tramite “pacco prova” misto (per le aziende che lo hanno disponibile) con uno sconto fisso intorno al 10-11% rispetto al negozio.

Chi lancia una cordata riceve un contributo di stoccaggio da parte di ogni partecipante e vede abbassarsi così la quota relativa al proprio ordine più velocemente rispetto ai gregari, spesso fino a zero!

L'acquisto da soli è possibile sia per privati che per professionisti con p.iva, l'acquisto in compagnia, tramite il nostro sistema dei gruppi di acquisto e delle cordate, è disponibile solo per privati con codice fiscale o in tale veste.

Per comprare in cordata occorre far parte di almeno 1 gruppo vicino, se non esistono ancora gruppi nella propria zona è possibile crearne uno nuovo gratuitamente in pochi istanti.

In caso di acquisto in cordata è possibile scegliere tra cordata classica (si porta sempre a casa la merce anche se non si aggrega nessuno o si aggregano in pochi), o cordata a obiettivo (si porta a casa la merce solo se si arriva alla quantità / sconto minimo impostato dal capocordata in fase di lancio della cordata.

Negli acquisti di gruppo si preautorizza un addebito ma si paga solo alla fine della cordata quando è stato determinato il prezzo finale definitivo (sempre inferiore o alla peggio identico rispetto al prezzo preautorizzato in fase di prenotazione), è possibile seguire l’andamento in tempo reale e si è costantemente informati sugli ordini degli altri membri del gruppo e sulla scoutistica raggiunta per tutta la durata della cordata.

Domande e risposte frequenti (FAQ)

Catalogo produttori #vgm

Tenuta La Torretta

Trevozzo Val Tidone,

ortrugo e gutturnio dai colli piacentini

La Torretta, azienda storica piacentina, si trova nel cuore della Val Tidone, vallata che occupa la parte più occidentale della provincia di Piacenza, ai confini con l’Oltrepo Pavese, un territorio a forte vocazione vitivinicola con le colline ammantate di vigneti, piccoli borghi, castelli e mulini. Con la fusione con i terreni di un'altra azienda confinante completata nel 2015, l’azienda dispone oggi di una superficie vitata di 34 ettari, una dimensione perfettamente adatta alle prerogative di gusto e ricerca che garantiscono al prodotto la migliore cura artigianale, conferendo al risultato finale una qualità indiscussa. I vigneti si trovano ad un altitudine compresa tra i 250 ed i 350 metri slm. I vitigni rossi più rappresentati sono quelli tradizionali come Barbera e Bonarda dal cui “matrimonio” nasce il re dei vini rossi piacentini: il Gutturnio. Per i bianchi vale la stessa filosofia che punta alla tradizione con Ortrugo su tutti. Nel corso degli anni, si è deciso di impiantare anche varietà come Cabernet sauvignon, Merlot, Chardonnay, Sauvignon blanc e Syrah che anche nelle nostre condizioni pedoclimatiche danno risultati molto interessanti. La cura dei vigneti è nostra priorità, tutte le operazioni colturali sono volte ad assicurare una perfetta sanità e maturazione dell’uva. La vendemmia è rigorosamente manuale e data l’ubicazione degli appezzamenti che circondano la tenuta, l’uva, una volta raccolta, viene trasportata in cantina e pigiadiraspata in brevissimo tempo, condizione indispensabile per una perfetta vinificazione.

↑ Torna all'inizio della regione

Abruzzo

Cantina San Giacomo

Rocca San Giovanni, Abruzzo

vini abruzzesi sulla costa dei trabocchi

Il mare della Costa dei Trabocchi e le colline sovrastanti fanno del quadro paesaggistico in cui si insedia la Cantina San Giacomo una cornice del tutto ottimale, per la perfetta esposizione dei suoi poderosi vigneti e per gli influssi che il mare apporta alla qualità dei suoi vini. Dalle peculiarità di questo territorio provengono le fragranze aromatiche dei corposi vini rossi e le note delicate dei vini bianchi. La Cantina è costituita da circa duecento soci, con un'estensione vitata di trecento ettari, dislocati nel territorio di Rocca San Giovanni e dei comuni limitrofi, in provincia di Chieti. Solo una piccola parte del vino prodotto, la migliore, confluisce nella produzione di vini imbottigliati di alta qualità e per il mercato italiano, con una capacità tra le 30.000 e le 60.000 unità annue, a seconda della bontà dell'annata. La maggior parte delle uve lavorate è costituita da vitigni bianchi: Trebbiano d'Abruzzo, Cococciola, Pecorino, Moscato e Passerina. La restante parte deriva prevalentemente da Montepulciano d'Abruzzo; in minor parte Sangiovese e Merlot. Abbiamo anche voluto provare a fare un grande metodo classico da Chardonnay con lungo affinamento sui lieviti, realizzato per noi direttamente in Trentino Alto Adige. Da vari anni la Cantina ha conseguito la certificazione necessaria a produrre vino biologico, di cui ha incentivato la coltivazione a tutti i soci per cui sarà presto in grado di poter apporre la certificazione sulle poche bottiglie prodotte.

↑ Torna all'inizio della regione

Basilicata

Cantine del Notaio

Rionero in Vulture, Basilicata

austerità e rigore

Cantine del Notaio nasce nel 1998 a seguito di un progetto di valorizzazione del Vitigno Aglianico del Vulture da parte del titolare, Gerardo Giuratrabocchetti, il quale ha ereditato, da due generazioni, la passione per la coltivazione della vite ed ha, successivamente, approfondito lo studio del vitigno a livello universitario, laurendosi in Scienze Agrarie. Nel 1998 si ridà vita alla cantina di invecchiamento, in grotte di tufo vulcanico risalenti al 1.600. Dall'incontro con il Prof. Moio, docente in Enologia presso l'Università degli Studi di Foggia, nasce e si concretizza un progetto di valorizzazione del vitigno Aglianico del Vulture con il comune desiderio di produrre qualcosa di particolare e innovativo, ma sempre nel più pieno rispetto delle tradizioni.

↑ Torna all'inizio della regione

Carbone Vini

Melfi, Basilicata

eleganza e austerità del vulture

Carbone Vini è un progetto condiviso, siamo cresciuti tra vigneti e l'odore del mosto che fermentava, mio fratello Luca ed io e ci siamo portati dietro un sogno: tornare a produrre il vino dalle uve dai vigneti impiantati negli anni 70 dai nostri genitori che avevano smesso di produrre quando ancora eravamo adolescenti. Con molti sacrifici lo abbiamo realizzato e ne siamo orgogliosi.

↑ Torna all'inizio della regione

Michele Laluce

Ginestra, Basilicata

la grandezza del vulture

Michele Laluce è la mia azienda, produco Aglianico in Basilicata, tra Barile e Venosa, nel cuore della zona del Vulture, vulcano spento ai cui piedi si inchinano numerosi ettari di vitigni con produzione soprattutto di Aglianico del Vulture Doc. Coltivo 7 ettari di vigneti presi in mano da mio padre e continuo la sua passione creando nel 2005 una vera e propria Azienda Vitivinicola in Basilicata. Sono circondato da ben 5 donne, mia moglie Maria e le mie cinque figlie tra cui Maddalena che con la sua passione unita ai suoi studi enologici segue insieme a me, passo dopo passo, tutto il lavoro dal vigneto alla cantina. Il nostro lavoro è più orientato alla qualità che alla quantità, l'azienda segue di fatto le medesime attenzioni previste dalla certificazione bio pur non essendo ancora certificata. Da un paio di anni persegue anche un attento lavoro sulla sostenibilità energetica ed ambientale grazie a pannelli fotovoltaici. Apprezziamo moltissimo le visite di operatori, appassionati, famiglie a cui cerchiamo di far assaggiare i nostri prodotti della terra oltre ai nostri vini specchio del territorio da cui traggono origine.

↑ Torna all'inizio della regione

Calabria

Cantine Viola

Saracena, Calabria

il moscato perduto di saracena

Custode di una secolare tradizione del paese e della mia famiglia, io, Luigi Viola, maestro elementare in pensione, da sempre appassionato di natura e agricoltura, dopo aver insegnato per oltre 35 anni, ho deciso di dedicare a tempo pieno le mie energie al recupero, alla valorizzazione e alla diffusione di un nettare, che correva il rischio di estinzione, il Moscato di Saracena. Coinvolgendo l'intera famiglia: mia moglie Margherita e i tre figli Roberto, Alessandro e Claudio, ai quali ho saputo trasmettere la mia passione e l’amore per la nostra terra, ho incrementato la produzione di questo vino da meditazione. Col tempo ho ampliato la gamma dei prodotti puntando sempre sulla qualità e genuinità ed eleganza utilizzando vitigni autoctoni quali Magliocco dolce, Guarnaccia, Malvasia e Mantonico. I nostri vigneti sono situati nel territorio di Saracena, nella contrada Rinni a 350 m slm, con un’esposizione tale da ricevere i raggi del sole da quando sorge e fino a quando tramonta. I vigneti si affacciano sulla piana di Sibari e sul mare Ionio, ricevendone le correnti miti provenienti dal mare, mentre a nord sono riparate dai venti freddi dalla Catena del Pollino, tutto ciò crea un microclima con sensibili escursioni termiche che consentono alle uve di raggiungere una concentrazione alta di profumi. Pratichiamo l’agricoltura Biolaogica certificata Bioagricert. Negli ultimi anni stiamo recuperando degli antichi vigneti ad alberello ottenendo uva di alta qualità ed evitando, cosi, che vengano abbandonati.

↑ Torna all'inizio della regione

Tenuta del Conte

Cirò Marina, Calabria

passione per la vite

Tenuta del Conte si trova a ridosso del Mar Jonico, tra le sinuose colline e le soleggiate pianure di Cirò Marina, qui si estendono i nostri vigneti impiantati tra il 1960 e il 1965, dai quali otteniamo uve autoctone gaglioppo e greco bianco per la produzione di Cirò bianco e rosso a denominazione di origine. La raccolta delle uve avviene scalarmente, dopo che ne è stata rilevata la piena maturità; la trasformazione, nella cantina di proprietà, avviene con tradizionali pratiche di lavorazione, senza tralasciare quanto meglio possa offrire l'innovazione tecnologica. Non facciamo uso di diserbanti in vigna dove utilizziamo solo rame e zolfo come trattamenti quando necessario. In cantina conduciamo fermentazioni spontanee con lieviti indigeni per tutti i nostri vini, una blanda filtrazione e nessuna chiarifica.

↑ Torna all'inizio della regione

Campania

Frantoio Marsicani

Sicilì, Campania

pura eccellenza bio in cilento

Frantoio Marsicani opera nel settore oleario nel cuore del Cilento fin dal 1928. L'azienda chiude tutta la filiera, dalla coltivazione dell'ulivo fino alla consegne del proprio olio. La mission aziendale è la produzione dell'olio extravergine di oliva di Alta Qualità certificata, valorizzando cultivar autoctone, su tutte la cv pisciottana e la cv rotondella. Negli anni l'azienda ha ottenuto numerosi riconoscimenti nei concorsi nazionali ed internazionali, attestandosi tra le migliori aziende italiane.

↑ Torna all'inizio della regione

Pastificio Dei Campi

Gragnano, Campania

pasta di gragnano, artigiani e artisti

Pastificio dei Campi, la pasta di Gragnano alla costante ricerca dell'eccellenza. Pensata per la mano di grandi chef, scelta dai Jeunes Restaurateurs d’Europe e dai migliori ristoranti d’Italia. La nostra pasta di Gragnano Igp è prodotta esclusivamente con grano italiano, coltivato con rotazione triennale delle colture e totalmente tracciabile. Utilizziamo un metodo di produzione artigianale con tempi di lavorazione ed essicazione lenti che rispettano le antiche tradizioni di pastificazione gragnanese. La certificazione 100% Made in Italy è la massima garanzia di tutela per una filiera totalmente italiana.

↑ Torna all'inizio della regione

Cantina Bambinuto

Santa Paolina, Campania

grandi bianchi campani

Cantina Bambinuto nasce tra buoni profumi e mille progetti, con un’esperienza di oltre trent’anni, Raffaele Aufiero con la moglie Carmela fonda l’azienda su rigogliose radici: passione, tradizione e pieno amore per le proprie terre. E ancora oggi, è quella stessa passione a spingere noi figli Antonio, Michela e Marilena a realizzare il sogno di nostro padre. Insieme conduciamo l'azienda con dedizione ed energia. Nuovo vigore e nuovo slancio sono stati investiti per raggiungere ulteriori traguardi, con la consapevolezza di avere in eredità un patrimonio del gusto. Ci troviamo in un generoso taglio di terra irpina, tra i comuni di Santa Paolina e Montefusco, zona storicamente privilegiata per i vini. Come la punta di un diamante, la collina del Cutizzi ospita i nostri vigneti su un vasto terreno argilloso a 400 metri di altezza. Solcando questi luoghi ci si sente avvolti dalla tradizione, dalla sapienza del lavoro di generazioni. Dalle trame dei filari delle vigne esala forte il profumo della terra. È quest’odore che rende così speciale il nostro territorio ed il nostro vino.

↑ Torna all'inizio della regione

Fosso Degli Angeli

Casalduni, Campania

artigiani del sannio

Fosso degli Angeli è un'azienda situata nell'entroterra Campano sulle alture del Comune di Casalduni, nel cuore del Sannio Beneventano. Fondata nel 2009 da Pasquale Giordano e Marenza Pengue, prende il nome da un oliveto secolare di proprietà. Da oltre tre generazioni la nostra famiglia è dedita alla coltivazione della vite e dell'olivo, la passione e l'esperienza ci hanno dato la possibilità di iniziare la produzione di vini, solo ed esclusivamente con le nostre uve. Abbiamo circa 7 ettari di vigneto, 10 ettari di oliveto e circa 15 ettari fra pascolo e bosco. Dopo due anni di prove ad affinare la tecnica seguiti dal nostro Enologo Roberto Mazzer, con la vendemmia 2011 iniziamo ufficialmente il nostro cammino nella produzione di vino. Il grosso del lavoro per una buona qualità si fa in vigna. La cura e l'attenzione per le piante e il rispetto per la terra sono fondamentali. I vigneti sono in prevalenza su terreni argillosi calcarei ad un’altezza media di circa 450 metri sul livello del mare. La produzione di uva per ettaro viene mantenuta intorno ai 60/80 quintali, grazie a una potatura invernale adeguata e al diradamento dei grappoli in eccesso, tutto questo garantisce un prodotto di partenza di alto pregio. Il microclima e la biodiversità nel vigneto sono fondamentali a garantire l’equilibrio, la protezione e il nutrimento delle piante. Il vigneto e l'oliveto sono sempre stati lavorati secondo le modalità dell'agricoltura biologica, ma dal 2012, come garanzia al consumatore, abbiamo deciso di avviare il processo di certificazione e dalla vendemmia 2016 siamo ufficialmente biologici. In cantina lavoriamo in modo tradizionale, la fermentazione è spontanea e la tecnologia è ridotta ai minimi termini.

↑ Torna all'inizio della regione

Viticoltori De Conciliis

Prignano Cilento, Campania

cilento, cura e dedizione

Viticoltori De Conciliis è la nostra azienda, Paola, Luigi e Bruno De Conciliis. Veniamo da un luogo benedetto dal cielo e dall’affezione, talvolta dalla frenesia nel ricavarne sostentamento, dove un argine di pietre a secco si erge a difendere la vita di un solo albero. La nostra è una storia in divenire. Un legame leggero tra passato e presente. Una storia che nasce da sogni. Una storia che è unione di affetti, amicizie e condivisioni, comprensioni e incomprensioni. Quello che produciamo è il nostro frutto, lo generiamo nella celebrazione della terra, la nostra, con i suoi ritmi, i suoi tempi e con le sue stagioni.

↑ Torna all'inizio della regione

Cautiero Azienda Agricola

Frasso Telesino, Campania

naturalmente campani

Cautiero Vini, Fulvio e Imma. Siamo nell'entroterra della Campania, sul versante ovest del monte Taburno, dove la viticoltura si fa spazio tra olivi, pascoli, ciliegi e boschi, ed è qui, che insieme a mia moglie Imma, vignaioli nel dna, dal 2002 ci dedichiamo all'agricoltura con metodo biologico nel rispetto e la salvaguardia dell'ambiente circostante. Con il microclima favorevole, i terreni argillosi e le basse rese, cerchiamo di ottenere vini importanti e strutturati con una spiccata tipicità.

↑ Torna all'inizio della regione

Emilia Romagna

Storchi

Montecchio Emilia, Emilia Romagna

grandi vini rossi reggiani

Storchi vini è il progetto di Gianni e Marco coadiuvati dalle mogli e dal papà Adelio. I vigneti sono situati lungo il fiume Enza in zona pedecollinare, nelle terre storicamente appartenute a Matilde di Canossa. Si trovano all’interno del comprensorio a denominazione d’origine controllata Colli di Scandiano e Canossa. Il terreno è tipicamente alluvionale ricco di argilla e calcare, con elevata presenza di ghiaia nel substrato così da consentire un perfetto drenaggio delle acque piovane. La vicinanza del fiume e delle colline genera un microclima estremamente favorevole alla coltivazione della vite: sbalzi termici elevati tra il giorno e la notte e brezze giornaliere costanti. La ricchezza di calcare e magnesio nel terreno fa sì che i nostri vini siano intensamente profumati mentre la presenza dominante di argilla, dona alle uve alte concentrazioni zuccherine e aromatiche da cui è possibile ottenere vini importanti.Tali caratteristiche sono esaltate dalle bassissime rese ottenute con energiche potature verdi e ripetuti diradamenti dei grappoli durante il periodo dell’invaiatura. La conduzione in vigna è completamente naturale: non usiamo diserbanti, pesticidi, sistemici e concimi chimici, inoltre si è scelto di rinunciare completamente all’uso di acqua irrigua. In cantina controlliamo le temperature e non effettuiamo alcuna filtrazione e le nostre fermentazioni sono tutte spontanee salvo rare eccezioni di interruzioni fermentative improvvise dove interveniamo con inoculi di lieviti selezionati; gli stessi vengono sempre usati per il Neroduva in quanto i lieviti indigeni non arriverebbero a trasformare tutti gli zuccheri presenti.

↑ Torna all'inizio della regione

Mariotti i Vini delle Sabbie

Consandolo, Emilia Romagna

vini delle sabbie

Mirco Mariotti produce uve Doc Bosco Eliceo nel "Fondo Luogaccio" in S. Giuseppe di Comacchio (FE), zona cru dei Vini delle Sabbie. L'ambiente unico a pochi chilometri dal delta del fiume Po, l'aria e il terreno impregnati di salmastro, il mare che mitiga le stagioni sono gli elementi principali che contribuiscono alla formazione del carattere di questi vini. Unici nel loro genere i prodotti dell'Azienda hanno origine nei secolari vigneti "a piede franco" della costa allevati sui dossi sabbiosi fra i boschi di lecci a due passi dal mare.

↑ Torna all'inizio della regione

Ferretti Vini

Campegine, Emilia Romagna

ancestrali per natura

Ferretti Vini è una piccol azienda a conduzione famigliare gestisce i propri vigneti nella pianura tra Reggio Emilia e Parma secondo i concetti di agricoltura biologica (in conversione per ottenere la certificazione), prediligendo le lavorazioni del terreno particolarmente fertile di medio impasto senza l'utilizzo di prodotti chimici di sintesi, potatura manuale conservativa secondo metodo Simonit & Sirch ed una rigorosa selezione manuale delle uve con vendemmia in cassetta. Secondo la tradizione reggiana la vinificazione avviene senza l'utilizzo di lieviti selezionati e con bassissimi quantitativi di solfiti aggiunti, agendo per travasi senza chiarifiche nè filtrazioni, per ottenere il gusto autentico del Lambrusco.

↑ Torna all'inizio della regione

Il Piccolo Forno Marziali

Saludecio, Emilia Romagna

r.esistenza enogastronomica di romagna

Il Piccolo Forno Marziali nasce come risultato di una ricerca del gusto e dell’arte rurale dei dolci, quelli che le nonne facevano una volta durante i periodi di festa. Mio padre mi ha insegnato a fare e ad amare il pane, mio nonno mi ha insegnato a potare le viti, a fare il vino e ad amare la terra, io ho riflesso questo sapere nelle mie creazioni. I miei biscotti sono tagliati a mano uno per uno, le scadenze della biscotteria e dei prodotti da abbinare a taglieri di salumi e formaggi si aggirano sui 4 mesi, tutta la mia produzione è priva di qualunque conservante, aroma chimico o premiscelati industriali. La maggior parte delle mie materie prime principali provengono da produttori del territorio riminese. Uomini e Donne come me, artigiani e contadini. Tutte le mie farine sono macinate a pietra da grani coltivati nei campi a pochi km da casa mia, alcuni dei miei ingredienti sono da Agricoltura Biologica, ma la mia produzione non è certificata Bio. Ho una mia autocertificazione disponibile per chiunque su richiesta e soprattutto, il mio laboratorio è aperto a tutti... ossia l'unica e la più grande Certificazione per me esistente e credibile! Sono lieto di proporvi i miei prodotti, il colore ed il sapore di una grande cultura della sacra farina. Il Piccolo Forno Marziali è un piccolo laboratorio, un fornaio anarchico, due mani e tanto amore dentro!

↑ Torna all'inizio della regione

Friuli Venezia Giulia

Petrucco

Buttrio, Friuli Venezia Giulia

colli orientali, precisione e controllo

Petrucco è l'azienda di Lina e Paolo Petrucco, i primi 4 ettari dell’azienda furono acquistati con spirito pionieristico all’inizio degli anni 70. Siamo a Buttrio, nel cuore della zona Doc dei Colli Orientali del Friuli, dove terrazzamenti dolci e assolati di origine eocenica costituiscono fin da tempi antichissimi il terreno ideale per la viticoltura. Da allora la proprietà è cresciuta sia come estensione che in termini di ricerca e sperimentazione. Oggi l’azienda Petrucco la realizzazione dei cui vini è affidata al bravo Fabio Cabas, si estende su un’area di 35 ettari, di cui 20 coltivati a vite, con una produzione di circa 80.000 bottiglie l’anno, a seguito di una resa per ettaro volutamente contenuta, che fa della qualità l’obiettivo principe. Focus dell’azienda è produrre vini di territorio, concepiti esclusivamente in purezza e quindi monovitigno.

↑ Torna all'inizio della regione

Lazio

Alberto Giacobbe

Paliano, Lazio

cesanese e passerina

L’azienda nasce nel 1939 quando mio nonno Leopoldo inizia a coltivare un piccolo appezzamento sul colle San Giovenale. Ci troviamo nel nord della Ciociaria sul confine delle due province Roma e Frosinone e i nostri vigneti ricadono in entrambe e precisamente nel comune di Paliano (FR) e nel comune di Olevano Romano (RM). Oltre ai 10 ettari di vigneto coltiviamo anche circa 3 ettari di uliveto principalmente di cultivar rosciola. Siamo giunti ormai alla terza generazione anche se è solo dal 2009 che abbiamo iniziato a produrre vino e imbottigliarlo direttamente in quanto prima conferivamo le uve in cooperativa. Coltiviamo esclusivamente le varietà autoctone Cesanese d'Affile e Passerina del Frusinate producendo sul cesanese due denominazioni differenti Cesanese del Piglio Docg e Cesanese di Olevano Romano Doc. Da sempre utilizziamo un approccio produttivo volto al massimo rispetto dell'ambiente non utilizzando diserbanti e concimi chimici, trattando solamente con prodotti naturali quali rame e zolfo, utilizzando il metodo del sovescio al bisogno, facendo poche lavorazioni sui terreni, determinando tutto ciò un equilibrio ambientale in cui le rese per ettaro rimangono ben al di sotto dei disciplinari di produzione.

↑ Torna all'inizio della regione

Eastside

Latina, Lazio

mai banali

East Side è un birrificio artigianale situato nella città di Latina (Lazio). Il progetto prende vita come Eastside Brewing nel 2013 grazie alla passione di Luciano e all’intuito di Alessio che da subito crede nelle potenzialità dell’amico Birraio, di lì a breve il team si completerà con altri tre soci: Tommaso, Fabio e Cristiano. Il nostro percorso nel mondo della birra artigianale parte dalla creazione di una brew firm. In questo modo, affiancandoci ad un birraio di esperienza comprovata (Luigi Serpe), abbiamo cominciato a testare la bontà della nostra "idea" di birra sul mercato. In virtù del buon consenso ottenuto nel corso di eventi importanti come il festival EurHop e alla successiva crescita della domanda sul territorio nazionale, a fine 2014 abbiamo deciso di "fare il grande salto" realizzando un impianto di proprietà. A metà 2015 di fatto nasce il birrificio East Side. Il cammino di East Side è frutto di una lunga serie di esperienze e sperimentazioni che nel tempo ci hanno portato ad amare e creare birre dalla forte connotazione aromatica. L'amore per la tradizione unito alla voglia di sperimentare nuovi ingredienti e tecniche di produzione, ma soprattutto la ferma volontà di essere originali, è evidente in tutte le nostre ricette.

↑ Torna all'inizio della regione

Liguria

Cornice

Sesta Godano, Liguria

tesori dell'enotroterra ligure

Cornice è il progetto di vita di Ivano Denevi, l'azienda è certificata biologica a partire dall'annata 2018, nasce alla fine degli anni 90 e sorge nella vallata del Vara dove il microclima e la composizione del terreno sono tra le più favorevoli per la coltivazione della vite fin dal medioevo. L'azienda, biologica in conversione - avremo la certificazione nel 2018 - si estende su una superficie di 60 ettari di terreno, 2 dei quali sono coltivati a vigneto, circa 1 ettaro ad uliveto ed un apposito "fondo chiuso" di 9 ettari è dedicato alla raccolta dei funghi e delle castagne. Produciamo e imbottigliamo vini di qualità, esclusivamente dalle dalle nostre uve che sono della varietà Ciliegiolo, Merlot e Syrah, per i vini rossi, ed Albarola e Sauvignon per i vini bianchi. Alleviamo, con criteri rigidamente biologici, bovini di razza "Limousine" per la produzione di carne.

↑ Torna all'inizio della regione

Maltus Faber

Genova, Liguria

la birra di zena

Maltus Faber nasce dopo un percorso parallelo di due amici/colleghi Massimo Versaci, il Maltus, appassionato di cultura e degustazione della Birra che per hobby crea e gestisce la Compagnia della Birra e Fausto Marenco appassionato di produzione che per hobby progetta e costruisce un impianto pilota da 250 litri producendo 59 cotte! Questo percorso parallelo si unisce nel 2007 dove i Maltus Faber trovano un locale all'interno del vecchio stabilimento genovese di Birra Cervisia (1905-1985), cooprogettano un impianto e realizzano il loro sogno che trova la nascita il 5 giugno 2008 con la prima cotta. In primis appunto da quel giorno il Birrificio in Genova si sviluppa e si migliora mantenendo sempre le Birre al centro del progetto !

↑ Torna all'inizio della regione

Le Rocche del Gatto

Salea di Albenga, Liguria

autentico, ai confini del tempo

Le Rocche del Gatto è l'azienda vitivinicola di Fausto De Andreis. Dopo averlo incontrato potremmo aggiungere, un uomo al di fuori dalle tendenze del momento e intento ad anteporre le proprie idee agli interessi economici e commerciali. In continuo contrasto con le persone che reggono le sorti del vino ligure che, a suo dire, lavorano per favorire vini facili e alla moda, ma privi di una vera identità. Persone che non hanno saputo comprende i suoi vini, spesso relegati a semplici Vini da Tavola. Decisioni che hanno fatto la sua fortuna, facendolo conoscere al mondo vinicolo e lanciandolo in una “crociata” contro le istituzioni. Durante 58 vendemmie Fausto De Andreis ha saputo affinare il proprio stile in assoluta libertà, ma sempre con l’obiettivo di rappresentare il Pigato e il Vermentino “old style”. ”Non ho bisogno di guardarmi attorno per vedere quello che succede la mia strada è chiara da diversi decenni …”. (da: Nonsolodivino)

↑ Torna all'inizio della regione

Pesto Rossi

Genova, Liguria

il sultano del pesto

Rossi opera a Genova dal 1947 ed è specializzato nella produzione e vendita di prodotti gastronomici di alta qualità. La nostra struttura è articolata su 5 negozi tradizionali, tutti distribuiti nel centro di Genova. Due sono le antiche confetterie (di via Assarotti e via Galata), una è una drogheria che negli anni è diventata un emporio dell’eccellenza (in via Cesarea); e poi EVO (in Piazza Colombo). Infine l’ultimo arrivato: Gamalero, nel mercato di piazza Sarzano. Tutti piccoli negozi dove si respira odore di tradizione. Il Pesto Rossi nasce dal desiderio della famiglia Panizza di alzare l’asticella della qualità. Una ricetta originale, senza compromessi, per ottenere un prodotto che potesse avere posto sulle tavole dei gourmet di tutto il mondo. Oggi il Pesto è distribuito in Italia e in oltre 15 paesi nel mondo, venduto a ristoranti, pizzerie, gastronomie, grandi e piccoli negozi, tutti accomunati nella ricerca della qualità.

↑ Torna all'inizio della regione

La Bettigna

Sarzana, Liguria

centopercento vermentino

La Bettigna ha origine da un piccolo vigneto (circa un ettaro) composto unicamente da uve Vermentino, situato nel cuore della denominazione Colli di Luni, al confine tra Liguria e Toscana, a pochi km dal mare. L’azienda, che ha mosso i primi passi nel 2009, è formata da Nicola Lazzoni ed Emilio Falcinelli, amici da lunga data e bevitori appassionati. La produzione si aggira intorno alle 7.000 bottiglie annue; va da sé che la cura del prodotto è assolutamente artigianale e seguita con grande passione. Produciamo vini genuini e caratteristici, strettamente legati alla terra d'origine, grazie al lavoro rispettoso della natura che abbiamo messo in atto nel vigneto e in cantina. Il nostro pensiero costante è che il vino si ottiene principalmente da quello che si raccoglie nel vigneto e che in nessun caso deve essere snaturato da uno sproporzionato lavoro in cantina. In questo senso abbiamo scelto di ridurre al minimo i trattamenti nel vigneto (utilizzando quantità ridotte di rame e zolfo e nessun prodotto sistemico), a seconda delle esigenze del vigneto pratichiamo il sovescio o l’inerbimento naturale tra i filari, nessun concime chimico e diserbante viene utilizzato. Uso moderato di solfiti e nessun altro additivo.

↑ Torna all'inizio della regione

Guglierame

Pornassio, Liguria

l'ormeasco di pornassio

L'azienda Guglierame, condotta dai fratelli Raffaele, Agostino ed Elisa Guglierame, si estende su circa 2,5 ettari di vigneti tramandati, di generazione in generazione, dai Marchesi di Clavesana. La coltivazione del vitigno Ormeasco è stata introdotta nel 1299 con lo Statuto del Gestores Universitatis Pornaxi redatto allora dal Notaio Gandalini. Il vino Ormeasco ha ottenuto il riconoscimento di una propria Doc con la denominazione di Ormeasco di Pornassio o anche semplicemente Pornassio. Circa 2,5 ettari da cui si ricavano attorno alle 15.000 bottiglie quando l'annata lo consente. I vigneti sono situati in zona montana, a 550 m di altitudine, e provengono dagli antichi poderi del Marchesato Scarella da cui la famiglia Guglierame discende e, per questo, posti tra le posizioni più vocate per tale coltura. Le particolari caratteristiche del territorio e la felice esposizione ai raggi solari, unitamente alla “naturalità” del processo di coltivazione e all’artigianalità della vinificazione fanno si che dall’uva prodotta si ricavi un ottimo vino. Trinciatura dei sarmenti a valle della potatura, sfalciatura del sotto fila ad aprile, maggio e giugno, ripuntatura per arieggiamento del terreno a fine luglio. I trattamenti vengono condotti nel pieno rispetto della direttiva europea 91/676/CEE mirante alla riduzione dell’utilizzo dei fitofarmaci e dei concimi chimici in agricoltura.

↑ Torna all'inizio della regione

Lombardia

Cascina Clarabella

Iseo, Lombardia

bollicine buone e solidali

Cascina Clarabella è una cooperativa con sede a Iseo, a due passi dal lago, nel cuore della Franciacorta. Clarabella ha scelto di offrire prodotti etici e servizi di qualità nel rispetto della persona e dell'ambiente: in questo caso, la vitivinicoltura biologica con produzione di vini Franciacorta Docg e Doc. Cascina Clarabella produce vini da uve da agricoltura biologica, olio extra vergine di oliva e miele. Ci rivolgiamo sia a clienti individuali sia a ristoranti, enoteche, gruppi di acquisto solidale, a tutti coloro che sono interessati ad un prodotto di qualità attento al valore del territorio e della persona: in ogni settore di produzione la cooperativa garantisce infatti, assunzioni e tirocini a persone con disagio psichico.

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Gambolò

Gambolo, Lombardia

luppolature con stile

Birrificio Gambolò nasce dall’idea di Simone Ghiro nel 2010, che dopo 10 anni di homebrewing, corsi di produzione e degustazione inizia a disegnare il birrificio sulle sue esigenze ed all’esperienza accumulata anche presso altri microbirrifici. Si passa alla produzione di birra professionale. Dopo 2 lunghi anni di realizzazione e burocrazia apre nel dicembre 2012, gli sforzi sono subito ricambiati con il primo premio “birra artigianale dell’anno 2013” (nella categoria birre Chiare e ambrate, alta fermentazione, alto grado alcolico, luppolate, d’ispirazione angloamericana) di Unionbirrai. Attualmente il birrificio dispone di un impianto da 10Hl e una cantina di 3 fermentatori da 10Hl, che verrà presto ampliata.

↑ Torna all'inizio della regione

Calvi

Castana, Lombardia

tradizione in oltrepò

Calvi da undici generazioni coltiva la vite a Castana mantenendo una dimensione aziendale volutamente a misura familiare. Noi pensiamo che nella tradizione del nostro mestiere siano già presenti le moderne esigenze di rispetto dell'ambiente, equilibrio dell'ecosistema e di genuinità del prodotto, per questo cerchiamo di preservare per il futuro gli antichi saperi.

↑ Torna all'inizio della regione

Marche

Vini Maraviglia

Matelica, Marche

matelica, l'altro verdicchio

Vini Maraviglia è il progetto di Filippo, Mariangela, Davide e Ivan, la nostra famiglia, una famiglia che ha deciso di rendere i vigneti parte integrante della propria vita. In estate potete cenare con noi, immersi tra i filari di Verdicchio, in inverno nella nostra saletta degustazione in un ambiente caldo ed amichevole. In ogni momento dell’anno la gentilezza marchigiana vi aspetta e vi farà sentire come a casa; nel nostro sorriso speriamo possiate ritrovare l'orgoglio e la passione per quello che facciamo.

↑ Torna all'inizio della regione

Colleluce

Serrapetrona, Marche

vernaccia di serrapetrona, oro nero

Colleluce è una piccola azienda agricola a conduzione familiare a Serrapetrona con terreni esposti a sud-est a circa 500m sul livello del mare e circondata da boschi. L’amore per la trasformazione e la valorizzazione di quanto il terreno ci offre e la convivenza con l’enologo Bruno Iacoponi, hanno portato Franca Malavolta ad abbandonare il lavoro di impiegata postale per dedicarsi totalmente all’azienda. Curare bene la vigna, rispettare il tempo e i tempi naturali piuttosto che magie nei serbatoi, sono il nostro credo. Produciamo Vernaccia di Serrapetrona, un vino unico per la peculiarità del vitigno autoctono “vernaccia nera” e per la maniera di ottenerlo essendo costituito anche da uve appassite naturalmente su graticci all'aria. Le basse rese del vigneto dovute a drastiche potature, l’attenta selezione delle uve migliori e più sane per l’appassimento nonché la scelta di utilizzare solo uve coltivate da noi, fanno si che la produzione sia estremamente limitata.

↑ Torna all'inizio della regione

Lucchetti

Morro d Alba, Marche

la lacrima di morro d'alba

Lucchetti, Lacrima di Morro d'Alba e Verdicchio dei Castelli di Jesi. Attualmente le redini dell’azienda sono affidate alla terza generazione Paolo e Loretta che con forza e determinazione continuano oggi l'opera iniziata dal nonno Armando e dal papà Mario. L'azienda si trova a Morro d'Alba località conosciuta per essere il fulcro del vitigno Lacrima; oggi conta 25 ettari coltivati solamente a vitigni indigeni: Lacrima e Verdicchio. La consulenza agronomica è affidata a Pierluigi Donna mentre quella enologica ad Alberto Mazzoni. La nostra missione è quella di riuscire a ottenere una viticoltura sostenibile, salvaguardando la biodiversità, per questo, dall’anno 2016 è stata intrapresa la conversione al biologico. Il nostro obiettivo è quello di ottenere vini genuini che rappresentino noi e il nostro territorio.

↑ Torna all'inizio della regione

Vigneti Vallorani

Colli del Tronto, Marche

marche organic wines

Siamo Rocco e Stefano Vallorani, 10 anni fa circa ci siamo messi in mente di dare un taglio diverso all'azienda della nostra famiglia. Dai nostri nonni l'azienda passò a nostro padre Giancarlo che ha continuato fino al nostro arrivo ed ancora oggi ci aiuta e ci supporta. Fu lui a convertire l'azienda alle pratiche biologiche più di 15 anni fa. Siamo a Colli del Tronto a pochi km dal mare Adriatico e dai monti Sibillini; i terreni si estendono su una superficie di 8 ettari di cui 5 di età che vanno dai 40 ai 60 anni. Crediamo molto nelle vigne vecchie sia per la qualità delle uve che ci garantiscono anche nelle annate meno fortunate. Coltiviamo esclusivamente varietà autoctone picene secondo i principi dell’agricoltura biologica certificata. Effettuiamo manualmente tutte le lavorazioni in vigneto, così come la vendemmia e la selezione dei grappoli. Utilizziamo vinacce, raspi, fecce e tagli di potatura per fertilizzare i vigneti e allo scopo di ripristinare il normale equilibrio a cui la natura tederebbe in assenza dell'uomo permettiamo la crescita di erbe spontanee nei nostri vigneti in quello che è un inerbimento perenne. Crediamo molto nell'espressività dei lieviti spontanei, non per questo lasciamo che i vini si facciano da soli ma, anzi, seguiamo tutta la vinificazione in maniera meticolosa, dalla diraspatura fino all'imbottigliamento. I nostri vini sono stabilizzati utilizzando tecniche naturali come l'affinamento “sur lies” e senza l’utilizzo di coadiuvanti di origine chimica o animale. Tutti nostri vini hanno residuo zuccherino pari a 0 (zero) e quantitativi di solfiti al di sotto della metà dei limiti del biologico. La produzione attuale è di circa 25000 bottiglie all’anno.

↑ Torna all'inizio della regione

Molise

Parco Dei Buoi

Larino, Molise

un extravergine immenso

Parco dei Buoi è il progetto di Francesco Travaglini, siamo in Molise, precisamente a Larino in provincia di Campobasso, a 30 km dalla costa adriatica. Abbiamo origini contadine dice Francesco, quindi un legame particolare con la terra, la stessa tramandataci dai nostri padri e che oggi è sempre più difficile portare avanti. Ma noi lo facciamo! Lavoriamo coniugando la sostenibilità economica al rispetto della nostra Terra con l’obiettivo di dare il giusto valore ai nostri prodotti. L’olio extra vergine Il tratturello è uno di questi.

↑ Torna all'inizio della regione

Piemonte

Cascina i Carpini

Pozzol Groppo, Piemonte

vini d'arte dai colli tortonesi

Cascina i Carpini è la mia storia dice Paolo Ghislandi. Quando, alla fine del vecchio millennio, acquistai la Cascina I Carpini e tutti i suoi vigneti mi immaginai di produrre un vino che parlasse all'anima prima che al corpo, un vino che racchiudesse non solo profumi e aromi, ma che racchiudesse lo spirito stesso della vita. Oggi, dopo anni di lavoro amorevole e appassionato, condivido con voi la grande soddisfazione di proporre dei vini che rispondono a quella mia immaginazione.Cascina I Carpini ha ottenuto le certificazioni Green Care, VeganOK ed in corso di conversione per la Certificazione Europea Vino Biologico. REG CE 834/07 e EC 889/08.Lasciamo che sia il vino a svelarci quando è pronto, a volte dopo mesi, a volte dopo anni, non c'è fretta !I vini di Cascina I Carpini sono presenti nella selezione della Banca del Vino di Pollenzo.

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Civale

Spinetta Marengo, Piemonte

continua ricerca birraria

Birrificio Civale inizia a produrre il 5 maggio 2009 con impianto di produzione da 12 ettolitri. Tutte le fasi del processo produttivo sono realizzate presso il nostro stabilimento. I soci fondatori sono Vincenzo Civale (presidente, amministratore delegato e birraio ispiratore) e Daniele Cosenza (birraio e responsabile di produzione), collaborano con il birrificio: Matteo Bottino (co-birraio e co-responsabile processi produttivi e di qualita’) e Danilo Scalercio (chef e responsabile locale degustazione del birrificio). Abbiamo iniziato come homebrewers, produttori di birre casalinghe, già dal 2000, quindi le nostre birre, la ricerca e la sperimentazione, sono nate molto prima del birrificio, fondato poi nel 2009. In questi anni abbiamo lavorato molto, abbiamo viaggiato, studiato, imparato, affinato, e cercato di fare tutto nel modo migliore, continuando a evolvere e migliorare. La nostra produzione è sempre una ricerca: il mondo della birra artigianale è molto bello proprio per questo, perché è possibile variare e poter realizzare e assaggiare le birre più disparate.

↑ Torna all'inizio della regione

Fratelli Durando

Portacomaro, Piemonte

testabalorda, il grignolino del cuore

Fratelli Durando è la nostra azienda. La passione per la terra è il filo conduttore che sin dal 1800 guida la nostra famiglia. Tutt'oggi siamo un’azienda a conduzione famigliare insediata a Portacomaro (Asti) specializzata nel settore vitivinicolo, che trasmette attraverso i suoi prodotti tipicità e passione. La superficie aziendale è di circa 30 ettari, coltivati prevalentemente a vigneto, noccioleto e seminativi. La Terra per noi è una fonte preziosa ed insostituibile che cerchiamo ogni giorno di custodire coltivandola con le migliori tecniche di agricoltura sostenibile.

↑ Torna all'inizio della regione

Vallenostra

Mongiardino Ligure, Piemonte

montebore, recupero della tradizione

Vallenostra è situata nel cuore della Val Borbera, fra Piemonte e Liguria. La conducono da venti anni Roberto Grattone e Agata Marchesotti, i pionieri di un’attività casearia e agrituristica autentica, rispettosa di un territorio ancora incontaminato. Vallenostra è il risultato di un lavoro sapiente mirato al recupero e alla valorizzazione del Territorio, come dimostrato dalla ripresa dell’attività pastorizia e casearia tipica della Valle. Il Caseificio produce formaggi di pecora, capra e mucca a latte crudo, come avveniva in passato, ed è visitabile. Fra gli altri, il Montébore: ricetta antica, profondamente rappresentativa della Storia e dell’Arte del nostro territorio, come ben testimonia il legame del prodotto alle figure eccellenti di Isabella di Aragona e a Leonardo da Vinci. Ricetta casearia che andava perdendosi nel corso del tempo, ma che oggi rappresenta un Presidio Slow Food e ancora meraviglia i palati più fini per la sua prelibatezza.

↑ Torna all'inizio della regione

Alemat

Ponzano Monferrato, Piemonte

la franchezza del grignolino

Alemat, in Piemontese “A l’è Mat“, ma anche Alessandro e Matteo, i nostri due figli, è il nome che racchiude e racconta la nostra storia. Alemat nasce nel cuore e nella mente di Savio Dominici alla fine degli anni ’80. La scintilla parte naturalmente da una bottiglia di vino e dall’amicizia con uno dei più sapienti produttori langaroli. L’amore per il vino e per la vigna cresce negli anni finché nel 2012 Savio e la moglie Elisabetta decidono di cambiare vita e realizzare quello che è sempre stato il loro grande sogno. In vigna collabora con noi un esperto viticoltore monferrino, mentre la gestione della cantina è condotta con la consulenza di uno dei migliori enologi piemontesi. Dal 2018 l'azienda è in conversione biologica.

↑ Torna all'inizio della regione

Cantine Valpane

Ozzano Monferrato, Piemonte

grandi rossi dal monferrato

Cantine Valpane ha una superficie a vigneto che si estende attualmente per 10 ettari. Dopo anni di Programma di Difesa Integrata riducendo al minimo l’impiego di prodotti chimici attualmente l'azienda è in periodo di conversione per la Certificazione Biologica, per produrre sempre di più uve sane nel pieno rispetto dell’ambiente. Le rese per ettaro sono volutamente tenute basse tramite opportune potature e diradamenti. Nelle cantine, restaurate nella loro antica architettura e visitabili dietro prenotazione, si vinificano le uve senza uso di lieviti selezionati, ma solo con quelli indigeni per dare ai propri vini un gusto più tipico e singolare. I vini non vengono né chiarificati, né filtrati.

↑ Torna all'inizio della regione

La Ganghija

Treiso, Piemonte

giovane promessa langarola

La Ganghija nasce nel 2004 per volere del giovane enotecnico Enzo Rapalino guidato dalla passione e dall’amore per il vino, visto come la miglior espressione del territorio in cui è cresciuto. La Ganghija si trova a Treiso, terra di grandi vini e notevole bellezza paesaggistica, inserita nella zona tipica di produzione del vino Barbaresco Docg. La conduzione dell'azienda è strettamente famigliare, collaborano all'azienda i genitori Giovanni e Rita, il fratello Flavio e lo zio Franco. La decisione di iniziare a produrre vino (esclusivamente dai propri vigneti) è nata durante il periodo di studi che Enzo ha condotto alla Scuola Enologica di Alba. L'apprendimento delle tecniche di vinificazione e il lavoro svolto in contemporanea nei propri vigneti hanno fatto capire al giovane enotecnico che aveva a disposizione un enorme potenziale qualitativo per far nascere vini di notevole importanza.

↑ Torna all'inizio della regione

Giribaldi

Rodello, Piemonte

sfidare il tempo

Mario Giribaldi agricola nasce all'inzio del XX secolo e continua ormai da tre generazioni. Oggi, sull'esempio della tradizione e per amore di una cosa vera e viva com'è il vino, continuiamo il discorso iniziato dai nostri padri ed ancora prima dai nostri nonni, con la stessa volontà. Ciò che non è cambiato è la felice posizione dell'Azienda nel cuore delle Langhe, straordinaria terra da vino, ma soprattutto terra di cultura e di tradizioni. I colori, i suoni, i profumi e i sapori che emanano queste zone sono l'espressione della gente, dei loro modi di lavorare, di cibarsi e di divertirsi. Il vino oggi rappresenta un alimento, un'espressione di cultura, un veicolo di comunicazione, un contesto d'immagine. A questi temi indirizzo i miei sforzi e sottoscrivo i miei impegni: produrre un vino organoletticamente adatto ad un consumo alimentare quotidiano, buono, secondo le tradizioni della nostra terra, piacevole e stimolante in ogni occasione sociale. Migliorare qualitativamente i vini attraverso una selezione dei cloni delle viti rimane uno dei nostri principali obiettivi, nel rispetto delle viti e dell'ecosistema che dal 2004 cerchiamo di preservare con il passaggio graduale di tutta la produzione al regime biologico.

↑ Torna all'inizio della regione

Gatti Piero Azienda Agricola

Santo Stefano Belbo, Piemonte

vocazione dolcezza

Gatti Piero agricola nasce nel 1988 su iniziativa di Piero Gatti, a Santo Stefano Belbo (CN), e si specializza subito nella produzione di vini dolci. I vigneti di proprietà, siti nella collina di Moncucco, straordinario cru del moscato in un comune che, insieme a Canelli, rappresenta già una eccellenza nella produzione di tale vino, permettono all’azienda di affermarsi velocemente nella produzione di tale varietà. Alla produzione di moscato a tappo raso, l’azienda affianca anche la produzione di brachetto, di un passito da uve moscato e quella di due grappe, ottenute dalla distillazione di vinacce di moscato e di brachetto. Ci ispira la continua ricerca della qualità, la pulizia e la scelta di produrre vini non troppo dolci e dalla contenuta effervescenza. La produzione del passito Vignot, ottenuto dall’appassimento in pianta di uve moscato, parte nel 2007. L'azienda, che dal 2000 è interamente a conduzione femminile per la presenza della mamma Rita e della figlia Barbara, produce ca. 70.000 bottiglie all’anno di cui 45.000 di moscato, 13.000 di brachetto e ca. 2.800 di altre tipologie.

↑ Torna all'inizio della regione

Birra Carrù

Carru, Piemonte

l'artigianale con l'accento

Birra Carrù è il nuovissimo progetto che mi vede impegnato direttamente in produzione di Carrù (CN). Qui con mani da artigiano e insieme alla mia famiglia, creo nuove birre, come fossero libri da sfogliare e degustare, pagina dopo pagina, sorso dopo sorso. L'impianto di produzione, progettato insieme al costruttore, vanta soluzioni di avanguardia volte a creare birre innovative e con materie prime del territorio. Come ad esempio le IGA (Italian Grape Ale), con mosto di Uva Moscato. Birre che produco da oltre 10 anni. Il mio recente passato, legato al recupero di varietà quasi abbandonate di cereali (si pensi a Langalletta di cui sono stato socio fondatore e vicepresidente), mi consente di sperimentare nuove ricette. E' infatti mia intenzione impiegare grani antichi locali, tipici della tradizione e della biodiversità di Langa e Cuneese per nuove birre. Inoltre è fase di avvio la collaborazione con una piccola malteria indipendente locale, che mi permetterà di creare un percorso di filiera controllato e reale, con particolare attenzione verso l'agricoltura biologica. La produzione prevede l'utilizzo di lieviti ad alta fermentazione con successiva rifermentazione in bottiglia. Per garantire un prodotto più stabile e duraturo nel tempo viene effettuata una filtrazione “di pulizia” prima dell'imbottigliamento, con inoculo di lievito "fresco".

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Sagrin

Calamandrana, Piemonte

amanti delle IGA!

Birrificio Sagrin si trova a Calamandrana (AT) in un territorio la cui identità è profondamente legata all’eccellenza della produzione enologica e gastronomica piemontese, ricco degli infussi delle zone patrimonio UNESCO di Langhe, Roero e Monferrato. Ispirato dalla passione ventennale di Matteo “Billy” Billia e Giuseppe Luci e sostenuto da lunghi anni di lavoro e di ricerca in ambito brassicolo, l’impianto del birrificio, interamente progettato dai due soci, diventa produttivo nel 2015 con l’aspirazione di unire la tradizione enologica del territorio e l’approccio eclettico della birra artigianale. Con questo obiettivo il birrificio suddivide la sua produzione in due linee: la linea Bun Pat, con una birra chiara e una rossa caratterizzate dalla freschezza e dal basso contenuto alcolico, e la linea Sagrin, che costituisce la vera anima del birrificio e conta sei birre ricche di carattere, tra cui tre Italian Grape Ale (IGA), quintessenza dell’intero progetto.

↑ Torna all'inizio della regione

Cà Richeta Enrico Orlando

Castiglione Tinella, Piemonte

le due facce del nebbiolo

Cà Richeta è il progetto nato da Enrico Orlando nel 1992. Enrico affianca all'attività di enologo quella di insegnante di Viticoltura ed Enologia presso Istituto Tecnico Agrario Umberto I di Alba. La cantina ha sede, ieri come oggi, nell'antico casale dove prima la famiglia Morando, oggi l'enologo Enrico Orlando continua a realizzare i suoi vini. L'azienda vinifica esclusivamente uve di proprietà prodotte nei vigneti ubicati nei territori tipici. La superficie vitata è di circa 4 ettari impiantati a Moscato, Riesling Renano, Chardonnay, Nebbiolo, Cabernet Sauvignon, Malvasia e Pinot Nero. Un accurato lavoro nei vigneti - ottenuto tramite potature contenute, diradamento dei grappoli e cernita in vendemmia - permette di trasmettere ai vini Ca' Richeta quel patrimonio di sentori che solamente la nostra terra sa conferire. Non si utilizzano diserbi e concimi chimici, si prediligono l'inerbimento e le lavorazioni meccaniche del terreno, si utilizzano prodotti a basso impatto (rame e zolfo). In cantina utilizzo minimo di solfiti nei vini (inferiori a quelli consentiti dai disciplinari biologici), utilizzo dell'uso di lieviti isolati tra flore spontanee del luogo, nessuna filtrazione o chiarifica.

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Della Granda

Lagnasco, Piemonte

we are more, noi siamo altro

Birrificio della Granda vuol dire birrai per passione: produciamo birre "ale", birre ad alta fermentazione, ognuna con un carattere totalmente diverso, studiate con cura, una per una, per lasciare sensazioni profonde in chi le assaggia, perché non ci piacciono le birre che scivolano via senza farsi notare. Abbiamo birre facili, da bere semplicemente fra amici, birre intriganti, che vanno bene per mandare via i pensieri, e birre complesse, per dare il benvenuto a notti lunghissime. In comune hanno un mix di sapori nuovi, mestieri antichi, tecnologie moderne e il coraggio di chi in fondo non ama prendersi troppo sul serio. La birra per noi deve essere così: schietta e tosta come la vita. Siamo indipendenti, è tutto nostro, non dobbiamo rendere conto a nessuno di quel che facciamo, liberi di lavorare come vogliamo. Siamo artigiani, siamo noi ad assaggiare, valutare e alla fine trovare il risultato che avevamo in mente. Il laboratorio è la nostra bocca, le apparecchiature le nostre mani, la testa la nostra calcolatrice e il nostro cuore il posto dove nascono le nostre idee migliori. Siamo agricoltori, attorno a noi c’è la campagna, dove siamo cresciuti, amiamo la terra e nella nostra azienda agricola produciamo la maggior parte del malto che utilizziamo. Siamo giovani, abbiamo forza, voglia e tempo davanti a noi. Ci rimbocchiamo le maniche ogni giorno, per scrivere una storia che è appena all’inizio, ma già profuma di buono. Siamo appassionati, non sopportiamo la birra omologata, industriale, piatta e tutta uguale, che non sa mai di niente. E non amiamo neanche chi prima di pensare alla birra ha creato a tavolino marketing e immagine.

↑ Torna all'inizio della regione

Boveri Luigi

Costa Vescovato, Piemonte

passione, tradizione e innovazione

L'azienda Boveri Luigi nasce e cresce sui dolci Colli Tortonesi di Montale Celli. Rispettosi delle tradizioni ma guidati dalla passione e dall’innovazioe tecnologica applichiamo un mix di tradizione e innovazione che attraverso l’impiego di vitigni autoctoni, coltivati con la massima attenzione e nel rispetto assoluto dell’ambiente, e l’adozione delle tecniche di vinificazione più all’avanguardia, permette di esaltare le caratteristiche del territorio e le altissime qualità delle uve sottoposte a rigorosa selezione in vigna. Sui 15 ettari di terreno della nostra azienda coltiviamo vitigni autoctoni a bacca nera come la Barbera e la Croatina, e a bacca bianca come il Timorasso e il Cortese. La forma di allevamento dei nostri vigneti è a spalliera con sistema Guyot. In primavera e in estate effettuiamo una potatura verde il cui scopo è di arieggiare i grappoli migliorandone l’esposizione solare e favorirne la maturazione. Durante l’invaiatura gli acini prendono il caratteristico colore giallo (per il timorasso e cortese) e viola (per i vitigni a bacca rossa). Durante questa fase controlliamo assiduamente lo stato di maturazione diradando, se necessario, le uve: è la fase più delicata del processo, guidata dall’esperienza di anni e anni di coltivazione.

↑ Torna all'inizio della regione

Saccoletto Daniele

San Giorgio Monferrato, Piemonte

amo i miei vini

Daniele Saccoletto produce e vinifica nella propria azienda uve da agricoltura biologica, raccolta selezionata in cassetta, lieviti indigeni e basso uso di solfiti tra i 20 e i 40 mg per litro, fermentazioni lunghe. Dove le colline si incurvano a ricevere il sole e la pioggia e si distendono ad accogliere il calore del mezzogiorno, le vigne colorano di verde e di bruno e di profumi intensi il bianco della terra. Rame e zolfo disciolti nell’acqua del pozzo ed il naturale equilibrio degli insetti mantengono sane le uve, mentre nei filari inerbiti le viti rimangono magre e l’erba sfalciata restituisce lentamente al terreno le sue sostanze. La raccolta delle uve, fatte senza fretta, fra i motti degli amici, la cura con cui il trasporto, la pigiatura, la fermentazione e i travasi vengono eseguiti – secondo le abitudini e i consigli dei vecchi – regalano al vino umano vivace, impronte di allegria e di crepuscoli chiari. Il sole e la pioggia ci donano il colore, il sapore e la forza dei vini rendendoli ogni anno diversi.

↑ Torna all'inizio della regione

Cascina Garitina

Castel Boglione, Piemonte

nizza è barbera

Cascina Garitina è stata fondata nel lontano 1900, azienda agricola a conduzione familiare giunta alla quarta generazione con Gianluca Morino, l'attuale titolare. Il nome affonda le origini in quello della bisnonna Margherita, il cui diminutivo – Margheritina – in dialetto è appunto Garitina. L’attività è orientata alla valorizzazione della barbera, il vitigno che si estende sulla maggior parte dei vigneti di nostra proprietà e al quale sono riservati i terreni con le esposizioni migliori. In particolare, le vigne più vecchie (del 1939, 1951 e 1969) sono dedicate alla produzione del Nizza, Barbera prodotta secondo un disciplinare specifico e molto restrittivo esclusivamente sulle colline dei 18 comuni intorno a Nizza Monferrato, zona particolarmente vocata. In ossequio al 1900, anno di fondazione dell’azienda, il nostro Nizza si chiama Neuvsent (traduzione piemontese della parola Novecento). Negli anni abbiamo lavorato ad un continuo miglioramento della conduzione del vigneto, cercando di coniugare l’esperienza del passato con le tecniche produttive moderne, per ottenere uve integre e vini che rispecchiassero il nostro territorio. La passione per la terra, la gestione familiare, la coltivazione manuale dei vigneti e le certosine cure di cantina sono solo alcuni aspetti dell’impegno quotidiano alla base della qualità dei nostri vini e rappresentano la premessa per un’ottimale evoluzione in bottiglia.

↑ Torna all'inizio della regione

Il Poggio di Gavi

Gavi, Piemonte

gavi, vini longevi

Il Poggio di Gavi si trova sulla collina di Rovereto a Gavi, immersa in una campagna verde e rigogliosa, nel cuore della zona del Gavi Docg. L'azienda prosegue una tradizione tramandata da madre in figlia che continua ancora oggi con passione e cura per la salvaguardia di quei caratteri di unicità e tipicità che contraddistinguono il territorio del Gavi. I vigneti hanno un’esposizione sud sud-ovest e si trovano ad un'altezza di 330 metri dove il terreno ricco di sabbia e argilla concede al vino caratteristiche uniche. Una produzione limitata permette una grande cura del prodotto, dalla vigna alla bottiglia, con attenti metodi artigianali. Così come il nonno s’innamorò perdutamente del Gavi e della terra che gli dà i natali, con lo stesso entusiasmo mamma Franca decise, negli anni Settanta, di lasciare il lavoro a Milano per dedicarsi completamente al vino, chiamando Gaspare Buscemi ad avviare la produzione. Oggi il testimone è passato a Francesca Poggio: è lei che guida il Poggio e cura la splendida tenuta, abbarbicata sul colle più alto del territorio del Gavi.

↑ Torna all'inizio della regione

Kamun

Predosa, Piemonte

indipendente e artigianale

Il birrificio Kamun trae le sue origini dalla passione decennale del nostro birraio Gian Paolo Camurri, detto Gippo, che ne ha fatto argomento della sua Tesi di Laurea e ugualmente dalla idea imprenditoriale di Ludovico Cattanei. L’amicizia di vecchia data dei soci ha portato alla costituzione di questa giovane azienda che si qualifica per la qualità del prodotto, con la costante ricerca dei migliori ingredienti attualmente reperibili, scelti con cura e dedizione, e la fantasia nella elaborazione e sperimentazione di ricette, che, se da una parte rispettano la tradizione della cultura birraia di riferimento, dall’altra la innovano con un prodotto artigianale unico, vivo, che ha trovato sempre unanimi e crescenti consensi. Negli ultimi anni si è aggiunto Nicola Orsoni che cura la parte commerciale.

↑ Torna all'inizio della regione

Sicilia

Cantine Barbera

Menfi, Sicilia

vivace solarità contagiosa

Marilena Barbera è il mio nome, e sono una vignaiola. Insieme a mia madre Nina produco i vini di Cantine Barbera, la nostra azienda agricola di Menfi, in Sicilia. Crediamo in una viticoltura sostenibile e produciamo vino in modo rispettoso del territorio in cui viviamo. Sole, fiume, mare e vento sono gli ingredienti di questo splendido angolo di mondo, dove ogni vitigno, autoctono e internazionale, trova condizioni climatiche e ambientali straordinarie, che rendono i nostri vini profondamente mediterranei. 

↑ Torna all'inizio della regione

Bosco Falconeria

Partinico, Sicilia

agricoltura sostenibile

Bosco Falconeria. Sicilia. Colline che guardano il mare e le montagne, incastrarsi di vigneti e oliveti, frutteti e seminativi. Una terra rossa, ferrosa, verde d'erba d'inverno e bruna di sole d'estate. Un’idea di agricoltura biologica, sostenibile, che tuteli la qualità del cibo, del paesaggio e della vita. Da qui vengono i nostri vini: vini di territorio, in cui l’uomo fa un passo indietro, lasciando spazio all'uva, al sole e alla terra.

↑ Torna all'inizio della regione

Guccione Francesco

Monreale, Sicilia

autentico, naturale, siciliano

Francesco Guccione è il mio nome e riparto dal 2012. Si, appartengo ad una famiglia che da generazioni si occupa principalmente di agricoltura e per memoria nel logo aziendale ho pensato già la prima volta che ho iniziato a fare il vino di aggiungere lo stemma di famiglia. Allora ero insieme a mio fratello e questo avrebbe rappresentato Noi. Nel 2011 la frattura, la fine di una storia e per fortuna l'occasione di una rinascita. Le stesse vigne, la stessa mano che vinificava i primi vini, la mia, e una nuova cantina per ripartire. Curo personalmente le mie vigne, quasi 6 ettari gestiti secondo i principi dell'agricoltura biodinamica, il sistema che più si avvicina al mio modo di sentire. L'azienda ricade nel territorio di Monreale ad un’altitudine di 500 mt sul livello del mare ma sono più vicino a San Cipirello, il paese che ospita la mia nuova cantina. Qui comincia la valle del Belice, una grandissima vallata che è un vero e proprio forziere di prodotti di grandissima qualità. Ho scelto di fare un’agricoltura sana, che favorisca la piena espressione di quello che i francesi chiamano terroir. Ma non sarei andato in fondo se poi in cantina non avessi fatto scelte che ritengo siano la conseguenza naturale delle scelte agronomiche, per cui nessuna aggiunta di lieviti selezionati, nessuna modificazione dei mosti e del vino attraverso l'uso di tecnologia meccanica o chimica, se non il naturale accompagnamento di un percorso di trasformazione che con cura artigiana può diventare un’esperienza esaltante per chi chi questo vino lo fa e per chi se lo beve. Sarò felice di accogliere in azienda chi volesse venire a trovarmi. Francesco.

↑ Torna all'inizio della regione

Bonomo

Partinico, Sicilia

straordinari extravergine da cerasuola

Olio Bonomo è una piccola azienda agricola con una storia tutta familiare tramandata sino ai nostri giorni con continuità, dedizione, passione, tenacia e spirito imprenditoriale. La nostra azienda produce l’Olio Extravergine di Oliva Bonomo, proponendosi di offrire un prodotto con una veste raffinata, frutto di un’attenta ricerca, curata nei minimi dettagli, che coniuga eleganza e versatilità in tavola. La valorizzazione e il rispetto del patrimonio olivicolo locale, combinato all'utilizzo di sistemi di lavorazione all'avanguardia, si traducono in un prodotto di qualità superiore, in cui identità territoriale e aziendale si fondono con passione ed entusiasmo. Tutti i nostri oli sono certificati bio dall'annata 2018.

↑ Torna all'inizio della regione

Ciomod

Modica, Sicilia

cioccolato e liquori di modica

Dolci Fonderie Ciomod, una nuova scommessa, una selezione più accurata delle materie prime, un controllo della filiera di produzione dalla tostatura delle fave di cacao sino alla realizzazione della tavoletta finita. Sono tante le ragioni che ci hanno portato a creare un nuovo laboratorio di produzione dedicato alla lavorazione di un cioccolato in edizione limitata a Modica. Il progetto Dolci Fonderie Ciomod nasce dalla voglia di sperimentare e di diventare sempre più attori della lavorazione del nostro cioccolato. Nel nostro laboratorio di produzione iniziamo la nostra produzione, a partire dalla selezione delle fave di cacao. Continuiamo il processo proseguendo con la loro tostatura, la macinatura, sino ad arrivare al prodotto finito. Poco più di due anni fa siamo venuti a conoscenza di un progetto portato avanti in Colombia, grazie ad un programma di cooperazione in questa terra è in atto una riconversione delle piantagioni di coca in piantagioni di cacao. Puntare su un scommessa del genere ha significato per molte associazioni e contadini combattere la guerriglia, assistere a scena di violenza, opporsi alla coltivazione dilagante di coca. Durante un nostro viaggio in Colombia abbiamo avuto modo di conoscere alcune delle persone che hanno creduto e investito nella riconversione, mettendosi in prima linea anche quando, soprattutto agli albori, nulla era semplice e tutto sembrava quasi un’utopia. Ci siamo innamorati di questa storia e abbiamo voluto abbracciare questo progetto senza alcuna esitazione. Per la nostra linea di tavolette lavorate partendo direttamente dalle fave di cacao abbiamo quindi scelto il cacao colombiano,con tutta la sua magia e le sue contraddizioni. La linea di tavolette Dolci Fonderie Ciomod è incartata interamente a mano ed è “vestita” per l’occasione con un packaging di design, a tiratura limitata. La riscoperta delle origini è il nostro nuovo ed emozionante viaggio.

↑ Torna all'inizio della regione

Adelfio Marzamemi

Pachino, Sicilia

marzamemi, un mare di colori

Adelfio, un mare di colori nella storia di Marzamemi.La pesca è stata l'unico stile di vita e il prodotto è stato lavorato sempre e solo in ottemperanza alla tradizione. Valori rarissimi che però hanno permesso ai prodotti di Adelfio di mantenere l'originaria genuinità. Il tonno rosso e i suoi derivati, sono venduti secondo le forme classiche, tramandate nei secoli dalla cultura marinara, fatta di cose semplici e autentiche.

↑ Torna all'inizio della regione

Toscana

Fattoria Lavacchio

Pontassieve, Toscana

toscanità autentica

Fattoria Lavacchio produce vini che rispecchiano la natura e le caratteristiche del territorio, dei vitigni e dell'annata. La raccolta delle uve viene effettuata a mano, secondo la più antica tradizione contadina, per una ricercata selezione della materia prima. La limitata produzione imposta alle colture biologiche garantisce, inoltre, la migliore qualità anno dopo anno. I prodotti vengono proposti solo nelle annate in cui si raggiungono le elevate caratteristiche da noi ricercate. La composizione del terreno ricco di scheletro e galestro, unitamente alle condizioni pedoclimatiche della zona, conferiscono un elevato livello qualitativo ai nostri vini, riconoscibili per la marcata tipicità che li rende profondamente legati al territorio di produzione.

↑ Torna all'inizio della regione

Palazzo Vecchio

Valiano, Toscana

austera e nobile tradizione toscana

Fattoria di Palazzo Vecchio è l'erede di quella che era nel 1400 la Fattoria di Valiano, di proprietà dell’Ospitale degli Innocenti di Firenze, si affaccia sulla Val di Chiana ed è stata zona di confine tra lo Stato Pontificio e il Gran Ducato di Toscana e testimone di grandi eventi storici tra cui la sua bonifica. Da allora ad oggi il vino è sempre stato "di casa" ma solamente nel 1980 prende vita un progetto d’innovazione che nel 1990 porta Palazzo Vecchio a produrre le prime bottiglie di Vino e un Nobile di Montepulciano che già dal nascere si presenta di bella struttura, frutto di un gran lavoro e di una terra particolarmente vocata alla viticultura.

↑ Torna all'inizio della regione

Fattoria Cerreto Libri

Pontassieve, Toscana

tradizione e biodinamica

Fattoria Cerreto Libri produce vini che rispettano il metodo di vinificazione stabilito dalla carta qualità dell'associazione "Renaissance des Appellations" in cui sono descritti i processi di vinificazione consentiti e vietati. Le uve che producono questi vini provengono da vigne di 40 anni coltivate secondo il metodo biodinamico, lieviti indigeni, so2 minima in tino, invecchiamento in legni grandi o cemento. L'Olio ExtraVergine di Oliva è ottenuto da olive provenienti esclusivamente dalla nostra fattoria. I vini e l'olio sono tutti certificati bio da un organismo di controllo riconosciuto dallo Stato (bioagricert) anche se pratichiamo una viticoltura biodinamica. Dal 2018 con la dipartita di uno dei più illuminati viticultori biodinamici toscani, Andrea Zanfei, l'azienda è portata avanti con la stessa passione dalla moglie Valentina Baldini Libri.

↑ Torna all'inizio della regione

Pietro Beconcini Agricola

San Miniato, Toscana

alla scoperta del tempranillo

Pietro Beconcini agricola è il progetto di Leonardo Beconcini ed Eva Bellagamba. La storia dell'azienda inizia nei primi anni 50. Il progetto prende corpo nei primi anni 90, con alcuni anni di studio territoriale e selezioni massali da parte di Leonardo e con la prima annata del Sangiovese in purezza nel 1995. Dal 1997 a Leonardo si affianca Eva Bellagamba, sua compagna di vita. La pazienza e la cautela con cui abbiamo intrapreso il lavoro di ricerca in campo sono stati l’effettiva chiave di tutto il lavoro futuro. I più importanti risultati sono stati in ordine cronologico: il capire profondamente i terreni, fino ad allora coltivati in maniera arcaica, la selezione di due cloni di Sangiovese locali con cui ancor oggi produciamo vini, la scelta di incrementare la presenza di Malvasia Nera(fedele compagno di viaggio del Sangiovese) e infine l’aver individuato la presenza insospettabile a San Miniato di questa pianta fantastica che oggi finalmente sappiamo essere Tempranillo.