Vinix Grassroots Market

Catalogo

 

Come funziona?

Acquisto minimo 6/12 unità (a seconda del prodotto) a moduli di 6, sconti scalari fino al 51% reale rispetto ai canali tradizionali al dettaglio Possibilità di acquisto singolo o in cordata tramite “pacco prova” misto (per le aziende che lo hanno disponibile) con uno sconto fisso intorno al 10-11% rispetto al negozio.

Chi lancia una cordata riceve un contributo di stoccaggio da parte di ogni partecipante e vede abbassarsi così la quota relativa al proprio ordine più velocemente rispetto ai gregari, spesso fino a zero!

L'acquisto da soli è possibile sia per privati che per professionisti con p.iva, l'acquisto in compagnia, tramite il nostro sistema dei gruppi di acquisto e delle cordate, è disponibile solo per privati con codice fiscale o in tale veste.

Per comprare in cordata occorre far parte di almeno 1 gruppo vicino, se non esistono ancora gruppi nella propria zona è possibile crearne uno nuovo gratuitamente in pochi istanti.

In caso di acquisto in cordata è possibile scegliere tra cordata classica (si porta sempre a casa la merce anche se non si aggrega nessuno o si aggregano in pochi), o cordata a obiettivo (si porta a casa la merce solo se si arriva alla quantità / sconto minimo impostato dal capocordata in fase di lancio della cordata.

Negli acquisti di gruppo si preautorizza un addebito ma si paga solo alla fine della cordata quando è stato determinato il prezzo finale definitivo (sempre inferiore o alla peggio identico rispetto al prezzo preautorizzato in fase di prenotazione), è possibile seguire l’andamento in tempo reale e si è costantemente informati sugli ordini degli altri membri del gruppo e sulla scoutistica raggiunta per tutta la durata della cordata.

Domande e risposte frequenti (FAQ)

Catalogo produttori #vgm

Basilicata

Cantine del Notaio

Rionero in Vulture, Basilicata

austerità e rigore

Cantine del Notaio nasce nel 1998 a seguito di un progetto di valorizzazione del Vitigno Aglianico del Vulture da parte del titolare, Gerardo Giuratrabocchetti, il quale ha ereditato, da due generazioni, la passione per la coltivazione della vite ed ha, successivamente, approfondito lo studio del vitigno a livello universitario, laurendosi in Scienze Agrarie. Nel 1998 si ridà vita alla cantina di invecchiamento, in grotte di tufo vulcanico risalenti al 1.600. Dall'incontro con il Prof. Moio, docente in Enologia presso l'Università degli Studi di Foggia, nasce e si concretizza un progetto di valorizzazione del vitigno Aglianico del Vulture con il comune desiderio di produrre qualcosa di particolare e innovativo, ma sempre nel più pieno rispetto delle tradizioni.

↑ Torna all'inizio della regione

Carbone Vini

Melfi, Basilicata

eleganza e austerità del vulture

Carbone Vini è un progetto condiviso, siamo cresciuti tra vigneti e l'odore del mosto che fermentava, mio fratello Luca ed io e ci siamo portati dietro un sogno: tornare a produrre il vino dalle uve dai vigneti impiantati negli anni 70 dai nostri genitori che avevano smesso di produrre quando ancora eravamo adolescenti. Con molti sacrifici lo abbiamo realizzato e ne siamo orgogliosi.

↑ Torna all'inizio della regione

Michele Laluce

Ginestra, Basilicata

la grandezza del vulture

Michele Laluce è la mia azienda, produco Aglianico in Basilicata, tra Barile e Venosa, nel cuore della zona del Vulture, vulcano spento ai cui piedi si inchinano numerosi ettari di vitigni con produzione soprattutto di Aglianico del Vulture Doc. Coltivo 7 ettari di vigneti presi in mano da mio padre e continuo la sua passione creando nel 2005 una vera e propria Azienda Vitivinicola in Basilicata. Sono circondato da ben 5 donne, mia moglie Maria e le mie cinque figlie tra cui Maddalena che con la sua passione unita ai suoi studi enologici segue insieme a me, passo dopo passo, tutto il lavoro dal vigneto alla cantina. Il nostro lavoro è più orientato alla qualità che alla quantità, l'azienda segue di fatto le medesime attenzioni previste dalla certificazione bio pur non essendo ancora certificata. Da un paio di anni persegue anche un attento lavoro sulla sostenibilità energetica ed ambientale grazie a pannelli fotovoltaici. Apprezziamo moltissimo le visite di operatori, appassionati, famiglie a cui cerchiamo di far assaggiare i nostri prodotti della terra oltre ai nostri vini specchio del territorio da cui traggono origine.

↑ Torna all'inizio della regione

Calabria

'A Vita Vignaioli a Cirò

Cirò Marina, Calabria

Cirò, vini salini

'A Vita produce vini di terroir da Gaglioppo biologico. Siamo in Calabria, sulle colline di Cirò affacciate sulle rive dello Jonio, tra il mare e le montagne della Sila. Francesco e Laura, un calabrese e una friulana, un enologo e un’operatrice culturale, uniti dalla passione per la natura e l'arte. Per noi essere vignaioli significa agire con responsabilità sul territorio, favorire la biodiversità, rispettare i tempi lenti propri dell'agricoltura.

↑ Torna all'inizio della regione

Campania

Frantoio Marsicani

Sicilì, Campania

pura eccellenza bio in cilento

Frantoio Marsicani opera nel settore oleario nel cuore del Cilento fin dal 1928. L'azienda chiude tutta la filiera, dalla coltivazione dell'ulivo fino alla consegne del proprio olio. La mission aziendale è la produzione dell'olio extravergine di oliva di Alta Qualità certificata, valorizzando cultivar autoctone, su tutte la cv pisciottana e la cv rotondella. Negli anni l'azienda ha ottenuto numerosi riconoscimenti nei concorsi nazionali ed internazionali, attestandosi tra le migliori aziende italiane.

↑ Torna all'inizio della regione

Pastificio Dei Campi

Gragnano, Campania

pasta di gragnano, artigiani e artisti

Pastificio dei Campi, la pasta di Gragnano alla costante ricerca dell'eccellenza. Pensata per la mano di grandi chef, scelta dai Jeunes Restaurateurs d’Europe e dai migliori ristoranti d’Italia. La nostra pasta di Gragnano Igp è prodotta esclusivamente con grano italiano, coltivato con rotazione triennale delle colture e totalmente tracciabile. Utilizziamo un metodo di produzione artigianale con tempi di lavorazione ed essicazione lenti che rispettano le antiche tradizioni di pastificazione gragnanese. La certificazione 100% Made in Italy è la massima garanzia di tutela per una filiera totalmente italiana.

↑ Torna all'inizio della regione

Cantina Bambinuto

Santa Paolina, Campania

grandi bianchi campani

Cantina Bambinuto nasce tra buoni profumi e mille progetti, con un’esperienza di oltre trent’anni, Raffaele Aufiero con la moglie Carmela fonda l’azienda su rigogliose radici: passione, tradizione e pieno amore per le proprie terre. E ancora oggi, è quella stessa passione a spingere noi figli Antonio, Michela e Marilena a realizzare il sogno di nostro padre. Insieme conduciamo l'azienda con dedizione ed energia. Nuovo vigore e nuovo slancio sono stati investiti per raggiungere ulteriori traguardi, con la consapevolezza di avere in eredità un patrimonio del gusto. Ci troviamo in un generoso taglio di terra irpina, tra i comuni di Santa Paolina e Montefusco, zona storicamente privilegiata per i vini. Come la punta di un diamante, la collina del Cutizzi ospita i nostri vigneti su un vasto terreno argilloso a 400 metri di altezza. Solcando questi luoghi ci si sente avvolti dalla tradizione, dalla sapienza del lavoro di generazioni. Dalle trame dei filari delle vigne esala forte il profumo della terra. È quest’odore che rende così speciale il nostro territorio ed il nostro vino.

↑ Torna all'inizio della regione

Fosso Degli Angeli

Casalduni, Campania

artigiani del sannio

Fosso degli Angeli è un'azienda situata nell'entroterra Campano sulle alture del Comune di Casalduni, nel cuore del Sannio Beneventano. Fondata nel 2009 da Pasquale Giordano e Marenza Pengue, prende il nome da un oliveto secolare di proprietà. Da oltre tre generazioni la nostra famiglia è dedita alla coltivazione della vite e dell'olivo, la passione e l'esperienza ci hanno dato la possibilità di iniziare la produzione di vini, solo ed esclusivamente con le nostre uve. Abbiamo circa 7 ettari di vigneto, 10 ettari di oliveto e circa 15 ettari fra pascolo e bosco. Dopo due anni di prove ad affinare la tecnica seguiti dal nostro Enologo Roberto Mazzer, con la vendemmia 2011 iniziamo ufficialmente il nostro cammino nella produzione di vino. Il grosso del lavoro per una buona qualità si fa in vigna. La cura e l'attenzione per le piante e il rispetto per la terra sono fondamentali. I vigneti sono in prevalenza su terreni argillosi calcarei ad un’altezza media di circa 450 metri sul livello del mare. La produzione di uva per ettaro viene mantenuta intorno ai 60/80 quintali, grazie a una potatura invernale adeguata e al diradamento dei grappoli in eccesso, tutto questo garantisce un prodotto di partenza di alto pregio. Il microclima e la biodiversità nel vigneto sono fondamentali a garantire l’equilibrio, la protezione e il nutrimento delle piante. Il vigneto e l'oliveto sono sempre stati lavorati secondo le modalità dell'agricoltura biologica, ma dal 2012, come garanzia al consumatore, abbiamo deciso di avviare il processo di certificazione e dalla vendemmia 2016 siamo ufficialmente biologici. In cantina lavoriamo in modo tradizionale, la fermentazione è spontanea e la tecnologia è ridotta ai minimi termini.

↑ Torna all'inizio della regione

Viticoltori De Conciliis

Prignano Cilento, Campania

cilento, cura e dedizione

Viticoltori De Conciliis è la nostra azienda, Paola, Luigi e Bruno De Conciliis. Veniamo da un luogo benedetto dal cielo e dall’affezione, talvolta dalla frenesia nel ricavarne sostentamento, dove un argine di pietre a secco si erge a difendere la vita di un solo albero. La nostra è una storia in divenire. Un legame leggero tra passato e presente. Una storia che nasce da sogni. Una storia che è unione di affetti, amicizie e condivisioni, comprensioni e incomprensioni. Quello che produciamo è il nostro frutto, lo generiamo nella celebrazione della terra, la nostra, con i suoi ritmi, i suoi tempi e con le sue stagioni.

↑ Torna all'inizio della regione

Emilia Romagna

Storchi

Montecchio Emilia, Emilia Romagna

grandi vini rossi reggiani

Storchi vini è il progetto di Gianni e Marco coadiuvati dalle mogli e dal papà Adelio. I vigneti sono situati lungo il fiume Enza in zona pedecollinare, nelle terre storicamente appartenute a Matilde di Canossa. Si trovano all’interno del comprensorio a denominazione d’origine controllata Colli di Scandiano e Canossa. Il terreno è tipicamente alluvionale ricco di argilla e calcare, con elevata presenza di ghiaia nel substrato così da consentire un perfetto drenaggio delle acque piovane. La vicinanza del fiume e delle colline genera un microclima estremamente favorevole alla coltivazione della vite: sbalzi termici elevati tra il giorno e la notte e brezze giornaliere costanti. La ricchezza di calcare e magnesio nel terreno fa sì che i nostri vini siano intensamente profumati mentre la presenza dominante di argilla, dona alle uve alte concentrazioni zuccherine e aromatiche da cui è possibile ottenere vini importanti.Tali caratteristiche sono esaltate dalle bassissime rese ottenute con energiche potature verdi e ripetuti diradamenti dei grappoli durante il periodo dell’invaiatura. La conduzione in vigna è completamente naturale: non usiamo diserbanti, pesticidi, sistemici e concimi chimici, inoltre si è scelto di rinunciare completamente all’uso di acqua irrigua. In cantina controlliamo le temperature e non effettuiamo alcuna filtrazione e le nostre fermentazioni sono tutte spontanee salvo rare eccezioni di interruzioni fermentative improvvise dove interveniamo con inoculi di lieviti selezionati; gli stessi vengono sempre usati per il Neroduva in quanto i lieviti indigeni non arriverebbero a trasformare tutti gli zuccheri presenti.

↑ Torna all'inizio della regione

Mariotti i Vini delle Sabbie

Consandolo, Emilia Romagna

vini delle sabbie

Mirco Mariotti produce uve Doc Bosco Eliceo nel "Fondo Luogaccio" in S. Giuseppe di Comacchio (FE), zona cru dei Vini delle Sabbie. L'ambiente unico a pochi chilometri dal delta del fiume Po, l'aria e il terreno impregnati di salmastro, il mare che mitiga le stagioni sono gli elementi principali che contribuiscono alla formazione del carattere di questi vini. Unici nel loro genere i prodotti dell'Azienda hanno origine nei secolari vigneti "a piede franco" della costa allevati sui dossi sabbiosi fra i boschi di lecci a due passi dal mare.

↑ Torna all'inizio della regione

Acetaia San Giacomo

Novellara, Emilia Romagna

l'armonia del tempo

Acetaia San Giacomo da anni seduce amici e clienti con il Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia (ABTRE), i condimenti della tradizione e gli aceti di vino artigianali.Ogni bottiglia deve essere un'esperienza del gusto, e per questo abbiamo attuato scelte produttive uniche: l’utilizzo di batterie di botticelle molto lunghe (almeno 9 barili) e con almeno 4 essenze legnose sempre presenti, la produzione di lotti piccoli (massimo 22 litri) per rispettarne le peculiarità, la cottura ridotta al minimo per favorire una maggiore fermentazione (e quindi sviluppo di aromi ed acidità) e l’imbottigliamento dei prodotti che superano di almeno 5 punti il punteggio minimo richiesto dal disciplinare per l’imbottigliamento.Il risultato di queste scelte danno vita a caratteristiche organolettiche uniche, che distinguono il prodotto finale rispetto a tutti gli altri. Differenze che ognuno di noi è in grado di riconoscere, un viaggio fatto di sfumature, di profumi antichi e persistenze infinite.

↑ Torna all'inizio della regione

La Tosa

Vigolzone, Emilia Romagna

il meglio dai colli piacentini

La Tosa, parla l’uva. Questo è ciò che abbiamo in mente quando pensiamo ai nostri vini, figli nostri e allo stesso grado di Madre Natura. L’obiettivo che ci prefiggiamo è riuscire a traslare in piacevolissimo e personalissimo liquido ciò che Lei, col nostro aiuto, ha infuso nell’uva, senza ombre e screziature. In modo che i vini rispecchino l’equilibrio uomo-natura ed esprimano la solare serenità e la quieta compostezza che sono l’essenza visibile del nostro paesaggio e l’essenza intima del nostro terreno e del nostro clima. La nostra filosofia nel vigneto si può così riassumere: lavorare per avere le massime concentrazione, complessità, personalità e ricchezza aromatica nell’uva, al fine di traslarle poi nel vino, e rispettare al massimo l’equilibrio e il buono stato di salute della natura, per una viticoltura che noi definiamo, appunto "di equilibrio".

↑ Torna all'inizio della regione

Friuli Venezia Giulia

Petrucco

Buttrio, Friuli Venezia Giulia

colli orientali, precisione e controllo

Petrucco è l'azienda di Lina e Paolo Petrucco, i primi 4 ettari dell’azienda furono acquistati con spirito pionieristico all’inizio degli anni 70. Siamo a Buttrio, nel cuore della zona Doc dei Colli Orientali del Friuli, dove terrazzamenti dolci e assolati di origine eocenica costituiscono fin da tempi antichissimi il terreno ideale per la viticoltura. Da allora la proprietà è cresciuta sia come estensione che in termini di ricerca e sperimentazione. Oggi l’azienda Petrucco la realizzazione dei cui vini è affidata al bravo Fabio Cabas, si estende su un’area di 35 ettari, di cui 20 coltivati a vite, con una produzione di circa 80.000 bottiglie l’anno, a seguito di una resa per ettaro volutamente contenuta, che fa della qualità l’obiettivo principe. Focus dell’azienda è produrre vini di territorio, concepiti esclusivamente in purezza e quindi monovitigno.

↑ Torna all'inizio della regione

Lazio

Alberto Giacobbe

Paliano, Lazio

cesanese e passerina

L’azienda nasce nel 1939 quando mio nonno Leopoldo inizia a coltivare un piccolo appezzamento sul colle San Giovenale. Ci troviamo nel nord della Ciociaria sul confine delle due province Roma e Frosinone e i nostri vigneti ricadono in entrambe e precisamente nel comune di Paliano (FR) e nel comune di Olevano Romano (RM). Oltre ai 10 ettari di vigneto coltiviamo anche circa 3 ettari di uliveto principalmente di cultivar rosciola. Siamo giunti ormai alla terza generazione anche se è solo dal 2009 che abbiamo iniziato a produrre vino e imbottigliarlo direttamente in quanto prima conferivamo le uve in cooperativa. Coltiviamo esclusivamente le varietà autoctone Cesanese d'Affile e Passerina del Frusinate producendo sul cesanese due denominazioni differenti Cesanese del Piglio Docg e Cesanese di Olevano Romano Doc. Da sempre utilizziamo un approccio produttivo volto al massimo rispetto dell'ambiente non utilizzando diserbanti e concimi chimici, trattando solamente con prodotti naturali quali rame e zolfo, utilizzando il metodo del sovescio al bisogno, facendo poche lavorazioni sui terreni, determinando tutto ciò un equilibrio ambientale in cui le rese per ettaro rimangono ben al di sotto dei disciplinari di produzione.

↑ Torna all'inizio della regione

Liguria

Cornice

Sesta Godano, Liguria

tesori dell'enotroterra ligure

Cornice è il progetto di vita di Ivano Denevi, l'azienda è certificata biologica a partire dall'annata 2018, nasce alla fine degli anni 90 e sorge nella vallata del Vara dove il microclima e la composizione del terreno sono tra le più favorevoli per la coltivazione della vite fin dal medioevo. L'azienda, biologica in conversione - avremo la certificazione nel 2018 - si estende su una superficie di 60 ettari di terreno, 2 dei quali sono coltivati a vigneto, circa 1 ettaro ad uliveto ed un apposito "fondo chiuso" di 9 ettari è dedicato alla raccolta dei funghi e delle castagne. Produciamo e imbottigliamo vini di qualità, esclusivamente dalle dalle nostre uve che sono della varietà Ciliegiolo, Merlot e Syrah, per i vini rossi, ed Albarola e Sauvignon per i vini bianchi. Alleviamo, con criteri rigidamente biologici, bovini di razza "Limousine" per la produzione di carne.

↑ Torna all'inizio della regione

Maltus Faber

Genova, Liguria

la birra di zena

Maltus Faber nasce dopo un percorso parallelo di due amici/colleghi Massimo Versaci, il Maltus, appassionato di cultura e degustazione della Birra che per hobby crea e gestisce la Compagnia della Birra e Fausto Marenco appassionato di produzione che per hobby progetta e costruisce un impianto pilota da 250 litri producendo 59 cotte! Questo percorso parallelo si unisce nel 2007 dove i Maltus Faber trovano un locale all'interno del vecchio stabilimento genovese di Birra Cervisia (1905-1985), cooprogettano un impianto e realizzano il loro sogno che trova la nascita il 5 giugno 2008 con la prima cotta. In primis appunto da quel giorno il Birrificio in Genova si sviluppa e si migliora mantenendo sempre le Birre al centro del progetto !

↑ Torna all'inizio della regione

Le Rocche del Gatto

Salea di Albenga, Liguria

autentico, ai confini del tempo

Le Rocche del Gatto è l'azienda vitivinicola di Fausto De Andreis. Dopo averlo incontrato potremmo aggiungere, un uomo al di fuori dalle tendenze del momento e intento ad anteporre le proprie idee agli interessi economici e commerciali. In continuo contrasto con le persone che reggono le sorti del vino ligure che, a suo dire, lavorano per favorire vini facili e alla moda, ma privi di una vera identità. Persone che non hanno saputo comprende i suoi vini, spesso relegati a semplici Vini da Tavola. Decisioni che hanno fatto la sua fortuna, facendolo conoscere al mondo vinicolo e lanciandolo in una “crociata” contro le istituzioni. Durante 58 vendemmie Fausto De Andreis ha saputo affinare il proprio stile in assoluta libertà, ma sempre con l’obiettivo di rappresentare il Pigato e il Vermentino “old style”. ”Non ho bisogno di guardarmi attorno per vedere quello che succede la mia strada è chiara da diversi decenni …”. (da: Nonsolodivino)

↑ Torna all'inizio della regione

Pesto Rossi

Genova, Liguria

il sultano del pesto

Rossi opera a Genova dal 1947 ed è specializzato nella produzione e vendita di prodotti gastronomici di alta qualità. La nostra struttura è articolata su 5 negozi tradizionali, tutti distribuiti nel centro di Genova. Due sono le antiche confetterie (di via Assarotti e via Galata), una è una drogheria che negli anni è diventata un emporio dell’eccellenza (in via Cesarea); e poi EVO (in Piazza Colombo). Infine l’ultimo arrivato: Gamalero, nel mercato di piazza Sarzano. Tutti piccoli negozi dove si respira odore di tradizione. Il Pesto Rossi nasce dal desiderio della famiglia Panizza di alzare l’asticella della qualità. Una ricetta originale, senza compromessi, per ottenere un prodotto che potesse avere posto sulle tavole dei gourmet di tutto il mondo. Oggi il Pesto è distribuito in Italia e in oltre 15 paesi nel mondo, venduto a ristoranti, pizzerie, gastronomie, grandi e piccoli negozi, tutti accomunati nella ricerca della qualità.

↑ Torna all'inizio della regione

La Bettigna

Sarzana, Liguria

centopercento vermentino

La Bettigna ha origine da un piccolo vigneto (circa un ettaro) composto unicamente da uve Vermentino, situato nel cuore della denominazione Colli di Luni, al confine tra Liguria e Toscana, a pochi km dal mare. L’azienda, che ha mosso i primi passi nel 2009, è formata da Nicola Lazzoni ed Emilio Falcinelli, amici da lunga data e bevitori appassionati. La produzione si aggira intorno alle 7.000 bottiglie annue; va da sé che la cura del prodotto è assolutamente artigianale e seguita con grande passione. Produciamo vini genuini e caratteristici, strettamente legati alla terra d'origine, grazie al lavoro rispettoso della natura che abbiamo messo in atto nel vigneto e in cantina. Il nostro pensiero costante è che il vino si ottiene principalmente da quello che si raccoglie nel vigneto e che in nessun caso deve essere snaturato da uno sproporzionato lavoro in cantina. In questo senso abbiamo scelto di ridurre al minimo i trattamenti nel vigneto (utilizzando quantità ridotte di rame e zolfo e nessun prodotto sistemico), a seconda delle esigenze del vigneto pratichiamo il sovescio o l’inerbimento naturale tra i filari, nessun concime chimico e diserbante viene utilizzato. Uso moderato di solfiti e nessun altro additivo.

↑ Torna all'inizio della regione

Guglierame

Pornassio, Liguria

l'ormeasco di pornassio

L'azienda Guglierame, condotta dai fratelli Raffaele, Agostino ed Elisa Guglierame, si estende su circa 2,5 ettari di vigneti tramandati, di generazione in generazione, dai Marchesi di Clavesana. La coltivazione del vitigno Ormeasco è stata introdotta nel 1299 con lo Statuto del Gestores Universitatis Pornaxi redatto allora dal Notaio Gandalini. Il vino Ormeasco ha ottenuto il riconoscimento di una propria Doc con la denominazione di Ormeasco di Pornassio o anche semplicemente Pornassio. Circa 2,5 ettari da cui si ricavano attorno alle 15.000 bottiglie quando l'annata lo consente. I vigneti sono situati in zona montana, a 550 m di altitudine, e provengono dagli antichi poderi del Marchesato Scarella da cui la famiglia Guglierame discende e, per questo, posti tra le posizioni più vocate per tale coltura. Le particolari caratteristiche del territorio e la felice esposizione ai raggi solari, unitamente alla “naturalità” del processo di coltivazione e all’artigianalità della vinificazione fanno si che dall’uva prodotta si ricavi un ottimo vino. Trinciatura dei sarmenti a valle della potatura, sfalciatura del sotto fila ad aprile, maggio e giugno, ripuntatura per arieggiamento del terreno a fine luglio. I trattamenti vengono condotti nel pieno rispetto della direttiva europea 91/676/CEE mirante alla riduzione dell’utilizzo dei fitofarmaci e dei concimi chimici in agricoltura.

↑ Torna all'inizio della regione

Lombardia

Birrificio Gambolò

Gambolo', Lombardia

luppolature con stile

Birrificio Gambolò nasce dall’idea di Simone Ghiro nel 2010, che dopo 10 anni di homebrewing, corsi di produzione e degustazione inizia a disegnare il birrificio sulle sue esigenze ed all’esperienza accumulata anche presso altri microbirrifici. Si passa alla produzione di birra professionale. Dopo 2 lunghi anni di realizzazione e burocrazia apre nel dicembre 2012, gli sforzi sono subito ricambiati con il primo premio “birra artigianale dell’anno 2013” (nella categoria birre Chiare e ambrate, alta fermentazione, alto grado alcolico, luppolate, d’ispirazione angloamericana) di Unionbirrai. Attualmente il birrificio dispone di un impianto da 10Hl e una cantina di 3 fermentatori da 10Hl, che verrà presto ampliata.

↑ Torna all'inizio della regione

Calvi

Castana, Lombardia

tradizione in oltrepò

Calvi da undici generazioni coltiva la vite a Castana mantenendo una dimensione aziendale volutamente a misura familiare. Noi pensiamo che nella tradizione del nostro mestiere siano già presenti le moderne esigenze di rispetto dell'ambiente, equilibrio dell'ecosistema e di genuinità del prodotto, per questo cerchiamo di preservare per il futuro gli antichi saperi.

↑ Torna all'inizio della regione

Marche

Vini Maraviglia

Matelica, Marche

matelica, l'altro verdicchio

Vini Maraviglia è il progetto di Filippo, Mariangela, Davide e Ivan, la nostra famiglia, una famiglia che ha deciso di rendere i vigneti parte integrante della propria vita. In estate potete cenare con noi, immersi tra i filari di Verdicchio, in inverno nella nostra saletta degustazione in un ambiente caldo ed amichevole. In ogni momento dell’anno la gentilezza marchigiana vi aspetta e vi farà sentire come a casa; nel nostro sorriso speriamo possiate ritrovare l'orgoglio e la passione per quello che facciamo.

↑ Torna all'inizio della regione

Colleluce

Serrapetrona, Marche

vernaccia di serrapetrona, oro nero

Colleluce è una piccola azienda agricola a conduzione familiare a Serrapetrona con terreni esposti a sud-est a circa 500m sul livello del mare e circondata da boschi. L’amore per la trasformazione e la valorizzazione di quanto il terreno ci offre e la convivenza con l’enologo Bruno Iacoponi, hanno portato Franca Malavolta ad abbandonare il lavoro di impiegata postale per dedicarsi totalmente all’azienda. Curare bene la vigna, rispettare il tempo e i tempi naturali piuttosto che magie nei serbatoi, sono il nostro credo. Produciamo Vernaccia di Serrapetrona, un vino unico per la peculiarità del vitigno autoctono “vernaccia nera” e per la maniera di ottenerlo essendo costituito anche da uve appassite naturalmente su graticci all'aria. Le basse rese del vigneto dovute a drastiche potature, l’attenta selezione delle uve migliori e più sane per l’appassimento nonché la scelta di utilizzare solo uve coltivate da noi, fanno si che la produzione sia estremamente limitata.

↑ Torna all'inizio della regione

Lucchetti

Morro d Alba, Marche

la lacrima di morro d'alba

Lucchetti, Lacrima di Morro d'Alba e Verdicchio dei Castelli di Jesi. Attualmente le redini dell’azienda sono affidate alla terza generazione Paolo e Loretta che con forza e determinazione continuano oggi l'opera iniziata dal nonno Armando e dal papà Mario. L'azienda si trova a Morro d'Alba località conosciuta per essere il fulcro del vitigno Lacrima; oggi conta 25 ettari coltivati solamente a vitigni indigeni: Lacrima e Verdicchio. La consulenza agronomica è affidata a Pierluigi Donna mentre quella enologica ad Alberto Mazzoni. La nostra missione è quella di riuscire a ottenere una viticoltura sostenibile, salvaguardando la biodiversità, per questo, dall’anno 2016 è stata intrapresa la conversione al biologico. Il nostro obiettivo è quello di ottenere vini genuini che rappresentino noi e il nostro territorio.

↑ Torna all'inizio della regione

Molise

Parco Dei Buoi

Larino, Molise

un extravergine immenso

Parco dei Buoi è il progetto di Francesco Travaglini, siamo in Molise, precisamente a Larino in provincia di Campobasso, a 30 km dalla costa adriatica. Abbiamo origini contadine dice Francesco, quindi un legame particolare con la terra, la stessa tramandataci dai nostri padri e che oggi è sempre più difficile portare avanti. Ma noi lo facciamo! Lavoriamo coniugando la sostenibilità economica al rispetto della nostra Terra con l’obiettivo di dare il giusto valore ai nostri prodotti. L’olio extra vergine Il tratturello è uno di questi.

↑ Torna all'inizio della regione

Piemonte

Cascina i Carpini

Pozzol Groppo, Piemonte

vini d'arte dai colli tortonesi

Cascina i Carpini è la mia storia dice Paolo Ghislandi. Quando, alla fine del vecchio millennio, acquistai la Cascina I Carpini e tutti i suoi vigneti mi immaginai di produrre un vino che parlasse all'anima prima che al corpo, un vino che racchiudesse non solo profumi e aromi, ma che racchiudesse lo spirito stesso della vita. Oggi, dopo anni di lavoro amorevole e appassionato, condivido con voi la grande soddisfazione di proporre dei vini che rispondono a quella mia immaginazione.Cascina I Carpini ha ottenuto le certificazioni Green Care, VeganOK ed in corso di conversione per la Certificazione Europea Vino Biologico. REG CE 834/07 e EC 889/08.Lasciamo che sia il vino a svelarci quando è pronto, a volte dopo mesi, a volte dopo anni, non c'è fretta !

↑ Torna all'inizio della regione

Pianbello

Loazzolo, Piemonte

un moscato che ti farà innamorare

Pianbello si trova nel Comune di Loazzolo, a 400 m. di altitudine, in un angolo incontaminato di Langa astigiana, in mezzo a vigneti di Moscato, Dolcetto, Chardonnay e boschi rigogliosi. L'immagine del lupo, presente nello stemma del Comune di Loazzolo, è elemento caratteristico anche del nostro logo. Il toponimo "Loazzolo", come si legge sulla controetichetta di ogni bottiglia, deriva dal latino lupatiolum (posto dove scorrazzano i lupi) antico nome latino di Loazzolo e un Rio dei lupi scorre proprio vicino alla Cascina Pianbello dove la nostra famiglia produce da due generazioni i vini tipici della Langa astigiana e del territorio di Loazzolo.

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Civale

Spinetta Marengo, Piemonte

continua ricerca birraria

Birrificio Civale inizia a produrre il 5 maggio 2009 con impianto di produzione da 12 ettolitri. Tutte le fasi del processo produttivo sono realizzate presso il nostro stabilimento. I soci fondatori sono Vincenzo Civale (presidente, amministratore delegato e birraio ispiratore) e Daniele Cosenza (birraio e responsabile di produzione), collaborano con il birrificio: Matteo Bottino (co-birraio e co-responsabile processi produttivi e di qualita’) e Danilo Scalercio (chef e responsabile locale degustazione del birrificio). Abbiamo iniziato come homebrewers, produttori di birre casalinghe, già dal 2000, quindi le nostre birre, la ricerca e la sperimentazione, sono nate molto prima del birrificio, fondato poi nel 2009. In questi anni abbiamo lavorato molto, abbiamo viaggiato, studiato, imparato, affinato, e cercato di fare tutto nel modo migliore, continuando a evolvere e migliorare. La nostra produzione è sempre una ricerca: il mondo della birra artigianale è molto bello proprio per questo, perché è possibile variare e poter realizzare e assaggiare le birre più disparate.

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Trunasse

Centallo, Piemonte

birra artigianale in piemonte

Birrificio Trunasse inizia la sua vita birraia ufficiale a Castelletto Stura nel 2008, dove ancora oggi si trovano i locali di produzione. In realtà il tutto nasce dalla grande passione di Roberto e Paolo per la birra in generale e dalla permanenza di Paolo in Germania alla fine del suo percorso universitario nel 2002. Paolo rientra dalla Germania con un paio di produzioni casalinghe e la voglia di poter sperimentare nuove idee. Di li a poco la prima produzione ed il primo impianto di nostra realizzazione. Tutte le birre prodotte sono ad alta fermentazione, non filtrate e non pastorizzate, ma soprattutto non hanno aggiunta di sostanze conservanti e stabilizzanti. Crediamo che la lavorazione artigianale, l'attenta selezione delle materie prime e la costante ricerca delle migliori tecniche di produzione siano fondamentali per l'ottenimento di una birra di alta qualità. Il risultato sono birre di gusto trasparente e pulito, molto facili da bere e capaci di trasmettere tutta la passione con cui vengono prodotte.

↑ Torna all'inizio della regione

Fratelli Durando

Portacomaro, Piemonte

testabalorda, il grignolino del cuore

Fratelli Durando è la nostra azienda. La passione per la terra è il filo conduttore che sin dal 1800 guida la nostra famiglia. Tutt'oggi siamo un’azienda a conduzione famigliare insediata a Portacomaro (Asti) specializzata nel settore vitivinicolo, che trasmette attraverso i suoi prodotti tipicità e passione. La superficie aziendale è di circa 30 ettari, coltivati prevalentemente a vigneto, noccioleto e seminativi. La Terra per noi è una fonte preziosa ed insostituibile che cerchiamo ogni giorno di custodire coltivandola con le migliori tecniche di agricoltura sostenibile.

↑ Torna all'inizio della regione

Vallenostra

Mongiardino Ligure, Piemonte

montebore, recupero della tradizione

Vallenostra è situata nel cuore della Val Borbera, fra Piemonte e Liguria. La conducono da venti anni Roberto Grattone e Agata Marchesotti, i pionieri di un’attività casearia e agrituristica autentica, rispettosa di un territorio ancora incontaminato. Vallenostra è il risultato di un lavoro sapiente mirato al recupero e alla valorizzazione del Territorio, come dimostrato dalla ripresa dell’attività pastorizia e casearia tipica della Valle. Il Caseificio produce formaggi di pecora, capra e mucca a latte crudo, come avveniva in passato, ed è visitabile. Fra gli altri, il Montébore: ricetta antica, profondamente rappresentativa della Storia e dell’Arte del nostro territorio, come ben testimonia il legame del prodotto alle figure eccellenti di Isabella di Aragona e a Leonardo da Vinci. Ricetta casearia che andava perdendosi nel corso del tempo, ma che oggi rappresenta un Presidio Slow Food e ancora meraviglia i palati più fini per la sua prelibatezza.

↑ Torna all'inizio della regione

Alemat

Ponzano Monferrato, Piemonte

la franchezza del grignolino

Alemat, in Piemontese “A l’è Mat“, ma anche Alessandro e Matteo, i nostri due figli, è il nome che racchiude e racconta la nostra storia. Alemat nasce nel cuore e nella mente di Savio Dominici alla fine degli anni ’80. La scintilla parte naturalmente da una bottiglia di vino e dall’amicizia con uno dei più sapienti produttori langaroli. L’amore per il vino e per la vigna cresce negli anni finché nel 2012 Savio e la moglie Elisabetta decidono di cambiare vita e realizzare quello che è sempre stato il loro grande sogno. In vigna collabora con noi un esperto viticoltore monferrino, mentre la gestione della cantina è condotta con la consulenza di uno dei migliori enologi piemontesi.

↑ Torna all'inizio della regione

Cantine Valpane

Ozzano Monferrato, Piemonte

grandi rossi dal monferrato

Cantine Valpane ha una superficie a vigneto che si estende attualmente per 10 ettari. Dopo anni di Programma di Difesa Integrata riducendo al minimo l’impiego di prodotti chimici attualmente l'azienda è in periodo di conversione per la Certificazione Biologica, per produrre sempre di più uve sane nel pieno rispetto dell’ambiente. Le rese per ettaro sono volutamente tenute basse tramite opportune potature e diradamenti. Nelle cantine, restaurate nella loro antica architettura e visitabili dietro prenotazione, si vinificano le uve senza uso di lieviti selezionati, ma solo con quelli indigeni per dare ai propri vini un gusto più tipico e singolare. I vini non vengono né chiarificati, né filtrati.

↑ Torna all'inizio della regione

La Ganghija

Treiso, Piemonte

giovane promessa langarola

La Ganghija nasce nel 2004 per volere del giovane enotecnico Enzo Rapalino guidato dalla passione e dall’amore per il vino, visto come la miglior espressione del territorio in cui è cresciuto. La Ganghija si trova a Treiso, terra di grandi vini e notevole bellezza paesaggistica, inserita nella zona tipica di produzione del vino Barbaresco Docg. La conduzione dell'azienda è strettamente famigliare, collaborano all'azienda i genitori Giovanni e Rita, il fratello Flavio e lo zio Franco. La decisione di iniziare a produrre vino (esclusivamente dai propri vigneti) è nata durante il periodo di studi che Enzo ha condotto alla Scuola Enologica di Alba. L'apprendimento delle tecniche di vinificazione e il lavoro svolto in contemporanea nei propri vigneti hanno fatto capire al giovane enotecnico che aveva a disposizione un enorme potenziale qualitativo per far nascere vini di notevole importanza.

↑ Torna all'inizio della regione

Giribaldi

Rodello, Piemonte

sfidare il tempo

Mario Giribaldi agricola nasce all'inzio del XX secolo e continua ormai da tre generazioni. Oggi, sull'esempio della tradizione e per amore di una cosa vera e viva com'è il vino, continuiamo il discorso iniziato dai nostri padri ed ancora prima dai nostri nonni, con la stessa volontà. Ciò che non è cambiato è la felice posizione dell'Azienda nel cuore delle Langhe, straordinaria terra da vino, ma soprattutto terra di cultura e di tradizioni. I colori, i suoni, i profumi e i sapori che emanano queste zone sono l'espressione della gente, dei loro modi di lavorare, di cibarsi e di divertirsi. Il vino oggi rappresenta un alimento, un'espressione di cultura, un veicolo di comunicazione, un contesto d'immagine. A questi temi indirizzo i miei sforzi e sottoscrivo i miei impegni: produrre un vino organoletticamente adatto ad un consumo alimentare quotidiano, buono, secondo le tradizioni della nostra terra, piacevole e stimolante in ogni occasione sociale. Migliorare qualitativamente i vini attraverso una selezione dei cloni delle viti rimane uno dei nostri principali obiettivi, nel rispetto delle viti e dell'ecosistema che dal 2004 cerchiamo di preservare con il passaggio graduale di tutta la produzione al regime biologico.

↑ Torna all'inizio della regione

Gatti Piero Azienda Agricola

Santo Stefano Belbo, Piemonte

vocazione dolcezza

Gatti Piero agricola nasce nel 1988 su iniziativa di Piero Gatti, a Santo Stefano Belbo (CN), e si specializza subito nella produzione di vini dolci. I vigneti di proprietà, siti nella collina di Moncucco, straordinario cru del moscato in un comune che, insieme a Canelli, rappresenta già una eccellenza nella produzione di tale vino, permettono all’azienda di affermarsi velocemente nella produzione di tale varietà. Alla produzione di moscato a tappo raso, l’azienda affianca anche la produzione di brachetto, di un passito da uve moscato e quella di due grappe, ottenute dalla distillazione di vinacce di moscato e di brachetto. Ci ispira la continua ricerca della qualità, la pulizia e la scelta di produrre vini non troppo dolci e dalla contenuta effervescenza. La produzione del passito Vignot, ottenuto dall’appassimento in pianta di uve moscato, parte nel 2007. L'azienda, che dal 2000 è interamente a conduzione femminile per la presenza della mamma Rita e della figlia Barbara, produce ca. 70.000 bottiglie all’anno di cui 45.000 di moscato, 13.000 di brachetto e ca. 2.800 di altre tipologie.

↑ Torna all'inizio della regione

Birra Carrù

Carrù, Piemonte

l'artigianale con l'accento

Birra Carrù è il nuovissimo progetto che mi vede impegnato direttamente in produzione di Carrù (CN). Qui con mani da artigiano e insieme alla mia famiglia, creo nuove birre, come fossero libri da sfogliare e degustare, pagina dopo pagina, sorso dopo sorso. L'impianto di produzione, progettato insieme al costruttore, vanta soluzioni di avanguardia volte a creare birre innovative e con materie prime del territorio. Come ad esempio le IGA (Italian Grape Ale), con mosto di Uva Moscato. Birre che produco da oltre 10 anni. Il mio recente passato, legato al recupero di varietà quasi abbandonate di cereali (si pensi a Langalletta di cui sono stato socio fondatore e vicepresidente), mi consente di sperimentare nuove ricette. E' infatti mia intenzione impiegare grani antichi locali, tipici della tradizione e della biodiversità di Langa e Cuneese per nuove birre. Inoltre è fase di avvio la collaborazione con una piccola malteria indipendente locale, che mi permetterà di creare un percorso di filiera controllato e reale, con particolare attenzione verso l'agricoltura biologica. La produzione prevede l'utilizzo di lieviti ad alta fermentazione con successiva rifermentazione in bottiglia. Per garantire un prodotto più stabile e duraturo nel tempo viene effettuata una filtrazione “di pulizia” prima dell'imbottigliamento, con inoculo di lievito "fresco".

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Sagrin

Calamandrana, Piemonte

amanti delle IGA!

Birrificio Sagrin si trova a Calamandrana (AT) in un territorio la cui identità è profondamente legata all’eccellenza della produzione enologica e gastronomica piemontese, ricco degli infussi delle zone patrimonio UNESCO di Langhe, Roero e Monferrato. Ispirato dalla passione ventennale di Matteo “Billy” Billia e Giuseppe Luci e sostenuto da lunghi anni di lavoro e di ricerca in ambito brassicolo, l’impianto del birrificio, interamente progettato dai due soci, diventa produttivo nel 2015 con l’aspirazione di unire la tradizione enologica del territorio e l’approccio eclettico della birra artigianale. Con questo obiettivo il birrificio suddivide la sua produzione in due linee: la linea Bun Pat, con una birra chiara e una rossa caratterizzate dalla freschezza e dal basso contenuto alcolico, e la linea Sagrin, che costituisce la vera anima del birrificio e conta sei birre ricche di carattere, tra cui tre Italian Grape Ale (IGA), quintessenza dell’intero progetto.

↑ Torna all'inizio della regione

Cà Richeta Enrico Orlando

Castiglione Tinella, Piemonte

le due facce del nebbiolo

Cà Richeta è il progetto nato da Enrico Orlando nel 1992. Enrico affianca all'attività di enologo quella di insegnante di Viticoltura ed Enologia presso Istituto Tecnico Agrario Umberto I di Alba. La cantina ha sede, ieri come oggi, nell'antico casale dove prima la famiglia Morando, oggi l'enologo Enrico Orlando continua a realizzare i suoi vini. L'azienda vinifica esclusivamente uve di proprietà prodotte nei vigneti ubicati nei territori tipici. La superficie vitata è di circa 4 ettari impiantati a Moscato, Riesling Renano, Chardonnay, Nebbiolo, Cabernet Sauvignon, Malvasia e Pinot Nero. Un accurato lavoro nei vigneti - ottenuto tramite potature contenute, diradamento dei grappoli e cernita in vendemmia - permette di trasmettere ai vini Ca' Richeta quel patrimonio di sentori che solamente la nostra terra sa conferire. Non si utilizzano diserbi e concimi chimici, si prediligono l'inerbimento e le lavorazioni meccaniche del terreno, si utilizzano prodotti a basso impatto (rame e zolfo). In cantina utilizzo minimo di solfiti nei vini (inferiori a quelli consentiti dai disciplinari biologici), utilizzo dell'uso di lieviti isolati tra flore spontanee del luogo, nessuna filtrazione o chiarifica.

↑ Torna all'inizio della regione

Birrificio Della Granda

Lagnasco, Piemonte

we are more, noi siamo altro

Birrificio della Granda vuol dire birrai per passione: produciamo birre "ale", birre ad alta fermentazione, ognuna con un carattere totalmente diverso, studiate con cura, una per una, per lasciare sensazioni profonde in chi le assaggia, perché non ci piacciono le birre che scivolano via senza farsi notare. Abbiamo birre facili, da bere semplicemente fra amici, birre intriganti, che vanno bene per mandare via i pensieri, e birre complesse, per dare il benvenuto a notti lunghissime. In comune hanno un mix di sapori nuovi, mestieri antichi, tecnologie moderne e il coraggio di chi in fondo non ama prendersi troppo sul serio. La birra per noi deve essere così: schietta e tosta come la vita. Siamo indipendenti, è tutto nostro, non dobbiamo rendere conto a nessuno di quel che facciamo, liberi di lavorare come vogliamo. Siamo artigiani, siamo noi ad assaggiare, valutare e alla fine trovare il risultato che avevamo in mente. Il laboratorio è la nostra bocca, le apparecchiature le nostre mani, la testa la nostra calcolatrice e il nostro cuore il posto dove nascono le nostre idee migliori. Siamo agricoltori, attorno a noi c’è la campagna, dove siamo cresciuti, amiamo la terra e nella nostra azienda agricola produciamo la maggior parte del malto che utilizziamo. Siamo giovani, abbiamo forza, voglia e tempo davanti a noi. Ci rimbocchiamo le maniche ogni giorno, per scrivere una storia che è appena all’inizio, ma già profuma di buono. Siamo appassionati, non sopportiamo la birra omologata, industriale, piatta e tutta uguale, che non sa mai di niente. E non amiamo neanche chi prima di pensare alla birra ha creato a tavolino marketing e immagine.

↑ Torna all'inizio della regione

Boveri Luigi

Costa Vescovato, Piemonte

passione, tradizione e innovazione

L'azienda Boveri Luigi nasce e cresce sui dolci Colli Tortonesi di Montale Celli. Rispettosi delle tradizioni ma guidati dalla passione e dall’innovazioe tecnologica applichiamo un mix di tradizione e innovazione che attraverso l’impiego di vitigni autoctoni, coltivati con la massima attenzione e nel rispetto assoluto dell’ambiente, e l’adozione delle tecniche di vinificazione più all’avanguardia, permette di esaltare le caratteristiche del territorio e le altissime qualità delle uve sottoposte a rigorosa selezione in vigna. Sui 15 ettari di terreno della nostra azienda coltiviamo vitigni autoctoni a bacca nera come la Barbera e la Croatina, e a bacca bianca come il Timorasso e il Cortese. La forma di allevamento dei nostri vigneti è a spalliera con sistema Guyot. In primavera e in estate effettuiamo una potatura verde il cui scopo è di arieggiare i grappoli migliorandone l’esposizione solare e favorirne la maturazione. Durante l’invaiatura gli acini prendono il caratteristico colore giallo (per il timorasso e cortese) e viola (per i vitigni a bacca rossa). Durante questa fase controlliamo assiduamente lo stato di maturazione diradando, se necessario, le uve: è la fase più delicata del processo, guidata dall’esperienza di anni e anni di coltivazione.

↑ Torna all'inizio della regione

Sardegna

Cantina Berritta

Dorgali, Sardegna

bere cannonau fa bene al cuore

Cantina Berritta è il frutto del lavoro della nostra famiglia, composta dai coniugi Antonio e Maria Paola Fronteddu e dai figli Serena e Francesco, coltiviamo la vite e l’ulivo da diverse generazioni. Attualmente abbiamo una superficie coltivata a vigneto di circa 10 ettari nell’agro di Dorgali, precisamente nella vallata di Oddoene, zona particolarmente vocata per produrre ottimo vino. La grande passione della viticoltura, con tutti i suoi intriganti aspetti e sfaccettature, parte da papà Antonio per passare poi ai fratelli Francesco e Serena. Il vino, prodotto con metodi assolutamente artigianali, viene prodotto ed imbottigliato nella nostra cantina a Dorgali. DI fatto siamo in regime bio da sempre per circa 10 anni abbiamo adottato il regime di lotta integrata anche se utilizzavamo solo rame e zolfo. Dal 2019 saremo certificati biologici. Solo in annate pessime facciamo 2-3 trattamenti sempre con soli zolfo e rame, non abbiamo mai utilizzato diserbanti chimici, utilizziamo solamente lo scalzatore della Nardi con l'aiuto della zappa. In cantina lavoriamo tradizionalmente piccoli accorgimenti: per esempio il bianco e il rosato fermentano a temperatura controllata. Per il resto non utilizziamo nessun additivo se non un poco di solforosa in fase di imbottigliamento per la conservazione. Le fermentazioni sono "spontanee" nel senso che vendemmiamo una piccola masssa 5 giorni prima della vendemmia, pressiamo e facciamo iniziare a fermentare, successivamente vendemmiamo il resto della massa innestando il pied de cuvée. I nostri vigneti, per il 75% sono di varietà “cannonau”, il vitigno più conosciuto in Sardegna e che trova nella nostra zona e in tutta la costa orientale, il suoi abitat classico. Attualmente prodiciamo circa 25.000 bottiglie complessivamente aspirando ad una produzione finale di 30-35.000 nei prossimi anni.

↑ Torna all'inizio della regione

Sicilia

Cantine Barbera

Menfi, Sicilia

vivace solarità contagiosa

Marilena Barbera è il mio nome, e sono una vignaiola. Insieme a mia madre Nina produco i vini di Cantine Barbera, la nostra azienda agricola di Menfi, in Sicilia. Crediamo in una viticoltura sostenibile e produciamo vino in modo rispettoso del territorio in cui viviamo. Sole, fiume, mare e vento sono gli ingredienti di questo splendido angolo di mondo, dove ogni vitigno, autoctono e internazionale, trova condizioni climatiche e ambientali straordinarie, che rendono i nostri vini profondamente mediterranei. 

↑ Torna all'inizio della regione

Bosco Falconeria

Partinico, Sicilia

agricoltura sostenibile

Bosco Falconeria. Sicilia. Colline che guardano il mare e le montagne, incastrarsi di vigneti e oliveti, frutteti e seminativi. Una terra rossa, ferrosa, verde d'erba d'inverno e bruna di sole d'estate. Un’idea di agricoltura biologica, sostenibile, che tuteli la qualità del cibo, del paesaggio e della vita. Da qui vengono i nostri vini: vini di territorio, in cui l’uomo fa un passo indietro, lasciando spazio all'uva, al sole e alla terra.

↑ Torna all'inizio della regione

Bonomo

Partinico, Sicilia

straordinari extravergine da cerasuola

Olio Bonomo è una piccola azienda agricola con una storia tutta familiare tramandata sino ai nostri giorni con continuità, dedizione, passione, tenacia e spirito imprenditoriale. La nostra azienda produce l’Olio Extravergine di Oliva Bonomo, proponendosi di offrire un prodotto con una veste raffinata, frutto di un’attenta ricerca, curata nei minimi dettagli, che coniuga eleganza e versatilità in tavola. La valorizzazione e il rispetto del patrimonio olivicolo locale, combinato all'utilizzo di sistemi di lavorazione all'avanguardia, si traducono in un prodotto di qualità superiore, in cui identità territoriale e aziendale si fondono con passione ed entusiasmo. Tutti i nostri oli sono certificati bio dall'annata 2018.

↑ Torna all'inizio della regione

Animacorale

Bagheria, Sicilia

liberi per natura

Animacorale è un ambizioso progetto che vede la sua realizzazione nella produzione di una linea di vini naturali, d'eccellenza, espressione della natura del territorio e delle idee della comunità che li produce. Vini bianchi autoctoni e monovarietali, provenienti da vitigni coltivati con sistemi di agricoltura biologica. Il progetto Animacorale nasce dall’idea e dal lavoro dei ragazzi dell'Associazione "Casa dei Giovani", la Comunità Terapeutica fondata e diretta da Padre Lo Bue che ha come scopo la prevenzione, la cura e riabilitazione dei tossicodipendenti. Sugli 88 ettari di terreno sottratto alla mafia, giorno dopo giorno, i ragazzi della comunità, fanno del lavoro sui campi un'occasione di crescita e riscatto sociale, lontani dauna vita di dipendenze. Il progetto è stato abbracciato con entusiasmo da Francesco Guccione, vignaiolo di grande esperienza e personalità che si distingue per la sua idea di agronomia ed enologia ispirate ai metodi naturali: potatura all'antica e nessun uso di chimica in cantina. Il risultato è un vino che riesce a comunicare lo stato d'animo di chi lo produce e del suo territorio, attraverso profumie sapori naturali, oramai sempre più rari da trovare.

↑ Torna all'inizio della regione

Elios

Alcamo, Sicilia

best of sicily

Elios è l'idea che nasce dal nostro grande amore per la Sicilia. Dopo aver lavorato per i sogni e i progetti di altri abbiamo deciso di prendere per mano le aziende agricole delle nostre famiglie per svilupparne le potenzialità. Riprendendo il lavoro dei genitori, produttori di uva e olive, ci siamo dedicati a un modello di produzione che potesse riconoscere il giusto valore a queste risorse. Per questo abbiamo scelto di chiudere la filiera, dedicandoci anche all'apicoltura, per produrre vino, olio e miele nel pieno rispetto delle loro caratteristiche di naturalità. L'idea di produrre un "vino naturale" nasce dal profondo rispetto che abbiamo per la natura. L'uomo deve, dal nostro punto di vista, accompagnare il processo di vinificazione senza un intervento invasivo e l'uso di sostanze chimiche di sintesi. Il vino non deve essere un prodotto da adeguare al gusto del consumatore ma espressione della natura e delle caratteristiche del territorio da cui provengono le uve. Per la produzione dei nostri vini non utilizziamo alcuna sostanza chimica se non una minima quantità di solfiti. Abbiamo deciso di raccontare la Sicilia attraverso il vino, per questo crediamo fermamente nelle uve autoctone Siciliane. La 2015 è stata la nostra prima annata, tutti i nostri vini sono certificati biologici.

↑ Torna all'inizio della regione

Toscana

Fattoria Lavacchio

Pontassieve, Toscana

toscanità autentica

Fattoria Lavacchio produce vini che rispecchiano la natura e le caratteristiche del territorio, dei vitigni e dell'annata. La raccolta delle uve viene effettuata a mano, secondo la più antica tradizione contadina, per una ricercata selezione della materia prima. La limitata produzione imposta alle colture biologiche garantisce, inoltre, la migliore qualità anno dopo anno. I prodotti vengono proposti solo nelle annate in cui si raggiungono le elevate caratteristiche da noi ricercate. La composizione del terreno ricco di scheletro e galestro, unitamente alle condizioni pedoclimatiche della zona, conferiscono un elevato livello qualitativo ai nostri vini, riconoscibili per la marcata tipicità che li rende profondamente legati al territorio di produzione.

↑ Torna all'inizio della regione

Tunia

Civitella in Val di Chiana, Toscana

il biologico in val di chiana

Tunia nasce nel 2008 dall’entusiasmo di tre giovani: Andrea, Chiara e Francesca; come omaggio al territorio in cui sorge, prende il suo nome dal più importante dio etrusco. Si estende su una superficie di 25 ettari, nel cuore della Val di Chiana (AR), tra boschi e colline coperte di vigneti e uliveti. Nei terreni dominano i vecchi vigneti, per la maggior parte Docg, circondati da impianti di Trebbiano, Malvasia e Vermentino e dai nuovi impianti di Cabernet Sauvignon. Tutta la produzione di Tunia avviene seguendo i metodi dell’agricoltura biologica.

↑ Torna all'inizio della regione

Palazzo Vecchio

Valiano, Toscana

austera e nobile tradizione toscana

Fattoria di Palazzo Vecchio è l'erede di quella che era nel 1400 la Fattoria di Valiano, di proprietà dell’Ospitale degli Innocenti di Firenze, si affaccia sulla Val di Chiana ed è stata zona di confine tra lo Stato Pontificio e il Gran Ducato di Toscana e testimone di grandi eventi storici tra cui la sua bonifica. Da allora ad oggi il vino è sempre stato "di casa" ma solamente nel 1980 prende vita un progetto d’innovazione che nel 1990 porta Palazzo Vecchio a produrre le prime bottiglie di Vino e un Nobile di Montepulciano che già dal nascere si presenta di bella struttura, frutto di un gran lavoro e di una terra particolarmente vocata alla viticultura.

↑ Torna all'inizio della regione

Fattoria Cerreto Libri

Pontassieve, Toscana

tradizione e biodinamica

Fattoria Cerreto Libri produce vini che rispettano il metodo di vinificazione stabilito dalla carta qualità dell'associazione "Renaissance des Appellations" in cui sono descritti i processi di vinificazione consentiti e vietati. Le uve che producono questi vini provengono da vigne di 40 anni coltivate secondo il metodo biodinamico, lieviti indigeni, so2 minima in tino, invecchiamento in legni grandi o cemento. L'Olio ExtraVergine di Oliva è ottenuto da olive provenienti esclusivamente dalla nostra fattoria. I vini e l'olio sono tutti certificati bio da un organismo di controllo riconosciuto dallo Stato (bioagricert) anche se pratichiamo una viticoltura biodinamica. Dal 2018 con la dipartita di uno dei più illuminati viticultori biodinamici toscani, Andrea Zanfei, l'azienda è portata avanti con la stessa passione dalla moglie Valentina Baldini Libri.

↑ Torna all'inizio della regione

Pietro Beconcini Agricola

San Miniato, Toscana

alla scoperta del tempranillo

Pietro Beconcini agricola è il progetto di Leonardo Beconcini ed Eva Bellagamba. La storia dell'azienda inizia nei primi anni 50. Il progetto prende corpo nei primi anni 90, con alcuni anni di studio territoriale e selezioni massali da parte di Leonardo e con la prima annata del Sangiovese in purezza nel 1995. Dal 1997 a Leonardo si affianca Eva Bellagamba, sua compagna di vita. La pazienza e la cautela con cui abbiamo intrapreso il lavoro di ricerca in campo sono stati l’effettiva chiave di tutto il lavoro futuro. I più importanti risultati sono stati in ordine cronologico: il capire profondamente i terreni, fino ad allora coltivati in maniera arcaica, la selezione di due cloni di Sangiovese locali con cui ancor oggi produciamo vini, la scelta di incrementare la presenza di Malvasia Nera(fedele compagno di viaggio del Sangiovese) e infine l’aver individuato la presenza insospettabile a San Miniato di questa pianta fantastica che oggi finalmente sappiamo essere Tempranillo.

↑ Torna all'inizio della regione

Il Calamaio

San Macario, Toscana

piccola azienda, grande passione

Il Calamaio, tanto lavoro e molta passione, questa è la ricetta che utilizziamo per produrre i nostri vini, gli altri ingredienti ce li regalano la terra e l’aria di questo piccolo angolo di toscana: la collina di San Macario a Lucca. Il Calamaio nasce nel 2003 con l’acquisizione di una proprietà dismessa a San Macario a circa 5 km dal centro di Lucca in Toscana. Fin dall’inizio della nostra avventura abbiamo concentrato i nostri sforzi per cercare di produrre vini che pur essendo espressione del territorio non fossero mai né scontati né prevedibili. Abbiamo messo a dimora nuove barbatelle di più cloni diversi di Sangiovese, mentre nel frattempo lavoravamo duramente per recuperare le vigne vecchie (30/40 anni). L’azienda è molto piccola solo due ettari e mezzo vitati in forte pendenza. Agricoltura certificata biologica dall'ente ICEA.

↑ Torna all'inizio della regione

Pancole

San Giovanni Valdarno, Toscana

cura del dettaglio in valdarno

Pancole è un'azienda agricola nata nel 2009 nel Valdarno Superiore, versante ovest. L'azienda si occupa della produzione di vino, olio e ortaggi, con una filosofia che privilegia la ricerca della qualità e un metodo di lavoro in grado di garantire un prodotto unico ma anche il rispetto del territorio. La superficie complessiva di Pancole si aggira attorno ai 10 ettari di cui 2 dedicati a vigneto, 7 a seminativo e 1 di bosco. Parola d'ordine a Pancole è biodiversità, il rispetto e la valorizzazione delle caratteristiche di un ambiente e, di conseguenza, dei prodotti che offre, è il modo migliore per raggiungere risultati organolettici unici. Per questo motivo abbiamo, fin da subito, rifiutato di cercare le grandi produzioni e i ritmi forsennati, proponendoci sul mercato come veri e propri artigiani della terra. Non ho al momento certificazioni biologiche ma conduco l’intera azienda a biologico. Utilizzo anche alcune pratiche biodinamiche: utilizzo di preparati, concimo solo con letame proveniente da un’azienda confinante che lavora in biodinamica. In cantina utilizzo lieviti selezionati su supporto biologico, solforosa ampiamente entro i limiti del biologico e niente altro. Dal 2018 sono in corso le pratiche per la certificazione biologica (regime di conversione).

↑ Torna all'inizio della regione

Biscottificio Fortini

Pietrasanta, Toscana

biscotti artigianali versiliesi

Biscottificio Fortini vede gli albori inizialmente negli anni ’90 per la realizzazione di catering, alla quale si affiancò ben presto una gastronomia nel centro di Forte dei Marmi. In quel periodo i biscotti venivano prodotti solamente per essere serviti a fine pasto durante i catering e fu solo negli anni 2000 che la produzione dei biscotti ebbe una sua autonomia. Nel 2008 l’azienda venne acquistata dal dott. Giovanni Francalancia Vivanti Siebzehner che, appassionatosi della biscotteria, chiuse il catering decidendo di puntare tutto sui biscotti, inventando poi nuove ricette fino a definire gli attuali quindici gusti. Da allora la lavorazione è sempre più manuale e la strumentazione è ridotta al minimo: una impastatrice a braccia tuffanti “Artofex”, un banco di lavoro per arrotolare a mano i biscotti, un forno rotativo mono-carrello ed una piccola impacchettatrice per confezionarli singolarmente. I Fortini è oggi un piccolo laboratorio artigianale di biscotteria da forno a Pietrasanta (LU), nel cuore della Versilia, dove lavorano Giovanni e il figlio Riccardo, entrato in azienda nel 2015 dopo varie esperienze in viticoltura ed agricoltura.# Ricordiamo a tutti che non abbiamo mai scorte di magazzino, pertanto gli ordini vengono sempre evasi preparando i biscotti appositamente.Ciò permette di consegnarveli freschissimi, ma allunga un po' i tempi di evasione degli ordini.

↑ Torna all'inizio della regione

Trentino-Alto Adige

Maso Grener

Lavis, Trentino-Alto Adige

affidabile operosità trentina

Maso Grener inizia la sua storia negli anni 70, quando ci siamo incontrati e frequentati durante gli studi presso la scuola di Enologia a San Michele all'Adige in Trentino. Nel 2013, con la nostra famiglia, abbiamo deciso di completare il progetto di Maso Grener con la produzione dei vini ottenuti dalle uve del Maso. Possiamo contare oggi su circa 5 ettari coltivati a vigneto e in parte a frutteto e bosco. I vigneti vengono coltivati da molti anni seguendo principi del "Progetto Qualità" e adottando molte buone pratiche della coltivazione Biologica e Biodinamica che condividiamo. Anche la costruzione del Maso e la gestione sono improntati al rispetto dei principi della bio-edilizia e del risparmio energetico. I vigneti di Maso Grener sono localizzati nei pressi del Maso, in località Tratta (Chardonnay e Sauvignon) e Bindesi (Pinot Nero), sulle colline Avisiane, ad una quota di 330-390 m s.l.m. In cantina adottiamo delle pratiche di vinificazione orientate all’espressione “fedele” delle caratteristiche delle uve di maso Grener, variabili in funzione del clima e delle diverse annate.

↑ Torna all'inizio della regione

Distilleria Paolazzi Vittorio

Faver, Trentino-Alto Adige

l'antica arte del lambicar

Distilleria Paolazzi Vittorio nasce nel 1962 a Faver in Valle di Cembra per continuare la tradizione del "lambicar" di famiglia, oggi portata avanti dal figlio Martino. Dopo la prima guerra mondiale la distillazione delle vinacce era divenuta illegale ed effettuata in Valle di Cembra in maniera clandestina: un'operazione rischiosa che consentiva però la sopravvivenza di un'economia contadina assai dura e povera. E' proprio per questo che il termine dialettale "lambicar" assume il doppio significato ossia "Arte di produrre la grappa (Distillare)" e "condurre una vita di stenti e fatiche nella povera realtà contadina di un tempo". Il bisnonno paterno Giuseppe era titolare di un alambicco prima dell'annessione del Trentino all'Italia, quando la produzione di grappa per uso domestico era consentita. Successivamente il nipote Vittorio, terminati gli studi presso l'Istituto Agrario di San Michele, decide di rendere nobile l'attività del "lambicar" dell'azienda agricola familiare creando una piccola distilleria. Per rispettare la tradizione Trentina e cembrana viene scelto il metodo di distillazione discontinuo a vapore. Oggi, dopo cinquantatre anni di attività, la piccola distilleria è cresciuta ed ha accumulato molta esperienza nel distillare e nel curare tutti quei particolari necessari ad ottenere prodotti di qualità, mantenendo tipicità e tradizionalità.

↑ Torna all'inizio della regione

Cembrani Doc

Cembra, Trentino-Alto Adige

un progetto condiviso

Cembrani Doc è un consorzio di produttori che ha come missione la promozione dell’unicità territoriale della Valle di Cembra, dei suoi agricoltori e delle sue eccellenti produzioni, che racchiudono valori antichi di passione, mutualità e dedizione. In tre parole: Territorio, Persone, Prodotto. A tal fine, il Consorzio ha deciso di racchiudere in una linea di prodotti blend le migliori produzioni delle aziende consorziate, dedicando al territorio stesso il risultato: 708 km Cembrani Bianco e 708 km Cembrani Rosso, oltre a una grappa. Prodotti ambasciatori delle eccellenze del territorio della Valle di Cembra, della sua identità e dell’unità delle aziende consorziate. Ogni azienda ha selezionato una zona particolare, ne ha vinificato le uve e conferite al Consorzio per la creazione di un blend eccezionale, di quanto di meglio si possa produrre.

↑ Torna all'inizio della regione

Pitzner

Cardano, Trentino-Alto Adige

eleganza altoatesina

Pitzner produce vini che prendono corpo da un’idea: la gioventù impara dalla vecchiaia e la vecchiaia trae dalla gioventù nuova ispirazione. Siamo una tra le più piccole cantine del Trentino Alto Adige, e integriamo il più possibile il microclima e le caratteristiche territoriali nel processo produttivo; una lavorazione ben coordinata e rispettosa è la base per la qualità dei nostri vini. Lavoriamo con scrupolo, cercando di intaccare il meno possibile la natura, e di trovare con essa la massima armonia. Le vigne crescono su terreni calcarei, sabbiosi e profondi. Strutturati e minerali, i nostri vini diventano un'esperienza di gusto dal carattere forte, ma soprattutto di lunga durata. La riduzione controllata delle quantità porta a una maggiore concentrazione di sostanze nell'uva e definisce la qualità superiore del prodotto finale.

↑ Torna all'inizio della regione

Umbria

Palazzone

Orvieto, Umbria

eccellenza umbra

Palazzone si affaccia su Orvieto e fa dell’Orvieto il suo valore aggiunto. Qui, tra le vigne verdi che come un mare incorniciano la vista di Rocca Ripesena, potete trovare Giovanni Dubini: scarpe sporche di fango e mani da lavoratore, perché il vino si fa in mezzo alla vigna. Terre Vineate, Campo del Guardiano e Armaleo sono i nostri gioielli ma, fidatevi, c’è molto altro da scoprire. Fatelo intanto qui sul web e poi, magari, con una visita in cantina.

↑ Torna all'inizio della regione

Cantine Giorgio Lungarotti

Torgiano, Umbria

cinquant'anni di tradizione

Cantine Giorgio Lungarotti è Torgiano, il territorio che ha reso famosa l’Umbria del vino. Fondata da Giorgio Lungarotti agli inizi degli anni 60, l’azienda è ora diretta dalle sorelle Chiara e Teresa. Il loro impegno e l’apertura all’innovazione che le contraddistingue hanno apportato un forte slancio all’azienda, rafforzando l’esempio concreto di positività familiare costruito a garanzia non solo del presente ma anche del futuro.

↑ Torna all'inizio della regione

Antonelli San Marco

Montefalco, Umbria

la grandezza del Sagrantino

Antonelli San Marco è al centro della zona Docg di Montefalco. I terreni, argillosi e ricchi di calcare, hanno origine geologica diversa: profondi alcuni, ricchi di scheletro altri, che conferiscono ai vini sfumature intense e variegate; colline austere, circondate da boschi, dal microclima ideale per la vite e l’olivo. Dieci ettari sono dedicati ad oliveto, cinquanta a vigneto, disposti sulla sommità delle colline e orientati a sud e ad ovest. Coltiviamo prevalentemente varietà autoctone: Grechetto e Trebbiano Spoletino per i bianchi, Sangiovese e Sagrantino per i rossi. Al centro dell’Azienda, proprio sotto l’antica casa padronale, si trova la Cantina, completamente interrata e progettata per la vinificazione a caduta, che prevede cioè l’ingresso del pigiato nei fermentini e il successivo scarico delle vinacce senza l’uso di pompe, ma per gravità. Si vinificano solo uve di propria produzione, da agricoltura biologica, così da offrire un prodotto di cui si abbia il pieno controllo in ogni fase, con in più la garanzia della certificazione biologica sia delle uve che dei vini.

↑ Torna all'inizio della regione

Raìna

Montefalco, Umbria

vini da bere da agricoltura biodinamica

Raìna era il soprannome del contadino che prima di noi coltivava queste terre. Abbiamo così voluto mantenere vivo il legame col passato. La nostra cantina nasce nel 2002. I vigneti, 10 ettari impiantati tra il 2002 e il 2008, sono posti ad una quota compresa tra 220 e 300 metri sul livello del mare. Il suolo che li compone è di medio impasto, ricco di scheletro. Dal 2012 pratichiamo l’agricoltura biodinamica. Il vignaiolo, secondo noi, ha il compito di custodire la terra che lo ospita, senza impoverirla. La biodinamica, in tale ottica, ci consente di conservare la ricchezza del suolo e di rinforzare progressivamente le piante, le cui radici sono stimolate dai preparati a scendere sempre più in profondità. Non usiamo concimi chimici, diserbanti né fitofarmaci di sintesi. Per i trattamenti ci avvaliamo di bassi dosaggi di rame e zolfo, infusi e decotti di piante, per le concimazioni facciamo ricorso ai preparati biodinamici e ai sovesci. Tutte le fasi di lavorazione, dalla potatura alla vendemmia, avvengono manualmente. In cantina non usiamo pratiche invasive né alcun prodotto chimico al di fuori dei solfiti (dai 30 ai 50 mg di solorosa totale). Le fermentazioni possono avvenire spontaneamente o grazie all’inoculo di piedi di fermentazione preparati con le nostre uve, senza quindi mai ricorrere ai lieviti selezionati e agli attivanti di fermentazione. Non utilizziamo enzimi estrattori, tannini, mannoproteine, chiarificanti o altri prodotti che, secondo noi, alterano la natura del vino. Essendo vini vivi si raccomanda di conservarli in maniera adeguata, cercando di tenerli a riparo da fonti di calore e repentini sbalzi termici e si consiglia di stapparli qualche minuto prima di servirli.

↑ Torna all'inizio della regione

Valle d Aosta

Grosjean

Quart, Valle d Aosta

vini di montagna

Grosjean vini, una storia che parte da lontano. Dal 1781 da Fornet, piccolo villaggio della Valgrisenche, ormai sepolto dall'acqua della diga di Beauregard, scendevano i nonni materni fin qui ad Ollignan per rifornirsi del vino e delle castagne per superare i lunghi inverni montani; fu poi nel 1969, stimolato dall'amico Pino Albaney, che Papà Dauphin iniziò ad imbottigliare il proprio vino per presentarlo alla "II Exposition des Vins du Val d'Aoste": fu proprio questa fiera che stimolò l'iniziativa che portò l'azienda dai 3.000 mq di vigneto agli attuali 10 ettari, coinvolgendo nell'attività i 5 figli. L'azienda è situata sul confine dei comuni di Quart e Saint Christophe dove si trovano i vigneti di Tzeriat, Rovettaz, Creton, Touren a Quart, Merletta, Castello Passerin d'Entreves e Senin a Saint Christophe. Le viti coltivate inizialmente, oltre al tradizionale petit rouge, furono il gamay, il pinot noir e la petite arvine, mentre attualmente si stanno coltivando anche gli autoctoni fumin, cornalin, prëmetta e vuillermin. Le tecniche colturali sono profondamente legate al rispetto dell'ambiente pertanto è dal 1975 che non vengono effettuati trattamenti insetticidi e acaricidi e le concimazioni vengono effettuate rigorosamente con concimi di origine organica.

↑ Torna all'inizio della regione

Veneto

Carlo Boscaini

Sant'Ambrogio di Valpolicella, Veneto

nel cuore della valpolicella

Carlo Boscaini, Amarone tradizionale nel cuore della Valpolicella storica. Viviamo da tanti anni in questa meravigliosa piccola vallata. In un posto così bello ed adatto alla coltivazione della vite non può che venirne fuori dell'uva eccellente. Noi non dobbiamo fare altro che spremerla e cercare di non rovinarla. I nostri vini sono il risultato della semplice pigiatura e conservazione dei frutti di questo meraviglioso posto.

↑ Torna all'inizio della regione

Cristiana Meggiolaro

Ronca' , Veneto

durella e garganega da terreni vulcanici

Cristiana Meggiolaro è la nostra piccola azienda a gestione familiare. Si trova in Veneto tra la provincia di Verona e quella di Vicenza, sulle colline di Ronca' (VR). Custodi della Natura, produciamo vino per passione. La gestione delle vigne e la vinificazione in cantina avvengono escludendo l'utilizzo di qualsiasi sostanza chimica e di ogni tipo di trattamento coadiuvante. I vini provengono da uve autoctone Durella e Garganega e trasmettono l'energia e le caratteristiche straordinarie della nostra Terra.

↑ Torna all'inizio della regione

Piovene Porto Godi

Toara di Villaga, Veneto

il tai rosso dei colli berici

Piovene Porto Godi si trova nel cuore dei Colli Berici dal 1500, angolo ancora incontaminato a sud di Vicenza. Con il nostro lavoro cerchiamo di coniugare tradizione, innovazione e assoluto rispetto dell’ambiente naturale e delle sue caratteristiche. Vitigni autoctoni e internazionali danno vita ai nostri vini che esprimono in maniera autentica il territorio e il carattere dei Colli Berici.

↑ Torna all'inizio della regione

Fratelli Collavo

Valdobbiadene, Veneto

prosecco autentici, con e senza fondo

Fratelli Collavo nasce dal desiderio di tre fratelli, Massimo, Marco e Mauro di proseguire l’attività iniziata dal padre Cesare negli anni ’60. L’azienda si estende su di una superficie di circa 8 ettari, di cui cinque coltivati a vigneto, circa un ettaro a cereali a rotazione ed il resto prato stabile e bosco. Definire il nostro metodo di lavoro semplicemente come agricoltura biologica ci appare un po’ riduttivo rispetto allo spirito con cui conduciamo la nostra attività. Il metodo biologico è per noi il punto di partenza da cui sviluppare un approccio alla coltivazione più sostenibile possibile, in armonia con l’ambiente che circonda le nostre proprietà e con le specie vegetali che le occupano. L’impiego della silice attiva (idea “rubata” alla biodinamica) come sinergizzante ed induttore di resistenza ha portato in questi anni ad una costante riduzione del quantitativo di rame per la difesa dal nostro nemico principale, cioè la temuta Peronospora (Plasompara Viticola). Siamo convinti che solo attraverso dei comportamenti che vedano la natura come una nostra alleata e le attribuiscano un ruolo da protagonista si possa ripensare ad una forma di agricoltura di tipo collaborativo e non come puro sfruttamento, destinato inevitabilmente ad esaurirsi nel tempo. Anche nel processo di vinificazione seguiamo gli stessi principi: le nostre uve sono rigorosamente vendemmiate a mano, pigiate tempestivamente per evitare il proliferare della carica batterica (e, quindi, ridurre al minimo l’utilizzo dell’anidride solforosa) e lasciate fermentare con i propri lieviti spontanei.

↑ Torna all'inizio della regione

I Stefanini

Monteforte d'Alpone, Veneto

declinazione soave

I Stefanini è una realtà relativamente nuova nel panorama vitivinicolo del Soave (2003), ma affonda le sue radici indietro nel tempo, siamo infatti agricoltori e viticoltori dall'800 nella vallata d'Alpone, dove si tramandano da padre in figlio, la coltivazione e la cura dei vigneti. La passione per il vino ha sempre contraddistinto la nostra famiglia, la cura della vite e l'amore per la terra sono coniugate a tecniche agronomiche di grande rispetto per l'ambiente. La produzione è eseguita con le migliori tecnologie nel rispetto assoluto della tradizione e soprattutto con l'unico obiettivo: la qualità. I terreni vulcanici ci aiutano a dar vita a tre tipologie di Soave con caratteristiche ogni anno diverse ed assolutamente uniche.