assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Il Pareto Toscana 1996

Tenuta di Nozzole

di Filippo Ronco
  • Via di Nozzole 12, Greve in Chianti (SI)
  • denominazione: Igt - Indicazione Geografica Tipica
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: cabernet sauvignon 100%
  • alcool: 13,5º
Il Pareto Toscana
NOME VINO: Il Pareto Toscana 1996
PRODUTTORE: Tenuta di Nozzole
ZONA: Toscana - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Scende opulento tra le pareti del calice ammantandone armoniosamente ogni dove con la sua grande consistenza. E' di un bellissimo rosso rubino con decisi riflessi granata, fitto e limpidissimo. All'esame olfattivo emergono potenti sentori diversi in successione: dapprima il frutto rosso maturo, scuro, intenso e persistente, poi un lieve erbaceo e poi spezie ed erbe a non finire, intense e complesse. La bocca è inebriante. Dapprima ti stordisce con la sua forza e il suo tannino - mai ruvido - addolcito dal frutto che torna con tutta la sua eleganza e finezza. Poi le spezie. Avverti, nitidi, i sentori della barrique che ricordi tuttavia più in deglutizione che all'impatto, ma mai in modo fastidioso o invadente, al contrario, con grande finezza ed eleganza. Il finale è lungo, intenso e persistente con una piacevole nota di liquirizia, pepe nero e mirtillo sotto spirito che lasciano a lungo ricordo di se. Vino di grande importanza ed equilibrio gustativo. Ancora molto giovane a nostro avviso, da riassaggiare con il massimo interesse tra 5/6 anni almeno. Nota di merito, nonostante l'internazionalità del vitigno, la riconoscibilità del territorio di provenienza. Gran bel lavoro, vicino alla perfezione.
  • condividi su   Facebook
  • 3859
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Filippo Ronco I MIEI VINI

#2 Commenti

  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Ho nitido il ricordo di una bella giornata trascorsa con i miei cari un po' di tempo fa innaffiata da un Il Pareto 2001 (conservo ancora la bottiglia), gran cabernet chiantigiano!

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Uh, degustazione vecchissima, del 2003. Mi hai fatto notare come cambia, nel tempo, il modo di raccontare di vino. Molta più umiltà oggi rispetto ad allora, paradossalmente, molta più semplicità ed informalità, meno pomposità, meno sicumera, molti più dubbi :)

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #2

inserisci un commento