assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Barbera d'Alba Cà di Cairé 2005

Rolfo Emanuele

di Andrea Federici
  • Borgata Valle Casette, 52, Montà d'Alba (CN)
  • denominazione: Docg - Denominazione di origine controllata e garantita
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: Barbera
  • alcool: 13,5º
Barbera d'Alba Cà di Cairé
NOME VINO: Barbera d'Alba Cà di Cairé 2005
PRODUTTORE: Rolfo Emanuele
ZONA: Piemonte - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Barbera d'Alba Cà di Cairé 2005

La Barbera, da13,5%, viene prodotta con una macerazione di circa 25 giorni ed un affinamento in piccola parte in barrique e in parte in botti da 25hl.
Rubino intenso, quasi impenetrabile, tendente al granato.
Ha una bella complessità olfattiva: frutta rossa scura, amerena in confettura, una speziatura ad accompagnarla, cacao.
In bocca una bella rotondità, acidità notevole, un tannino equilibrato ed un ottima persistenza.
Mi ha sorpreso positivamente. Già una bella beva, ma ritengo si possa evolvere davvero bene.

Sono entrato in contatto con Emanuele Rolfo proprio via Vinix.
Un valido produttore che non avevo avuto in precedenza il piacere di conoscere.

L'Azienda Agricola Cà di Cairè è a Montà d'Alba, uno dei comuni più a nord del cuneese, nella zona del Roero a sinistra del fiume Tanaro.
Fondata nel 1979 dai genitori, Francesco e Amalia, l'azienda è ormai da qualche anno gestita da Emanule, enologo che, in base alle esperienze fatte precedentemente presso altri viticoltori, applica la "sua" filosofia produttiva in cui crede.

I vigneti dell'azienda sono in una zona del Roero dal microclima particolarmente favorevole, lungo pendii ben esposti al sole su di un terreno sabbioso ricco di fossili.
Sono concimati a letame e, nel ciclo produttivo, Emanuele pone particolare attenzione in uno dei punti cruciali per ottenere vino di qualità: le tecniche in vigna. Nel suo caso fondate sull'interpretazione del territorio. La vendemmia è manuale.

Altrettanta cura Emanuele l'ha in cantina dove applica moderne tecnologie produttive, con l'obiettivo però di non stravolgere le caratteristiche del prodotto, riportando quindi in bottiglia la tipicità del suo terroir.
Si barrique quindi, ma con attenzione, ed in alcuni casi, per aumentare la longevità del vino di alcune bottiglie prodotte, un leggero affinamento in botte grande.

In conclusione non posso che confermare buono il vino bevuto ed altrettanto i prezzi a cui lo si trova sul mercato. E mi prefiggo a breve (+ o breve ma spero comunque presto, ndr) di rifare un salto nel Roero per andarlo a trovare.

Ultima chicca: il tappo a vite per l'Arneis dell'ultima annata.
Passo recente e non sempre facile da accettare per consumatori poco propensi all'innovazione.
Per un Arneis però, dalla bevibilità immediata, ritengo personalemente sia una valida scelta.


  • condividi su   Facebook
  • 4958
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Andrea Federici I MIEI VINI

  • Roero Riserva
    @ @ @ @ @

    Roero Riserva

    inserito da Andrea Federici
    Macerazione lunga (20gg) con frequenti rimontaggi, poi post-malolattica affina 6 mesi in botti di rovere da 25hl. Dal bel rubino con unghia granato,...

    • 0
    • 5110
  • Picol
    @ @ @ @ @

    Picol

    inserito da Andrea Federici
    A differenza delle belle giornate trascorse con altri produttori locali, da Lis Neris non avevo preso appuntamento. Ahimè mi sono limitato...

    • 0
    • 4130

#0 Commenti

inserisci un commento