assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Langhe Nebiolo 2008

Mascarello Bartolo

di Niccolò Desenzani
  • Via Roma, 15, Barolo (CN)
  • denominazione: Doc - Denominazione di origine controllata
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: Nebbiolo
  • alcool: 13,5º
  • prezzo: 18-20 €
Langhe Nebiolo
NOME VINO: Langhe Nebiolo 2008
PRODUTTORE: Mascarello Bartolo
ZONA: Piemonte - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Ziliani (a cui rubo la foto) l'ha definito "un barolino","un'introduzione ideale al Barolo", sottolineando, come pure nel caso del nebbiolo di Giuseppe Mascarello, come i nebbioli di langa che portano il semplice nome del vitigno (talvolta con una sola b "perché è più dolce" come diceva Cappellano o comunque perché così si scriveva anticamente), non rispondendo a obblighi di disciplinare spesso inutili, vadano comunque visti nella prospettiva del loro esponente più blasonato. E' una prospettiva che ha la sua ragion d'essere, perché spesso è nei barolo che si ritrova l'eccellenza dei nebbiolo del piemonte meridionale e la mappatura delle zone del Barolo è una conquista culturale importantissima. Eppure essere semplicemente nebbiolo, libero da molti vincoli e dalle mode è una condizione che ha i suoi vantaggi e dalla quale possono sortire vini meno omologati, talvolta più sperimentali e non di rado più ancestrali.
Questo Nebiolo di Mascarello non è certo sperimentale, è un vino abbastanza sofisticato, vinificato in stile barolesco. Il suo bello sta nei tannini, non troppo smussati dal tempo, ma veramente piacevoli e per nulla aggressivi. E' poi un vino balsamico, che si ripropone per via retronasale con un'ampiezza non comune. E' un vino dal gusto complesso e multicolore. Infine è vino estremamente bevibile e godurioso. Per contro io ci ho trovato una dolcezza di fondo che non ho apprezzato. Sul dolce nel vino ho riscontrato molto spesso differenze di percezione confrontandomi con altri bevitori, quindi l'ultimo giudizio espresso per qualcuno sembrerà fuori luogo. Eppure io confido nella mia percezione al punto di credere che in questo nebbiolo vi sia in realtà un piccolo difetto. Immagino che questo tipo di problema sia legato all'uva di quell'annata, di quella zona specifica da cui proviene e magari da certe condizioni che si sono verificate in cantina e mi pare che questa etichetta nasca proprio come declassamento di parti che non presentano le caratteristiche di eccellenza per diventare barolo. E forse è da amare questo vino anche per il suo difetto, che rifletterebbe la scelta di Maria Teresa Mascarello di non intevenire nel processo con forzature, di non scegliere la via più facile delle fermentazioni supercontrollate, ma di accettare come parte del gioco che le cose non vadano sempre per il meglio. E poi avercene di vini difettosi in questo modo!
  • condividi su   Facebook
  • 3149
  • 0
  • 1

vedi tutte le degustazioni di Niccolò Desenzani I MIEI VINI

  • Au Suivant...
    @ @ @ @ @

    Au Suivant...

    inserito da Niccolò Desenzani
    Si presenta denso e cupo. Profumo ben risolto, materico, solido. In bocca è piuttosto duro con tannini ruvidi, consistenza spessa e polverosa....

    • 0
    • 3417
  • Le blanc Pastoreccie
    @ @ @ @ @

    Le blanc Pastoreccie

    inserito da Niccolò Desenzani
    Qualcuno dirà che gli manca un po' di acidità. Ma proprio quando manca quello zic, si può dare più spazio alla profondità, alla cremosità, alla...

    • 2
    • 3707

#0 Commenti

inserisci un commento