assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Canavese Rosso Cantagrì 2007

Silva

di Fabrizio Gallino
  • denominazione: Doc - Denominazione di origine controllata
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: Nebbiolo, Barbera, Freisa, Bonarda e Neretto
  • prezzo: 11 euro €
Canavese Rosso Cantagrì
NOME VINO: Canavese Rosso Cantagrì 2007
PRODUTTORE: Silva
ZONA: Piemonte - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Il Canavese è sicuramente conosciuto per il suo Erbaluce, vitigno a bacca bianca per eccelenza. Eppure in passato era anche terra da rossi (e il Carema, che si può definire ancora canavesano, ne è la riprova). Però dopo la scoperta dell'Erbaluce e della sua poliedricità (in fondo, che io sappia, è l'unico vitigno a bacca bianca da cui si può tirare fuori un bianco fermo, un metodo classico ed un pssito da favola), i vitigni a bacca rossa sono stati relgati ad un ruolo marginale. Alcuni produttori, però, negli ultimi anni stanno cercando di tirare fuori qualche prodotto interessante. Cieck ha provato a vinificare in purezza in Neretto, altri produttori, tipo Crosio puntano sulla barbera.
In questo caso ci troviamo di fronte ad un blend di Nebbiolo, Barbera, Freisa, Bonarda e Neretto, di un certo interesse. Non è dichirato se il vino fa passaggio in legno ma il naso suggerirebbe che un affinamento di quel tipo è possibile che ci si stato.
Bel colore rubino carico ed intenso, profondo, quasi impentrabile. » un vino che mi viene da definire materico, perchè scorre lento lungo il bordo del bicchiere e perchè mi da l'idea che ci sia polpa. Polpa di frutti rossi, marasca,, frutti di bosco i primi sentori che vengono percepiti al naso. Poi arriva un profilo speziato ed è per questo che mi viene da pensare al legno: sentori dolci, vaniglia, tabacco, liquirizia e cacao. Abbastanza complesso e piacevole nel suo insieme. In bocca entra lievemente, senza mostrare i muscoli ma con una buon personalità. Rotondo, con una discreta acidità e spidità, pecca forse un poco sul lato dei tannini, che risultano essere un po' seduti (probabilmente il blend non ha nebbiolo e freisa come componenti principali). Risulta comunque una bevuta piacevole e tutto sommato convincente, per essere un rosso di una terra di bianchi.
  • condividi su   Facebook
  • 5466
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Fabrizio Gallino I MIEI VINI

  • Sameti Rosso Toscano Igt
    @ @ @ @ @

    Sameti Rosso Toscano Igt

    inserito da Fabrizio Gallino
    Un rosso, toscano, con un vitigno alloctono, il Merlot. E un vino che si lascia bere con semplicità e piacevolezza. Non è "troppo" in...

    • 0
    • 5272
  • Valle d'Aosta Fumin
    @ @ @ @ @

    Valle d'Aosta Fumin

    inserito da Fabrizio Gallino
    Non me ne vogliano i vignerons valdostani, ma per un forestiero entrare dentro Les Crétes, è un po' come entrare nel "sancta sanctorum"...

    • 2
    • 5243

#3 Commenti

  • Luigi Fracchia

    Luigi Fracchia

    Fabrizio che ne dici dello Chenin blanc come bianco a triplice predisposizione? non male nenche il riesling no! auguri per l'erbaluce comunque.
    Luigi

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Fabrizio Gallino

    Fabrizio Gallino

    Hai ragione, dovevo specificare vitigno a bacca bianca italico... però l'erbaluce ha un suo sporco perchè, diamogli fiducia, dai :-)

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Luigi Fracchia

    Luigi Fracchia

    L'erbaluce dà dei passiti che possono rivaleggiare con i migliori del mondo, spumanti eccellenti è sui bianchi secchi e fermi che ho delle perplessità.
    Aspetto con ansia che tu mi faccia cambiare idea.
    Io fiducia la dò a tutti, anche a me che non la merito.

    link a questo commento 0 0
    #3

inserisci un commento