assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Ortrugo ''sur lie'' 2009

Croci Tenuta Vitivinicola

di Niccolò Desenzani
  • Localit� Monterosso, Castell'Arquato (PC)
  • denominazione: Doc - Denominazione di origine controllata
  • tipologia: Bianco
  • vitigni: Ortrugo
  • alcool: 12,5º
  • prezzo: 7,5 €
Ortrugo ''sur lie''
NOME VINO: Ortrugo ''sur lie'' 2009
PRODUTTORE: Croci Tenuta Vitivinicola
ZONA: Emilia Romagna - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Un vero colpo di fulmine. Per un prezzo molto basso, ho avuto la sensazione di scoprire un gioiello di genuinità e di bevibilità. Si tratta di un vino bianco parzialmente rifermentato in bottiglia (vedi http://www.vinicroci.com/prodotti.htm).
Probabilmente dovuto alla breve macerazione sulle bucce, oltre che alle caratteristiche del vitigno, si presenta con un bellissimo color oro, appena ambrato. Il gas dei lieviti è distribuito nella materia con discrezione e modesta mobilità, come è giusto che sia. Al naso è una storia a sé. Non è facile collocarlo vicino ad altri vini bianchi, ma piuttosto fa pensare a una sorta di sidro non aromatico. Però gli aromi sono assolutamente eleganti e scolpiti: in un paio di bottiglie io ci ho sentito un che di letame, ma parliamo di un tal livello di rarefazione, che diventa un aroma piacevole e molto nobile, tant'è che la terza bottiglia che ho assaggiato, non riportava più questo aroma, ma la sua versione sviluppata che fatico a descrivere, ma spinge a cercarla ripetutamente col naso nel bicchiere. Ho rilevato, in particolare in questa terza bottiglia, una pienezza che mi rimandava alla frutta gialla, non molto matura, e un cenno di idrocarburo. Infine una nota zuccherosa, che proprio non avevo sentito nelle bottiglie precedenti.
In bocca è vino di buona acidità e di gusto molto pieno (leggi sapidità e umami). In corrispondenza dell'aroma che fatico a descrivere c'è il suo omologo in bocca: un insieme di sapori sottili che rimandano dapprima alla frutta, e poi invece alla mineralità e alla profondità del vino, che infine risulta piuttosto complesso. Bevibilità eccezionale.
Una nota sulle bollicine: qualche rotazione del vino in un bicchiere panciuto fanno dileguare quasi tutto il gas lasciando comunque un vino ancora pieno di vitalità e di cui si riesce a cogliere ancor meglio la precisione enologica.
Ribevuto a distanza di 2 mesi e mezzo il vino prosegue la sua vita in bottiglia ed è più secco e un po' gessoso. Un vino vivo!
Nel frattempo per un cavillo legale non potrà più essere usata la dicitura "sur lie" della cui esclusiva potranno fregiarsi solo alcuni vini "petnat" francesi. No comment!
  • condividi su   Facebook
  • 3131
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Niccolò Desenzani I MIEI VINI

  • Au Suivant...
    @ @ @ @ @

    Au Suivant...

    inserito da Niccolò Desenzani
    Si presenta denso e cupo. Profumo ben risolto, materico, solido. In bocca è piuttosto duro con tannini ruvidi, consistenza spessa e polverosa....

    • 0
    • 3092
  • Le blanc Pastoreccie
    @ @ @ @ @

    Le blanc Pastoreccie

    inserito da Niccolò Desenzani
    Qualcuno dirà che gli manca un po' di acidità. Ma proprio quando manca quello zic, si può dare più spazio alla profondità, alla cremosità, alla...

    • 2
    • 3294

#0 Commenti

inserisci un commento