assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Torgiano Rosso Rubesco Riserva Vigna Monticchio 2003

Lungarotti

di Simona Venditti
  • Viale Giorgio Lungarotti, 2, Torgiano (PG)
  • denominazione: Docg - Denominazione di origine controllata e garantita
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: Sangiovese 70%, Canaiolo 30%
  • alcool: 13.5%º
Torgiano Rosso Rubesco Riserva Vigna Monticchio
NOME VINO: Torgiano Rosso Rubesco Riserva Vigna Monticchio 2003
PRODUTTORE: Lungarotti
ZONA: Umbria - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Giorgio Lungarotti fondò l'Azienda negli anni '60, e oggi a condurre le retini di questa vivida realtà, espressione di territorialità (e quando dico territorialità intendo sempre rispetto per il Terroir, per le piante e i loro frutti), sono le due sorelle, Chiara e Teresa, che grazie al loro impegno raggiungono risultati sempre maggiori. Oggi stappiamo un Torgiano Rosso Riserva del 2003, sulla cui bottiglia, belle le bottiglie un po' pesanti, è ben specificato: vino non filtrato.
Bene bene.
Dopo una fermentazione sulle bucce in acciaio, fa un affinamento di 12 mesi in legno, botti e botticelle di rovere, quindi una lunga sosta in bottiglia per diversi anni. Questo procedimento gli conferisce una maggiore profondità olfattiva ed una non indifferente capacità di invecchiamento.
Colore: rosso fra il rubino e il granato, limpido e luminoso, ma ai limiti dell'impenetrabile.
Naso: "naso scuro", di foglie secche, terra, bacche di ginepro, chiodi di garofano, eucalipto, corteccia, cuoio, cera, prugne secche, ciliegie sottospirito, fiori rossi appassiti.
Bocca: pieno, morbido, con un tannino molto elegante e composto e un perfetto equilibrio fra l'acidità e la sapidità. La bocca è pulita e appagata con una rispondenza delle note olfattive.

Ad ogni sorso sembra di riuscire a "mangiare" il vino, si rimane appagati e soddisfatti, ma la freschezza che lascia, con una piacevole velatura di liquirizia, induce a berne ancora e ancora. Molto buono.
  • condividi su   Facebook
  • 3447
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Simona Venditti I MIEI VINI

#11 Commenti

  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Bello direi! (E curioso del prezzo indicativamente).

    :-)

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    E' un grande classico di Lungarotti, un vino che sa regalare grandi emozioni con il tempo. Ricordo che la prima bottiglia di vino bevuta con una certa attenzione nella mia sia pur breve vita di appassionato fu un Rubesco base di lungarotti, il fratellino minore del vigna monticchio (in gdo sui 4,90 circa mi pare).


    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Simona Venditti

    Simona Venditti

    Ciao! L'ho comprata in un'enoteca a Roma della catena ROCCHI ENOTECHE http://www.rocchienoteca.it/, famosa per avere una buona scelta di prodotti a prezzi "saggi". Questa bottiglia l'ho pagata 20euro, se non sbaglio. Secondo me li vale, anzi, io la considero con un ottimo rapporto qualità/prezzo.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Ciao Simona, gentilissima, grazie.

    Pienamente d'accordo con te.

    Buona degu!

    :-)

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Con l'inizio dell'anno nuovo ho ricevuto la bella sorpresa di ricevere questo vino annata 1988 .. la bottiglia non è pesante e sicuramente non avrà (più) quelle caratteristiche golose come ben hai descritto tu .. se ne avrà ancora .. qui lo scatto che gli ho fatto per ora nell'attesa di stapparla prestissimo in buona compagnia :-)
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=478385848870091&set=a.158743094167703.31612.100000960404122&type=3&theater

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Claudio Celio

    Claudio Celio

    Una degustazione che arriva al momento giusto. Mio papa' mi ha regalato una bottiglia del 1977. Stesso vino. Ero molto dubbioso, Mi sono chiesto: e' il caso di aprirlo o ormai è diventato un vino da collezione. Credo che e' il caso il aprilo....

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Ciao Claudio, penso che al momento che l'aprirò, se ancora bevibile, cercherò di non far stare il vino troppo a contatto con l'aria e quindi consumarlo subito onde evitare il più possibile una ossidazione rapida.

    ...

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    scambiamoci poi le considerazioni-sorprese :-D

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Rinaldo Marcaccio

    Rinaldo Marcaccio

    Mesi fa con gli amici della Condotta Slow Food del Fermano, sono stato a Torgiano (PG) presso la Fondazione Lungarotti, per visitare i Musei dell’Olio e del Vino.
    Guidati dal personale del Museo veramente competente, nonchè appassionato, abbiamo avuto l'opportunità di fare un vero e proprio tuffo nell'archeologia vinicola e olivicola dei primordi: per possibilmente riscoprire, radici perdute o dimenticate.
    Consigliato!
    In quella occasione, presso l'adiacente Osteria del Museo, degustata guidata di qualche etichetta aziendale.
    Bianco di Torgiano doc Torre di Giano ’10 (70%trebbiano,30%grechetto) dalle note agrumate, di mela verde e fiori di zagara.
    Castel Grifone igt ’10 rosè, da uve sangiovese e canaiolo; fruttato e sapido; come il precedente adatto come entrèe, aperitivi, wine bar, finger food.
    Rosso di Torgiano doc ’07 Rubesco (70%sangiovese, 30%canaiolo); affinato in tonneau per un anno e successivo anno e mezzo in bottiglia; di buona intensità olfattiva, incentivata dal sentore alcolico; frutta nera matura in evidenza, mora, amarena e spezie dolci; equilibrato al gusto, ma di struttura media. Sostanzialmente tre vini corretti, di discreta fattura, all’interno di una fascia di prezzo che non supera i 7 €.
    Peccato non aver potuto degustare la Riserva Rubesco in quella occasione: sarebbe stata la ciliegina sulla torta!

    link a questo commento 0 0
    #9
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Un bel modo per conoscere ed approfondire il vino Rinaldo come piace fare anche a me quando posso e mi è permesso. Su Lungarotti cos'altro aggiungere.. Leggo che l'azienda (dal 1962) compie cinquant'anni, Buon compleanno e Buon Rubesco (e non solo)!

    :-)

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    ..la sorpresa del Rubesco 1988 una volta stappato non è andata oltre l'attesa ahimé nungliel'hafatta: defunto :-( colore indecifrabile mogano bruciato, sentore di straccio bagnato, acidulissimo.. qui uno scatto https://www.vinix.com/myPhoto_detailPhoto.php?ID=34667

    link a questo commento 0 0
    #11

inserisci un commento