assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Aglianico del Taburno Riserva Terra di Rivolta 2007

Fattoria La Rivolta

di Carlo Ravanello
  • Contrada Rivolta Strada Provinciale 44, Torrecuso (BN)
  • denominazione: Doc - Denominazione di origine controllata
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: Aglianico
Aglianico del Taburno Riserva Terra di Rivolta
NOME VINO: Aglianico del Taburno Riserva Terra di Rivolta 2007
PRODUTTORE: Fattoria La Rivolta
ZONA: Campania - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Questo Aglianico è un vino comment il faut, direbbero i nostri cugini d’Oltralpe. Noi, italianamente, ci limitiamo a dire che l’Aglianico del Taburno Riserva 2007 DOC Terra di Rivolta, è un gran vino. Grande per il piglio prepotente del colore; grande per i persistenti profumi varietali; grande per la variegata complessità della struttura.
Ma procediamo con ordine.
Non possiamo negare che quando di un vino ci vien detto che è prodotto con uve biologiche, sorge in noi un istintivo moto di dubbio anche perchè il vino in discussione vanta, come in questo caso, ben 5 anni di anzianità. Ma subito il colore ci conforta per quella sua intensa e viva notazione rosso rubino con (solo) lontane sfumature aranciate. Vien da pensare che i suoi antociani abbiano resistito con facilità all’ingiuria del tempo perchè sostenuti da altri, numerosi e piacevoli, polifenoli. E quando passiamo al naso cogliamo, seppur dominati dalla morbida vaniglia delle barriques, che riteniamo americane, i frutti rossi di collina appena appassiti, insieme al cuoio e a un larvato afrore di goudron. Lunga la persistenza delle numerose nuances frutto-floreali che si propongono a ventaglio durante l’olfattazione nel grande cristallo, ma ancor più complessa la formulazione delle mille sensazioni che la bocca riceve, prima risvegliata da una quasi sfacciata acidità, poi arrotondata dai numerosi e nobili tannini ma anche dal grandissimo corpo. E, infine, piacevolmente stordita da una potente presenza alcolica.
Come abbinamento ci stanno, è ovvio, tutte le grandi carni rosse, come quelle di manzo e di bufalo. Ma non stonano neppure il maiale, l’agnello e perchè no, qualche capo di bassa corte purchè degnamente preparato. Cacciagione e formaggi stagionati, ça va sans dire , sono compagni ideali.
  • condividi su   Facebook
  • 4631
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Carlo Ravanello I MIEI VINI

  • Colli di Luni Albarola
    @ @ @ @ @

    Colli di Luni Albarola

    inserito da Carlo Ravanello
    L’Albarola di Bosoni Gradito ritorno alla vinificazione in purezza di una storica varietà ligure C’è chi sostiene che l’albarola sia...

    • 3
    • 7164
  • Valtellina
    @ @ @ @ @

    Valtellina

    inserito da Carlo Ravanello
    A conti fatti.... Degustazione dei vini della Nino Negri di Chiuro (So) Genova 09.11.2011 A conti fatti, poichè conosco Casimiro Maule da...

    • 0
    • 3683

#0 Commenti

inserisci un commento