assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Aloxe-Corton Premier Cru Les Chaillots Vs/ Le Fracce Pinot Nero 2006-2007

Louis Latour Vs Le Fracce

di Andrea Dani
  • Beaune Vs Mairano di Casteggio, Beaune - Mairano di Casteggio (PV)
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: Pinot NEro
  • alcool: 13% - 14%º
Aloxe-Corton Premier Cru Les Chaillots Vs/ Le Fracce Pinot Nero
NOME VINO: Aloxe-Corton Premier Cru Les Chaillots Vs/ Le Fracce Pinot Nero 2006-2007
PRODUTTORE: Louis Latour Vs Le Fracce
ZONA: - France
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Sensazioni di degustazione "in libertà", non intende assolutamente essere un confronto, dati i due universi completamente differenti. Unico denominatore comune il vitigno, comunque cloni differenti.
Più che altro sono emersi alla degustazione concetti e modi completamete differenti di intendere il Pinot Nero, con risultati anche insospettabili.
Due premesse: il 2007 è stato un anno molto irregolare e non facilissimo per la Borgogna, soprattutto per la Cote de Beaune, con risultati molto diversi, come spesso accade, da produttore e produttore, da clos a clos. Latour è un marchio storico, di notevoli dimensioni, con una gamma amplissima in cui convivono realtà di qualità elevata con una produzione media buona ma non eccelsa (peraltro andate a vedere la querelle sulla pastorizzazione flash a cui sottopone i suoi vini...).
Le Fracce sono tra le realtà migliori dell'Oltrepo, con una produzione di qualità, alcuni picchi interessanti (Bohemi è tra i vini fermi dell'Oltrepo che ha raccolto più premi e apprezzamenti di critica e pubblico, un vino facile ma ineccepibile), ed una storia interessante.

Detto questo veniamo alla parte nota: i due vini presentano caratteristiche e impostazioni completamente differenti. Ampio, ricco, con una componente di legno ancora evidente dopo 7 anni, ma perfettamente integrata nell'insieme, tanto da fare del Pinot 2006 un campione di morbidezza, rotondità. L'estrazione è importante, il colore profondo, naso preciso e quasi didattico per l'apporto del legno, qualche "leccatura" di troppo per chi si aspetta un Pinot Nero rigoroso.
L'Aloxe-Corton invece è sulla strada dell'idea "classica" di Pinot Nero, con un naso più giocato sul frutto (ciliegia, ribes), qualche accenno animale, ma in bocca dal corpo più esile, più spoglio, con una mineralità evidente ed un'accennata eleganza, forse eccessivamente diafana a tratti. Se vogliamo, manca un po' la polpa, quasi che l'annata non abbia soddisfatto pienamente la maturazione necessaria.

Sensazioni differenti che richiedono anche abbinamenti differenti.

In soldoni, se mi si permette, nella sua più diretta "facilità", il Pinot Nero di Le Fracce sembra un vino più riuscito (annata e lavorazione) rispetto al cugino francese che, per quanto prometta una direzione più nobile, alla fine paga un'annata non spettacolare e un po' delude (o siamo noi che ci aspettiamo, da certi nomi leggendari, sempre "il vino della vita"?).
  • condividi su   Facebook
  • 1294
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Andrea Dani I MIEI VINI

  • Pitis Syrah Toscana Rosso Igt
    @ @ @ @ @

    Pitis Syrah Toscana Rosso Igt

    inserito da Andrea Dani
    Acquistato a Suvereto in un'enoteca durante un viaggio qualche anno fa, consigliatomi dallo chef di un vicino ristorante. Ho aspettato, considerato...

    • 0
    • 3332
  • Meursault Château de Blagny
    @ @ @ @ @

    Meursault Château de Blagny

    inserito da Andrea Dani
    Un Meursault che non delude le aspettative gustative e olfattive in termini di franchezza, un vino quasi didattico per i sentori di burro, nocciola,...

    • 0
    • 2052

#0 Commenti

inserisci un commento