assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Chateau Saint Vincent cuvée Camille 2005

Chateau Saint Vincent

di Andrea Pilu
  • vignoble desqueyroux et fils 1 rue pourière,
  • denominazione: AOC - Appellation d'Origine Contr�l�e
  • tipologia: Bianco
  • vitigni: Semillon 80% ,Sauvignon Balc 10% , Muscadelle 10%
  • alcool: 13,5%º
Chateau Saint Vincent cuvée Camille
NOME VINO: Chateau Saint Vincent cuvée Camille 2005
PRODUTTORE: Chateau Saint Vincent
ZONA: - France
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
La muffa grigia, la Botrytis cinerea, tocca con le sue spore che ben si acclimatano nelle valli umide del fiume Garonne, i grappoli di Semillon, Sauvignon Blanc e Muscadelle che nei mesi che precedono la raccolta sono ricoperti da questa muffa nobile che li trasformerà successivamente in oro liquido: IL SAUTERNES.

Numerosi sono gli chateau che possiamo annoverare come Top Class come ad esempio il Premier Cru Superieur Chateau d’Yquem oppure tra i Premiers Crus lo Chateau LaTour Blanche Sauternes.

Il Sauternes che ho avuto il piacere di degustare è lo Chateau Saint Vincent Cuvée Camille 2005.

Questo vino come ben riportato dal sito di riferimento della cantina ( http://www.chateau-saint-vincent.fr) nasce da sette ettari di terreno di proprietà, 2Ha posti su un altopiano argillo calcareo e 5Ha nei vigneti argillo ghiaiosi nel cuore pulsante della A.O.C. dei gran Crus Classes del Sauternes.

Come detto poco fa, gli uvaggi protagonisti sono Semillon 80%, Sauvignon Blanc 10% e Muscadelle 10%, le vigne da cui nasce questo Sauternes hanno dai 35 ai 50 anni d’età.

La cuvée Camille, ci suggerisce il sito segue un rigorosissimo disciplinare che prevede una fermentazione delle uve botritizzate in serbatoi d’acciaio inox a temperatura controllata e un affinamento in botti di circa 24 mesi con successivo affinamento in bottiglia per almeno 10 anni.

Il risultato è pressochè MITICO nel vero senso della parola, molteplici sono gli aneddoti che ognuno di noi potrebbe scrivere e inventare attorno a questo particolare vino.

Il risultato di questo lunghissimo percorso d’attesa è un miele dorato che scorrerà dalla bottiglia lento sino al vostro bicchiere.

Il vino supera in maniera egregia l’esame visivo, cristallino, prezioso, lucente di un giallo dorato, consistente, grazie ai suoi 13,5 %vol.

L’esame olfattivo è una piacevole riconferma di ricchezza e complessità, si snodano minuto dopo minuto sentori di zafferano, frutta come l’albicocca stra matura e leggere note di frutto della passione e fiori bianchi note quest’ultime legate all’uva bianca utilizzata e alla “magia” attuata dalla B.cinerea.

In bocca è suadente e coinvolgente, morbido come la seta, caldo e avvolgente con i sentori olfattivi che vengono confermati dalla papille gustative che ci ringraziano di averle cosi viziate.

I sentori gustativi sono quelli di agrumi maturi, note di zafferano e zenzero e qualche nota legata al ricordo dell’albicocca secca.

Eccezionalmente persistente, ci lascia il tempo di contemplarlo come se ci volesse far scoprire ogni lato di se e non lasciare nulla al caso, ci guida lui stesso nella degustazione e ci conduce in posti dove non siamo mai stati.

E’ un vino in cui le note eleganti donate dalla muffa “nobile” si avvertono con una piacevole scioglievolezza.

Bere una bottiglia di vino non è sempre occasione di stupore per tutti, a meno che voi non siate come me ovvero un S.O.W. ( Sick Of Wine); vi posso però garantire che se avrete la grazia di assaggiare, degustare e bere una bottiglia di Sauternes, ( ed ora generalizzo su quale essa sia), avrete la possibilità di far parte da protagonisti ad una favola Vera.

Il sauternes è un vino troppo spesso rilegato alla categoria “dessert wine” ma a mio modesto parere taluni Chateau possono esser cosi complessi ed articolati da ritagliarsi un momento e uno spazio all’interno dell’atto gastronomico.

Il livello economico per un’ottima bottiglia di Sauternes è elevato ma è cosi variabile che non indicherò prezzi minimi o medi, vi dirò “solamente” che questo è il vino che inserirei senza ombra di dubbio nei 10 VINI DA BERE PRIMA DI MORIRE perchè vino di Re Mida trasforma tutto ciò che tocca in oro.
  • condividi su   Facebook
  • 1949
  • 0
  • 0

vedi tutte le degustazioni di Andrea Pilu I MIEI VINI

  • Contadi Castaldi Brut
    @ @ @ @ @

    Contadi Castaldi Brut

    inserito da Andrea Pilu
    Sono sicuro che questa bottiglia sia lo specchio dell’azienda dove viene prodotto, tutto ha inizio con il lavoro, alla Contadi Castaldi si è...

    • 1
    • 2994
  • Medeus
    @ @ @ @ @

    Medeus

    inserito da Andrea Pilu
    Questo vino è un blend ottenuto con la vivace autorevolezza di uve autoctone dell’isola come il Cannonau e il Carignano e la certezza di uve...

    • 0
    • 3037

#0 Commenti

inserisci un commento