assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Aglianico del Vulture Terra dei Fuochi 2011

Carbone Vini

di Davide Robbiati
  • Via Nitti 48, Melfi (PZ)
  • denominazione: Doc - Denominazione di origine controllata
  • tipologia: Rosso
  • vitigni: Aglianico
  • alcool: 13.5º
Aglianico del Vulture Terra dei Fuochi
NOME VINO: Aglianico del Vulture Terra dei Fuochi 2011
PRODUTTORE: Carbone Vini
ZONA: Basilicata - Italia
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Grandissima la curiosità, dopo aver assaggiato il 2010 allo scorso evento Vinix in Cascina Cuccagna. Che incredibile differenza! Dove quello era tutto pepe e spezia esplosiva, questo 2011 è più introverso e più morbido. Molto impostato su di un frutto rosso maturo, caldo ed elegante. Le note di spezie si avvertono in lontananza, meno piccanti e più profumate: come di incenso, di canfora, di balsamico. Nonostante sia la linea di aglianico "base", pare nato con una certa idea di invecchiamento. Il palato è davvero affascinante: bell'equilibrio tra acidità e sapidità che contrastano in maniera corretta con la morbidezza del sorso. Un tannino praticamente delicato e aromi che si avvertono man mano, come cenni precisi e saporiti. La bottiglia con cui ho festeggiato il traguardo dei 200 Pirati...
Intrigante.
  • condividi su   Facebook
  • 3168
  • 0
  • 1

vedi tutte le degustazioni di Davide Robbiati I MIEI VINI

  • Picoli
    @ @ @ @ @

    Picoli

    inserito da Davide Robbiati
    C'è uno scarto percettibile tra l'ottimo e il migliore. E' il colpo di reni del saltatore, che supera l'asticella di un centimetro...

    • 1
    • 2147

#2 Commenti

  • Manilo Frattari

    Manilo Frattari

    Proprio ieri sera si discuteva con Sara, lei preferisce il 2010, dove si trova un bel pepe e si sente tanta materia, con note di frutta matura.
    Mentre io ho apprezzato di più la 2011, per la sua freschezza del frutto, concordo sulla sapidità e ritrovo un pepe bianco molto più delicato del 2010.

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Mario Gelfi - Sommelier Social Club

    Mario Gelfi - Sommelier Social Club

    Confermano anche il mio palato e le mie papille questa decisa differenza tra le due annate.
    Mi allineo con l'opinione di Sara. Il 2010 ha quel nerbo in più che soddisfa maggiormente il mio gusto.
    Un saluto,

    Mario

    link a questo commento 0 0
    #2

inserisci un commento