assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

blog

  • Mario (Pojer) and me

    Mario (Pojer) and me

    inserito da Claudia Donegaglia

    Una delle decisioni più intelligenti presa dalla mia famiglia è iniziare l'anno in montagna, così il primo gennaio, giusto il tempo di caricare le valigie, si parte per il Trentino. Martina e Domenico si sfidano sugli sci, io mi lascio assorbire da decisioni del tipo: - Devo prenotare un tavolo al rifugio Fuciade - Accidenti al Miola non hanno mai posto - Pronto Malga Panna? Si un tavolo per le 13. Dal momento che non si può pensare al cibo appena svegli, occorre impiegare il tempo in qualche modo, cercare di farsi venire fame così, complice l'ennesima giornata ventosa e senza neve, saluto gli sciatori salgo in macchina e mi dirigo verso San Michele all'Adige. Vuoi non andare a Faedo da Mario Merlino Marino Pojer? Ho conosciuto Mario in una...

  • Ho lucidato le scarpette

    Ho lucidato le scarpette

    inserito da Claudia Donegaglia

    Inutile negarlo ventisette vendemmie iniziano a farsi sentire, nella testa, nelle ossa, nella pazienza. Ventisette mesi di fermentazioni, un cambio generazionale, la certezza di essere vinosa da prima  dell'avvento dei  video dell'anidride di fermentazione, la serenità di rimanerci per qualche anno ancora. Divento vecchia, con le ossa cigolanti rese appesantite dall'umidità della cantina guardando gli affanni dei nuovi paladini del gusto, convinti innovatori che non si rendono conto di essere una voce sola nella cacofonia del tintinnio di un mare di bicchieri. Duole scriverlo ma il vino sente l'influsso delle mode. Vino dell'enologo, non è il vino dell'enologo, siamo tutti senza solfiti, io senza Riesling non so stare, l'odore di barrique per...

  • Siamo tutti leoni da tastiera

    Siamo tutti leoni da tastiera

    inserito da Claudia Donegaglia

    I giorni a ridosso del ferragosto li vivo sempre con un certo timore. L'anno corso sono stata coinvolta in un tamponamento a catena, un anno sono volata giù dalle scale fratturandomi un piede e procurandomi numerose contusioni, un'altra volta mi hanno fatto la quadrectomia al seno destro, sono stata investita da un'auto ecc, ecc. Forse c'è un allineamento negativo per il segno dei gemelli in questo periodo, oppure ho la testa in vendemmia e non presto eccessiva attenzione alla vita pratica. Cosi' questi giorni cerco di prendermela comoda ed ho anche piu' tempo per fare vita social. Non so come fare a spiegarvelo , il vino si faceva anche prima della nascita dell'enomondo in questo web senza memoria. Ci sono argomenti che tornano ciclicamente, come le maree...

  • Pinza di Mohr

    Pinza di Mohr

    inserito da Claudia Donegaglia

    Avvertenza. Questo è un post ad alto contenuto di acidità, astenersi dalla lettura deboli di cuore, astemi, enofighetti e bevietichette. Questa mattina mi sono alzata con il cervello traforato da una miriade di spilli e la cervicale in fiamme, guardo fuori, è cambiato il tempo, da brava meteopatica mi soono dopata di caffè e tachicaf e sono andata al lavoro. L''odore di cloro e soda delle sanificazione è nell'aria, i primi campioni di chardonnay stanno arrivando in laboratorio, gli orari si stanno si stanno allungando, al lavoro ci si arriva ascoltando Nina Simone a volume assassino per rimanere svegli. I giorni di quiete prima della tempesta li ho sempre odiati, forse perché soffro di un'atavica ansia da prestazione, non so. In...

  • I feticisti del trattore

    I feticisti del trattore

    inserito da Claudia Donegaglia

    Fortunatamente non sono solo un tassello enologico del cammino del grappolo alla bottiglia. Parte della mia vita è assorbita dalla mia famiglia, dalla tredicenne Martina e dal marito contadino Domenico. A casa ci sono peschi, peri, meli, susine, Trebbiano da 200 quintali per ettaro da conferire alla vicina sociale. L'impegno di mio marito e di tutti noi soprattutto nel periodo estivo è massivo e totalizzante. Complice l'andamento stagionale altalenante stiamo vedendo una maturazione disforme della frutta, con conseguente sfasamento del calendario di raccolta ed azzeramento di tempo libero e vita sociale (poi c'è chi mi scrive e mi chiede perché non sono social-presente come un tempo). Così, ieri pomeriggio, dopo aver spiaggiato la...

  • Donne con le tette Vs/ donne con il cervello

    Donne con le tette Vs/ donne con il cervello

    inserito da Claudia Donegaglia

    Ho scoperto di avere le tette in terza superiore all'istituto tecnico agrario, quando Stefano il mio timidissimo compagno di banco di allora mi disse "stai attenta agli spostamenti d'aria che provochi con quelle due cose, che mi viene il raffreddore". Per reazione il giorno dopo mi presentai in classe con i capelli rasati a zero ed una sciarpa stile turbante, volevo continuare a mimetizzarmi, ero l'unica ragazza della classe, non volevo che per colpa del seno, sparisse il cameratismo e la complicità con i miei compagni. Il mantra di casa mia era: "Prima pensa a studiare, poi a trovarti un lavoro e poi puoi pensare a trovarti un ragazzo". Così le tette sono cresciute assieme al cameratismo e l'amicizia con Stefano, Luigi, Piero, Giovanni, i...

  • #vinessum

    #vinessum

    inserito da Claudia Donegaglia

    Finalmente il gran giorno è arrivato.  Domenica 29 e lunedi' 30 maggio a Mesola , all'interno della manifestazione Vinessum , troverete il banco d'assaggio collettivo dei garagisti. Accompagnati da me e da qualche altro volonteroso che avra' il cuore di aiutarmi potete fare un viaggio nell'universo garagistico e capire le sue molteplici sfaccettature. All'interno del gruppo trovate 1) un sacco di vini ottenuti da uvaggio, 2) poi incontrerete chi soffre di travasite precoce 3) chi senza barrique non sa vivere, 4) il cultore del lievito selezionato , 5) il farmacista pesatore di metabisolfito 6) chi demonizza l'uso della solforosa tutte le volte che puo'. Tutti pero' rigorosamente artigiani nella vera definizione . fanno il vino...

  • Il vino si fa con i numeri

    Il vino si fa con i numeri

    inserito da Claudia Donegaglia

    La settimana scorsa ho inviato, tramite posta ordinaria, i buoni analisi offerti dall'Enocentro di Bussolengo, per mano dell'amico Alessio Bigagnoli, da sempre legato al mondo garagistico.  La mia forma mentis enologica ha solo due certezze produttive. La prima convinzione è che si deve estrarre dall'uva solo quello che puo' dare, ci sono uve idonee per il San crispino ed il Tavernello ed altre per i cru da invecchiamento La seconda è che per seguire al meglio il percorso dsal grappolo alla bottiglia, occorre tanta osservazione,tante buone pratiche e tanto controllo, anche analitico, per capire se si sta andando verso l'idea del vino che abbiamo sognato e che ci aspettiamo. Molto semplicemente ho fatto mia questa massima "Bisogna conoscere bene...

  • #GWC 2.0, grazie a tutti

    #GWC 2.0, grazie a tutti

    inserito da Claudia Donegaglia

    Inizio questo post con un enorme grazie. A Filippo Ronco e Luca Risso, che mi/ci hanno consesso , la possibilita' di ritrovarci, fuori dalle mura sicure di Terroir vino. A Marco Ghezzi e Carlo Catani che ci anno ospitato all'interno di Borgo Indie, nel parco del convento dell'Osservanza a Brisighella. A tutti i garagisti che hanno partecipato sia fisicamente , sia con l'apporto dei campioni. GRAZIE GRAZIE GRAZIE. Della fiducia, della collaborazione della partecipazione. I passi futuri che seguiranno saranno questi. 1) Consegna del premio analitico .A tale proposito mi serve l'indirizzo di casa dei garagisti dove poter inviare il coupon . Perche' noi garagisti anche se non effettuiamo accanimento terapeutico sui vini, ci piace avere un supporto dei numeri, per...

  • Solo un bla bla di sottofondo

    Solo un bla bla di sottofondo

    inserito da Claudia Donegaglia

    Sicuramente è colpa mia, metto le mani avanti, non ho più 20 anni, sono stanca. Il fatto è che l'overdose di parole attorno al vino oramai mi ha saturato, fino a diventare un bla bla di sottofondo nella mia vita di tutti i giorni. Non ci capisco piu' niente. Ho bisogno di certezze, di parole chiare, di punti fermi di racconto. Ti giri e trovi i paladini del tappo a vite pronti ad incendiare gli alberi da sughero in nome della sostenibilità dell'alluminio. Siamo passati dal selfie 24 ore su 24 di mani callose, di scarpe infangate, unghie spaccate, al guai selfiarsi mentre si lavora e tantomeno copn le proprie bottiglie, per non rischiare di perdere credibilità. Artigianale è oramai una parola sdoganata, tanto è che fra...