assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

blog

  • La riscoperta del Lazio attraverso la naturalità

    La riscoperta del Lazio attraverso la naturalità

    inserito da PopArtStyle

    Il palcoscenico è quello della sala del ristorante della cantina Palazzo Tronconi, grazie anche all'intraprendenza del padrone di casa Marco Marrocco che con grande generosità ha aperto le porte della sua nuova creatura. Un progetto architettonico di importanza rilevante, una cattedrale nel deserto, come lui stesso ama definirla, che ha accolto oltre 70 degustatori tra appassionati e operatori. Dieci etichette per dieci cantine tra le migliori espressioni del Lazio, al timone un motivato Sandro Sangiorgi, ben coadiuvato dal fido Matteo Gallello; sono gli questi gli ingredienti per fare il punto sulla situazione attuale del vino del Lazio. Un recente passato che fin dal dopoguerra ha visto il vino laziale perdere progressivamente appeal nel corso degli anni. Diversi i...

  • Il Trebbiano Spoletino: alla ricerca di un'identità

    Il Trebbiano Spoletino: alla ricerca di un'identità

    inserito da PopArtStyle

    A dare il via alla nutrita offerta di degustazioni e banchi di assaggio all'interno della manifestazione enogastronomica deGusto Spoleto, un'interessante tavola rotonda per fare il punto sull'attuale situazione del Trebbiano Spoletino e le sue prospettive future. Un primo sintetico ma puntuale approfondimento sulle caratteristiche del vitigno per sottolineare come il Trebbiano Spoletino abbia tutti i presupposti per dar vita a grandi vini bianchi. Vini di buona struttura, con bei profumi di frutta, financo esotica, affiancati però ad un'elegante nota erbacea. A differenza di altri trebbianoidi, le uve garantiscono acidità totali (con netta prevalenza della tartarica) mediamente molto alte anche con elevati gradi zuccherini e maturazioni avanzate, il che...

  • Sagrantino 2014, annata fortunata?

    Sagrantino 2014, annata fortunata?

    inserito da PopArtStyle

    Affrontare un'anteprima è sempre un compito impegnativo, ci si confronta con vini molto spesso ancora non pronti, con l'intento di capirne le potenzialità future, roba da sfera di cristallo. Tutto ciò è ancora più vero quando si tratta di vini come il Montefalco Sagrantino DOCG, che necessita di lunghi tempi di affinamento prima di potersi esprimere in modo compiuto. Il Sagrantino infatti è un vitigno dalla grossa carica polifenolica, che spesso rimane ostico non tanto per l'imponente struttura, quanto per la ruvida tannicità che contraddistingue i suoi vini, specialmente nei primi anni. Nell'ambito della manifestazione Anteprima Sagrantino 2014, il Consorzio Tutela Vini Montefalco, unitamente ai classici banchi di...

  • Il Nero Buono alla prova del tempo

    Il Nero Buono alla prova del tempo

    inserito da PopArtStyle

    Una cantina cooperativa fortemente legata al territorio, Cincinnato da sempre ha creduto nel recupero e nella valorizzazione del patrimonio ampleografico della zona di Cori. Coraggiosa e strategica la scelta di remunerare fino al 25% in più le uve di Nero Buono e Bellone, al fine di scongiurare l'abbandono di questi vitigni favore di altri più produttivi. Nata nel 1947, la cantina cooperativa è cresciuta nel tempo fino ad arrivare a 255 soci conferitori, anche grazie ad una politica meritocratica sulla qualità delle uve, ed un sapiente processo di innovazione tecnologica, sia in cantina che in vigna, dove si punta alla lotta biologica integrata. Siamo a ridosso dei Monti Lepini, su terreni vulcanici con buona presenza di calcare, ideali per il Nero...

  • Il Gallo Nero si presenta alla Leopolda

    Il Gallo Nero si presenta alla Leopolda

    inserito da PopArtStyle

    Arriva puntuale l'appuntamento con la Chianti Classico Collection; prima di immergersi, nella splendida atmosfera della Stazione Leopolda, vestita a festa per l'anteprima, d'uopo la rituale colazione con il Lampredotto, anche per preparare lo stomaco ad una lunga serie di assaggi; chissà che in futuro non si coinvolga qualche trippaio per deliziare i degustatori nelle pause tra le serie di assaggi, non sarebbe male. Mi aspetta una nutrita to do list, il tempo è tiranno e il treno del ritorno incombe. Qualche chiacchiera con amici produttori, saluti e confronti con altri degustatori, alcuni "extra" suggeriti qua e là, e alla fine dei giochi sono tanti gli assaggi che restano solo nelle intenzioni. Si conferma comunque...

  • Giacchè, da dove viene e dove va

    Giacchè, da dove viene e dove va

    inserito da PopArtStyle

    La Necropoli Etrusca della Banditaccia è stata la suggestiva cornice per l'evento organizzato da Casale Cento Corvi per la presentazione dello studio del DNA del vitigno denominato Giacchè, che è stato definitivamente identificato come un clone del Lambrusco Maestri (117). Non deve meravigliare che tale vitigno, ad oggi diffuso soprattutto nelle aree dell'Emilia Romagna, si trovi nell'areale ceretano, anche in considerazione del fatto che gli antichi Etruschi coltivavano la Vitis vinifera sylvestris sin dall'VIII secolo a. C., prima ancora che i Greci e poi i Romani diffondessero in Italia la Vitis vinifera sativa. Giacchè è il nome con cui i contadini di Cerveteri hanno da sempre identificato quel vitigno così diverso dagli altri...

  • Cupramontana e il Verdicchio

    Cupramontana e il Verdicchio

    inserito da PopArtStyle

    Da qualche anno la Sagra dell'Uva di Cupramontana non è solo una classica kermesse popolare. "Il Grande Verdicchio" è infatti un format nato nel 2012, che inserisce all'interno della tre giorni autunnale una serie di degustazioni guidate che indagano su aspetti più "tecnici" del vino. Quest'anno ospiti di Enocupra, all'interno delle suggestive grotte dell’ex Convento di Santa Caterina, si è tenuta la degustazione "Il Verdicchio a Cupramontana e le sue possibili evoluzioni". Un percorso a ritroso nel tempo (dal 2014 al 1988) per apprezzare le diverse sfumature nell'evoluzione dei vini, ma al tempo stesso per sottolineare la forte identità dei vini del proprio territorio. Un principio questo orgogliosamente...

  • Vinellando 2017- Il Morellino si presenta

    Vinellando 2017- Il Morellino si presenta

    inserito da PopArtStyle

    Giunge alla 18° edizione Vinellando, il classico appuntamento estivo in cui il Morellino di Scansano si presenta al pubblico nel caratteristico borgo di Magliano in Toscana. Venticinque le aziende appartenenti al Consorzio Tutela Morellino di Scansano in concorso con l'annata 2015, anche se nei banchi di assaggio è facile trovare, vuoi per le filosofie produttive che prevedono uscite ritardate o per il prematuro esaurimento della produzione, sia il millesimo 2014 che il 2016 appena imbottigliato. La classifica della giuria del concorso vede al primo posto il Morellino della Società Agricola Montecivoli, seguito dal Vigna Benefizio della Cantina Vignaioli del Morellino, terzo il San Giuseppe di Fattoria Mantellassi. La ricognizione tra i banchi di assaggio...

  • Ciliegiolo d'Italia alla terza edizione

    Ciliegiolo d'Italia alla terza edizione

    inserito da PopArtStyle

    Grandi conferme e qualche nuova proposta a Ciliegiolo d'Italia, una due giorni in quel di Narni che vede protagonista l'omonimo vitigno. Banchi d'assaggio, approfondimenti e seminari, per un vino, ed un vitigno, che rivendica ormai una dignità propria, dopo anni di "asservimento" ai più noti rossi italiani. Dalla Valcamonica alla Puglia, una vasta panoramica sulle tante declinazioni del Ciliegiolo, con toscani e umbri a farla da padrone, anche numericamente; mediamente giocati sul frutto, leggermente più caldi i primi, impostati sulla beva e sulla freschezza i secondi. Non mancano, da una parte e dall'altra, interpretazioni stanche e banali, legate ad estrazioni importanti, lunghi elevamenti in legno, marcato interventismo in...

  • Anteprima Sagrantino 2013, il report

    Anteprima Sagrantino 2013, il report

    inserito da PopArtStyle

    Si è conclusa la due giorni di Anteprima Sagrantino 2013, che ha visto protagoniste 31 cantine del Consorzio Tutela Vini Montefalco. Approfondimenti tematici, visite in cantina e degustazioni per questa terza edizione, nel venticinquennale della DOCG Sagrantino. Un plauso all'organizzazione per la possibilità, riservata alla stampa, di degustazione alla cieca della nuova annata 2013. Da valutare invece il nuovo format proposto per le degustazioni al Chiosto di Sant'Agostino; non più singoli banchi per ogni produttore, ma un banco unico, presidiato da (pochi) sommelier. Interessante senza dubbio per la possibilità di assaggio "seriale" per aree tematiche, ma si perde il contatto diretto con i produttori, alcuni peraltro presenti in sala,...