assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

blog

  • Il premio Giulio Gambelli assegnato ad Angela Fronti

    Il premio Giulio Gambelli assegnato ad Angela Fronti

    inserito da Andrea Pagliantini

    Non avere ancora quarant’anni, essere nel mondo del vino, farlo, proporlo, portarlo in giro per il mondo ed essere accostata anche solo per un attimo al Maestro del sangiovese, Giulio Gambelli, è come ricevere una laurea sul campo per meriti fermentativi. Angela Fronti, raddese, enologa dell’azienda Istine, riceve durante “Benvenuto Brunello”, l’ambito premio promosso dalla stampa dei fornelli e dei calici al vento di ASET, (stampa alimentare della Toscana) e viene premiata dal presidente, Leonardo Tozzi e da Carlo Macchi, autore di una preziosa e insostituibile biografia sul palato più sensibile nella vita e nel vino: Giulio Gambelli, l’insostituibile Maestro.

  • I Vignaioli di Gaiole all'Anteprima Chianti Classico 2019

    I Vignaioli di Gaiole all'Anteprima Chianti Classico 2019

    inserito da Andrea Pagliantini

    Decenni di scavi e di studio, condotti nel sito archeologico etrusco di Cetamura dalla professoressa Nancy de Grummond, insieme agli studenti dell’Università della Florida, hanno portato a rinvenire decine di reperti, che permettono di mettere in luce la vita di quel periodo in questi luoghi. Unitamente al rinvenimento di quantità di vinaccioli, che dimostrano come la vite fosse coltivata fin dai tempi più remoti, nel luogo fisico nel quale si ha un’idea della nascita del nome Chianti. Vite che ben si adatta in queste dorsali di pietre e terreni aridi, pur avendo, il comune di Gaiole, delle diverse tipologie di clima, terreno, altitudine, che creano vini completamente diversi fra loro. Qui il luogo fisico nel quale gli studi e le vinificazioni di...

  • I Vignaioli di Radda all'Anteprima Chianti Classico 2019

    I Vignaioli di Radda all'Anteprima Chianti Classico 2019

    inserito da Andrea Pagliantini

    Alla Stazione Leopolda di Firenze, rassegna delle eccellenze dei territori del Chianti, della Berardenga, della Val d’Elsa, della Val di Pesa e di Greve. Radda, al centro del Chianti, fra le ali di Gaiole e di Castellina, ha il territorio più piccolo, ma la concentrazione più grande di aziende, rette per la maggior parte da gente del luogo, con un apparato radicale ben fondo fra i sassi e le screpolature del suolo. E, cosa di una rarità benvoluta, di un dialogo, fra una qualità assoluta delle bottiglie, unita alle relazioni umane e di stima fra le persone che producono vino, arrivando al punto di unire le forze, per promuovere, quanto qui si produce, nell’Associazione dei Vignaioli di Radda, che ogni anno, sforna iniziative di approfondimento e...