assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

blog

  • La caratteristica mineralità del territorio di Ghemme

    La caratteristica mineralità del territorio di Ghemme

    inserito da Maria Enrica Bozzo

    Il territorio di Ghemme può essere considerato come una cordigliera sotto il monte Rosa, coperto perennemente dalla neve, una sorta di arco composto da colline morenico-alluvionali create dai depositi portati a valle dal ghiacciaio. Il terreno è un campionario mineralogico della soprastante catena alpina, con ciottoli di granito, porfido,gneiss, ,quarziti, scisti, microscisti,sfaldatura di rocce dolomitiche. Si tratta di suoli poveri, tendenzialmente acidi, poco fertili dove la vite , per crescere, deve far penetrare a fondo le sue radici nella roccia. Questa ricchezza di minerali influisce notevolmente sui profumi e sui sapori dei vini; si è soliti dire che in questo territorio vi sono piccoli produttori ma grandi prodotti. Il Ghemme si produce per il 70% a...

  • Le molteplici interpretazioni del Grenache

    Le molteplici interpretazioni del Grenache

    inserito da Maria Enrica Bozzo

    Di origine probabilmente spagnola, il Grenache è un vitigno molto produttivo e molto importante nel sud della Francia. Cresce su terreni aridi, produce  vini inebrianti, strutturati, aromatici, da assemblare con altri da  vitigni diversi  per farne dei vini da invecchiamento. Fa parte dei vitigni obbligatori per molte DOC, serve da base per molti vini di Provenza o per il famoso Chateauneuf-du-Pape. Il Grenache è un vitigno evolutivo che ha bisogno di terreni secchi, aridi e con poca acqua, è coltivato ad alberello, ha poca produzione e poca resa. I terreni su cui in preferenza cresce sono scistosi, calcarei e pietrosi, spesso pendenti su terreni a secco sul mare.Il Grenache è il secondo vitigno come diffusione nel mondo. Ma il Grenache...

  • Degustazione verticale di Barbaresco di Neive

    Degustazione verticale di Barbaresco di Neive

    inserito da Maria Enrica Bozzo

    Alla presenza dei produttori di Barbaresco Fabrizio Ressia e di Massimo Rivetti , nella sede ONAV di Milano viene proposta una degustazione verticale,dal 2007 al 2004. Le zone di elezione del vitigno barbaresco sono Barbaresco, Neive e Treiso e , in questa sede viene analizzato il solo territorio di Neive che esprime un vino potente ed elegante per la conformazione geologica calcareo-argillosa. Come in Borgogna, in passato, nella zona si verificò una divisione del latifondo tra diversi eredi e accadeva spesso che piccoli crù fossero di diversi proprietari che miravano ad acquistarne altri in aree diverse per poter assemblare uve di differente aroma e qualità, di diverso terreno per ottenere migliore vino. Ogni terroir è conformato in modo tale da produrre...