assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#58 Commenti

  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Maurizio, faccio l'avvocato del diavolo.
    Temo che il titolo così esposto "Proposta Berlusconi: censurare la rete" sia errata e fuorviante. Non mi pare che nell'articolo da te citato Berlusconi dica una cosa del genere. Sebbene immagino gli farebbe molto piacere imbavagliarne diversi, nell'articolo io leggo una cosa diversa: "Porteremo sul tavolo una proposta di regolamentazione di internet in tutto il mondo, essendo internet un forum aperto a tutto il mondo", ha annunciato."

    Due regole di armonizzazione a livello internazionale (per esempio per allineare la farraginosa procedura dei domini nazionali a quella molo più snella dei .com o .net o .org) per me sarebbe assai utile per esempio. Quindi vedi, bisogna vedere di che regole stiamo parlando. Non dimenticare che fino ad ora le iniziative di imbavaglio della rete con regole pesanti di iscrizione in paricolari registri sono arrivate tutte dalla sinistra ahimé.

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Anche riuscire a perseguire siti pedofili con domini in paesi dove non sono puniti, o certe reti del fondamentalismo islamico. Sarebbe bello, ma credo impossibile.
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Io Jerry mi riferivo alle procedure di registrazione che per quanto riguarda l'Italia, per esempio, sono decise dal NIC. L'ICAAN se non erro decide quali sono i domini, la disciplina degli ip ecc. ma ogni stato ha la sua procedura di registrazione per il dominio di stato (es. il .it). Per farti un esempio, per registrare un .com occore 1 secondo per registrare un .it devo compilare un modulo, mandarlo via fax a Pisa e attendere alcuni giorni che, a mano, qualcuno lo legga e lo inserisca in un db...

    Ad ogni modo, volevo solo dire che pur essendo un convinto sostenitore della libertà della rete, credo anche che alcune regole di accesso alla stessa, tipo quella sopra indicata giusto per far un esempio pratico, potrebbero essere migliorate.

    Sono invece perfettamente d'accordo che la politica non debba c'entrare nulla con la disciplina del flusso di contenuti della rete.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    @ Fil: non mi faccio più da anni incantare o distrarre da categorie del tutto fasulle e senza significato come "destra e sinistra". La romanza canta "questa e quella, per me pari sono..."
    ma non sono ottimista come te sul fatto che si tratti solo di regole tecniche e amministrative. Il problema a mio parere sarebbe se si ponessero limiti di accesso o di espressione. Oggi io firmo ciò che dico, lo metto in rete, per cui me ne assumo le responsabilità. Per me questo significa che oggi la rete è libera. Per quanto riguarda il titolo, forse non hai visto il punto interrogativo finale.

    @ Luk: certamente, i controlli sulla rete già ci sono. non credo che la CIA e altri servizi non sappiano tutto di quel che si dice, anche di illegale. Proprio in questi giorni la procura di Milano ha fatto eseguire arresti in seguito a indagini condotte anche in rete. Le leggi già ci sono, il problema semmai è applicarle. Il vero problema di queste proposte "buttate lì" senza approfondimento è che c'è un po' troppo decisionismo di vertice, e poca condivisione. Le regole, per essere efficaci, devono essere chiare e rispettate.
    Per quanto riguarda i pedofili sono d'accordo con te, come sul terrorismo. Io forse vado un po' oltre le tue posizioni, perchè detesto ogni tipo di fondamentalismo e di intolleranza, non solo quello "islamico".

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Siamo completamente in linea, Maurizio, con la risposta che hai dato a Luk, in particolare con la parte finale. Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Luca Risso

    Luca Risso

    State dicendo che esistono fondamentalismi da me amati?
    (a parte quelli enoici:-)
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    No no, assolutamente. Sto solo dicendo che sono d'accordo nell'essere contrario ad ogni tipo di fondamentalismo, compresi quelli enoici però io ! :-)

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Ok, allora quoto!
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Interessante punto di vista sul quale tuttavia non concordo. Con questo ragionamento potremmo dire tutto e il contrario di tutto caro Pierpaolo. Il fondamentalismo, su qualsiasi cosa esso si concentri, è errato a prescindere in quanto è una visione miope, ristretta, unidirezionale delle cose e non ammette integrazioni, differenze, sfumature di grigio che sono il sale della tolleranza, del rispetto, dell'apertura mentale del convivere pacifico.

    L'antifondamentalismo è un fondamentalismo. Vero. L'essere contrari al fondamentalismo però non è per forza essere antifondamentalisti è esprimere la propria idea criticando chi lo è ma rispettandolo.


    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #9
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    parole sante (ma questo modo di sire non nasconde già un cripto-fondamentalismo?) :-))
    però, che bella discussione sta vendendo fuori. bel segnale di civiltà

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    io ad esempio non sono tollerante coi miei refusi, e allora posto un "errata corrige" al mio intervento .12 :
    Dire (e non Sire) e venendo (e non venDendo, lapsus professionale). E' davvero impossibile essere perfetti...

    link a questo commento 0 0
    #11
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Tu dici che tollerare significa non opporsi. Io tollero finché nessuno invade i miei diritti (o delle persone a cui tengo). Oltre intervengo. E quindi stando al tuo ragionamento nemmeno io sono tollerante. Diciamo che certe posizioni e certe visioni non le tollero in quanto contrarie a canoni di giustizia universale (oddio in che ginepraio mi sto cacciando).

    Faccio un altro esempio, religioso perché mi vien più facile.
    L'Italia è tollerante verso i paesi fondamentalisti (oddio, lo era almeno fino alle dichiarazioni di Maroni dell'altro giorno..) perchè consente loro di stabilire sul proprio suolo nazionale (ecco un altro concetto che andrebbe veramente rivisto) "installazioni" religiose relative al proprio credo. Io non sono tollerante verso coloro che non mi consentono di fare lo stesso a casa loro.

    La tolleranza in qualche modo secondo me vale a condizione di reciprocità, quella che intendi tu, la non opposizione, è estraniazione dal reale, è ultraterrena è accettare a prescindere, è divina, è santità.

    Ora, nel nostro vituperato stato mi pare che il livello di civilità e apertura sia maggiore che in molti altri stati fondamentalisti. Io in questo ravviso anche un giudizio morale e di valore - posizione criticabilissima, ci mancherebbe - altri no. Pazienza.

    Quello che mi sono sempre chiesto è se i fondamentalisti ci sono (non ci arrivano) o ci fanno (e allora sarebbero proprio da non tollerare). ;-)


    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #12
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    @ Fil: il suolo nazionale che potrebbe chiedere reciprocità per le installazioni religiose ovviamente è quello del Vaticano, vero? perchè l'Italia nella sua Costituzione dice che garantisce libertà di culto. La reciprocità nel caso della Repubblica Italiana vale per le ambasciate e i consolati, mica per le chiese.
    Così dovrebbe essere, in uno stato sovrano. Così è in Francia, in Spagna, negli Stati Uniti, in Inghilterra, e anche in Germania, dove non ci pensano neppure a farsi dare ordini dal loro concittadino oltretevere.

    link a questo commento 0 0
    #13
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Non sarà scritto nella costituzione ma mi pare che di moschee è piena l'Italia, non c'erto solo a Roma. Scritto o non scritto, non è questo l'importante, a me pare un gesto di grande civiltà. Civiltà che altrove - in quei paesi fondamentalisti, è più difficile riscontrare, tutto qui.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #14
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    si, ma l'errore da non fare è quello di sovrapporre gli stati con le religioni.
    non lo dico mica io, l'ha detto uno "di sinistra" circa duemila anni fa: "date a Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio..."

    link a questo commento 0 0
    #15
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Era solo un esempio. Ma un conto credo che siano le religioni, un conto i permessi per edificare chiese o altre forme di edifici di culto no ?
    Noi ad ogni modo mi sa che in certi paesi soffriamo sia dell'una che dell'altra cosa, o sbaglio ?

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #16
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    qui dovrebbe stare l'essenza dell'ordinamento statale: la differenza tra una DEMOCRAZIA e un regime.
    a me rende abbastanza orgoglioso vivere in una democrazia, per questo cerco di difenderne in ogni modo i principi, e vedo ogni passo indietro come un rischio per il futuro.

    link a questo commento 0 0
    #17
  • Barabino Andrea

    Barabino Andrea

    Le regole sono comunque il fondamento, uno degli elementi principali di una democrazia...

    link a questo commento 0 0
    #18
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    le regole, sì.
    e la nostra Costituzione è probabilmente la migliore del mondo occidentale. Basterebbe rispettarla e non stravolgerla.

    link a questo commento 0 0
    #19
  • AglianicoChePassione

    AglianicoChePassione

    che si arrivi alla censura non è difficile basti guardare come è andata a finire in rai..o il caso sky..che poi da abile oratore si è capaci di far passare la mela marcia per sana questo è un altro discorso..

    link a questo commento 0 0
    #20
  • I Botri di Ghiaccioforte Azienda Bioagricola

    Il 31 dicembre scadranno gli effetti dell articolo 7 del decreto Pisanu del luglio 2005, convertito poi in legge,che tra le misure per combattere il terrorismo internazionale pone obbligo per chi apre un esercizio che dà connessioni internet, di richiedere la licenza al questore e di identificare gli utenti con un documento di identità con conservazione dei dati.Vi è una mobilitazione contro la proroga di questa norma per fare in modo che la strategia del "silenzio" possa stavolta fallire

    link a questo commento 0 0
    #21
  • Valerio Antonello

    Valerio Antonello

    Speriamo che non si arrivi mai alla censura su internet...
    ...altrimenti che internet sarebbe?

    link a questo commento 0 0
    #22
  • Angelo De Pierro

    Angelo De Pierro

    Non merita nemmeno un commento se censurano internet resta solo la sua Mediaset a dare le notizie che più gli piacciono. ... Poveri noi che l'italia è govenata da un tale personaggio.

    link a questo commento 0 0
    #23
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Mah, secondo me gli Italianotti sela meritano questa situazione. Chi sono? Sono quelli che invece di fermarsi e bloccare tutto per discutere e fare davvero si che le cose cambino semplicemente si lamentano perchè vanno sempre peggio. E riprendono ogni giorno il treno in ennesimo ritardo, arrabbiandosi col controllore. Quelli che quando salvano Alitalia invece di investire in infrastrutture (e soprattutto arricchendo già facoltosi investitori con soldi statali) non si inferociscono come tori, però si lamentano col vicino di casa e si arrabbiano con il personale della società che protesta. Quelli che reclamano posti di lavoro e inneggiano ad aiuti di stato e poi non pagano le tasse.
    Ogni tanto io invece sono integralista, mi spiace (ovviamente mi spiace per modo di dire), ma quando vedo una cosa che non va e mi parte l'embolo vado veramente fino in fondo, con la determinazione di chi sa che ha davanti a se una guerra fatta di calma, di contrasti di carta e di ticchettii di tastiera, di lettere e di avvocati, di tempo, di resistenza. Non siamo nel terzo mondo. Non tollero gli abusi di posizione e il menefreghismo di massa e soprattutto la politica "conveniente"...
    Siamo un paese con più di 80.000 leggi, se volete arrivare alla chiarezza normativa su una qualunque disciplina dovete riprendere rimandi in qua e in la nel tempo e negli atti la cui merca ricerca distrugge ogni cristiano che non lo faccia di mestiere. Persino chi deve applicarla la legge fa fatica a farlo in assoluta tranquillità, c'è sempre la parola x che richiede l'interpretazione.......

    link a questo commento 0 0
    #24
  • Egidio Leo

    Egidio Leo

    x cascina tollu

    condivido in pieno quello che dici, ma purtroppo negli ultimi venti anni abbiamo avuto, ed in parte abbiamo, dei governi che non prendono il problema di petto, e non mi riferisco solo alle norme per la rete,

    Non tagliano i costi della politica,
    non fanno riforme serie,
    non fanno liberalizzazioni,

    Ciao a tutti, Egidio Leo

    link a questo commento 0 0
    #25
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    @ Egidio: non sono d'accordo con te: i governi recenti prendono i problemi fin troppo di petto... a volte anche di coscia!!
    ;-))

    link a questo commento 0 0
    #26
  • Egidio Leo

    Egidio Leo

    Caro maurizio, scusa se ti dò del tu, se tiriferisci al governo in carica effettivamente qualcosa la sta facendo, vedasi social card, alitalia, riforma della scuola, rifiuti, impegno nelle missioni estere, e se poi ci mettiamo in conto che non governa neanche da un anno è ancora prematuro per dare un giudizio.
    Ma io mi riferivo ad altro .......liberalizzazioni, .....costi della politica.....

    link a questo commento 0 0
    #27
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Vi prego, se possibile, ti attenervi al tema del post.
    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #28
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    ???

    link a questo commento 0 0
    #29
  • AglianicoChePassione

    AglianicoChePassione

    x maurizio

    (???)

    risposta..aria di censura..
    ;D

    link a questo commento 0 0
    #30
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    Ma no, non credo si tratti di quello, Fil ha già avuto spesso modo di spiegare che non interverrebbe mai sui blog individuali, salvo problematiche legate a rischi legali per vinix.
    il problema di questo post è che se vogliamo siamo fuori tema a partire già dall'intervento n. 1 o 2, per cui siamo andati un po' a ruota libera...
    i miei interrogativi si riferivano a questo: non capivo che differenze c'erano tra gli ultimi interventi e quelli precedenti...
    comunque come titolare del blog non mi scompongo di sicuro, abbiamo seguito criteri di discussione pacati ed educati, bene così.

    link a questo commento 0 0
    #31
  • Luca Risso

    Luca Risso

    La pacatezza e la civiltà delle discussioni su Vinix è un valore che dobbiamo preservare.
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #32
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Scusatemi, mi sembrava stesse per partire una polemica che volevo evitare sul nascere proprio da una richiesta di alcuni di evitare derive polemiche, specie se politiche. Mi sono evidentemente sbagliato. Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #33
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    mai processare le intenzioni :-))))

    link a questo commento 0 0
    #34
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Io come vedi non processo, passo subito al manganello ;-)
    Scherzo.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #35
  • Angelo De Pierro

    Angelo De Pierro

    Come vedo c'è qualcuno che loda subito l'attuale governo in carica la vergogna della social card con sponsor Master card. Non sono d'accordo Filippo in un Blog si può parlare di tutto nei limiti consentiti a meno che tu non voglio iniziare a regolamentare vinix ed adeguarti alle direttive del Sig. Berlusca. ciao

    link a questo commento 0 0
    #36
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Guarda, sfondi una porta aperta.
    Il commento nasce dal fatto che Luca alcuni giorni fa mi aveva evidenziato di come ai contenuti su vino e cibo si stessero affiancando contenuti a sfondo politico con facili fiammate polemiciche. Nel rispetto delle regole indicate nell'area help di vinix, si può scrivere tutto (non si può per esempio usare il blog per fare pubblicità) e di più. E' da tempo che medito un post "linea dura o linea morbida". Bisogna che trovi il tempo per scriverlo.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #37
  • Egidio Leo

    Egidio Leo

    chiedo umilmente scusa a tutti per aver dato adito ad una discussione che va fuori dai principali argomenti di vinix, non volevo, e non voglio in nessun modo essere la scintilla che fa partire discussioni che esulano dai principali argomenti del sito.
    Anche se non lodo nessun governo....
    Scusatemi tutti... Egidio LEO.

    link a questo commento 0 0
    #38
  • Luca Risso

    Luca Risso

    @Egidio
    Non vedo perché ti dovresti scusare di qualche cosa e con chi. Sei tu a essere stato accusato ben poco liberalmente di essere al soldo dell'odiato, malefico nano, pater di ogni nequizia et mala tempora, al rogo al rogo! e via cantando.
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #39
  • Luca Risso

    Luca Risso

    @Fil
    Quanto ti ha dato il Berluskaz?
    (scusa, ma mi adeguo...)
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #40
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    caro Luk, mi sembra che tu non sia esattamente pacato in questo momento o sbaglio?

    link a questo commento 0 0
    #41
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    caro Egidio, mica devi scusarti, questo è il mio blog, e forse è stata la mia battuta al punto .30 a crearti questi dubbi? io posso non essere daccordo con te (le cose che tu citi come virtuose a me non lo paiono molto, in effetti) ma il tono usato nel confronto è stato assai urbano, e quindi ciascuno ha il diritto alle proprie idee, se in buona fede. E poichè questo post è mio, stai sereno...

    link a questo commento 0 0
    #42
  • Luca Risso

    Luca Risso

    @Maurizio
    Assolutamente pacato! Sto addirittura ridendo!
    :-)
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #43
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    Come sereni, ovviamente staranno Angelo e "Aglianico" (non so il tuo nome, scusa), e potranno pensarla come vogliono finchè non ci saranno censure in rete. O no?

    link a questo commento 0 0
    #44
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    a proposito di ridere, mi viene in mente un personaggio verdoniano: sei felice? mi vuoi bene? lo vedi che la cosa è reciproca?
    (e la moglie infelice, casualmente piemontese, si chiudeva nel cesso e piangeva "non ce la faccio più...")

    link a questo commento 0 0
    #45
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Eccome no, ci mancherebbe altro! Se sono sereni però chiedilo a loro.
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #46
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    per questa discussione, sicuramente lo saranno. Ragionando in senso più ampio, non credo. Gramsci è morto, la ragione anche, Tonino Cervi non fa più pubblicità ai televisori di farinetti... credo che ormai l'ottimismo sia una merce difficile da piazzare.

    link a questo commento 0 0
    #47
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Tonino Guerra probabilmente sarà ingaggiato adesso da Farinetti per pubblicizzare i cotechini...
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #48
  • I Botri di Ghiaccioforte Azienda Bioagricola

    In campagna elettorale il nostro premier dichiarava di non conoscere affatto la rete,pazienza, questo non gli impedirà di portare al tavolo del prossimo G8 la sua proposta di regolamentazione, anche il ministro Maroni ha spiegato che è inevitabile il controllo sui dati di tracciamento delle comunicazioni telematiche,e quindi Italia sta lavorando per realizzare un indirizzo IP unico per ogni utente: da questo governo possiamo attenderci.....

    link a questo commento 0 0
    #49
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Come ho detto in calce, non trovo nulla di male nel controllo.
    Altra cosa è la censura.
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #50
  • AglianicoChePassione

    AglianicoChePassione

    si ma sicuramente i cintrolli già esistono..si vuole passare a ben altro..

    link a questo commento 0 0
    #51
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    tutto questo però non coincide col concetto anglosassone di "Privacy" e "Liberismo". Trovo che l'abuso di questi termini da parte di gente che poi agisce in direzione diametralmente opposta non sia solo incoerente, e neppure solo ipocrita: sfocia direttamente nel campo delle oscenità.

    link a questo commento 0 0
    #52
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Nemmeno i processi alle intenzioni sono tanto belli.
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #53
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    infatti, a me piace valutare i fatti, tipo quando ci si vanta di essere liberisti e poi si vive di monopolio

    link a questo commento 0 0
    #54
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Non è che volevi dire 2,3-polio?
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #55
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    dipende di che settore si tratta. nella comunicazione di massa, direi proprio monopolio.

    link a questo commento 0 0
    #56
  • Luca Risso

    Luca Risso

    Secondo me dici una cosa sbagliata, ma è appunto una mia opinione.
    Luk

    link a questo commento 0 0
    #57
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    infatti. non ci resta più nulla, lasciateci almeno le nostre opinioni.

    link a questo commento 0 0
    #58

inserisci un commento