assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#11 Commenti

  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Mah, io articolerei un minimo: la categoria "prodotti enogastronomici" fatica a patire finchè l'essere umano deve nutrirsi....

    ....Poi occhio ai numeri, un conto è valore un conto è volume....

    :-))

    Ciao
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Daniele Vinci

    Daniele Vinci

    Ciao tom,

    non capisco cosa intendi con:

    "la categoria "prodotti enogastronomici" fatica a patire finchè l'essere umano deve nutrirsi...."

    I motivi per cui possa faticare o meno questa categoria credo più che altro dipenda da fattori esogeni... Ovvero di un mercato ancora troppo legato al "prezzo" come unico elemento di differenziazione.

    Sono invece le inniziative "sociali" ad avere maggior successo di vendita... Questo dimostra come il "valore" sia strettamente legato al "volume". Il valore del prodotto è in stretta corrispondenza al pubblico di riferimento, lui e solo lui può determinare il prezzo per cui è disposto a pagare.

    naturalmente non voglio aver la presunzione di aver ragione in questo mio pensiero e sono quindi aperto al dialogo, anzi èproprio per questo che scrivo in questo spazio "dedicato"... per avere un confronto maggiore con questa realtà...



    link a questo commento 0 0
    #2
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    La categoria prodotti enogastronomici é troppo vasta per intavolare una discussione, secondo me va declinata in modo piu puntuale: a quali prodotti della categoria ti riferisci? Credo sia normale in una generalizzazione cosi vasta come quella dell'intera enogastronomia, che si ragioni piu sul prezzo perche vai a ragionare sulla totalita dei consumatori che mangiano e bevono.
    Magari se restringi a chi é interessato alla qualità, ai prodotti artigianali (intesi come "con forte componente umana nella realizzazione") allora forse riusciamo a intavolare un dialogo.
    Cosi come lo hai presentato rischiamo di parlare di generica domanda e offerta, ma non credo volessi fare ragionamenti marxisti o keynesiani, giusto?
    Ciao
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Daniele Vinci

    Daniele Vinci

    Si Tom hai ragione, ho genralizzato troppo, pensavo fosse sottointeso che si parlasse di prodotti tipici di qualità a filiera corta...

    Assolutamente niente marxismo...solo pratica :-)

    Io sono abituato ad analizzare il marcato solo attraverso i dati per poi utilizzare meglio le strategie di mareting ma se tu hai competenze dirette sul mercato sarei ben lieto di conoscere questa realtà più da vicino attraverso la tua esperienza.

    link a questo commento 0 0
    #4
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Quindi ti occupi di Marketing: magari se vuoi coinvolgere nella discussione qui su Vinix ti conviene essere meno scientifico e più umano, anche nel linguaggio. Mia idea.

    Cio detto, dato che più o meno ti capisco anche se non lavoro nel marketing ma l'ho visto all'università, ti dico che per defininizione i prodotti tipici a filiera corta sono una nicchia, e come tale molto difficilmente possono essere direttamente collegati all'andamento di mercato: cme ben sai le nicchie sono mercati paralleli.

    Ciò detto, è inoltre molto difficile parlare di dati delle varie nicchie, in quanto fortemente segmentate con produttori spesso differenziati tar loro, credo che Coldiretti (che citi) come sempre parli di qualcosa di più grande della filiera corta e dei prodotti tipici....forse loro si rivolgono all'agricoltura. Ma li allora è fondamentale ragionare sui volumi, non solo sui valori e sulle scorte: nel vino vera spina nel fianco di cui nessuno parla.

    Io comunque posso parlarti del mio piccolo, dove vedo un interesse crescente da parte delle persone a sapere e conoscere le realtà agricole, in tutte le loro declinazioni: frutta, vino, ortaggi ecc per cercare di "personficare" i prodotti che in fin dei conti costiuiscono nientepopodimeno che il loro nutrimento.

    Sto assistendo, e in questo non posso che gioire, anche alla selezione delle realtà agrituristiche: sento parlare finalmente male da parte delle persone dei finti agriturismi (quelli che o sembrano hotel o sembrano centri specializzati per cerimonie) che finora hanno letteralmente sbaragliato facendo numeri impressionanti. Queste realtà restano invece interessanti per coloro che "credono" di fare un affare.

    Basti pensare che 200 persone per 30 Euro (dato ottimistico, hanno rpezzi anche ben più alti) sono 6.000 Euro a servizio, con costi da produttori o, peggio da ristoratori di bassa qualità spesso esentasse. Ah, ricordo che un agriturismo non può avere più di 60 coperti, ma non voglio far polemica....

    Ciao,
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Daniele Vinci

    Daniele Vinci

    Si Tom hai detto bene:

    "vedo un interesse crescente da parte delle persone a sapere e conoscere le realtà agricole, in tutte le loro declinazioni"

    Coldiretti non dice che i prodotti a filiera corta vanno meglio di prima, ma parla di un mercato più ampio, hai perfettamente ragione.
    Ma le nicchie di cui parliamo, frammetate e piccole, sono adiacenti a quel macrosistema. Se il macrosistema va bene è molto probabile che a goderne dei benefici siano anche i microsistemi adiacenti.
    E tu stesso ne dai conferma.

    "Sto assistendo, e in questo non posso che gioire, anche alla selezione delle realtà agrituristiche: sento parlare finalmente male da parte delle persone dei finti agriturismi (quelli che o sembrano hotel o sembrano centri specializzati per cerimonie) che finora hanno letteralmente sbaragliato facendo numeri impressionanti. Queste realtà restano invece interessanti per coloro che "credono" di fare un affare."

    Questo fenomeno di interesse avviene perchè è il settore macro che è in "salute".

    Quello su cui io ponevo il dubbio era appunto questo stato di salute. quanto durerà?
    Chi sopravviverà?

    Io credo fortemente che avranno al meglio i microsistemi, perchè nosnostante frammentati e piccoli riescono a soddisfare meglio la domanda dei consumatori...C'è solo da lavorare meglio per trovare metodi più agevoli per raggiungere pienamente i gruppi di interesse.

    Mi dispiace se pensi che io usi un linguaggio "poco umano" non era nel mio intento, ma accetto il consiglio. Faccio solo delle riflessioni a "voce alta"...magari anche sbagliando, ma i miei pensieri non vogliono essere assolutamente scientifici...Anzi...

    Ciao Tom

    link a questo commento 0 0
    #6
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Ciao,
    secondo me è difficile che "abbiano la meglio" i microsistemi, perchè essendo essi micro sarà molto difficile riescano a soddisfare la massa. Sicuramente quello che concordo è che da micro invece di essere obbligati a conferire ai grandi sempre di più saranno in grado di trovare autonomamente "sfogo" per i loro prodotti. Cruciale, concordo con te e mi sa che non sono l'unico, infatti l'argomento è parecchio sentito qui su vinix, per esempio

    http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=2844

    http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=1804

    http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=1757

    http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=1322

    http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=956

    Ciao
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Daniele Vinci

    Daniele Vinci

    Grazie tom per i link molto interessanti!
    alla prossima...
    ;-)

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Tom ha introdotto benissimo ed ha aiutato a specificare. Bravo, tanto di cappello :-).
    Ciao Daniele, mio conterraneo. Anche tu vivi in un contesto agricolo storicamente composto da miriadi di piccole aziende che a parte qualche beneficio fiscale o altri emolumenti di cui via via ha goduto il settore, sopravvive comunque solo grazie ai grandi sacrifici individuali.
    Ora gli agricoltori non sanno più cosa sacrificare (manca solo che sgozzino un capretto in onore a Giove o che si mettano a fare la danza della pioggia...).
    Ed è questa crisi: costo energetico, mancanza di infrastrutture, di cultura di massa verso la filiera corta e di volontà politica, che sta affossando la categoria.

    Come comunicatrice mi sforzo di trovare linguaggi appassionanti, aziende di valore, ma nn posso cambiare il mercato e la vedo dura.
    La soluzione, secondo il mio modesto parere di cittadina, è farsi sentire in modo più appariscente, come nelle proteste per le quote latte: in piazza gente, dovete scendere in piazza, bloccare le strade e le ferrovie, con cartelli grandi come gli striscioni dello stadio che dicano quanto i distributori vi pagano il grano o i pomodori e quanto costi il pane in negozio. Quanto ci vuole per portare un vitello ad una giusta crescita - senza ormoni! E quante ore lavorano un produttore o un agricoltore, sotto il sole o al freddo. E scrivano anche che il costo dei dipendenti non è sempre sostenibile e allora si ricorre al nero anche se non si vorrebbe.....

    Se nn si fanno azioni eclatanti, il profondo malessere dell'agricoltura italiana andra' in cancrena in questo decennio.
    Protestando timidamente tutte le voci saranno soprastate dalla comunicazione di massa che vuole che la massa resti idiota. (Leggi TV ed altri media, che occupano pagine con gossip e culi al sole).

    Ale

    link a questo commento 0 0
    #9
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Tra l'altro ho postato qui
    http://www.tigulliovino.it/vinopigro/2009/05/domande_senza_risposte.html#more
    cosa ne penso lato vino

    Ciao
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Daniele Vinci

    Daniele Vinci

    Ciao Alessandra,

    in realtà sono un tuo concittadino adottivo, nel senso che mi sono trasferito da poco a Siena.

    Hai posto davvero un quadro, quello normativo, che spesso viene offuscato... In realtà, per quel poco che ne so, il problema esiste ed è serio!

    Tu fai la comunicatrice?IN che senso? lavori nel campo della comunicazione?

    IN ogni caso credo che una soluzione possibile per le piccole aziende sia necessarimanete quella di allearsi, ma non sotto finti "cappelli" che promettono ma poi fanno solo i loro interessi. Ma associarsi in maniera intelligente significa pretendere servizi ed affidarsi a gente che di organizzazione e comunicazione se ne intende! Perchè avolte è proprio questo quello che manca una comunicazione fatta come si deve che deriva da un'organizzazione eccellente.

    link a questo commento 0 0
    #11

inserisci un commento