Web-ri-conoscenza & Vino 2.0

inserito da
Web-ri-conoscenza & Vino 2.0

Nella foto : Riccardo Zola e sua moglie Alessia rimontano il Timorasso, amici by Vinix

Nel riordinare le idee dopo la pausa estiva ed il coinvolgimento nella fase vendemmiale sono rimasto piacevolmente colpito dal fare una constatazione interessante e cioè che con il passare degli anni di frequentazioni sul web, sono cambiate tante cose, io sono cresciuto ed i miei vini sono cambiati con me.

La parte meno ovvia di questa affermazione consiste nella presa di consapevolezza che scambiando le mie esperienze personali con sempre più persone di carattere, cultura e professionalità diverse, ho assimilato conoscenze che non mi appartenevano ed ora sono anche ( in parte ) le mie.

Mi sono allora divertito ad indagare a ritroso fin dagli albori della mia avventura WineWeb evidenziando i segni riconoscibili tangibilmente derivanti indiscutibilmente dalle relazioni che si sono moltiplicate sulla rete.

Farà, credo, piacere sapere a molti che leggeranno questo post che da una frase, da un commento, da un incontro, da una Skypata , Tweettata o altro, potrebbero essere nate quelle idee che oggi si materializzano nei miei vini, dalla vigna fino alla bottiglia e anche fino al bicchiere.

La massima preservazione del territorio e la salvaguardia dell'ecosistema come filosofia di vita e di coltura erano già in me, ma soluzioni quali ad esempio le casette per uccellini mi vennero donate in un post, lo stesso accadde per l'adozione del tutore sintetico e per le rose sulle testate di fila.

Il problema delle fermentazioni spontanee involute durante la vendemmia lo ignoravo, fu attraverso una discussione on line che capii che dovevo vendemmiare solo a freddo e rinunciai a comperare la bigoncia continuando ad usare le cassette proprio per questo.

Accese, concitate e accorate discussioni su bio, biodinamico, Triple A e affini, mi convinsero che non è un bollino o un certificato a fare la qualità, ma solo il buon senso unito a competenza e consapevolezza, così mentre avevo avviate le pratiche per il bio decisi di non portarle a termine.

Degustazioni, concorsi, guide, imparai a conoscerne pregi e difetti grazie al web, ai commenti, ai consigli di tanti ex-sconosciuti amici.

Qualcuno mi parlò di fermentazioni spontanee, di lieviti, di selezioni, di piè de cuve e la cosa mi affascinò al punto che da due anni sperimento anche fermentazioni totalmente spontanee di cui qualcuno ricorderà i miei "proto-videodocumentari".

Grazie agli amici sul web ed alla condivisione delle conoscenze, fra il 2006 ed il 2008 ho cambiato supporto per le etichette, aumentato il contrasto dei nomi, differenziate le capsule per una migliore riconoscibilità, abolito i tappi birondellati che usavo per il vino di pronta beva in favore del tappo pezzo intero per tutti i vini.

Nei vari post si è parlato di tutto, al punto che sono nate cose quali le schede tecniche, le autocertificazioni, le partecipazioni a questa o quella fiera/evento delle quali, senza il web, sono quasi certo non avrei mai saputo l'esistenza.

Oggi, grazie al web, frequento amici anche off-line e non importa se sono vignaioli, blogger, sommelier, giornalisti, ristoratori, commerciali giudici o avvocati, sono amici e tutti quanti hanno la passione per l'enogastronomia ed è un piacere continuare ad ascoltare i loro pareri sui miei vini perché è solo grazie a questi pareri che i miei vini sono cresciuti tanto e cresceranno ancora.

Oggi, grazie al web, vedo materializzarsi quella parte del sogno che più mi piaceva, avere amici che vengono in cantina con i quali davvero condividere l'emozione grande di fare il vino e, sono persino diventato "un sovversivo"

Oggi, grazie al web, i miei vini sono stati richiesti in buona parte dell'Italia e all' Estero e … mi spiace non poter citare altri importanti segni tangibili che presto si vedranno, ma preferisco che siano prima palesi …

Quindi per tornare al titolo del post, permettetemi di dire a tutti che i miei vini sono un po' anche vostri e di questo io ne sono particolarmente felice.

Web-Ri-Conoscendovi….. 

Paolo

  • condividi su Facebook
  • 2765
  • 0
  • 0

#56 Commenti

  • Andrea Petrini @ Percorsi di Vino wine blog

    Paolo, io e Stefania grazie al web abbiamo conosciuto sicuramente un ottimo produttore di vino ma, quello che più importa, un grande amico e una bellissima persona.
    Non te montà la testa però eh! :-)

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Andrea,
    Non posso che contraccambiare il tuo pensiero e grazie al tuo commento aggiungere che Roma tutta s'è costruita proprio via Web ed oggi è una delle città dove mi piace di più andare proprio per gli amici che ci sono. ( saluti a Ste )

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Sanlorenzo

    Sanlorenzo

    Bellissimo post Paolo
    Luciano

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Grazie Lorenzo
    Cosa ti e' piaciuto, ti ci ritrovi?

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Volevo dire grazie Luciano, perdona la grappa home-made, :-)

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Jacopo Cossater

    Jacopo Cossater

    Chapeau Paolo, un post stupendo.
    Un caro saluto e, spero, a presto!

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Jacopo
    Troppa grazia, ciascuno di noi si arricchisce di esperienza nel momento nel quale si pone in ascolto del prossimo.
    Questo processo esiste ae prescindere dalla consapevolezza degli attori.
    A me piace pensare che ogni mio successo grande o piccolo in realtà dipenda anche da me e soprattutto dal prossimo.
    Sono cetroi che le nostre strade si incontreranno nuovamente.
    Tratta con riguardo quella bottiglia e quando verrai da me capirai perché ha un valore
    A presto
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Carolina Gatti @ Azienda Agricola Gatti

    io la tua barbera me la sogno ancora di notte, se non era per il web col piffero che l'avrei assaggiata....

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Post emblematico: parole molto pesate e spazi bianchi che sono pause per riflettere.
    Ottimo stimolo per chi ancora ritiene Internet e le relazioni online qualcosa di estraneo all'agricoltura. E ce ne sono ancora tanti, troppi. Poi si lamentano che non vendono... Ovvia gente, quando il "solito" non premia, non viene il dubbio che magari si debba cambiare qualcosa?

    Paolo, nel raccontare la tua case history si capisce fra le righe ma qui vorrei evidenziare meglio ciò che sta nutrendo il tuo successo: coerenza e pertinacia.
    Il web va trattato come un campo, curato con la stessa solerzia ed attenzione. Ci vuol pazienza, tempo, tanto tempo, umiltà di approccio ma elasticità mentale ed una velocità di elaborazione che si acquisisce solo vivendoci.

    E' questo che ti ho visto fare da quando ti conosco.

    link a questo commento 0 0
    #9
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Mi fate arrossire...
    Più tardi avrò il giusto tempo per una risposta esauriente perché ora si va e di corsa alle vigne.
    Grazie di cuore.
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Sanlorenzo

    Sanlorenzo

    Mi ritrovo molto in quello che dici, ancora io non osato tanti cambiamenti come te ma certi confronti fanno bene

    ale, bellissima la metafora del campo

    link a questo commento 0 0
    #11
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    @ Luciano: vorrei che fosse mia, ma già nel 1999 (ci ha in seguito scritto su un libro LA COLTIVAZIONE DELL'INTERNET ed. Sole24ore) il mio più grande maestro in comunicazione, Giancarlo Livraghi, parlava in questi termini. E dopo la mia esperienza sul web ed ora anche tra le vigne, mi accorgo di quanto avesse ragione.

    Saluti maremmani.
    Ale

    link a questo commento 0 0
    #12
  • Cosimo Errede

    Cosimo Errede

    @Paolo
    Come nel mondo off-line, qua sopra trovi di tutto, il bello ed il brutto, il buono ed il cattivo...chi come te ha l'intelligenza di discernere le sottili differenze tra gli uni e gli altri (sottili, perchè qui è più facile per un cattivo di prim'acchitto sembrar buono, per un brutto passar per bello), chi come te riesce a carpire il meglio di ciò che gli si presenta davanti, non può che migliorarsi, evolvere, rivedere le proprie idee...in molti sul web abbiamo rimodulato il nostro modo di porci verso gli altri, aprendo la nostra mente ed i nostri orizzonti. Mi associo ai webringraziamenti tuoi e degli altri.

    Non a caso, senza web, come farei a esser qui con voi da Barcellona dove mi trovo ora ?

    Ciao
    Cosimo

    link a questo commento 0 0
    #13
  • Tipografia A.S. - Etichette in bobina

    Tipografia A.S. - Etichette in bobina

    ciao....
    so che parli del mondo web in senso lato...ma..
    sta per andare on line il mio sito web..etichetteinbobina.com....
    da quello che hai scritto caro paolo..sei un provocatore..nel senso buono...stai incentivando il sottoscritto ad andare avanti con il mondo web...fin'ora non del tutto sfruttato...e da quello che descrivi ...una conferma di un vero potenziale..economico e sociale....
    grazie e a presto.
    mik

    link a questo commento 0 0
    #14
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    @ Mik: benvenuto :-)

    link a questo commento 0 0
    #15
  • Tipografia A.S. - Etichette in bobina

    Tipografia A.S. - Etichette in bobina

    @grazie alessandra....spesso mi mancano i tuoi servizi video...appena ne vedo on line su vinix....non me lo perdo....
    mik

    link a questo commento 0 0
    #16
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    diobonino Mik, ne ho appena pubblicati due, uno dietro l'altro. Sollazzati :-)

    link a questo commento 0 0
    #17
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    Grande Paolo !

    Lo sapevo che dietro quella "SCORZA DURA E PIENA", batte un CUORE GRANDE !!

    link a questo commento 0 0
    #18
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Di ritorno da un Weekend di cantina, vigne, degustazioni, incontri importanti, misurazioni Babo, svinature e attrezzaggio cantina per le imminenti vendemmie, seppur stravolto non potevo proprio posticipare ulteriormente di darvi risposta.

    @ Carolina,
    Il tuo complimento mi lusinga e contribuisce al sostegno in questo cammino alla ricerca della "barbera suprema" :-)

    @ Ale,
    Grazie per aver colto nelle mie parole il senso del mio webringraziamento che, altro non poteva essere che una testimonianza vera, semplice e comprensibile da prendersi a "uso e consumo" in quei momenti nei quali può capitare di non avvertire concretamente quali benefici, il prezioso tempo investito nella giusta direzione, ci può far ottenere.
    Io mi permetto di parafrasare un pò la metafora del campo da curare e dico la cosa più banale e scontata che si possa dire : Le relazioni nascono come teneri germogli e solo chi saprà curarle e nutrirle costantemente e con cura, le vedrà crescere e consolidarsi in robuste piante dalle quali poterne cogliere i frutti più dolci.
    Il web, a questo punto, può essere qual campo sul quale far crescere tale germoglio.

    @ Luciano,
    Concordo, d'altronde devo pur ammettere che non sempre ho condiviso le altrui opinioni e seppur rispettandole non le ho necessariamente fatte mie, tuttavia il confronto, come osservi tu, mi ha arricchito.

    @ Cosimo,
    Il peggior mondo che io conosco e con il quale non voglio avere a che fare è quello della televisione, trovo invece che Off-Line sia sempre più semplice nascondersi che On-Line e questo mi rassicura molto.
    Certo che, come dici tu, un mondo costruito dagli stessi uomini e che ne rappresenta quindi la "proiezione", non può esseere esente dagli stessi "vizi", tuttavia i oparto sempre dallpidea che sono i simili ad attrarsi e per questo per primo io scendo nell'area vestito solo di me stesso.
    Di molti amici qui conosciuti, posso dire lo stesso.

    @ Mik,
    Hai colto nel segno !
    Con la giusta impostazione avrai presto soddisfazioni.

    @ Lele,
    Stasera batte il fegato grande grande...
    Vado a letto sereno e sono contento di sentirti meglio

    Grazie a tutti !

    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #19
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    Ué Paolo !

    La Barbera Suprema sembra una "roba sessuale"!!

    :-)))

    Aloha

    link a questo commento 0 0
    #20
  • Roberto Gatti

    Roberto Gatti

    Bravo Paolo,
    mi ricordo ancora la Tua emozione quando pochi anni fa, hai partecipato al Concorso del Barbera....!! Ricordi.... Poi è stato un continuo progresso di esperienze e conoscenza....e soprattutto amicizia/e nel senso piu' nobile del termine.
    Ciao

    P.S. ) Ricordati che non mi sono dimenticato del Timorasso....eh ??

    link a questo commento 0 0
    #21
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Lele,
    Magari, si venderebbe da sola :-))) ah ah ah

    @ Roberto,
    Grazie per aver citato uno dei momenti più "formativi" in assoluto della mia carriera vinicola.

    Condivido senza riserva alcuna il tuo pensiero e mi piace in questa piovosa mattina rassicurarti sul fatto che i Timorassi vecchi e nuovi sono tutti al sicuro in cantina in attesa del loro momento.

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #22
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    @ Lele e Paolo: non male come imput "Barbera Suprema", rappresentata da una supergnoccona, ma che non si vede mai per intero (altrimenti è come 'na velina), solo via via dettagli del corpo ed una voce da brivido e... ma che fo, vi dico tutta l'idea aggratis? Eh no, lasciatemi qualche pudore :-).

    link a questo commento 0 0
    #23
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Ale,
    Speriamo di non dover mai ricorrere a vendere l'immagine e non il contenuto dei nostri vini , tuttavia l'idea è già vincente solo a pensarci..

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #24
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    Per me basta che poi l' "assaggiamo"... :-)

    Aloha

    Lele

    link a questo commento 0 0
    #25
  • Jacopo Cossater

    Jacopo Cossater

    Paolo, la bottiglia è li che riposa, coccolata da tante altre. Non vedo l'ora di aprirla (ci si avvicina alla temperaturagiusta, comunque. La mia idea è di berla davanti al primo camino acceso, tra qualche mese.)

    Ciao!

    link a questo commento 0 0
    #26
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Lele,
    Fine primo e ultimo direi unico di una buona bottiglia non può essere che quello...

    @ Jacopo,
    Che bella immagine ! :-)

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #27
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Regà, seriamente, non credo neanch'io che il sesso faccia vendere il vino e poi non se ne pòle più di culi e tette. E il vino si compra perché piace, ovvio. Ma in certe circostanze dove la comunicazione aiuta l'avvicinamento ad un certo evento, che sia una particolare degustazione in un piccolo locale o qualcosa di più grande, trovo assai azzeccati dei messaggi che riescano a trasmettere a priori il piacere, costruiti con ironia e vèrve.

    link a questo commento 0 0
    #28
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    Brava Ale,
    infatti intendo proprio questo; è chiaro che se per promuovere una bottiglia "devo metterla tra le gambe di una bella donna" questo aiuta di sicuro... ma se poi quando la bevo "essa fa cag...e", la prossima volta che incontro quella donna (manifesto, tv, ecc) con la btl tra le cosce "ho un altro pensiero che mi prende il cervello".

    Un pò come la pubblicità del distributore dei preservativi di fianco a quello dei gelati...
    La seconda volta, scelgo il gelato !

    Lele

    PS
    Ho cercato di essere il più fine possibile, eh?!

    link a questo commento 0 0
    #29
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Ale,
    La realtà è che con le masse culi e tette funzionano ancora benissimo, come ogni possibile riferimento al sesso del resto, ma noi, grazie al cielo, non facciamo un prodotto di massa e chi lo sa apprezzare possiede ancora le facoltà di farsi emozionare anche da altro...

    " trasmettere a priori il piacere " ... s'è accesa una lampadina :-) e questo ovviamente è in linea con questo post !!

    @ Lele,
    Mettere una bottiglia fra le gambe di una donna .....
    Al di là dell'infinità di battute, di doppi sensi e di questioni di gusti, rimane il fatto che se ricorri a questo per vendere, sei condapevole di avere un prodotto che non vale un .....

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #30
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    @Paolo,
    Seriamente: sai benissimo che la penso come te, il Vino prima di tutto deve essere buono o se preferisci "competitivo", in seguito la comunicazione del prodotto deve essere trasparente e coerente con il prodotto stesso, efficace sì ma ripeto, "trasparente e coerente".
    Sicuramente mettere un btl tra le cosce di una donna "è da spiegare" come "è da spiegare anche il camice bianco immacolato del tecnico del Tavernello in cantina"
    Più volte ci siamo trovati a confrontare le nostre opinioni specialmente sull' argomento Comunicazione, proprio perchè abbiamo visioni molto vicine anche se differenti, giusto?

    Infine concordo con te, trasparenza e coerenza sono le armi giuste per vendere il vino, quello vero e sincero... (Castellino! Scherzo , eh!?!) non di sicuro tette e chiappe.

    Lele

    link a questo commento 0 0
    #31
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Lele, hai un vino che spacca (almeno quello che ho assaggiato alla Taverna Kus), una grafica che spacca, un nuovo nome che spacca, la capacità di comunicare come si deve, cuore e cervello, non credo avrai grossi problemi, comunque mano (sinistra) ferma sui gioielli di famiglia, sempre.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #32
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ecco, adesso ho la certezza che il BB non sempre posta correttamente su Vinix, anzi non posta proprio....

    @ Fil & Lele,

    Siamo tutti d'accordo che il vino di Lele non abbisogna di cosciame per essere compreso da quel pubblico che è in grado di comprenderne la profondità..

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #33
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Lele,
    scusate il doppione...

    Quello col camice però... misura l'umidità del vino voglio dire, io non so come fare...... tu lo fai ?

    link a questo commento 0 0
    #34
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Il vino tra le cosce di una donna nn è necessariamente una cosa volgare, dipende da come imposti l'immagine. Potrebbe essere anche una... bottiglia "partorita" da una donna, no? Tanto per dirne una.
    Peccato nn essere una comunicatrice famosa, a quest'ora un'immagine cosi' avrebbe fatto parlare mezzo mondo (e chissa' contento il produttore!).

    link a questo commento 0 0
    #35
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Ale,
    Vero, noi si stava facendo un pò di ironia...
    Dipende sempre se stai vendendo il vino con una testimonial come donna o se stai vendendo la donna...

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #36
  • Andrea Petrini @ Percorsi di Vino wine blog

    E si magari come testimonial prendiamo anche Paris Hilton così il gioco è fatto...
    Come si dice a Roma: a regà sta cosa nun se pò sentì!

    link a questo commento 0 0
    #37
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Nun se pò guardà :-))

    link a questo commento 0 0
    #38
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Percorsidivi'... te scandalizzi facile te ;-)
    Per scandalizzarsi meno basta spersonalizzarsi un filino: ci sono idee che funzionano soltanto se messe in pratica da certe persone ed in certi contesti, altrimenti sono d'accordo: nun se po' senti'. Ma lavorando in comunicazione nelle grandi agenzie se ne sentono anche di più assurde, nelle fasi di brain storming, dove superare la decenza (per modo di dire) è un processo che si fa per trovare dei punti di incontro tra cio' che è *strano* e ciò che è *giusto*.

    Chi si è occupato di guerriglia marketing lo sa. Si parte dall'assurdo per tornare al consueto e durante il percorso si formulano ipotesi che via via si analizzano. Ma niente paura, non è il nostro caso, sembra che qui ci si stia solo divertendo, no?

    E poi Paris Hilton che partorisce? Io un ce la vedo proprio come mamma, nemmeno di una bottiglia ;-).

    link a questo commento 0 0
    #39
  • Andrea Petrini @ Percorsi di Vino wine blog

    ma chi si scandalizza... pensavo solo che se vedessi una pubblicità del genere mi si drizzerebbero i capelli.
    poi oh, siete voi gli esperti di marketing, io mi limito a commentare da mero consumatore

    link a questo commento 0 0
    #40
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Esperto ci sarà lei! Ehhehe eddai, ma un lo vedi che ruzzo? Cmq non è solo una battuta, quando si parla di "comunicazione oltre il solito" in realtà essere "esperti" serve a poco.
    Si tratta di essere creativi, osare, scommettere. E' più una questione di temperamento che di mestiere, secondo me. Le "tecniche" per fare le cose si imparano, volendo, ma non si *impara* ad avere idee.

    Uno dei migliori loghi per aziende che ho realizzato lo inventò mia figlia Sofia quando aveva 9 anni.

    :-)

    link a questo commento 0 0
    #41
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    DSiamo un po al limite del topic .
    Mi spiace oSservare che troppo spesso chu conosce la comunicazione pubblicitaria la mette al servizio del maggior offerente spesso inducendo nellebpersone comportamenti di acquisto erronei.

    link a questo commento 0 0
    #42
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Ahem... scusa Paolo, non riesco a collegare codesta affermazione col resto, illuminami please :-).

    link a questo commento 0 0
    #43
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Mamma mia che disastro !

    @ Ale,
    No infatti non è molto collegabile senza il resto del ragionamento che si è perso nei meandri della websfera.

    Volevo dire che purtroppo chi fa il mestiere del pubblicitario, a volte si spinge nella comunicazione, ben oltre il valore del prodotto con messaggi che inducono l'acquisto per soddisfare necessità indotte che sempre più spesso non hanno nulla a che fare col prodotto stesso e questo a me non piace.

    Nel senso che ammiro tali capacità intellettuali ma non l'uso che se ne fa.

    In questo contesto l'utilizzo della donna e della sfera femminile prevalentemente sotto l'aspetto sessuale, è abusato al punto che anche quando non la si vuole mettere in questi termini la gente è talmente abituata che vede solo coscie, culo e tette..

    Negli ultimi anni alcune ricerche hanno dimostrato che persino le immegini sacre, la Madonna per intenderci, vengono osservate in tal modo per comportamento indotto dalla pubblicità.

    Ora tutto questo è maledettamente OT e credo che sarebbe interessante discuterne magari in un apposito post, ma in fondo è anche uno scambio di conoscenze che dimostra ulteriormente il perchè del post stesso.

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #44
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    claro que si.

    link a questo commento 0 0
    #45
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    condivido... siamo fuori-topa... ops.. scusate... fuori-topic...

    Mamma mia stà pubblicità che c'ho in testa...

    Lele

    link a questo commento 0 0
    #46
  • Luigia Iarlori

    Luigia Iarlori

    sicuramente penso che scambiarsi idee ha sempre giovato a tutti ,succede a tutti specialmente nel fare vino ,trovo che quello che hai scritto sia molto profondo perchè indica passione e voglia di continuare ...

    link a questo commento 0 0
    #47
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Chiudiamo in bellezza. Io non commento... ;-)
    http://www.youtube.com/watch?v=LIIjADteEg4

    link a questo commento 0 0
    #48
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Luigia,
    Hai ragione, nel vino siamo sempre molto collaborativi soprattutto fra colleghi, qui c'è il valore aggiunto di potersi confrontare apertamente anche con il resto degli "attori" del cinema-viino.

    @Ale,
    Perchè non hai visto l'ultima di heineken... :-)

    ah ah ah

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #49
  • Cosimo Errede

    Cosimo Errede

    I meccanismi cambiano, perchè cambiano i costumi...
    http://www.youtube.com/watch?v=TdrE1VMxzoE&feature=fvsr

    Cosimo

    link a questo commento 0 0
    #50
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    O cambiano i costumi per via dei meccanismi ?

    Ciao ;-)
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #51
  • Fabio Ingrosso

    Fabio Ingrosso

    non ho letto tutta questa trafila di commenti, ma solo il tuo post. per dirti: gran bel post Paolo! L'ho anche retweettato http://twitter.com/Vino24/status/4472977263

    link a questo commento 0 0
    #52
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Grazie Fabio,

    Sono molto contento del fatto che ti sia piaciuto.

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #53
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    Io dico che cambiano i meccanismi per via dei costumi.. e viceversa!

    Aloha

    link a questo commento 0 0
    #54
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    @ Lele,
    Questa è saggezza all'ennesima potenza !
    :-)

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #55
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    Ciao Paolo,

    dico solo che mi sembra un pò come chiedere se è nato prima l' uovo o la gallina.
    E' una mia opinione personale comunque, eh?!

    Aloha

    Lele

    link a questo commento 0 0
    #56

inserisci un commento