Decanting the establishment

posted by
Decanting the establishment Once again the sparks materialize amidst a handful of bits and pieces gathered on the Internet. This once it happens to be a tweet from my friend, Maria Grazia Melegari, of Soavemente Blog, that draws my attention to an unusual perspective on a pharaonic wine Convention.

"Wine Future", was a summit of big wine names held in Logrono, right in the middle of the Spanish wine Country, on November 12th-13th of this year. This intriguing point of view by journalist, columnist and blogger Jamie Goode on "The Sunday Express" can be summarized by these lines:

"There's a glittering speaker list, and it will draw a significant crowd of important people, but I feel lukewarm to the whole idea. I don't think the future of the wine industry will be determined top-down by the famous people who currently 'lead' the wine industry"

Jamie Goode thoughts, together with the even more disturbing questions raised by some of the comments (such as those by Justin Roberts and Jim Budd challenging the integrity of the host), brought to the forefront my own reflections of the past, indirectly related to this subject.


Decanting the establishment


On the one hand we are witnessing a radical realignment (if not the crumbling) of the entrenched establishment of the traditional worlds of oenology and gastronomy, punctuated by mavens grasping at straws, changes at the top of important publishing groups, dissolutions of long-standing partnerships as well as the eclipsing of icons and independent points of reference.

On the other hand the emergence of new, noteworthy and important figures in the world of the web is becoming more and more frequent and intense. And so does the blending and the decanting between the two worlds: the traditional one and that of the web.

We have been trying forever to convince them (the big guys), that they should catch up with the times and start communicating on the Internet. Now that they have grasped the importance of being there, they have finally listened and answered the call. And their means and resources allow them to play a major role very quickly. It almost looks as if we were watching the colonization of what used to be a motley, fragmented crew of small-time independent publishers, each bent on following their own individual paths, but all inherently connected by a common modus operandi. Real grassroots stuff!


A few facts

The iper-Pharaonic, very showy Firm Dinastia Vivanco (never mind the hype, you've got to visit to believe it) sponsored and hosted a large portion of the first European Wine Bloggers Conference. Good for us.

Vinexpo showed a keen interest in a delegation of wine bloggers or in hosting one of the future European Wine Bloggers Conference gatherings. Good for us.

The Santa Margherita and Zonin Groups, directly or through specialized consultants lent more and more attention to the Internet and to the interaction among some key figures in the on-line information world. Good for us.

The Zonin Group, through Francesco Zonin own blog, has introduced the possibility of their hosting the Third Wine Bloggers Conference, if or when it will take place in Italy. Good for us.


Talking with the big guys

Now: this positive blending, when entailing constructive exchanges, dialogue and reciprocal growth is not just very good, it is also desirable. The big viticultural Corporations, the conglomerates, the wine power centers, in other words: those who should have learned how to have a dialogue on line, not only have done so, they are getting good at it. They have access to resources and have the necessary means to sponsor events and initiatives, to follow and then take part in conversations, to dedicate time and assets (human and financial) aimed at achieving their objectives.

While hardly free of sin, the world of the web until only yesterday was still moving following different rules, modalities and logics; it operated according to a spirit that, for better or for worse, could be defined as corporate (in the original sense of the word). Now, in turn, it is learning how to relate to "the big guys", to understand their dynamics and to establish the proper relationships.

This, in and of itself, is far from being a negative factor. On the contrary, it is wonderful to be able to reach them with a click of the mouse, to talk and have an exchange with those who, not so long ago, used to be so remote and unapproachable. There is little doubt that it is possible to cooperate and do great things with "the big guys". They are a resource and they can agree to make exceptional things happen. Things, such as EWBC or other initiatives that, in the end, will be beneficial to everyone. Not only to the sponsors.


An uncertainty


I only have one fear: that all these opportunities for dialogue and exchange might in some way escape us (us or them? It makes no difference) and that it might morph into something far less clear, transparent and organic. Something that, although not intentionally, could squelch considerably the "soul of the roots" that, in my opinion, should continue to be the essence and the womb of certain ideas and initiatives.

Decanting the establishment? No harm thinking about it.


P.S.: To those of you who stuck through the whole tirade, I want to point out two events that aim exactly in this direction: an open dialogue held on neutral ground. Perhaps more artisanal, but definitely genuine: TerroirVino e Vinix Unplugged 2010


#22 Comments

  • Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Pur non conoscendo a fondo tutto l'universo di cui parli la sensazione finale, il dubbio che tutto questo possa sfuggire di mano, mi pare più che condivisibile.
    Ma credo anche che questo processo sia già iniziato.
    E che forse era inevitabile.

    E più che di travaso parlerei di tentativo di dominazione.

    I processi attraverso cui avviene la "dominazione" in fondo si somigliano tutti: dapprima si guarda all'altro con disinteresse, se non con derisione, ma poi, fiutando una qualche ricchezza da saccheggiare, si iniziano ad instaurare i primi rapporti "commerciali" stranamente favorevoli ai più deboli, probabilmente per conquistarne la diducia e poi via, si parte alla conquista.

    Se poi i capotribù indipendenti 2.0 non sono immuni dallo sfavillante mondo che gli si prospetta, il gioco, per i nuovi dominatori, diventa diventa ancora più semplice..

    Il blog è un pò come il Golf, dove anche chi non eccelle può confrontarsi con i grandi, grazie all'invenzione degli handycap.
    Certo, io (blogger) che non sono nessuno, posso anche entrare in contatto con Zonin.
    Ma se non sono nessuno dubito di avere un qualche rilievo.
    Se invece sono qualcuno, nel mondo del web 2.0, il rilievo ce l'ho eccome.
    E molto probabilmente qualcuno vorrebbe comprarmi.

    E tuttavia la rete potrebbe rivelarsi un campo di battaglia non tanto semplice, per i grandi dominatori. Perchè comunque la possibilità di dire, di comunicare, di denunciare ce l'hanno tutti, anche i signor nessuno, che, se sono milioni, il rilievo se lo ritagliano con i numeri.

    Anche io insomma non credo che il futuro dell'industria del vino sarà determinato dall'alto verso il basso da parte di persone famose che al momento orientano l'industria del vino.

    Ma credo che sempre più sarà determinato dalle piccole/medie realtà che si confrontano, nel campo della produzione, sulla qualità, e in quello della comunicazione, sul web 2.0.
    Un pò come Poggio Argentiera. Che produce vini di razza e sa comunicare e confrontarsi adeguatamente.

    Il futuro del mondo del vino, almeno credo, e anche auspico, sarà composto da realtà così.

    Questi tentativi, nella scacchiera nazionale e internazionale, di spostare un pachiderma come se fosse una marmotta, dubito possano portare benefici al nostro mondo di blogger.

    Ciao
    Pierpaolo

    link to this comment
    #1
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Io ho anche una visione romantica del tutto Pierpaolo. Qualche tempo fa scrivevo Be Good, un'idea prima:
    http://www.tigulliovino.it/dettaglio_articolo.php?idArticolo=3555

    ed una presentazione poi:
    http://www.vinix.it/video_detail.php?ID=968

    In quelle righe stava l'idea che chiunque nella rete per poter emergere dalla massa non solo deve essere rilevante ma deve essere anche "buono", giusto in qualche modo.

    Ecco, io ho l'idea o meglio, il sogno romantico, che questo doversi confrontare dei grandi con i piccoli per forza se non vogliono restare tagliati fuori, possa in qualche modo tramutarsi anche in un vero e proprio cambiamento alla radice di determinati soggetti così come sovvertire determinati equilibri. In altre parole, pensi non sia possibile che grazie alla rete, tutto cambi veramente e in meglio ? Non è possibile immaginare un futuro dei grandi in rete non da dominatori ma da collaboratori redenti ? (non saprei in quale altro modo spiegare meglio il concetto, perdonatemi).

    Io non ho certezze in questo campo, sto solo osservando e per il momento vedo solo che c'è un concreto interesse e sforzo verso la collaborazione ed il coinvolgimento, poi non so dirti quanto questo sforzo di avvicinamento sia vero e genuino o studiato e pianificato.


    Ciao, Fil.

    link to this comment
    #2
  • Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    E' più probabile che un cammello passi dalla cruna di un ago ... diceva qualcuno rispetto ai ricchi, e i potenti, come li definisci tu, sono tali grazie alla loro ricchezza.

    Anche io ho una visione romantica dell'esistenza e penso che non bisognerebbe mai dire mai.

    Tuttavia, quello che "tasto" sul terreno, è altro.
    Poichè hai tirato in ballo Santa Margherita, di cui conosco e stimo il direttore marketing, Lorenzo Biscontin, non posso non lamentare un approccio troppo commerciale e mirato sopratutto a "domo loro".

    Vedi, a volte nei blog ci si presenta in un modo come dire ... friendly, ma nel rapporto vero e proprio l'atteggiamento e diverso.
    E un pò come la gentilezza apparente e di maniera sfoggiata in pubblico mentre poi, nel privato, ci si comporta diversamente in maniera un pò cafona (che non è il caso di Santa Margherita, beninteso).

    Insomma, ancora una volta l'abito non fa il monaco ed è questo che mi sembra che accade: si apre una piattaforma aperta, un blog, come un bel vestito nuovo, moderno, alla moda, magari un paio di jeans e via ... give me five ... ma nell'anima si resta legati all'austerità del doppiopetto.

    Forse sembrerebbe che difetto di scettismo e di sfiducia ma non è così.
    Credo che nel mondo esistano due sole categorie, qualla di chi ha e quella di chi non ha il potere.

    Il web non è di questo mondo, nonostante viva in questo in mondo.
    Se i potenti vi stanno arrivando, dedicando tempo e denaro, non credo lo facciano con le stesse motivazioni degli appassionati, o comunque con il loro spirito, ma per altre ragioni.
    Che non biasimo, sia chiaro.

    D'altra anche io sono qui per fare business.
    L'unica differenza è che non sono affatto potente.
    Non posso organizzare niente. Non posso ospitare nessuno.
    Posso solo essere me stesso, cercando di farmi conoscere per quello che sono, con i miei limiti e le mie difficoltà.
    Ma anche con le mie capacità.
    Lorenzo Biscontin mi ha telefonato per congratularsi con me per le mie creazioni, a voluto conoscermi e sapere tutto della mia produzione, mi ha lasciato dicendomi che sono la dimostrazione vivente che nel mondo del marketing c'è ancora molto da fare, eppure, nonostante il suo disturbo (non so a quanti abbia telefonato per elargire gli stessi complimenti) non credo ci saranno possibilità di fare del business con loro.
    Ed il motivo non credo sia il poco appeal dei miei articoli (vista la sua telefonata), ma più semplicemente perchè qualcuno avrà interesse (economico) a dirottare gli investimenti da altre parti.

    Forse a qualcuno piacerò. E grazie a questo, forse, qualcuno instaurerà con me qualche business.
    Non sarà il blog a rendere più umano il mondo, ma chi c'è dietro la tastiera.

    Ciao
    Pierpaolo

    link to this comment
    #3
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    intervengo solo per dire che le alternative, qui (nel mondo del vino, nella rete ecc) come ovunque, sono tra onestà e buona fede da un lato e strumentalizzazione a fini privati e commerciali\promozionali dall'altro.
    la rete al momento è uno spazio libero e aperto, ma cesserà di esserlo (o necessiterà di maggior senso critico e approfondite capacità di discernere, materiali alquanto rari...) appena le grandi multinazionali, o gli editori tradizionali, o i potenti del momento, cominceranno ad usarla per i loro scopi.
    I tentativi già in atto di controllo ci sono, chiari ed evidenti, così come le manipolazioni strumentali. E' successo alla stampa, alle tv e ad altri mezzi di comunicazione in passato. I tiranni hanno sempre avuto scrittori e storici al loro servizio, pronti a scrivere mistificazioni per oscurare la verità...
    perfino i Vangeli sono stati adattati e riscritti più volte per usi impropri...

    link to this comment
    #4
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ci sono due piani del discorso secondo me.
    Da un lato abbiamo il discorso del comportamento dei big e il livello di verità o meno che questo ha nei confronti della blogosfera e dell'approccio "nuovo" al consumatore. Dall'altro appunto travasi di establishment, cioè persone che dal nulla, grazie alla rete, acquisiscono visibilità, notorietà e potere e quindi diventano appetibili per i grandi in quanto nodi essenziali. Su questo piano, penso che la responsabilità dei singoli - quelli dietro alla tastiera come dice Pierpaolo - nel gestire questi rapporti, nel saperli dosare e filtrare nel modo opportuno possa fare la differenza.

    Prendiamo per esempio Barilla e l'idea di coinvolgere i blogger in sfide singolar tenzone ai fornelli in pubblico (anche a me hanno proposto di partecipare ma ho declinato per via del fatto che già faccio pubblicità per loro con vinoclic e mi sembrava di eccedere oltre che ad essere in conflitto d'interessi) queste attività non sono altro che marketing non convenzionale e pubbliche relazioni con la rete ed il mondo enogastronomico online. Perfette, simpatiche, lecite e divertenti.

    Il dilemma è che per anni abbiamo chiesto noi comunicatori e "nativi" che accadesse questo e lamentarsi adesso sarebbe paradossale oltreché ipocrita se questo avviene e viene fatto anche molto bene e con tutti i crismi, come dico nel post, sono diventati molto bravi.

    L'importante, credo, è che sia da una parte che dall'altra vi sia sempre equilibrio e mai il fagocitamento degli uni da parte degli altri. Sono delicati equilibri, è una discussione molto complicata dove secondo me non ci sono buoni e cattivi, non è così semplice.

    Ciao, Fil.

    link to this comment
    #5
  • I Botri di Ghiaccioforte Azienda Bioagricola

    Se ho capito bene Vinix potrebbe diventare da mini-paradiso quale è una distesa di noia commerciale...

    link to this comment
    #6
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Non ho capito cosa vuoi dire, puoi spiegare meglio ?
    Ciao, Fil.

    link to this comment
    #7
  • Enoteca Bec Di Iorio Carolina

    Enoteca Bec Di Iorio Carolina

    mi intometto in questa discussione come fruitore del web ed enoappassionato, tutta la preoccupazione espressa mi sembra retorica. Ciò di cui parli e che oggi accade tra grandi del vino e web, è già accaduto nel passato con la carta stampata, le guide enologiche, la televisione e i risultati non mi sembra siano stati così scandalosi. Sta all'onestà intellettuale del blogger far in modo che certi limiti non vengano oltrepassati e le regole rispettate e rispettose degli interessi di tutti, perchè pur sempre di interessi si tratta. Del resto il web oggi la fa da padrone e il rischio di qualche contaminazione è il prezzo da pagare per il successo e la risonanza che da esso deriva.
    Alla base come sempre restiamo noi le "persone" e sta alla nostra capacità di mediazione far in modo che l'onestà di guidizio e pensiero prevalga.
    E poi nessun mondo è illibato perche se lo fosse vorrebbe dire che non sarebbe di alcun interesse ed il web oggi ha un potere ed un fascino mediatico enorme
    a presto
    carla

    link to this comment
    #8
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Carolina e grazie molte per il tuo commento.
    Retorica no perché credo che farsi domande - io non ho giudicato nessuno ed anzi sono parte attiva, entusiasta e curiosa di questi confronti e contaminazioni - sia sempre una cosa buona. Avendo scritto io il post, permettimi di contestare il fatto che sia retorico, non lo avrei scritto altrimenti.

    Invece sarei ben felice di constatare che il mondo sta veramente cambiando in meglio, che i mercati sono veramente diventati conversazioni e che i c.d. grandi hanno imparato un modo più trasparente di porsi per colpa - o grazie - al web.

    Ciao, Fil.

    link to this comment
    #9
  • Maurizio Fava

    Maurizio Fava

    @ Fil
    secondo me, ribadisco, il web è un mezzo. Punto. di per se' è neutro, non garantisce a priori la trasparenza. Ne' il mondo sta cambiando, ne' in meglio ne' in peggio, per il solo fatto di cambiare mezzo di comunicazione. La discriminante resta l'onestà, e la trasparenza, degli utilizzatori, e la loro capacità di scegliere tra i messaggi veri e autentici e quelli fasulli e "furbi".
    al momento il web garantisce solo una certezza: la maggior velocità (software e hardware permettendo...)
    Un esempio su tutti: wikipedia. C'è chi la usa come fosse la bibbia, e invece ogni giorno ci sono molti casi di mistificazioni e informazioni false inserite per tutte le voci...

    link to this comment
    #10
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    A me pare che il post non parli assolutamente del web in senso astratto. A contare sono le persone, sempre, questo è vero. Io ho solo disegnato un quadro, quanto più neutrale possibile.

    Ciao, Fil.

    link to this comment
    #11
  • Enrico Ielmini

    Enrico Ielmini

    Concordo sia con Pierpaolo che con Maurizio. L'onestà morale è parte anche del mondo del vino. Trasparenza è comunicare al fruitore, all'appassionato, un messaggio chiaro e coerente, verificabile e attendibile. Molte aziende e persone utilizzano il web con l'intento di acquisire visibilità e apparenza, non trasparenza. I valori "intangibili" in molte, troppe occasioni, non corrispondono alle capacità reali delle aziende. L'onestà morale ed intellettuale corrispondono alla consapevolezza dell'individuo, chi non dispone di questa capacità difficilmente potrà comunicare in maniera trasparente.

    link to this comment
    #12
  • Capellini Luciano Azienda Agricola

    Capellini Luciano Azienda Agricola

    Se ho capito bene, alcuni grandi gruppi finanziano inizziative, come European Wine Bloggers Conference, facendo passare in secondo piano il "piccolo . Piccolo inteso come colui che non fa grande fatturato, ma non è detto non faccia grandi vini" e già questo è un concetto che, a mio modesto avviso dovrebbe entrare nella testa del consumatore apassionato, consumatore che dovrebbe poi possedere la capacità di discernere, capacità che deve saper contenere ogni forma di pregiudizio.
    Sotto il profilo più economico, personalmente vedo l'incapacità, di noi "piccoli" economicamente parlando di fare le cose assieme.
    Certo sarebbe stato bello se una manifestazione come quella succitata fosse stata sponsorizzata dai vignaioli ma allo stato ciò non lo vedo posiibile, in prospettiva ... mai dire mai.
    Ciao Luciano da Volastra

    link to this comment
    #13
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Provo a spiegarmi meglio perchè rischio di infilarmi in un tunnel dal quale è poi difficile uscire.

    La domanda che intimamente mi faccio - e sono molto combattutto perché vedo anche tutti i vantaggi che queste collaborazioni possono portare - è se nei confronti di tutti i piccoli, coloro che si muovono in modo totalmente indipendente e autonomo, produttori ma anche comunicatori e organizzatori di eventi indipendenti, il fatto, per esempio, che una delle maggiori riunioni di blogger in europa venga fatta sotto l'egida di un grande produttore di vino come per esempio è stato per la prima edizione a cui ho partecipato con grandissimo piacere e soddisfazione, si sentirebbero sminuiti e non considerati ? Penserebbero che questa gente dovrebbe organizzarsi ed autofinanziarsi da sola ? Etichetterebbero l'evento come autoreferenziale e si riterrebero comunque in ultima analisi esclusi o messi da parte ?

    Faccio un parallelo molto più in piccolo: terroir vino e vinix unplugged, molto artigianali e volutamente informali sono cose diverse e prevalentemente rivolte al mondo italiano ma i costi sono sostenuti in buona parte dalle aziende che partecipano (piccole, piccolissime e grandi), tutti allo stesso modo, tutti in egual misura. Io penso e seguo questa strada ma non è detto che sia quella giusta o la migliore.

    Anche l'idea di uno sponsor - anche a me farebbe molto molto comodo e mi consentirebbe di dare servizi ancora migliori, anzi, a breve lancerò un'offerta pubblica per terroirvino - è lecita e necessaria ma non sarebbe forse più opportuno che come sponsor si scegliesse un tecnico o qualcuno che non fosse un diretto esponente della produzione ?

    E, lo ripeto ancora una volta per essere estremamente chiaro, sono domande che mi pongo senza pregiudizio e con il piacere e il desiderio di collaborare anche con i grandi (chi mi conosce sa che da sempre difendo l'inserimento di pochi grandi a terroir vino per il loro potere di poter avvicincare la grande massa al vino di qualità con prodotti decorosi (pensate per esempio al rubesco di lungarotti, al la segreta bianco e rosso di planeta, ecc.), ho un ottimo rapporto e stimo moltissimo Marco Massarotto di Hagakure, agenzia che cura le PR di Zonin, conosco personalmente e stimo molto Lorenzo Biscontin e Alberto Ugolini del marketing di Santamargherita. Potrei andare avanti.

    Oggi porsi dei dubbi deve sempre per forza equivalere a schierarsi da una parte o dall'altra ? Non si può solo riflettere su temi così delicati e confrontarsi pacatamente ?

    Ciao, Fil.

    link to this comment
    #14
  • Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Certo che si, naturalmente ci si può confrontare pacatamente ... e se per caso ti riferivi ai miei commenti chiedo venia.

    Non era nelle mie intenzioni.

    E, come te, se Santa Margherita mi avesse offerto l'opportunità di realizzare qualcosa con loro credi che avrei rifiutato?
    Magari per chissà quale utopistico principio?
    Perchè sono potenti? Per dispetto? Per la lotta di classe?

    Suvvia ... come di diceva qualcuno il potere logora chi non ce l'ha.

    Non che auspichi diventarlo, potente, beninteso ... vivo molto serenamente la mia precarietà (stavo giusto predisponendo un nuovo post sull'argomento) ma certamente non lo condanno aprioristicamente.

    Giusto per dirne una, Lord Drug, ovvero Daniel Vasella, gran capo della Novartis, la multinazionale del farmaco, nonostante tutte le sacrosante accuse che gli si possono rivolgere, guarda al terzo mondo senza ambiguità, in maniera diretta e pragmatica.

    Sostiene Vasella: "la prima domanda da farsi è: abbiamo un obbligo verso il terzo mondo? No. La seconda domanda: vogliamo contribuire? Si.
    La terza domanda: Possiamo? Si."

    Ecco io credo che le cose stiano un pò così.
    Lo stesso potrebbe dirsi per questi potenti gruppi di produttori di vino.
    La prima domanda che si pongono è: abbiamo un obbligo verso il mondo dei blogger? No. Vogliamo contribuire? Si. Possiamo? Si.

    Certo, sia Novartis che Santa Margherita avranno pure un qualche interesse a farlo, se lo fanno.

    La cosa importante per tutti, nel caso di Novartis, è che lo facciano.
    Per i secondi, invece, importa solo a chi ne beneficia.

    Questo è quanto, mi sembra ...

    Ciao
    Pierpaolo

    link to this comment
    #15
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Perfetto Pierpaolo, la vendiamo pressoché in egual modo. Semplicemente a me pare anche che quando piccoli e grandi collaborano da una parte c'è 1 soggetto grande, dall'altra molti piccoli che non agiscono insieme creando qualcosa di nuovo ma spesso si appoggiano al grande per farlo. Questo è meraviglioso o limitante ? E' la domanda a cui io non riesco a dar risposta da solo.

    Ciao, Fil.

    link to this comment
    #16
  • Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Si, d'accordo.
    Ma "meraviglioso" non è il termine che userei.

    Meravigliosa è la vita, l'amore, il sesto senso del gatto, un asparago che cresce, la natura ...

    Più che altro direi "un bel colpo" ... o "una bella botta" ... ;o)

    Comunque no, non mi sembra limitante.

    Ciao
    Pierpaolo

    link to this comment
    #17
  • Capellini Luciano Azienda Agricola

    Capellini Luciano Azienda Agricola

    Spero di non andare fuori tema.
    Se avessi la potenzialità economica di ospitare l'evento sopra citato, fose lo farei, Percchè forse? Perchè la mia dimensione tutto sommato non necessità di una visibilità così ampia, alla fine il consumatore il prodotto sullo scaffale finirebbe per non trovarlo. Tanti piccoli, invece, possono fare un azienda media e dunque la prospettiva potrebbe cambiare. Sbagliano dunque i piccoli a non consorziarsi per dare qualla risposta che li qualificherebbe, lo spazio ovviamente viene abilmente coperto da altri con capacità di spesa maggiore e se io fossi grande ovviamente cercherei di occupare quello spazio.
    Cosa comporta ciò per il piccolo? certamente una opportunità mancata ma certamente non è che con ciò se la deve prendere con il più grande che ha abilmente fatto ciò che ritiene utile per la propria azienda, che poi ciò incida sul giudizio dei blogger, be è inevitabile, così come inciderebbe se ad organizzare fossere tanti piccoli.
    Per concludere, nel pomeriggio avevo in cantina il venditore del Lazio e abbiamo tra le altre cose, parlato anche di piccole iniziative da mettere in atto, probabilmente le risorse disponibili ci consento di organizzare il modesto evento e perciò faremo da soli, se tuttavia s'affacciasse un grande con un'idea che mi convince e che può portare di più, be la valuterei.
    ciao Luciano



    link to this comment
    #18
  • Alessandra Rossi

    Alessandra Rossi

    Ho già commentato nell'articolo su Tigullio Vino, appena pubblicato. Il tema lo affronto da almeno dieci anni, seppure in altri settori. Che sia il vino, la produzione in oggetto, o le patatine, nel web grazie al cielo la gente si comporta in modo molto meno manipolabile che con gli altri media. E può interagire.
    Quindi facciano attenzione i "Grandi", se vogliono non dico "occupare" ma anche sopravvivere online, alla natura stessa del mezzo.
    Lo diceva anche un certo Mc Luhan un po' di tempo fa.

    link to this comment
    #19
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    Ciao a tutti,

    finché posso esprimere il mio parere senza condizionamenti, reputo il web un mezzo utile, efficace e trasparente, indipendentemente dalle dimensioni di chi lo sfrutta.

    Quando questo finirà, beh... troverò altre strade !!
    "AIVANOOOO! AIVANOOOOO !!!" (traduzione letterale italiana :-))

    Emanuele

    link to this comment
    #20
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    C'è una costante demonizzazione del grande e del commerciale e una esaltazione del piccolo, la leggo sempre più tra le righe. Spesso mi sento dire che ho un approccio troppo commerciale, che dovrei parlare di più della mia terra, del mio territorio. Credo che parlarne però sia poco, bisogna fare qualcosa per il proprio territorio, qualcosa che permetta non solo di parlarne ma anche allo stesso di sopravvivere e di godere di linfa nuova prima e poi di crescere, nel mio caso emergere. Come la vite si pota tutti gli anni, per godere dei tralci migliori a frutto anno dopo anno, lo stesso si dovrebbe fare giorno dopo giorno con la propria azienda e quelle degli altri. Ma non succede, ogni volta che si cerca di collaborare dopo pochi passi capita sempre che ci si accorge che si deve rinunciare a qualcosa oppure (peggio) lavorare non essendo sicuri che tutto quello che viene in tasca venga nelle tasche di chi lo fa. Questo, ahimè, è ben chiaro ai grandi, che in questo sono persino più flessibili, meno ai piccoli, che però nel loro modo di comportarsi sono molto più aggressivi vuoi per esigenza, leggi per sopravvivenza, e spesso sempre più, si arroccano sulle loro posizioni pensando di potercela fare da soli, magari grazie ai cd. new media, che poi ormai poi così nuovi non son più. Miopia? Boh!
    Bene, sai che c'è di bello? Che piccolo è bello se riesce a fare forza sui suoi reali punti di forza, sulla trasparenza, sulla sincerità, sulla rapidità di movimento e la coerenza dei propri passi: voglio vedere come fanno i grandi gruppi che si muovono necessariamente su più fronti con staff necessariamente corposi a mantenere regie uniche e visibili come tali....
    Ma nessuna cosa è un demone o una cosa positiva, semplicemente è l'evoluzione e io credo che come accade sempre in queste svolte, ditemi voi se oggi non viviamo in un contesto radicalmente diverso da quello di due anni fa e fate caso a come il mondo è cambiato negli ultimi dieci anni....
    Bene, ora direi che ci sono due strade, o si trova il modo di partecipare, buoni cattivi piccoli e grandi non importa, oppure semplicemente tra un po noi piccoli faremo talmente tanta fatica a muoverci che molte scelte diventeranno impossibili. Io ho deciso di rinunciare ad un pezzo della mia identità per fondermi con un altro produttore e creare una realtà nuova, capace di affrontare con le dovute forze questo contesto. Ma non guardo a quello che ho rinunciato, mi lascio semplicemente trasportare dalla possibilità di andare dove prima non osavo nemmeno pensare....
    Questa è solo un'anticipazione, ma credo che questa follia verrà alla luce anche grazie all'online....e ah, si ringrazio i grandi per averci insegnato con i loro movimenti cosa evitare.....quindi io ho scelto, parto dal basso e in piccolo, ma non mi faccio mancare nulla: bella sfida, vediamo. Intanto vi dico provateci, perché ho visto ormai troppe persone convinte che fare il produttore di vino significhi portare alla luce una splendida bottiglia con un contenuto memorabile ad un prezzo fantastico, magari fosse solo così, mi continuo a sentir dire che non basta e temo che alla fine sia pure vero, ma non mollo. Ecco, si non mollo, questo è il mio modo di amare il mio territorio.
    Immaginatevi se la ferrari facesse solo belle opere d'artigianato ma non partecipasse alla formula 1 nè facesse eventi dedicati.....

    My two cents
    :-)

    P.S. tutto sto casino lo devo anche ad aver conosciuto Fil e anche a Vinix (pensare che c'è gente che dice che non serve....mah!)

    link to this comment
    #21
  • Gerry Dawes

    Gerry Dawes

    Dear Filippo,

    Thanks very much for looking in on my blog and making a comment. I am very sorry that I can't answer you in Italiano, but my second language is Spanish. I do truly enjoy your country, however.

    On your blog, Vinix.it (http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=3475&lang=eng), you wrote:

    Decanting the establishment

    "On the one hand we are witnessing a radical realignment (if not the crumbling) of the entrenched establishment of the traditional worlds of oenology and gastronomy, punctuated by mavens grasping at straws, changes at the top of important publishing groups, dissolutions of long-standing partnerships as well as the eclipsing of icons and independent points of reference.

    On the other hand the emergence of new, noteworthy and important figures in the world of the web is becoming more and more frequent and intense. And so does the blending and the decanting between the two worlds: the traditional one and that of the web.

    We have been trying forever to convince them (the big guys), that they should catch up with the times and start communicating on the Internet. Now that they have grasped the importance of being there, they have finally listened and answered the call. And their means and resources allow them to play a major role very quickly.

    It almost looks as if we were watching the colonization of what used to be a motley, fragmented crew of small-time independent publishers, each bent on following their own individual paths, but all inherently connected by a common modus operandi. Real grassroots stuff!"

    I agree with a lot of what you wrote. I just have a problem with "the big boys" getting involved and sponsoring blogger's conferences. A big part of the problem, as I see it, is that they "big boys" have taken over the wine business and are turning out one Parkerista wine after another to the point that I have trouble tasting and judging a lot of the wines I review, let alone drinking them.

    I think more blogs like yours with an independent voice are needed to combat the big money elements of the wine business, but then again I guess I am just a Quixote-esque Romantic who thinks wines should be honest reflections of the people who make them and of the place from which they come.

    But, wait, maybe some of these travesties that are being passed off as great wines are just that: relections of the people who make them!

    My best regards, Gerry

    link to this comment
    #22

post a comment