assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#36 Commenti

  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Una nota sull'etichetta, proverei a sostituire il quadrato arancio intorno all'immagine con un quadrato grigio 60-70% molto molto sottile.

    Per il bindello (che immagino sia la controetichetta) metterei due righe su cos'è un prosecco col fondo, spiegando perchè sarà lievemente torbido, eviterei come la peste la descrizione organolettica, metterei il tuo account twitter.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Andrea Petrini @ Percorsi di Vino wine blog

    .....ed eviterei il si abbina con......

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Si, non spiegate alla gente cosa deve fare col vostro vino, in generale.

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Fil, quella riga arancio in realtà sarà rame lamina!
    il bindello è quel biglietto che si appende al collo della bottiglia!

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Nuuuu, il bindello noooo!!!
    Metti le cose in retroetichetta.
    Color rame molto bello, però lo farei più sottile comunque rispetto a come è ora.

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Andrea Petrini @ Percorsi di Vino wine blog

    Luca il bindello fa molto retrò...

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    @fil, etichetta già in stampa......
    Il bindello vorrei farlo perchè la controetichetta sarà piccola e minimale, altra cosa da dire è che il frizzante non può avere la capsula e volevo mettere qualcosa attorno al collo per riempire lo spazio vuoto.
    Altra cosa, il sur lie non lo conoscono in molti ed è un vino abbastanza particolare ecco perchè credo sia necessario spiegare alla gente cosa troverà nella bottiglia.

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Essepi Wine Services

    Essepi Wine Services

    Sono d'accordo con Fil, la cornice più sottile, il colore è bellissimo. Spiegazioni sempre sul retroetichetta. Bindello, non mettere informazioni lì perché tanto la gente non sta a leggerlo. Magari metti Bele Casel oppure Prosecco Sur Lie, ma basta.
    Sandra

    link a questo commento 0 0
    #8
  • EWSP - Imballaggi In Cartone Per Il Trasporto Sicuro Di Vino

    io puntualmente il bindello o lo butto subito, o lo perdo strada facendo.

    Conclusione non lo leggo mai :-(

    link a questo commento 0 0
    #9
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Ma fatemi capire una cosa, voi conoscete le caratteristiche di questo vino?
    Secondo me il 90% dei consumatori non sanno nemmeno cosa vuol dire sur lie.

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Luca, per il bindello fai così se proprio lo vuoi mettere:
    cartoncino rigido, bianco sottilissimo 1 foglio solo. Su fronte logo bele casel scritto stampatello grigio chiaro su sfondo bianco e basta. Su retro due righe su cos'è un sur lie.

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #11
  • Essepi Wine Services

    Essepi Wine Services

    Per quello ti abbiamo detto di spiegarlo nella retroetichetta, perché il bindello va buttato via senza leggerlo. Certo che quasi nessuno sa cosa vuol dire sur lie. Bisogna spiegarlo sinteticamente e bene nella retroetichetta!

    link a questo commento 0 0
    #12
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Studierò la soluzione di Fil perchè la controetichetta sarà 4.5x6 cm..... troppo piccola

    link a questo commento 0 0
    #13
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Anche plastificato se non cartoncino. Cordino che riprende il rame dell'etichetta.

    link a questo commento 0 0
    #14
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    dopo questi 16 commenti ho una confusione in testa che voi non ve l'immaginate....

    link a questo commento 0 0
    #15
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ma no dai. Mi pare che tutti più o meno ti abbiano detto NO bindello. Semplicemente, se lo fai, potresti evitare di fare il classico LIBRO e potresti fare un simpatico "cartellino" (cartone o plastica) sottile sottile ma rigido, su cui scrivere logo da una parte e notizie surlie dall'altra. Semplice, moderno, no frills.

    Imho ovviamente.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #16
  • Davide Cocco

    Davide Cocco

    Luca, a me il bindello piace. E lo leggo sempre.
    Ciao.davide

    P.S. oggi ho scoperto che si chiama bindello

    link a questo commento 0 0
    #17
  • Claudia Donegaglia

    Claudia Donegaglia

    @il bindello fa molto' bugiardino'dei farmaci.
    claudia

    link a questo commento 0 0
    #18
  • Enrico Ielmini

    Enrico Ielmini

    Ciao Luca. No bindello. Concordo con Fil per l'etichetta. Comunque, poche e "chiare" informazioni.
    Buon lavoro. P.S. Appena scendo a valle passo per un "ombra", ehm un saluto. Henry

    link a questo commento 0 0
    #19
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Sai perchè ce l'ho col Bindello?
    Perchè mi è capitato spesso di vederlo su vini di poco valore e non mi pare il caso. Poi magari è una mia percezione errata e al consumatore medio piace moltissimo.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #20
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Ok, ho capito che il bindello non vi piace. Come dice Fil probabilmente la causa di tutto ciò è che è sempre stato usato per vini mediocri, un po come succede x il tappo vite e per il baginbox.
    Probabilmente lo farò comunque :) , ho bisogno di far capire alla gente cosa sta bevendo, devo spiegare il perchè del fondo e che non stanno bevendo un "comune" Prosecco.
    QUINDI:
    per cortesia mi dite che vorreste leggere su questo bruttissimo bindello? :)
    Luca

    link a questo commento 0 0
    #21
  • Anna Veronese

    Anna Veronese

    A me, che faccio parte parte di quel 90% dei consumatori, piacerebbe sapere che:
    - si distingue dagli altri proescchi per la fermentazione sui suoi lieviti che avviene in bottiglia, quindi la torbidità e il sedimento è una caratteristica e non un difetto.
    - questa tipologia di fermentazione richiede uve sane e pulite
    - il residuo zuccherino è minimo
    insomma, mi piacerebbe sapere le caratteristiche che lo differenziano dal prosecco "normale"
    (l'ho buttata giù in termini banali... ma ma noi 90%-ini, facciamo domande banali) ;)

    link a questo commento 0 0
    #22
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Luca, commenti 13+25 e secondo me spacchi.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #23
  • Podere Il Saliceto

    Podere Il Saliceto

    ciao ,anche per me il bindello deve essere chiaro e con breve descrizione del prodotto -ne usavo anch'io nell'azienda dove lavoravo prima- e mi limiterei alle cose più essenziali in modo da incuriosire un po' il consumatore. inserisci anche tutti i tuoi indirizzi
    internet- twitter(anche se sono ignorante in materia) in modo che cappiscano dove possano interagire con te.ciao gp

    link a questo commento 0 0
    #24
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Oh Riky tu sei avanti anni luce!
    @ Anna volevo proprio il parere di voi 90%ini ;)

    link a questo commento 0 0
    #25
  • EWSP - Imballaggi In Cartone Per Il Trasporto Sicuro Di Vino

    Allora voto bindello semplice con "commento 25".
    Ovvero minima descrizione e rimando WEB 2.0

    www.surlie.it ( tutto attaccato purtroppo ) è un domnio libero :-)

    link a questo commento 0 0
    #26
  • Cromobox

    Cromobox

    ciao Luca, anche io faccio parte del 90 % ed in tutta onesta non sapevo che si chiamasse bindello.
    Però se vedo una bottiglia con il bindello sopra, lo leggo e se mi colpisce la bottiglia poi la compro.

    Cmq concorco con Riccardo al 25, io ne ho ancora alcuni nel cassetto della cucina :-)

    link a questo commento 0 0
    #27
  • Capellini Luciano Azienda Agricola

    Capellini Luciano Azienda Agricola

    Io il "bindello" lo messo e a molti era piaciuto, pochi operatori avevano brontolato per mitivi vari riportati anche sopra. poi ho optato per la retroetichetta per una ragione semplice: "il bindello lo metti a mano, l'etichetta è meccanica" non escludo tuttavia di tornare al "bindello" o addirittura alla pergamena. Ho anche altre idee con la ceralacca ecc.
    Quello che conta tuttavia è che anche il "vestito" della bottiglia deve essere personale, deve esprimere il tuo sentire. Per il resto lascia dire.
    Ciao Luciano

    link a questo commento 0 0
    #28
  • Rinaldo Marcaccio

    Rinaldo Marcaccio

    voto commento 25.

    link a questo commento 0 0
    #29
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Ok! alla fine credo che il bindello in un modo o nell'altro lo metterò, indicando sicuramente il sito internet, twitter e via dicendo e inserendo qualche dato che possa incuriosire il cliente indirizzandolo nel nostro sito per leggere ulteriori caratteristiche di questo vino.
    grazie per i numerosi commenti....
    luca

    link a questo commento 0 0
    #30
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ma lo farai quindi a cartoncino rigudo fronte retro oppure a libretto?

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #31
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    farò un bindello a mò di biglietto da visita.... appena fatta la grafica ve lo mostrerò
    Luca

    link a questo commento 0 0
    #32
  • Capellini Luciano Azienda Agricola

    Capellini Luciano Azienda Agricola

    Il sito internet va bene, ma secondo me è importante cercare di avvicinare la gente in cantina, creare un contatto, costerà in termini di servizi ds erogare, temo da dedicare ma per la mia esperienza cò è importante.
    @ Rinaldo_ voto commento 25, be non è 30 ma poteva andare peggio.

    Saluti da Volastra

    link a questo commento 0 0
    #33
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Incredibile Ric, stavo pensando di rispondere così poi ti ho letto....davvero incedibile, mi sa che faremo un casino senza pari....

    Tornando a Luca, cartellino superwhite con tagliettatura per fare in modo che possa separarsi facilmente dall'asola che lo leghi al collo, dimensioni analoghe al biglietto da visita ovvero tenere conto delle dimensioni del portafoglio (se diverso da portafoglio facile che si perda perchè non si può, banalmente, inserire nei biglietti da visita).

    Non mettere il marchio davanti (c'è già l'etichetta) metti subito e visibile il link al tuo sito (non lo fa nessuno e sicuramente essendo diverso colpisce di +), che si legga chiaramente e incuriosisca, mentre dietro dall'altra parte lo fai proprio come un biglietto da visita (così si ricordano come ti hanno conosciuto - il prosecco sur lie- e hanno tutto per contattarti - il tuo biglietto da visita).

    Poi, se vuoi completare fai sulla home del tuo sito un link ben visibile "prosecco sur lie" con magari un avatar della bottiglia o dell'etichetta, in modo che chi cerchi ci arrivi al volo perchè vede esattamente la stessa immagine del sur lie dove spieghi come vuoi il vino, spezzandolo in magari 2 paragrafetti che si leggano velocemente (stile se più sei curioso più vai avanti nei dettagli, ma sembra sempre poca roba da leggere e non spaventa).
    my two cent
    tom

    link a questo commento 0 0
    #34
  • Mauro Vasturzo

    Mauro Vasturzo

    Ciao io avrei una domanda avevo sentito che per esempio nel caso del prosecco doc di valdobbiadene non era permesso la dicitura prosecco su bottiglie del tipo a rifermentazione in bottiglia (col fondo) anche se prodotte con uva doc al 100%.
    Puo' essere vero?
    Grazie mille e continua cosi'

    link a questo commento 0 0
    #35
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Ciao Mauro,
    si, il termine prosecco si può usare in entrambe le docg (Asolo e Conegliano-Valdobbiadene) quello che non si può più usare è il termine sur lie che è stato registrato dai francesi.
    Luca

    link a questo commento 0 0
    #36

inserisci un commento