l'etilometro a fiato è una truffa scientifica

inserito da

L’etilometro a fiato sta mietendo vittime a cascata. Niente di male se i fermati fossero veramente colpevoli, ma il più delle volte chi viene massacrato da una legge ghigliottina è completamente innocente.

Infatti, è stato dimostrato scientificamente, che l’etilometro a fiato è un’apparecchiatura che NON è in grado di ottenere ciò che dice. Basandosi su dati scientifici inoppugnabili, è partita una vasta campagna di informazione atta a sensibilizzare il mondo del vino, e non solo, attraverso vari documenti. Suddetta documentazione può essere estremamente utile durante le varie fasi legali.

Nel seguito troverete un dossier completo che, attraverso la traduzione di articoli dei più noti fisiologi polmonari mondiali e tossicologi forensi, descrive tutte le motivazioni dell’inaffidabilità dell’etilometro. Lo stesso documento contiene anche due sentenze (una americana e una italiana) che sfruttano proprio parte delle considerazioni scientifiche illustrate nel dossier.
Vogliamo anche ricordare che stiamo cercando di far venire in Italia (settembre) il prof. Hlastala (uno dei massimi esperti della fisiologia polmonare e della tossicologia forense)  per tenere conferenze professionali e divulgative. E' proprio lui l'autore degli articoli più decisi contro l'etilometro.

scarica dossier completo: http://www.cantinasancassiano.it/news.php?id=20

Per avere un’idea rapida della problematica è stato inserita anche una versione ridotta del dossier.

scarica una versione ridotta del dossier: http://www.cantinasancassiano.it/news.php?id=37

Dato che uno dei momenti critici che condiziona tutta la penosa trafila di colui che è stato trovato positivo all’alcol test, è la fase di compilazione del verbale da parte delle forze dell’ordine, si è redatta una dichiarazione da far mettere a verbale, in cui il fermato dichiara che non gli sono stati eseguiti gli accertamenti fondamentali per una operazione che abbia un minimo significato scientifico. Ricordiamo ancora di NON firmare il verbale se esso indica condizioni fisiche inadeguate alla guida, che non corrispondano al vero.

scarica la dichiarazione da far mettere a verbale: http://www.cantinasancassiano.it/news.php?id=36

Si allega anche una locandina introduttiva che tutti gli interessati potranno far circolare e in cui si spiegano le motivazioni e si rimanda a questo sito per il reperimento dei vari documenti. Nella locandina si trovano anche due indirizzi mail a cui far riferimento per essere tenuti al corrente delle novità.

scarica la locandina: http://www.cantinasancassiano.it/news.php?id=39

Infine troverete una lettera di un produttore verso i suoi colleghi per incitarli a farsi sentire e a scendere in campo per fermare una situazione proibizionistica che li penalizza fortemente e li fa apparire come dispensatori di un liquido diabolico e peccaminoso.

scarica la lettera: http://www.cantinasancassiano.it/news.php?id=40

Ricordatevi però che tutto ciò NON vuole essere un incitamento a guidare ubriachi. Chi conduce un mezzo in condizioni inaffidabili è un pericolo pubblico che deve essere fermato. Questa campagna è diretta a chi viene colpito ingiustamente da uno strumento completamente inaffidabile.

Per qualsiasi ulteriore informazione e per essere inserito nella mailing list che vi terrà
aggiornati sulle novità, potete scrivere a:
Vincenzo Zappalà : enzo.zappala@tele2.it
oppure
Fausto De Andreis: spigau01@alice.it

Troverete degli indirizzi legati ad un'azienda. Vi assicuro non vo è niente di commerciale, ma solo il fatto che il caro amico Mirko ha messo a disposizione il suo sito per scaricare il materiale e per inserire le novità che sicuramente arriveranno.

Forza! Muoviamoci...i dati scientifici sono ignoppugnabili!!!

#3 Commenti

  • Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    Alter-Eno / Pierpaolo Paradisi

    A questo punto, visto che tutto è partito da una petizione, non escluderei di predisporre una bella petizione da far girare tra le migliaia di aziende produttrici, enoteche e ristoranti presenti su vinix.

    In fondo sono queste ad essere molto interessate alla faccenda, per non provare?
    Si tratta di circa 5000 realtà che, se per caso dovessero anche loro raccogliere consensi, potrebbero moltiplicare a dismisura il numero di firme.

    Ci vuole un pò di sbattimento ad inviare una email a tutti, è vero, ma con un pò d'impegno oggi un pò domani ...;o)

    link a questo commento
    #1
  • Roberto Gatti

    Roberto Gatti

    Grazie Enzo,
    del Tuo prezioso contributo , ma Ti voglio chiedere una cosa :
    hai notizie circa gli esiti dei ricorsi fatti da utenti, a tal proposito ?
    Ciao e grazie
    Roberto

    link a questo commento
    #2
  • Vincenzo Zappalà

    Vincenzo Zappalà

    ciao Roberto,
    vi sono stati almeno due casi in cui il giudice (di pace) ha assolto i fermati perchè il fatto non sussiste (tasso alcolemico alto non vuol dire essere ubriaco) e perchè l'etilometro non è fisiologicamente un test valido. Purtroppo sono giudici di pace soltanto. Tuttavia, ho smosso un'associazione di avvocati e spero si muovano anche loro. Negli USA invece i processi vinti non si contano più e la polizia ha praticamente smesso di usare l'etilometro...

    link a questo commento
    #3

inserisci un commento