assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#47 Commenti

  • Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    un chiarimento sulla collocazione esterna.
    Cinzia

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Cantina Pugliese

    Cantina Pugliese

    Sono perfettamente daccordo..... E' semplice: o il R.I.S. controlla e certifica la lealtà dei produttori, oppure lo dobbiamo fare noi! E' importante produrre al meglio e far conoscere al consumatore cosa beve..... peccato però che l'archivio sia composto da autocertificazioni: non tutti indicheranno dati realistici!
    Remo

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    @ Alice
    Adesso arriverà anche Paolo Ghislandi e tutti gli altri molto più competenti di me. Quanto alla collocazione esterna direi che questo è proprio lo spazio per dibattere la questione. Ho deciso di aprire un nuovo post per chiarezza e facilità di lettura. L'altro è stato un'ottima palestra ma si erano accavallati troppi argomenti.

    Sono gli aderenti che devono decidere dove archiviare le autocertificazioni. Immagino un sito autonomo utile solo all'archivio delle certificazioni. Un'idea che mi viene in mente per farlo qui su vinix gratuitamente potrebbe essere quella di creare un apposito blog di un utente "x" dove "x" è il nome che si vorrà dare all'iniziativa e del quale avranno username e password tutti i vignaioli che vorranno autocertificare i propri vini. In pratica un account apposta per l'operazione gestito dagli organizzatori o da tutti. Oppure, ancora, un blog apposito. Oppure altro. Avanti con le proposte.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao a tutti !!!
    Fil, io ci sono, grazie alla collaborazione anche di Mimmo che mi ha dato delle dritte e molti esempi, ho già realizzato due schede per me e i miei vini, ma di questo ne riparleremo.
    Per il punto due mi trovi spiazzato, non posso fare una certificazione generalista sulla mia azienda, ma devo farla per ogni singola etichertta diversa. (ad esempio la solforosa non è mai uguale se la vogliamo indicare. ) Quindi postare in un blog tutte le certificazioni di ogni vino di ogni azienda che aderisce temo diventi un pò caoitico per chi poi ne vuole cercare una specifica perchè magari ha sottomano la bottiglia proprio in quel dato momento. Ma tu mi fai felice se mi smentisci in questo.. Suggerisco un dbase con le sue belle chiavi di ricerca e l'utilizzo di combo per la scelta di ogni campo.
    Una cosa molto light, Anagrafica, Analisi, Scheda Tecnica e prima di confermare l'inserimento la dichiarazione di veridicità dei valori dichiarati. Non so se però così fatto ci stia con la filosofia di vinix, e sono quasi certo che nessun produttore si farebbe ospiatre sul sito di un competitore. Serve un neutrale ! Per il punto 3, se dal nulla abbissale di oggi, incominciamo già da li, è un passone, al quale poterne far seguire altri.
    Cinzia,
    Per collocazione esterna si intende dove creare il database, se qui su vinix dove gentilmente saremmo ospitati, o altrove. A me piacerebbe convincere Fil ad aprire una sezione vetrina, ma non posso e non mi permetto di forzare la mano.
    Remo,
    RIS NAS GDF, lasciamoli al loro ingente lavoro per combattere falsi, contraffatti e sofisticati che in Italia sembra siano una moda tanto se ne producono e importano. Dici bene, comunichiamo e comunichiamo bene, tutti noi diremo la verità perchè nessuno è obbligato a dire niente. Io qui lo dico, chi viene da me, ben riposti in apposito armadietto, trova il metabisolfito, trova la gomma arabica e trova anche il solfuro di rame. MA, ci sono VINI e VINI, mica si produce tutta DOC, nelle bottiglie della collezione Vini d'Arte non ce li metto di certo perchè non ce n'è bisogno, ( i solfiti però ci sono per forza ) in quello da tavola talvolta è necessario. Bisogna dirlo però sennò la gente non capisce il valore di un prodotto rispetto ad un altro.

    PS: Se qualcuno sta pensando di metter su una vetrina elettronica di vini onesti e trasparenti, ne può aprofittare.

    Forza !

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Podere Erbolo di Filippo Cintolesi

    Podere Erbolo di Filippo Cintolesi

    O se ognuno li mettesse sul suo sito/blog? Su vinix o altrove.
    Io sono piu' favorevole a un formato libero. Inoltre ad alcune domande non e' detto che la risposta sia sempre la stessa.

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    @ Filippo Cintolesi
    E' una buona idea.
    Potreste fare così : tutti avete la possibilità di aprire un blog gratis su vinix. E' sufficiente creare una categoria univoca, uguale per tutti che si chiama : "Autocertificazione". In questa categoria si inseriscono tanti post quanti sono i vini con le relative autocertificazioni e solo questi. Piuttosto semplice no ? E inscindibilmente legato al profilo aziendale.

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    credo sia la cosa più semplice e più immediata.
    Cinzia

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    @ Cinzia
    Forse si tutto sommato e al database si può senz'altro lavorare in seguito, magari quando ad autocertificare sono in molti. Pensavo anche un'altra cosa. Inserendo ciascun post con titolo "Autocertificazione - Nomevino" poi, sarà possibile comparire nei risultati di vinix semplicemente digitando "Autocertificazione".

    Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Vinisani.org - D. Sciutteri

    Vinisani.org - D. Sciutteri

    Al punto tre.

    Bisogna aggiungere secondo me, la scelta della conduzione della vigna.

    Faccio riflettere che a questo punto essendo l'autocertificazione libera.
    Ogni vignaiolo scriverà quello che meglio crede.

    Si uniformerà con il tempo:

    1) Attraverso i confronti privati o su Vinix dei Vignaioli.
    2) Attraverso le domande dei (Consumatori Appassionati, Ristoratori, Selezionatori, ecc.).

    Es: per me è importante al punto tre che il vignaiolo mi dice come lavora in vigna, non solo, ma se mi dice anche che non usa i diserbanti, perché, ecc. ecc.

    Si crea cosi movimento culturale, su quel tema, confronti, partecipazione, studi personali e ricerche.

    Alla fine per il piccolo Vignaiolo questo sarà un plusvalore, il consumatore sarà conscio perché paga di più il suo vino.
    Ma non solo quando centinai di consumatori saranno consci che molte cose aggiunte, o pratiche effettuate nuociono in maniera più o meno grave alla salute, faranno domande, pressioni e richieste al potere legislativo.

    Es: Scusate perché quando andiamo al supermercato. Nelle retroetichette troviamo tutte le informazioni possibili ed ai Vignaioli non gli permettete di scriverle.

    Ciao Mimuzzo

    link a questo commento 0 0
    #9
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Commento veloce da Duesseldorf ! ( che freddo che fa )
    Lo sapevo che riuscivate a farmi felice...
    A me l'idea piace così com'è, ha tutte le caratteristiche per funzionare e raccogliere il massimo dei consensi.
    E' semplice, è gratuita, è volontaria. è libera ed è anche facilmente consultabile grazie alla trovata di Fil.
    " Autocertificazione - Nome Vino "
    Quando rientro in Italia ( Lunedì ) io incomincio subito
    PS: Fil, dici che posso inserire la Scheda senza stare a riscriverla tutta nel blog ?
    Grazie per il contributo a tutti !
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    @ Paolo
    Aspettiamo di capire se è la soluzione migliore. Stavo pensando che ci sarebbe una controindicazione. Siccome tutti i post dei blog vanno a finire in homepage appena sono pubblicati, ci sarebbe una saturazione dello spazio in home con autocertificazioni che in effetti hanno poco a che vedere con i contenuti di un blog. Lo so, l'ho proposto io ma poi uno riflette e vengono fuori ulteriori considerazioni. Un'alternativa potrebbe essere usare lo spazio "Ti voglio far sapere" accessibile dalle "Preferenze". E' sempre completamente gratuito ed è immediatamente integrabile e visibile nella scheda aziendale. Tra l'altro non si mischia con i contenuti del blog. Forse questa è una soluzione ancora migliore (per vinix). Ditemi la vostra.

    link a questo commento 0 0
    #11
  • Cantina Li Seddi

    Cantina Li Seddi

    X fl.
    Perche non crei un link nella scheda contatti come quella degli annunci,con il nome AUTOCERTIFICAZIONE e nella home page fai una tabella per visualizzare le ultime autocert..... come i video,annunci,post,ecc.
    dimenticavo
    saluti a tutti

    link a questo commento 0 0
    #12
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao
    Fil,
    giustissima osservazione quella che fai sulla saturazione del blog, la soluzione proposta da Li Seddi, non sembra male.
    Tu come la vedi ?
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #13
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Me la spiegate meglio ?
    Uh ! Cosa intendete per scheda contatti ? L'area rubrica ?

    Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #14
  • La Tavernetta Trattoria Tipica

    La Tavernetta Trattoria Tipica

    è una idea che penso possa portare ad un passo avanti nella promozione di chi, con passione, tenacia e capacità si propone costantemente ad un mercato che premia.
    creare una specie di "wine-ring" o anello dove un produttore "serio" garantisce e vigila anche sull'operato di altri per non perdere la propria faccia. se è quello che ho capito, è quello che aspettavo.
    Ciao.

    link a questo commento 0 0
    #15
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao a tutti, sono tornato nel Bel Paese !
    Io provo a spiegare quello che ho inteso per come l'ho inteso dell'idea di Li seddi e che mi sembra praticabile.
    Nella Home page di vinix c'è un'area con del link " trova/aggiungi contatti : " con il suo bel elenco
    Aziende vinicole / olivicole
    Enoteche
    Ristoranti
    Agenti, distributori, importatori
    Tecnovino (Accessori, servizi)
    Giornalisti / Blogger
    Consumatori / Appassionati

    al quale si potrebbe aggiungere
    >> Autocertificazioni

    anche se " legalmente " parlando, un mio amico avvocato dice che il termine " DICHIARAZIONE " sarebbe più opportuno in quanto la Certificazione implica che chi certifica sia riconosciuto coem certificatore accerditato ecc ecc...
    Ma a parte questo :
    Una volta raggiunto il link, si dovrebbe mostrare una pagina che assomiglia a quella che appare a noi utenti registrati quanto linkiamo a " i miei annunci " solo che magari si chiamerebbe " le mie dichiarazioni / certificazioni "
    Ed ogni produttore potrebbe inserire per ogni vino la sua bella dichiarazione con tutte quelle info che intende divulgare.
    Questo sempre se ho bene interpretato il pensiero di Li Seddi, che ringrazio molto per il contributo.
    La Tavernetta trattoria tipica,
    Per ora ci sembra già un enorme passo avanti avere la libertà che la legge ci nega in etichetta, di informare il nostro consumatore su quello che facciamo e come lo facciamo.
    Sono convinto che se l'iniziativà troverà il riscontro che penso, allora da iniziativa libera e spontanea, potrebbe prendere corpo anche l'idea di creare una entità di controllo, ma per ora, aderiranno liberamente solo i produttori che credono che informare il consumatore sia una manifestazione di correttezza, chiarezza e attenzione nei suoi confronti.
    Anche a te va il mio ringraziamento per il contributo.

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #16
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Questo però Paolo slegherebbe le autorcertificazioni (se sono auto non devono essere certificate da nessuno) dal profilo personale su vinix e sdoppierebbe la presenza di contenuti aziendali dal profilo attuale (che raggruppa anagrafica, dati aggiuntivi - per i piani pro - e tutti i contenuti inseriti su vinix) ad altra area del sito. Ricordiamoci poi che vinix vuole essere un social network aperto a tutti quindi dedicare ad ogni figura professionale il medesimo spazio, senza creare sottoaree apposite - salvo casi eccezionali - per questa o quell'altra categoria.
    No, secondo me la soluzione va cercata all'interno del profilo personale. Per fare un esempio, all'interno di questo tipo di scheda :
    http://www.vinix.it/detail.php?ID=25089

    Le soluzioni disponibili al momento e senza alcuna integrazione aggiuntiva (che andrebbe comunque finanziata visto che io ho speso ogni mio avere nella traduzione inglese della piattaforma che sarà lanciata a breve) gratuitamente, sono almeno due :

    1) si usa il servizio gratuito "ti voglio far sapere", accessibile dalle "Preferenze" del menù personale utente e personalizzabile in modo dinamico, ogni volta che si vuole. Quanto inserito lì, va immediatamente ad integrarsi scheda personale di cui sopra.

    2) si usa il campo "Dettagli" del piano "Pro" inserendo tutto quello che si vuole.

    Questo per iniziare e per far parlare della cosa.
    Non appena ho recuperato un po' di soldi poi e terminati i prossimi lavori di vinix (ne ho di programmati almeno fino a febbraio/marzo), potrò eventualmente dedicarmi anche ad integrazioni che esulano dalla piattaforma attuale. Che dite ?

    link a questo commento 0 0
    #17
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao
    Io dico innanzi tutto complimenti per la passione che riesce a comunicare a Cinzia, poi per tornare sul pezzo, che le tue osservazioni sono più che giuste.
    Avendo valutato la cosa, mi pare che entrambe le tue proposte potrebbero integrarsi e completarsi vicendevolmente in quanto la soluzione 1 implicherebbe una diffusione selettiva ai soli contatti, la soluzione 2 implicherebbe che il consumatore facesse un'azione mirata di ricerca per trovare i contenuti. Sono convinto che maggiore sarebbe l'adesione da parte dei produttori, maggiore sarebbe l'interesse da parte dei consumatori. Se adottassimo quindi questo sistema 1 e/o +2 ,forse dovremmo dare "visibilità" alla cosa, fare in modo che si conosca favorendone lo sviluppo e l'accessibilità.
    Vorrei però sentire cosa ne pensano gli altri produttori a questo punto.
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #18
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Non esattamente Paolo.
    La soluzione uno non è aperta solo ai contatti ma a chiunque dal momento che la scheda personale è visibile a chiunque.
    Il problema della ricerca mirata potrebbe essere agilmente ovviata semplicemente inserendo un titolo nell'area "Dettagli" comune a tutti tipo "Autocertificazione" o che comunque la parola autocertificazione sia contenuta nella scheda per comparire nelle ricerche. In questo modo potremmo inserire un link ad una query al db per "autocertificazione" e uscirebbero in automatico tutti i profili che ne hanno una. Semplice semplice.
    Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #19
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Bene Fil, sapevo che la soluzione tecnica era li da qualche parte, adesso l'abbiamo anche trovata.
    Ho notato che l'argomento base si è sparpagliato su altri blog prendendo diverse sfumature.
    C'è chi parla di consorzi e chi di associazioni e chi di altro.
    Rimane il fatto che è EVIDENTISSIMO che qualcosa da fare ci sia e che molti ne sentano la necessità.
    Ora io credo che, grazie anche alla tua collaborazione, ci sia ADESSO qui su VINIX la possibilità che LIBERAMENTE un produttore possa incominciare a COMUNICARE in maniera TRASPARENTE aspetti INFORMATIVI che le attuali disposizioni di LEGGE IMPEDISCONO e che AIUTEREBBERO il CONSUMATORE a MEGLIO ORIENTARSI sul mercato.
    E QUINDI, nel momento stesso in cui ci troviamo nel quale tutta questa discussione POTREBBE sfociare in un qualcosa di CONCRETO io vorrei dire che SONO PRONTO ad usare questa OPPORTUNITA' come INIZIO di un cammino LIBERO che possa portare la categoria più VICINA alle ESIGENZE del CONSUMATORE e sono FIDUCIOSO che altri produttori VORRANNO ADERIRE compatibilmente alle loro FILOSOFIE aziendali.
    PRODUTTORI cosa ne pensate dell'opportunità che ci viene data ?
    CONSUMATORI trovereste soddisfazione alle vostre esigenze ?
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #20
  • Collina Del Sole Di Paolo Caorsi Azienda Agricola Vitivinicola

    Io ne penso bene anzi benissimo, si può già fare quello che ha suggerito Filippo?
    Sono comunque d'accordo con lui che in seguito un link che porti ad una sezione del sito specifica per questo ne valga la pena.
    Diciamo che da cosa nasce cosa.... i discorsi che accennava Paolo sui mini-consorzi (che possono essere anche a livello nazionale)ecc. sono altrettanto validi per poi darci anche la possibilità di agire e utilizzare altri mezzi come informare direttamente partecipando a manifestazioni.
    Saluti a tutti
    Paolo C.

    link a questo commento 0 0
    #21
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao Paolo C.
    Si, si può fare liberamente, io sto preparando i testi.
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #22
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Paolo, un consiglio per l'area dettagli a cui stai lavorando. Io inserire un testo descrittivo per presentare la tua aziende poi, distanziato di una o due righe, un titolo "AUTOCERTIFICAZIONE VINI" (funzionano i tag html nella tua pagina su vinix, quindi se vuoi mettere un grassetto per es. aggiungi : testo ) e testo delle autocertificazioni.

    link a questo commento 0 0
    #23
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao a tutti,
    sono mancato per cause tecniche, ma torno più in forma che mai.
    A tutti gli amici che hanno seguito e commentato questo dibattito voglio dire che, grazie a vinix, da oggi nella mia scheda trovate qualcosa in più che parla dei miei vini.
    Mi auguro presto di ritrovarmi in compagnia di altri bravi produttori.
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #24
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Filippo, da vinix si potrebbe creare un'area dedicata alle AZIENDE AUTOCERTIFICATE dove ognuno inserisce il proprio profilo e l'autocertificazione, con tutti i PRODOTTI ENOLOGICI usati e sul numero e tipo di trattamento effettuato in vigna...

    link a questo commento 0 0
    #25
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Si, perchè no?
    Mimmo è stato così gentile da darmi una sua scheda che già prevedeva appunto diversi campi, molto completa.
    Gino, ti chiami così, vero ?! ( Organic ) hai notato che dopo tanto discuterne, il passaggio alla concretizzazione stenta ?
    Sono più che convinto che fra i produttori frequentatori di vinix ce ne siano molti che fanno le cose per bene e che quindi non avrebbero motivo avverso a dichiararsi, tuttavia prendo atto che al momento non è loro intenzione farlo.
    Forse anche perchè il consumatore qui lo si è sentito proprio poco..
    Suggerimenti ?
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #26
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Allora, chi vuole autocertificare può fare come Paolo di Cascina I Carpini e passare al piano pro con tutti i dettagli. Io lo aiuto a preparare la scheda al meglio. Quano ce ne saranno un po', attiveremo un link nella colonna laterale che rimanderà a tutte le schede. Prova a cercare autocertificazione adesso su vinix e guarda che succede.. :-)

    link a questo commento 0 0
    #27
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Ciao Paolo, si, sono Gino appunto, e per quanto riguarda le perplessità del momento operativo, credo che sia dovuto principalmente ad un certo senso di gelosia dei propri metodi.
    In verità, tra tante cantine che ho visitato, molto pochi produttori,(ma sono i più preparati che non temono la verità) sono disposti a parlare dei propri metodi.
    Credo che sia importante iniziare.
    Filippo attendo la tua scheda.
    Ciao a tutti

    link a questo commento 0 0
    #28
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Gino, quale scheda ?
    Fil

    link a questo commento 0 0
    #29
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao Fil,
    il trauma post-parto ( versione inglese ) come va ?
    Concordo con te nel fare le cose un passo alla volta altrimenti, rischiamo di "spaventare" qualcuno con passi troppo lunghi.
    I cambiamenti vanno maturati con il giusto tempo.
    A migliorare si fa sempre a tempo, incominciamo a vedere che tipo di consenso riusciamo ad avere. Le premesse mi sono sembrate buone quindi qualcosina si dovrà pur riuscire a fare.
    Ciao Gino,
    Fra tutte le aziende dove sono stato ho amato quelle dove il "padrone" era fiero di accoglierti e spiegarti tutto.
    Dove non mi fanno entare o non mi spiegano bene le cose, io non compero. Tanto, voglio dire, ma che segreti ci sono ?
    Per fare le cose bene, bisogna fare le cose bene.
    E le cose fatte bene, si fanno alla luce del sole.
    Ieri, oggi e domani, sempre così !
    Il salto di qualità, a mio dire, ( mio pensare ) lo fa chi capisce che il non essere trasparenti provoca confusione nel consumatore avvantaggiando chi, quasi sempre a scapito della qualità, è dotato di risorse di comunicazione " se non ingannevoli, possiamo dire discutibili " che hanno l'effetto di far credere a chi le subisce che un prodotto possa essere come un'altro solo sulla base della sua immagine.
    Questo vale su tutto il panorama alimentare.
    La cosa " schifosa " è che per una televisione ci sono pacchi di schede tecniche con pacchi di avvertimenti, per una sostanza alimentare no..... , ma tutti noi sappiamo cosa c'è dietro no ?
    Allora partiamo noi, che una coscienza la abbiamo e che rispettiamo il nostro consumatore ed il suo libero arbitrio.
    E speriamo di crescere e diventare tanti, molti e poi tutti.
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #30
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Filippo, mi pare di aver capito che hai una bozza di scheda per l'autocertificazione...sbaglio?
    Gino

    link a questo commento 0 0
    #31
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Gino, lo schema può essere quello indicato al punto 3) di questo post. E cioè :

    Da sole uve proprie : si/no
    - Elevazione in legno : si/no
    - Quantità di solfiti : (quantità)
    - Aromatizzanti aggiunti ( chips e altro ) : si/no
    - Stabilizzanti aggiunti ( gomme e altro ) : si/no
    - Resa Litri/Ha o Hl/Ha : (quantità)

    Per ogni vino.
    Di solito lo inseriamo sotto alla descrizione aziendale con il piano pro. Guarda la scheda di Paolo per capire :
    http://www.vinix.it/detail.php?ID=25634

    Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #32
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    La trovo ... anemica!
    Mi piacerebbe sapere se si usano lieviti selezionati (io innesco con una pied de cuveè ottenuta qualche giorno prima)
    se si usano chiarificanti, se si usa MOSTO CONCENTRATO (500mila hl prodotti solo da Cavit che fine fanno?? ultimamente si vedono solo vini con 14 gradi!) e nessuno ne parla. io aspetto il freddo naturale e con i travasi non filtro neanche.
    E poi, come dico nel mio sito, http://www.organicwine.it/it/il_vino_biologico_o_biodinamico.htm chi dice che 3/4 trattamenti con sistemici siano più dannosi di 15 trattamenti con zolfo e solfato di rame?
    Sono molti i punti essenziali per delineare un vino naturale e credo che la scheda dovrebbe evidenziarlo.

    link a questo commento 0 0
    #33
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ciao Gino,
    Le tue osservazioni, oltre che giustissime, sono pienamente condivisibili.
    Prendilo come uno schema di base, il minimo indispensabile per partire e poter dire di aver detto qualcosa.
    Lo abbiamo voluto così dopo averne ampiamente dibattuto nei vari blog per favorire una ampia partecipazione, ma voglio sottolineare che in realtà l'autocertificazione è libera e volontaria e quindi può essere arricchita dal contributo volontario di chiunque lo desideri.
    Esempio, io ho aggiunto molte altre informazioni, quelle che io ritenevo di voler comunicare.
    Se tu, come penso, senti che sarebbe più corretto/opportuno, aggiungerne altre, non faresti altro che migliorare questa iniziativa e saresti di esempio per quelli come me, che vogliono essere trasparenti, ma magari non hanno pensato ancora a dichiarare certe cose in beneficio o scapito di altre. La buona fede regna sovrana.
    PS: Complimenti per il tuo innesco, io non so neanche come si fa. Uso lieviti selezionati, con parsimonia e delle migliori qualità, ma come vedi, già questo tuo intervento mi ha acceso la curiosità su qualcosa che non conosco. L'uso di mosti concentrati per me equivale al doping enologico. Il freddo lo uso anche io sia naturale che indotto. Sui trattamenti in vigna invece, che è il capitolo Major, sono d'accordo con te che bisogna stare bene attenti a cosa si condanna. Ci sono trattamenti che se ben eseguiti riducono di gran lunga le contaminazioni nel mosto ad esempio.
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #34
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Si Gino, la lista è puramente indicativa. Tu nella tua autocertificazione puoi scrivere tutto quello che ti pare essendo un campo libero. Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #35
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Per Paolo: E' semplicissimo, paolo: tre giorni prima della vendemmia tagli 10 kg di uva SANISSIMA, la pigi, con le mani, e la disinfetti con 1 (uno) grammo di metabisolfito - la scaldi piano fino a 35 gradi Cº e aspetti, mantenendo il secchio al calduccio. Dopo un paio di giorni vedrai che fermenta: lì dentro ci sono solo i TUOI LIEVITI Ellipsoideus, perchè gli apiculati sono stati uccisi dal solfito.
    Basta questo secchio per innescare anche 10 ql di mosto. Appena vendemmiata, all'uva del tino aggungi la tua quantità si metabisol e poi, al centro della massa, versi il contenuto del secchio: la fermentazione comincerà la stessa sera dell'innesco e sarà portata avanti solo dai tuoi lieviti.
    Quest'anno che ho vendemmiato con notevole freddo, vedi album
    http://www.vinix.it/myPhoto_albumDetail.php?ID=379
    l'innesco mi è stato molto utile - a molti l'inizio della fermentazione stentava.
    Ciao

    link a questo commento 0 0
    #36
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Gino, grazie !
    Quanto è affascinante questo mondo, non si finisce mai di imparare!
    Ne terrò conto.
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #37
  • Vinisani.org - D. Sciutteri

    Vinisani.org - D. Sciutteri

    Ei ragazzi sono tornato, pensavate di liberarvi di me, ma dovete aspettare ancora 50 anni.
    Sono uscito stamani dall'ospedale, tutto OK.
    Paolo bello il consiglio che ti ha dato Gino.
    Secondo me è anche importante dove si trova la vigna e come hai costruito la cantina.
    Alcuni vignaioli sono tornati alla fermentazione spontanea.

    Sotto il Link della foto del collarino per autocertificazione

    http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=458

    Cordialmente Mimmo

    link a questo commento 0 0
    #38
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Mimmo,
    incominciava a sentirsi la tua mancanza !
    Proprio vero, Gino mi ha fatto conoscere una tecnica affascinante che non conoscevo e che non vedo l'ora di sperimentare.
    Altrochè se è importante la locazione di vigna e cantina.
    Quando ce ne sarà occasione ti racconterò quali aspetti ho studiato per edificare la mia... se sopravvivi al lungo racconto.. :-)
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #39
  • Valentina Vago - Bottega dell'Arte del Vino

    a che punto è il discorso "autocertificazioni" su vinix?

    link a questo commento 0 0
    #40
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Carissima Valentina,
    Il punto è che io ho autocertificato la mia azienda, oopps, meglio dire le mie etichette ricalcando la scheda di autocertificazione proposta da Mimmo e pubbicando il tutto su vinix : http://www.vinix.it/detail.php?ID=25634 ed anche sul mio sito nella pagina prodotti : www.cascinacarpini.it ( per comodità )
    Le stesse schede le ho fatte stampare per ogni vino e le allego ad ogni vendita corredate da lettera di spiegazione.
    Purtroppo non sono stato molto imitato ;-)
    Mi consola però il fatto che ora, dalle ceneri di questa lodevole iniziativa, ne stia nascendo una che ha maggiori prospettive di diventare operativa e largamente diffusa.
    Ci stiamo lavorando anche la domenica perchè vorremmo renderla di pubblico dominio entro primavera.

    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #41
  • Valentina Vago - Bottega dell'Arte del Vino

    ecco, mi interessano le ultime quattro righe, teneteci informati.
    Da parte mie ho preso ad esempio le vostre schede e le sto elaborando per un'azienda dell'oltrepò la cui titolare è un pò allergica ai PC :-)

    link a questo commento 0 0
    #42
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Cara Valentina,
    ti consiglio di sentire Mimmo, può davvero esserti molto utile in questa fase e lui ne sarà più che contento.
    Ciao
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #43
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Vale, riprendendo le fila del discorso (ti ringrazio per altro di aver riaperto il dialogo), pare che al momento l'unica azienda che abbia acquistato un piano pro e contemporaneamente autocertificato i propri vini sia quella di Paolo Ghislandi. Altri produttori che mi sono sembrati interessati come per esempio Paolo Caorsi e Organic Wine, al momento non hanno richiesto il cambio piano e non hanno quindi inserito alcun dettaglio aggiuntivo nel proprio profilo personale.

    Il sistema adottato funziona perfettamente, se digiti autocertificazione l'azienda di Paolo compare per prima. Tutti quelli che vogliono autocertificare con un piano Pro, comparirebbero nei risultati di quella query. Ovviamente io non posso obbligare nessuno ma sto proponendo a Davide e Paolo una sinergia per "progetto comune" che preveda anche un'iscrizione pro su vinix, funzionale alla compilazione di un profilo aziendale accurato, alla raccolta fondi per vinix e per progetto comune.

    Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #44
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Filippo, ci sentiremo a breve, stai tranquillo...

    link a questo commento 0 0
    #45
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Io sono qui, ciao a presto :-)

    link a questo commento 0 0
    #46
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Ciao a tutti,
    sono un piccolo produttore della zona di Ovada, precisamente a Rocca Grimalda (AL). E' interessante il discorso di mostrarsi per quello che si è, solo che vorrei capire meglio qual'è il fine dell'autocertificazione.
    Mi spiego meglio, dopo essere andato sul link di cui al post 32 mi è sembrato di vedere un'indicazione dell'analisi dei vini e una scheda tecnica per ogni vino, l'impressione che mi ha dato è quella di dare una più profonda visibilità ai propri prodotti e al modo in cui questi vengono realizzati, autocertificandone la correttezza, e questo è assolutamente positivo e in un mondo scarsamente trasparente come quello del vino è realmente lodevole.
    Solo che per quanto mi ha insegnato mio nonno prima, poi mio papà ed ho visto io direttamente, ai clienti, nel mio caso soprattutto agli amici, è che non serve autocertificarsi: per guadagnare la fiducia bisogna "semplicemente" dire e fare la stessa cosa e spiegare a tutti le proprie scelte in modo spontaneo.
    Quindi se l'obiettivo è quello della credibilità, probabilmente non bisognerebbe creare utenti di serie A autocertificati e utenti di serie B, ma bisognerebbe chiedere a tutti di rappresentare i propri dati dichiarandone la veridicità. A quel punto il lettore non ragiona più sui singoli ma crede al network perchè lo stesso è "credibile" in quanto, sebbene non domani ma sicuramente nel tempo, si crea un proprio peso.
    Per farvi un esempio: a quantidi voi esperti e produttori si sono rivolti amici che non "erano del mestiere" per avere un giudizio sul vino oppure per ordinare al ristorante.
    Quella è fiducia, ovvero quando qualcuno si "affida" cioè si "fida" di quello che dici.
    E il bello è che il processo è dinamico, perchè puoi dire quello che vuoi ma se poi non si conferma.....addio coerenza e addio credibilità.
    Ho letto qualcuno equipara l'uso di mosti concentrati al "doping enologico", secondo me è sempre meglio circostanziare affermazioni sulle tecniche, facciamo parte di un mondo molto variegato dove si producono anche spumanti e i vini frizzanti naturali: mi domando, da profano perchè non sono a conoscenza di alternative a parte il saccarosio (vietato e, per quanto concerne lo zucchero raffinato, con un profilo tossicologico molto discutibile visto come viene prodotto) come andrebbero prodotti senza MCR?
    Relativamente alla comparazione prodotti sistemici 3/4 volte vs rame 15 volte per risolvere il problema basterebbe mettere nelle schede "Residui anticrittogamici e metalli pesanti", con le comparazioni rispetto ai livelli di legge.....

    link a questo commento 0 0
    #47

inserisci un commento