assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#50 Commenti

  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Grazie Roberta!

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Ehm...

    1) Newsletter si !

    2) http://www.facebook.com/pages/Alessandria-Italy/Cascina-I-Carpini-Vini-dArte/52477933105

    3) http://twitter.com/Cascinacarpini

    ciao !
    Paolo

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Armin Kobler

    Armin Kobler

    Utilizzate la NewsLetter come strumento di comunicazione?
    http://us1.campaign-archive.com/?u=fa14a15b82a419330129692eb&id=6866171cdc&e=2118935d9b

    Avete una pagina aziendale su FaceBook? (link)
    http://www.facebook.com/group.php?gid=79963564070

    Avete un account aziendale ( e/o personale) su twitter? (link)
    http://twitter.com/armin_kobler

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Utilizzate la NewsLetter come strumento di comunicazione?
    naaaaa

    Avete una pagina aziendale su FaceBook? (link)
    http://www.facebook.com/belecasel

    Avete un account aziendale ( e/o personale) su twitter? (link)
    http://twitter.com/belecasel

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Emanuele Coveri

    Emanuele Coveri

    hello,

    FB: sto usando il mio personale non a scopo di business - http://www.facebook.com/emanuele.coveri

    twitter: http://twitter.com/terrecontese

    bye

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Nessuno dei tre mezzi -
    vedi anche:
    http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=4466
    Luigi

    link a questo commento 0 0
    #6
  • AfriWines importazione vini sud africa

    AfriWines importazione vini sud africa

    Noi usiamo la newsletter solo per per l'enoteca on line.

    Su Facebook abbiamo
    pagina http://www.facebook.com/profile.php?id=100000487932362

    e gruppo http://www.facebook.com/profile.php?id=100000487932362#!/group.php?gid=33815381401

    Su Twitter siamo http://twitter.com/afriwines

    Ciao,
    Fabio

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Ciacci Piccolomini d' Aragona

    Ciacci Piccolomini d' Aragona

    Buongiorno da Montalcino!
    Utilizziamo newsletter e facebook http://www.facebook.com/home.php?#!/pages/Ciacci-Piccolomini-d-Aragona/292141127098.
    Buon lavoro a tutti!

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Grazie a tutti per l'aiuto.

    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #9
  • Vincenzo Ciaceri - Poggioaltoro

    Vincenzo Ciaceri - Poggioaltoro

    ciao pamela,
    no a tutte e tre le domande.
    uso fb come privato.
    certo che guardando solo a un paio di anni fa ne gira di info (rispetto alle az. vitivinicole) sulla rete e che offerta di strumenti!

    mi piacerebbe se tu decidessi di scrivere qualcosa su come tutto questo incide sulla vita di un'azienda. quanto tempo un produttore dovrebbe dedicare a queste attività o se sia preferibile che ognuno faccia al meglio il proprio lavoro lasciando agli addetti (e anche qui c'è un universo infinito di figure professionali più o meno accreditabili) questo campo.

    se fino a poco fa in fondo era possibile occuparsi, anche in maniera sporadica, della propria immagine tramite il web direttamente, ora mi sembra sempre più complesso per un produttore (quì forse la dimensione dell'azienda gioca un ruolo) seguire tutte queste opportunità. ma credo anche che alla fine non sia solo una questione di tempo ma una scelta. Il produttore fa il vino, altri ne parleranno. o forse sbaglio.

    scusa pam se mi sono dilungato e spero di leggere qualcosa su questo argomento.
    vincenzo

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Tipografia A.S. - Etichette in bobina

    Tipografia A.S. - Etichette in bobina

    ciao,
    io uso sia facebook che twitter
    su facebook: ETICHETTEcom
    su twitter: etichette

    mik

    link a questo commento 0 0
    #11
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Ciao Vincenzo,
    grazie per il tuo commento che punta i riflettori su diversi argomenti molto importanti.
    Sicuramente il web è un ulteriore spazio dove vivere e lavorare, soggetto a regole sue che necessita di comunicazione e anche di figure professionali ad hoc.
    Qualche giorno fa, anche Luca di Bele Casel mi chiedeva una 'guida for dummies' che spiegasse l'evoluzione della professione del consulente e/o responsabile RP ; provo a riorganizzare idee e pensieri in maniera organica così da fare un po' il punto della situazione e in questo chiederò aiuto anche ai 'colleghi'.

    A presto,
    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #12
  • Essepi Wine Services

    Essepi Wine Services

    L'inchiesta è solo per le aziende vitivinicole?
    Sandra

    link a questo commento 0 0
    #13
  • Vini Maraviglia Azienda Agricola

    Vini Maraviglia Azienda Agricola

    Salve da Matelica !

    usiamo Facebook :
    profilo : http://www.facebook.com/vini.maraviglia

    e pagina : http://www.facebook.com/?ref=home#!/pages/Matelica-Italy/VINI-MARAVIGLIA/127368111170

    e twitter:http://twitter.com/vinimaraviglia

    Ciao
    Lara

    link a questo commento 0 0
    #14
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Ciao Sandra,
    diciamo che se le aziende gravitano nel mondo del vino ( ag rappresentanza, produttori tappi, prodttori tini, etc) vanno benissimo.
    Idem se aziende settore food.

    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #15
  • Marilena Barbera - Cantine Barbera

    Marilena Barbera - Cantine Barbera

    Brava Pamela, mi piace questo post!

    Sono sempre più convinta che questi strumenti faranno la differenza per le aziende piccole e piccolissime, che hanno a propria disposizione a costo zero mezzi di comunicazione efficaci e diretti.
    A patto che la comunicazione la faccia il produttore però, non gli uffici stampa.

    Certo, il problema è: cosa fare prima? Il vino, gli acquisti, la vendita, la comunicazione... Non bastano più le ore di giorno, quindi si rosicchiano quelle della notte.
    Fortunatamente la comunicazione sul web è molto più immediata e meno patinata di quella tradizionale, quindi credo che le agenzie e i sistemi di comunicazione tradizionali siano "superati" quando l'importante è arrivare, diretti e concisi.

    Per quanto riguarda la mia azienda:
    - newsletter: no, per il momento non ho ancora deciso se voglio una comunicazione così invadente
    - Facebook: si
    - profilo privato: http://www.facebook.com/marilena.barbera
    - profilo pubblico: http://www.facebook.com/pages/Cantine-Barbera/204001512944
    - Twitter: si: http://twitter.com/marilenabarbera

    Ma anche:
    - flickr: http://www.flickr.com/photos/marilena_barbera/
    - you tube: http://www.youtube.com/user/marilenabarbera
    - e il blog aziendale: www.cantinebarbera.net

    Buon lavoro!

    link a questo commento 0 0
    #16
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Così, a margine poi, mi piacerebbe sapere da chi partecipa dove colloca Vinix tra le proprie priorità, in particolare rispetto a facebook, ben conscio che sono due cose completamente diverse. Vorrei capire il giudizio di valore sui due strumenti, cioè, in altre parole, se ha senso continuare ad investire da parte nostra in un progetto come vinix quando là fuori c'è tutto quello che c'è disponibile.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #17
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Ciao Filippo... me lo hai tirato - volevo aggiungerlo al commento perchè mi è venuto in mente dopo ma non ho avuto l'occasione!
    ebbene... io uso SOLO VINIX

    ed il mio blog
    Ciao - Gino

    link a questo commento 0 0
    #18
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Credo che il vantaggio migliore nell'uso di vinix rispetto a - es FB . è che i contatti sono di meno, è vero, ma tutti indirizzati a persone interessate allo stesso argomento e quindi il target è ottimizzato, non generico.
    Avanti cosi....

    link a questo commento 0 0
    #19
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Mi ha confidato Sara Carbone che sei un fan sfegatato di Vinix.
    Grazie ! :-)

    Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #20
  • Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    Azienda Agricola L'Arcera - Organic Wine

    prego Fil: non FAN...ATICO! (Colui che crede per dogma).
    Semplicemente ammiro quello che secondo me é un lavoro ben fatto....
    un ciao anche a Sara
    Gino

    link a questo commento 0 0
    #21
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Ciao,
    avendo lanciato il 'censimento' su Vinix, va da sè che ho dato per implicita la priorità di questo SN ;-) rispetto agli altri, coi quali, in effetti, c'è ben poco da paragonare.

    Però sono incuriosita dal fatto che su 490 letture, solo una decina di abitanti ha lasciato un commento...

    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #22
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Vedo che hai 106 contatti.
    Potresti inviargli un messaggio privato ed invitarli a partecipare al sondaggio.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #23
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Fil, grazie del suggerimento.

    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #24
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Con il tuo fantastico account pro, puoi farlo ;-)
    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #25
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Eccolo qua un altro vantaggio dell'account Pro :-)
    Fatto, messaggio inviato.

    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #26
  • Cinquesensi

    Cinquesensi

    Newsletter si

    Facebook si
    http://www.facebook.com/home.php?#!/pages/Cinquesensi/116273385075702

    Twitter pure
    http://twitter.com/cinque_sensi

    Buona giornata!

    Cinquesensi

    link a questo commento 0 0
    #27
  • Vini Maraviglia Azienda Agricola

    Vini Maraviglia Azienda Agricola

    Certo sono daccordo anche io con Filippo e Pamela, sul fatto cioè che FB e Vinix siano due cose completamente diverse, ma comunque complementari.

    Volevo però spezzare una lancia a favore di un altro SN che ho iniziato ad utilizzare per l'azienda: Linked In.
    Vi si trovano professionisti del tuo stesso business e nei gruppi gli argomenti trattati sono interessanti (xò tutti in inglese)
    Per fare solo un esempio : in un gruppo di discussione relativo al mondo del vino e dell'importazione, ho stretto un contatto con un importatore in DK, ci siamo scambiati qualche mail, si è interessato alla ns azienda, gli abbiamo spedito i ns campioni, gli sono piaciuti ed abbiamo deciso di collaborare. Il primo ordine è stato di 2 bancali: forse non è tanto per altri, ma per noi che siamo una piccola azienda, questo è un buon risultato.
    ... E tutto questo senza mai parlarci al telefono !!!

    Insomma, per dirvi che i SN possono aprire veramente delle porte inaspettate, certo è che occorre passarci del tempo, condividere le proprie esperienze, ascoltare e saper interpretare i bisogni degli altri e non aver paura ad aprire la nostra "porta di casa"

    Un ciao freddoloso da Matelica

    link a questo commento 0 0
    #28
  • Pietro Beconcini Agricola

    Pietro Beconcini Agricola

    Salve!
    si uso facebook (personale, aziendale, associazione vignaioli san miniato), Twitter, LinkedIn, e altri social network meno conosciuti. Il tempo che investo in questo è moltissimo. Ma punto molto su questi veicoli che mi hanno messo in contatto con molte persone interessanti per lo sviluppo del mio lavoro. La visibilità è aumentata e continuerò a investire il mio tempo nei networks. saluti Eva Bellagamba PIETRO BECONCINI AGRICOLA SAN MINIATO

    link a questo commento 0 0
    #29
  • Basile Azienda Biologica

    Basile Azienda Biologica

    Ciao Paola,
    ci conosceremo mai??
    si uso facebook per pubblicizzare la mia azienda, anche google. non uso twitter perché non ho ancora capito coa sia e come si utilizzi esattamente.
    a presto

    link a questo commento 0 0
    #30
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Grazie di nuovo per l'aiuto.
    Sul quanto sia diventato importante l'utilizzo ( e la frequentazione) del web credo non ci siano più dubbi; forse varrebbe la pena di approfondire come organizzare al meglio la propria presenza e ottimnizzare l'uso di strumenti specifichi.

    Io mi metto a disposizione...

    @Basile, Twitter è più facile da usare che da spiegare, ma se hai domande, provo a rispondere.

    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #31
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Brava Pam,
    per es se non mi mandavi un messaggio restava tra le cose da fare.

    Noi abbiamo un sito che interagisce con tutti i social network sui quali siamo, al momento stiamo facendo ancora poco, essendo praticamente nati ieri.

    Per venire alle tue domande

    Newsletter: si, per ora mai inviata con forti, esperienza con cascina tollu

    facebook: http://on.fb.me/9QkIuB

    twitter, account aziendalpersonale: http://twitter.com/fortidelvento

    Ma anche

    youtube: http://youtube.com/fortidelvento

    friendfeed: http://friendfeed.com/fortidelvento

    vinix: http://bit.ly/bH71Ax

    Google Buzz: http://www.google.com/profiles/tomaso.armento

    Flickr: http://www.flickr.com/photos/fortidelvento/

    @Fil: Rispetto agli altri social, trovo Vinix un vero e proprio punto di scambio: è una ottima piattaforma per scambiare opinioni con persone esperte / interessate, fatico a dargli un identità perchè non comprendo appieno, a parte il lato sociale indubbiamente bello, tutte le sue sfaccettature. Andando in giro a vendere ho imparato una cosa: le persone non ti ascoltano, ascoltano quello che vogliono, non c'è spazio per la complicazione. O meglio c'è ma dopo anni, quando nasce la voglia di saperne di più e nasce anche lo stimolo ad approfondire. facebook secondo me vince per la facilità con cui si propone, su Vinix se qualcuno commette una leggerezza ciao. Insomma è il suo bene e il suo male, ma complica le cose.

    Sicuramente visibilità sui motori di ricerca, engagement vero nelle discussioni e presenza di esperti, anche se una supernicchia.

    Meglio, ma non tantissimo, gli altri social: sono convinto che in generale ci si parli troppo addosso: all'inizio tutto fantastico, poi però non ho visto l'evoluzione che presagivo, c'è in generale molta dispersione.

    Ovviamente è la mia opinione, ma credo che si debba trovare il modo di allargare gli orizzonti: questo dovrebbe essere il primo vero punto sull'agenda di qualunque pr: aumentare visibilità, consolidare contatti, altrimenti gli sforzi diventano insostenibili per le piccole aziende, ma anche per le medie: s'è sempre più gente, sempre più confusione e non si può continuare a chiedere di inventare attrazioni, in fin dei conti vedo che il vecchio gioco dell'ideavirus / buzz marketing ha fatto qualche giro sui piccoli, ma nel mondo niente di nuovo sotto il sole, i potenti e quelli che hanno una presenza consolidata sono ancora quelli più richiesti. Si può sognare, ma sempre più coi piedi per terra, come leggo sempre di più dei dibattiti sulle startup.

    Inoltre aggiungo che la presenza offline, se si è attivi online in modo sano, diventa una condizione fondamentale. In quanti selo possono permettere?

    Fondamentale quindi trovare soluzioni razionali da parte dei comunicatori, che sempre di più dovranno saper gestire questi argomenti in modo razionale per trovare investimenti sul loro lavoro.

    Ho davvero detto ciò che pensavo. Fatene ciò che volete :-)

    My two cents

    Ciao,
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #32
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    La leggerezza è pensare che se uno commette una leggerezza su facebook nessuno se ne accorge. Non c'è moderazione e controllo, questo no, ma quel che si dice è importante ovunque anche perchè resta per sempre e se non me ne accorgo oggi magari me ne accorgo domani. Tra l'altro lì il danno potrebbe essere esponenzialmente maggiore dal momento che è una piattaforma estremamente più grande. Qui non è proprio così nazista la situazione, mi pare che ci sia molta assistenza e manovalanza gratuita invece, questo si.

    Sul secondo punto non ho capito bene qual è l'evoluzione che "presagivi" a cosa ti riferisci in particolare. E' vero che ci si parla molto addosso ma l'autoreferenzialità secondo me è un male incurabile della rete a cui dopo un po' ci si affeziona anche :-)
    Poi nascono veramente moltissime cose, dai Vinix Live! alle degu numerate a tutti gli altri eventi e incontri dal basso. Io vedo molto fermento positivo ma vedo anche molta concretezza!

    Invece di tutta questa parte:

    "Ovviamente è la mia opinione, ma credo che si debba trovare il modo di allargare gli orizzonti: questo dovrebbe essere il primo vero punto sull'agenda di qualunque pr: aumentare visibilità, consolidare contatti, altrimenti gli sforzi diventano insostenibili per le piccole aziende, ma anche per le medie: s'è sempre più gente, sempre più confusione e non si può continuare a chiedere di inventare attrazioni, in fin dei conti vedo che il vecchio gioco dell'ideavirus / buzz marketing ha fatto qualche giro sui piccoli, ma nel mondo niente di nuovo sotto il sole, i potenti e quelli che hanno una presenza consolidata sono ancora quelli più richiesti. Si può sognare, ma sempre più coi piedi per terra, come leggo sempre di più dei dibattiti sulle startup.

    Inoltre aggiungo che la presenza offline, se si è attivi online in modo sano, diventa una condizione fondamentale. In quanti selo possono permettere?

    Fondamentale quindi trovare soluzioni razionali da parte dei comunicatori, che sempre di più dovranno saper gestire questi argomenti in modo razionale per trovare investimenti sul loro lavoro."


    non ho capito un h :-)
    Rispiega in parole più semplici.


    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #33
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Non era un commento verso di te, che ti sbatti tantissimo, ma verso quello che mi è capitato vedere.

    "La leggerezza è pensare che se uno commette una leggerezza su facebook nessuno se ne accorge. Non c'è moderazione e controllo, questo no, ma quel che si dice è importante ovunque anche perchè resta per sempre e se non me ne accorgo oggi magari me ne accorgo domani."

    Se uno vuole tenere il discorso in modo leggero, come potrebbe fare su fb, ma lo fa e commette leggerezze su vinix gli viene manifestato direttamente. Così come se contravviene alle regole, che sono ben più profonde di quelle di FB. Non dico che sia giusto o sbagliato, osservo.

    "Tra l'altro lì il danno potrebbe essere esponenzialmente maggiore dal momento che è una piattaforma estremamente più grande. Qui non è proprio così nazista la situazione, mi pare che ci sia molta assistenza e manovalanza gratuita invece, questo si."

    Se non fai cose davvero cosmiche è più facile che nessuno si accorga di te nel male e nel bene in uno stadio rispetto ad un club (credo siano queste le proporzioni). Non credo sia nazismo, credo sia condizione derivante dalle dimensioni del network e dal livello dei partecipanti e dagli interessi in gioco per i partecipanti stessi. Nessuno giudica l'operato dello staff, ti puoi immaginare. Parlo solo dei rapporti tra le persone.

    "Sul secondo punto non ho capito bene qual è l'evoluzione che "presagivi" a cosa ti riferisci in particolare."

    Non parlo specificatamente di Vinix, che è una bella realtà, parlo più in generale dei social per come li ho vissuti. Mi aspettavo si creassero delle discussioni che piano piano crescevano, dei gruppi che lentamente portavano ad un allargamento delle informazioni. Mentre ho notato che, nel più bello e umano dei modi, hanno sostanzialmente ricreato le "compagnie".

    "E' vero che ci si parla molto addosso ma l'autoreferenzialità secondo me è un male incurabile della rete [lo aggiungo anche offline, anch'essa rete in senso lato] a cui dopo un po' ci si affeziona anche :-) " Esatto, stessi meccanismi delle compagnie appunto. E umanamente belli.

    "Poi nascono veramente moltissime cose, dai Vinix Live! alle degu numerate a tutti gli altri eventi e incontri dal basso. Io vedo molto fermento positivo ma vedo anche molta concretezza!"

    Vero tutte cose molto concrete, ti ho manifestato più volte la mia fiducia e investito.


    link a questo commento 0 0
    #34
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Con riferimento alla parte che non hai capito, parlando dalla prospettiva di un'azienda, la mia, secondo me i PR devono:

    -verificare la coerenza dell'azienda prima di cominciare a lavorarci
    -aiutare l'azienda ad aumentare la propria visibilità
    -aiutare l'azienda a consolidare il proprio network
    -smetterla di dire che dobbiamo inventarci quello che non c'è: c'è talmente tante cose da migliorare in quello che facciamo che aggiustarle sarebbe già una rivoluzione
    -se esisti solo online sei poco credibile, gestire entrambe le cose, cioè essere online e offline diventa complicato (tempo e soldi) se non ti rende [ricordo parliamo di aziende]
    -se esisti solo offline potrebbbero parlare di te ma tu non lo saprai mai direttamente

    Quindi il PR deve aiutarmi a capire il suo lavoro e cosa devo aspettarmi, deve aiutarmi a gestire il rapporto con la comunicazione e poi deve guidarmi nella crescita della conosceza della mia azienda verso il mondo, facendomi evitare sprechi quanto più possibile.

    Attenzione, non deve vendere, deve far sapere al mondo che se cercano quello che faccio ci sono anche io, magari facendo emergere quanto c'è di diverso in me rispetto agli altri.

    Non riesco a chiarire meglio, mene scuso.

    Ciao
    T

    link a questo commento 0 0
    #35
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Scusa Tom se mi permetto ma ho un'amore tale verso la rete che mi sento di doverla difendere in qualche modo da queste che secondo me sono affermazioni un poco superficiali.

    A me pare che le "compagnie" come le chiami tu - in modo un po' spregiativo mi pare - siano una cosa buona. E' per merito di questi gruppi di persone (per altro, del tutto aperti ed assolutamente accessibili da chiunque) si siano creati movimenti, inventate cose, condivise idee e realizzato progetti. Non parlo di qui, parlo in generale.

    Tu stesso alcuni giorni fa su twitter hai ammesso che non sapevi nulla delle degustazioni numerate (per chi non ne sa nulla si tratta di degustazioni organizzate dal basso, aperte a chiunque, con l'assaggio di vini di un territorio specifico e la presenza di molti produttori protagonisti nate su twitter) perchè eri stato lontano da twitter o dalla rete o per altre ragioni che ora non ricordo. Questo è perfettamente lecito e normale, non si pretende certo che uno possa passare il suo tempo sui social se ha altro da fare. Però allora lascerei a chi ha più esperienza l'analisi socio-ontologica delle realtà sociali nella loro globalità così come accantonerei le visioni d'insieme provviste di giudizi di valore sommari.

    A me pare che quello che tu ti aspettavi, sia proprio quello che sta accadendo, e molto di più.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #36
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    Non ho attaccato la rete, ho parlato della mia esperienza. E prima di parlarne ti assicuro ho avuto modo di condividerla.

    Ripeto io non conto nulla e non attacco nessuno, osservo e cerco di partecipare, ci metto tutto me stesso, mi metto davvero in gioco. per questo dico quello che penso.

    Ho solo un'azienda, ho solo risposto ad una domanda, questa è la mia opinione, quello che penso davvero. Quello che vivo e la mia reazione all'esperienza è nel commento 34.

    Non so dove leggi il dispregiativo sulle compagnie ho scritto e intendevo "E umanamente belli".

    Ciao
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #37
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Forse ti ho frainteso allora. Scusami.

    Io leggendo questa frase: "Non parlo specificatamente di Vinix, che è una bella realtà, parlo più in generale dei social per come li ho vissuti. Mi aspettavo si creassero delle discussioni che piano piano crescevano, dei gruppi che lentamente portavano ad un allargamento delle informazioni. Mentre ho notato che, nel più bello e umano dei modi, hanno sostanzialmente ricreato le "compagnie"."

    ho letto tra le righe un certo disincanto ma forse mi sono sbagliato io, mi capita così tante volte! :-)

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #38
  • Azienda Mariotti - I Vini delle Sabbie

    Azienda Mariotti - I Vini delle Sabbie

    Bella idea, grazie!

    Ciao

    Mirco

    - newsletter: assolutamente sì
    - facebook: solo profilo privato
    - twitter: solo profilo privato

    link a questo commento 0 0
    #39
  • Pamela Guerra

    Pamela Guerra

    Ciao,
    gli spunti di discussione che avete buttato sul piatto sono tantissimi...


    Il web, inteso come spazio e non come strumento, ha cambiato molte dinamiche sociali e relazionali, quindi, tutte le persone (professionisti, aziende e "consumatori") hanno assunto ruoli nuovi (sia a livello sociale che a livello aziendale/commerciale); l'affinità di interessi, avvicina o allontana, le persone creando così delle comunità (virtuali e/o reali) che vivono in maniera diversa i vari spazi e si relazionano con strumenti diversi.
    E' fisiologico che, passando il tempo, gli interessi cambino, il modo di interagire cambi, e che alcune comunità si disfino e altre si creino.
    Mi viene in mente un bel testo "Le tribù di internet", in cui si affrontano proprio questi argomenti.
    Le aziende devono cogliere queste dinamiche, farle proprie, e capire le esigenze delle persone cercando di soddisfarle e condividendo esperienze (nel mktg di relazione si passa dal consumer al prosumer, ndr); un'azienda che si muove "bene sul web" non è quella che twitta 24/7 o carica su FB tutte le foto che scatta in vigneto; è quella che suscita interesse e si interessa di chi gli sta di fronte; è quella che mi da qualcosa: informazioni, esperienze, divertimento, formazione, etc...
    I ritorni che chiunque di noi può avere sono molteplici a seconda di come si evolvono le relazioni e a seconda di quelli che sono gli obiettivi.
    L'impegno che viene richiesto è tanto quanto quello che si dovrebbe mettere in qualunque relazione tra persone. Questo ha un costo, che, banalmente, può essere calcolato come un costo orario di chi (imprenditore, agenzia, stagista, etc) si impegna nel creare e consolidare le relazioni.
    Non tutte le aziende, così come le persone, sono capaci di ascoltare e relazionarsi: ognuno ha i suoi limiti e le sue inclinazioni e vanno assecondate.

    Il consulente RP fa più o meno quello che tu hai scritto che ti aspetti che faccia (sinteticamente la strategia) e ti costa, anche relativamente poco, perché ti emette fattura x consulenza spot e/o continuativa, e la cosa finisce lì.
    Dalla strategia all'implementazione, si passa attraverso una serie di attività e di figure professionali diverse, ognuna con un suo costo, che spesso ( a torto o a ragione) viene bypassato dalle aziende che incaricano una o più figure interne (titolare compreso) di svolgere le attività.
    Tutto ha un costo: dedicare 2h a twitter anzichè portare i bimbi ai giardini o scrivere un post su Vinix rubando ore di sonno, è comunque un costo che non si paga in pecunia.

    Pamela

    link a questo commento 0 0
    #40
  • FortidelVento - Tomaso Armento

    FortidelVento - Tomaso Armento

    @Fil purtroppo sono uno che parla e agisce più con la pancia che con la testa, anche se faccio davvero tanti conti prima di muovermi, è una contraddizione enorme con cui convivo. Grazie per aver rivisto il tuo punto di vista: ti garantisco che se fossi disincantato non continuerei a stare qui sulla rete.

    @Pam: hai ragione, le aziende che conosco passano spesso attraverso la fase "bello, riparmio facendolo io ed è lostesso" in realtà poi non solo spendono di più perchè impiegano peggio e più tempo, ma anche per incapacità rispetto ad un professionista hanno anche un risultato inferiore alle attese ed incolpano il responsabile RP. Mi viene in mente quello che fa progettare un sito spaziale e poi non pensa che deve inserie contenuti all'altezza o fa le foto della brochure con la sua macchinetta cosi come le sa fare e amen. Possono essere belle, ma possono anche non essere all'altezza: per mia esperienza o quello che serve è già parte del tuo bagaglio di esperienze o meglio lasciar stare.

    Per stare 2h sui social, secondo me, o ti piace chiacchierare e ti piacciono le persone con cui ti relazioni oppure è davvero una roba pesantissima: non so come facciano a prescindere dal costo...

    Ciao,
    Tom

    link a questo commento 0 0
    #41
  • Fabio Ciarla

    Fabio Ciarla

    Salve Pamela,
    io ci posso mettere la mia esperienza di "comunicatore" e quindi riportare quello che, con i miei colleghi, sto tentando di fare per Nomacorc, l'azienda americana che produce tappi alternativi con il sistema brevettato della co-estrusione. Parliamo della sede italiana ovviamente, d'altronde l'azienda è talmente grande che ha poi i profili della casa madre ecc ecc...

    Parto dai fatti:
    Newsletter - SI: trimestrale e diretta ai clienti soprattutto

    Facebook - SI, pagina aziendale: http://www.facebook.com/pages/Nomacorc-Italia/157450454265389

    Twitter - SI: http://twitter.com/NomacorcItalia

    Premetto che non ho letto tutti tutti i commenti della discussione, spero quindi di non ripetere o - peggio - divagare troppo.
    Il che ci porta direttamente al centro dell'ultimissima discussione comunque, ovvero sulle relazioni online, social media ecc visti dai comunicatori.
    Personalmente credo che sia importante esserci, aprirsi ai Social Media e iniziare a "imparare" questo nuovo linguaggio ma soprattutto questo nuovo sistema di comunicazione. La staticità e il flusso unidirezionale non sono assolutamente consoni alla comunicazione online, ma è difficile far capire anche ad alcuni comunicatori la necessità dell'ascolto, figuriamoci alle aziende!
    Insomma si, usiamoli sti social media, ma per come essi sono, ovvero centri di discussione e di ascolto, non semplici "bacheche" (mai termine fu più sbagliato per un social media!).
    Che poi questo lo facciano i comunicatori per professione o le aziende stesse è un altro discorso, forse ancora più importante (sebbene a certi livelli sia inevitabile che il compito passi agli esperti e soprattutto a chi è pagato per fare questo lavoro).
    Concludo ricordando il Wine Camp di Firenze, sia perché così ho dato un nome alla ragazza bionda che non avevo fatto in tempo ad ascoltare al tavolo dei relatori sia perché da quella esperienza ho avuto un'impressione, diciamo pure negativa, piuttosto forte: si è detto in tutte le salse che è ora di finirla, nel mondo del vino, con il "parlarsi addosso". Ecco, non vorrei che da "discorsi tra esperti di vino" si passasse a "discorsi tra esperti di informatica"!
    Il vino va venduto e soprattutto bevuto, se per farlo bisogna parlarne anche con tutte le nuove tecnologie va bene, ma non dimentichiamoci il risultato finale al quale - credo tutti noi - aspiriamo...

    Spero di aver offerto qualche spunto interessante.

    A presto e buona giornata!

    Fabio

    link a questo commento 0 0
    #42
  • Rinaldo Marcaccio

    Rinaldo Marcaccio

    A me sembra che ci siano differenze tra i vari siti o sociali network e che questa diversificazione, diciamo così, di taglio editoriale, sia una ricchezza e non un limite.
    Qui puoi approfondire, di là non tanto; o meglio, c'è un posto più adatto per inserire contenuti e quello più adatto a fare da bacheca.
    Credo che ogni sito abbia una sua fisionomia e che questa crei un'aspettativa da parte dell'utilizzatore, ovvero possa essere di riferimento per chi voglia interagire.
    Credo che ci siano luoghi più adatti per sviluppare riflessioni, analisi tecniche, far emergere problematiche o individuare temi ed altri meno. Quindi il fatto che subentri in questi luoghi più qualificati, una certa autoreferenzialità, è di fatto, congenito; anzi ciò può rappresentare un'iniezione di autorevolezza per gli stessi.
    Diventa un limite, secondo me, ovvero un ostacolo alla partecipazione, quando sui temi in oggetto si innesti polemica o comunque un taglio di discussione, rivolto più a sottolineare le competenze personali o addirittura l'incompetenza altrui, che a dare un contributo creativo al tema e metterlo a disposizione di tutti.

    link a questo commento 0 0
    #43
  • Patrizia Rampa de Il Brolo

    Patrizia Rampa de Il Brolo

    Ciao Pam, ricevuto il messaggio :-)

    questi gli strumenti che uso :

    1) newsletter no
    2) FB profilo personale
    http://www.facebook.com/profile.phpid=1619905863#!/profile.php?id=1619905863
    2) FB profilo aziendale
    http://www.facebook.com/profile.php?id=1619905863#!/pages/Brescia-Italy/Il-Brolo-azienda-agricola-e-colture-vinicole/52150763702
    3) twitter profilo aziendale
    http://twitter.com/IlBrolo
    4) Youtube
    http://www.youtube.com/user/PatriziaRampa?feature=mhum

    Vorrei avere più tempo da dedicare alla rete ;-)

    Ciao
    Pat

    link a questo commento 0 0
    #44
  • Agriturismo e Cantina La Sabbiona

    Agriturismo e Cantina La Sabbiona

    Ciao Pamela,

    in azienda usiamo solo la newsletter.
    Per seguire il resto mi manca proprio il tempo materiale, ho un profilo personale su FB (poco curato) ma non ho messo nessun riferimento all' azienda.
    In compenso sto molto in cantina.....................

    link a questo commento 0 0
    #45
  • Essepi Wine Services

    Essepi Wine Services

    Ciao Pam,
    Siccome lavoro nel mondo del vino ti do i miei dati:
    Newsletter No
    FB profilo personale http://www.facebook.com/sandra.parolin
    FB profilo aziendale (pagina) http://www.facebook.com/degusta.assaggia.poi.compra
    Twitter @EssepiWine
    YouTube http://www.youtube.com/user/SandraParolin?feature=mhum (questo però non ho molto tempo da dedicarle)
    e per la gioia di Fil, Vinix è al primo posto anche perché è il social N. che mi ha dato lavoro all'inizio della mia professione ed è dove ho il mio blog e degustazioni.
    Ciao
    Sandra

    link a questo commento 0 0
    #46
  • Il Mosnel

    Il Mosnel

    Ciao Pamela,

    con un po' di ritardo ma ci sono anche io.
    Abbiamo:
    una Fan Page FB: http://www.facebook.com/pages/il-Mosnel-Franciacorta/73752501656
    Account Twitter: @ilMosnel e personale @UcciB
    Newsletter
    Blog www.quellicheilvino.it
    YouTube: http://www.youtube.com/profile?user=mosnel09
    Flickr: http://www.flickr.com/photos/ilmosnel/sets/72157617444026104/show/
    e naturalmente Vinix

    Ciao e a presto,
    Lucia


    link a questo commento 0 0
    #47
  • Nonsolovino Enoteca

    Nonsolovino Enoteca

    Ciao,
    da poco abbiamo creato la nostra pagina su Facebook:

    http://www.facebook.com/pages/Giaveno-Italy/Enoteca-NonSoloVino-Giaveno/152730194749997?ref=sgm

    Salutoni

    link a questo commento 0 0
    #48
  • Michela Muratori

    Michela Muratori

    ciao Pamela, arriviamo anche noi!!

    1. yes newsletter
    2. facebook: delle quattro tenute e del nostro vitienologo Franz
    http://www.facebook.com/people/Villa-Crespia/100000695322558
    http://www.facebook.com/people/Rubbia-Al-Colle/100000467366341
    http://www.facebook.com/pages/Forio-Italy/giardini-arimei/74070294741
    http://www.facebook.com/profile.php?id=100000686799688
    http://www.facebook.com/profile.php?id=100000686799688#!/Franz59

    3. twitter il mio @MichelaMuratori ma non ci vado mai perchè non c'è mai nessuno, siamo costantemente su fb perchè tutti sono lì...

    mic

    link a questo commento 0 0
    #49
  • Marco Monaci - Cantina Pieve Vecchia

    Marco Monaci - Cantina Pieve Vecchia

    ciao pamela ecco tutto

    1) con la newsletter stiamo partendo proprio in questi giorni quindi sì

    2) facebook

    http://www.facebook.com/pages/Cantina-Pieve-Vecchia/59831867623

    3) twitter

    http://twitter.com/#!/PieveVecchia

    ciao!

    marco

    link a questo commento 0 0
    #50

inserisci un commento