assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#9 Commenti

  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ho letto l'articolo che hai segnalato, robe da matti.
    Eppure, chissà quanto vino passa ancora per queste vie. Proprio oggi si è attivata su Vinix Federica Bissé, vecchia conoscenza al tempo in cui curava VinoWave, un blog su vino e web 2.0 di qualche anno fa. Sta facendo una tesi che riguarda il Prosecco, c'è un post recente qui su Vinix. Dalle una mano se puoi.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    non ti dico cosa ho visto in una settimana in giro per wine store e enoteche a New York... ogni volta che trovavo una bottiglia fuori legge la prendevo e gliela mettevo sul bancone dicendogli "questa è fuorilegge" e spiegando il perché. un nome a caso Riondò, fatto a Verona, con etichetta Prosecco, che ha preso 90 punti su Parker... no comment

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    Purtroppo Fil è tutto vero, è assurdo e purtroppo queste cose accadono quando un vino diventa di moda e vende milionate di bottiglie. Tutti vogliono farlo , come sempre c'è chi lo fa seguendo le regole e chi riesce a creare prosecco dalla garganega o peggio dal trebbiano.
    Cinzia, non dirlo a me , in America vendo circa il 60% del mio prosecco e so bene a che livelli siamo.
    Ti ricordi lo scandalo del rosecco? che ne è stato? e tutte le altre contraffazioni? prospriz per esempio, venduto un fusto! o il prosecco fatto in argentina/australia?
    Luca

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Questo qui Cinzia?
    http://www.cantineriondo.com/News-e-Premi/2010---IL-MIGLIOR-PROSECCO-DELLANNO

    Ma se è fuori legge come fa a stare lì alla luce del sole? Sono matti?

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    la vedo dura che un'azienda del genere venda prosecco non conforme agli attuali regolamenti. Aziende così grosse conoscono a perfezione le leggi e sanno a perfezione come comportarsi.
    a me fa specie piuttosto che Parker abbia dato 90 punti
    ma questa è un'altra faccenda.
    @ Cinzia secondo te con la fascetta alla doc eviteremo in futuro queste cose?

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Salvatore Landolfo

    Salvatore Landolfo

    Fatta la legge fatto l'inganno speriamo che questo antico adagio non sia vero in questo caso comunque la storia del riondo' la dice lunga.....
    Speriamo che con le fascette le cose vadano meglio e che le stesse vengano assegnate con criterio e non come in alcuni casi esistenti qui in Campania e che si premi ed incentivi la qualità e non la sproporzionata quantità .

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Bele Casel @ Luca Ferraro

    Bele Casel @ Luca Ferraro

    aggiornato il post con il rovescio della medaglia http://www.belecasel.it/wp/2010/10/prosecco-lesson-number-6-la-fascetta-anche-alla-doc/

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Mirella Mainardis

    Mirella Mainardis

    ho recentemente bevuto a casa di amici un prosecco di una nota casa produttrice (di cui non farò comunque il nome) privo della fascetta di Stato. questo amico non ha saputo dirmi come mai non erano presenti nè la fascetta nè la retroetichetta, ma la bottiglia gli era stata regalata da un amico del produttore ed ha pensato che forse era uscita così dalla cantina "per caso o per amiciczia"
    gli ho spiegato che comunque ed in ogni caso un comportamento del genere da parte della cantina non era assolutamente sinonimo di "rispettabilità" , per non dire altro. Purtroppo non tutti sono sufficientemente informati al riguardo già nel nostro paese....figuriamoci all'estero: e così via alle "libere forme di commercio" dannosissime per chi è onesto e rispettoso.
    ora, da consumatore vi chiedo quale atteggiamento dobbiamo avere ed eventualmente a chi segnalare i misfatti

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Essepi Wine Services

    Essepi Wine Services

    Io ho la speranza che la fascetta protegga qualcosa la DOC. Speriamo bene! Ma questo non impedirà le contraffazioni. Purtroppo il mondo è pieno.
    Mirella, hai ragione a voler denunciare il misfatto perché è dai consumatori che deve partire la ribellione agli imbrogli, contraffazioni, ecc. Puoi denunciare i misfatti ai finanzieri, ai carabinieri.
    Sandra

    link a questo commento 0 0
    #9

inserisci un commento