assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Giulio Gambelli - il Maestro

inserito da
Giulio Gambelli - il Maestro
Non occorre un'occasione particolare o speciale per parlare di Giulio Gambell, è necessaria la stima, il rispetto, e l'ammirazione per un uomo cge ha inciso profondamente nella storia del vino toscano e del suo vitigno preferito: il Sangiovese, che jha sempre difeso e tutelato.
Una vita trascorsa fra vigne e cantine, collaborazioni con aziende che vanno oltre le nozze d'oro come quella con bibbiano di Castellina, vini che sono sulla bocca di tutti gli intenditori come il Pergole Torte di Montevertine e collaborazioni famose e passate come quelle con Vistarenni, Colle ai Lecci, la "mia" vecchia Paglliarese e poi Lilliano, Ormanni, Soldera su Montalcino, San Donatino, aziende in cui fa capolino ancora perchè anche se gli anni passano, la passione e la competenza sono le stesse di sempre.
Sostituire o soltanto eguagliare il suo palato, la sua metrica di giudizio che ha fissata e stampata in mente, dopo anni di assaggi, incrociati poi a dati analitici, credo sia pressochè impossibile, avere quella sensibilità, quelle doti di trovare a botta sicura e senza tanti trastulli, di primo acchito, sentori pregi e difetti del vino che ha nel bicchiere, è caratteristica del Maestro, e nessuno me ne voglia, ma credo che in questo sia l'unico palato, il vero naso elettronico che abbiamo in circolazione.
Lo si sente descrivere come un burbero, come un orso, lo dice anche Carlo Macchi nel suo libro intervista pubblicato quest'anno da Veronelli editore, ma nel mio piccolo, non mi sento di condividere questa opinione, perchè Gambelli è persona umile e semplice, disponibile, basta vedere la grazia con cui accoglie la gente che passa a salutarlo e che molto spesso è accompagnata da bottiglia da assaggiare per capirne pregi e difetti.
Negli anni del boom dei vari Supertuscan, quando sembrava che quel modo di fare vino, fosse l'unico possibile, è stato considerato come un testimnone del passato, accantonato, forse maldestramente dimenticato.
Quando i Supertuscan sono cominciati a rimanere fermi nei magazzini delle cantine si è cominciato a rivalutare Gambelli ed il suo modo di fare vino, tutti a corsa a benedirlo, osannarlo, tutti pronti a fare la corte e la rincorsa a dire "io lo conosco da una vita".
Ma lasciamo stare, non è il caso di fare polemiche.
Concludo annotando un aneddoto di molti anni fa, che pochi intimi conoscono, tranne forse chi c'era e l'ha vissuto.
A Pagliarese, vicino Castelnuovo Berardenga, la proprietaria, signora Sanguineti sempre frettolosa per soddisfare le richieste pressanti e notevoli degli acquirenti, voleva iniziare a commercializzare un vino che ancora doveva maturare in botte altri mesi.
Con il suo accento milanese squillante e schietto, disse:" Ma signor Gambelli, qui bisogna imbottigliare presto il Pigiatello, lo chiedono, lo vogliono" e lui calmo e serafico, con quegli occhietti vispi, alza lo sguardo dal bicchiere e tranquillo se ne esce con una battuta che la fulmina e ammutolisce:" Il Pigiatello? E la fava di Gigi il bello, quel vino unnè mica pronto per la bottiglia, ci vuole il su tempo!":
Il tempo scorre per tutti, anche per Giulio Gambelli, che ha passato a marzo il traguardo degli 82 anni.
Chi ama il vino e il Sangiovese però deve augurargli lunga vita e la stessa passione di sempre, anche se, sono sicuro che questa non verrà mai meno.
  • condividi su Facebook
  • 1847
  • 0
  • 0

#0 Commenti

inserisci un commento