assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Vendere tramite il web: sono pronti i produttori di vino?

inserito da
Vendere tramite il web: sono pronti i produttori di vino?

Sto facendo uno studio su un campione di 200 produttori di vino. 

Si tratta di capire come un produttore medio - piccolo riesce a trovare un mercato attraverso il web.

Sono ancora a metà campione e devo dire che nonostante l'atmosfera di negatività che si respira in questo periodo sono finora tutti convinti che il "vecchio" sistema deve rinnovarsi.

Il problema è capire come. Eh! Bella domanda ?

Per chi come me ha una formazione in marketing e si aggiorna continuamente sulle dinamiche del mercato food & wine sembra facile suggerire di aprirsi al mercato del web. Lo trovo banale,scontato e soprattutto l'ideale per chi vuole guadaganre terreno. Farlo ora significa sfruttare alcune leve di posizonamento del brand e di posizionamento commerciale.

Diventa problamatico invece quando ad una affermazione così banale e semplice viene risposto:

Sì,ma noi infatti c'abbiamo un sito, chi lo vò vedè lo vede chi no fa niente.

A parte un discorso tecnico di usabilità ed efficacia da fare su alcuni siti web anni 90, il concetto del "chi lo vò vede lo vede" rientra nella logica commerciale di prominenza , come se "IL" sito faccia parte per "statuto" dell'azienda. 
Avercelo singifica essere in regola con le regole di qualità di mercato .


Ad onor del vero è bene anche dire che in molti mi hanno affermato di essere consapevoli della necessità di aggiornamento e di investimento in nuovi "canali" commerciali. Sono per lo più aziende con dentro la "nuova" generazione di figli, laureati, che hanno viaggiato, visto,vissuto .... Alcuni di loro si sono lanciati in iniziative poco usuali per i loro padri e nonni ed hanno anche trovato gratificazione. !
Quello che però impedisce la continuità e la dedizione a questo tipo di lavoro "commerciale" è il tempo.

io sono convinto che ognuno debba fare il proprio mestiere, e anche quando si hanno competenze in più settori è necessario concentrarsi in poche attività.

Se ho un'azienda da mandare avanti, nonostante sia bello, giovane e smart con il computer e spesso compro riviste e leggo blog , non posso pensare di investire il mio tempo nel trovare "formule commerciali" self-service sperando di gestire allo stesso tempo anche le attività di management dell'azienda.

Primo perchè c'è il rischio che il capostipite dell'azienda si lamenti che stiate sempre con il computer in mano e che ci sono altre priorità da seguire....
secondo, perchè per quanto vi  possiate dedicare al gioco di fare "i markettari" sarà poco probabile che riusciate seguire e gestire tutte le attività che andrebbero fatte.

Io direi sarebbe meglio avere competenze su nuovi modelli commerciali ma di far gestire le attività ad un team di professionsiti.


Un altro caso che ho trovato interessante è quello per cui aprirsi al web significa seguire e selezionare gli eventi per poi investire soldi per seguire gli eventi allo scopo di promuoversi. Il vantaggio è che si conoscono tante persone e questo è un vero valore commerciale, lo svantaggio è che visti i primi eventi gli altri sono sempre gli stessi con le stesse logiche, con prezzi sempre più alti e difficolta di visibilità vista la partecipazione delle aziende enooooormi .... 
   

(Non)conclusione, direi che stiamo entrando in una fase commerciale molto interessante per gli sviluppi che possono delinearsi. Il panorama delle aziende e dei produttori di vino è altrettanto stimolato su più versanti su queste tematiche.
L'esistenza stessa di questo social network è dimostrazione di come i produttori di vino e gli stakeholder trovino nel mercato online delle alternative. Quello che è necessario capire, ogni produttore a modo suo, è la strada da percorrere. Come costruire il proprio piano commerciale online, come delineare il proprio profilo. Le chiacchiere e le belle discussioni sul web lasciano il tempo che trovano, ora è necessario capire come e quanto investire su un mercato che offre reali potenzialità di guadagno.

Staremo a vedere cosa succederà. Io sono positivo. Voi cosa pensate in merito?


Credit image: Tenuterubino
  • condividi su Facebook
  • 2790
  • 0
  • 0

#0 Commenti

inserisci un commento