assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#7 Commenti

  • Rinaldo Marcaccio

    Rinaldo Marcaccio

    A proposito di Pinot Nero, quest'anno al Vinitaly ho degustato il Cabreo Black '08 di Folonari: veramente buono!

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Grazie della info, mi manca all'assagio, immagino, bella azienda! ;-)

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Niccolò Desenzani

    Niccolò Desenzani

    Ciao Alessandro. Interessante sempre il PN, ovunque. Approfitto di questa tua istantanea su Eccopinò per dire che ho bevuto di recente un Coldaia 2007 di Fortuni e il legno era secondo me soverchiante. Non un vino che ho trovato medio, ma proprio cattivo. Qualche spunto a voler esser gentili c'era, ma non a sufficienza per me per incuriosirmi sul pinot nero del Mugello. visto poi che la botiglia viaggiava su prezzi superiori a borgogna per me 100 volte migliori. Per dirne due: Gros Frères et fils (H C de Nuits) e Pierre Morey base.
    Più umiltà e prezzi più bassi permetterebbero al laboratorio Pinot nero toscano di dare il meglio, secondo me. Così si fanno massacrare e basta. Però so che sono in controtendenza e parlo con un sol esempio assaggiato. Ma altri 20 e passa euro non li spendo più.
    Ciao

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    E' vero Niccolò che sono vini a cui prendere le misure nel tempo; la mia considerazione parla chiaro: spesso peccano in eleganza ma il gusto c'è tutto; ti potrei consigliare, tra quelli che ho più tra le mie corde, Macea (anche il Grigio), o Fortuni di Podere Fortuna, riconoscibilissimo (Coldaia fermenta un po'di più, fa la stessa lunga maturazione in barrique/cemento/bottiglia, per il resto non so). Forse, non sempre reggono bene il tempo. Alcuni di quelli che ho citato sono troppo marcati da sentori non nitidissimi; del resto l'eleganza è quella che fa unico un vino, ed è per pochi, no? Cmq mi piace molto questa iniziativa di vignaioli "visionari" e l'ho citata proprio per questo, e non solo perchè gioco in casa.

    :-)

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Niccolò Desenzani

    Niccolò Desenzani

    Ciao Alessandro, so d'esser stato un po' tranchant. Sono d'accordo che questi tentativi siano da seguire con interesse. Forse dovrebbero volare un po' più basso con i prezzi. D'altronde la critica li ha celebrati positivamente. Credo che nel Coldaia (e anche nel loro base) io soffra proprio il tipo di legno e di tostatura. Sono sentori in realtà nitidi, ma esogeni. Sempre nella mia opinione di limitatissima esperienza.
    Ciao

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Niccolò Desenzani

    Niccolò Desenzani

    Scusa ho detto una stupidaggine sul base. Avevo un ricordo di un Pagani De Marchi base negativo bevuto quasi in concomitanza e anche questa cantina fa un Merlot, diciamo fuori zona, molto celebrato. E ho sovrapposto le due cose.
    Pardòn!

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Non ti preoccupare affato, Niccolò, sappi che stai parlando con un Alex Drastico per metà buona buona :-); in quanto a esperienza... so bene di non sapere, me la cavo così :-). Pienamente condivisibili le tue annotazioni (mi astengo sui prezzi); dico solo non ti limitare negli assaggi/bevute di questi vini, poi magari più avanti ti ricrederai, e mi dirai, lo spero.
    Pagani de Marchi è una azienda che mi piace, metto questo link da fb dove parlo del loro Sangiovese http://www.facebook.com/media/set/?set=a.182379375137408.40977.100000960404122&type=3

    grazie davvero per il tuo interesse, un saluto

    :-)

    link a questo commento 0 0
    #7

inserisci un commento