Rosa. Carbone, naturalmente

inserito da
Rosa. Carbone, naturalmente
La press story di Rosa. Carbone, naturalmente.

Nel nostro piano strategico aziendale di marketing, redatto 10 anni fa in collaborazione con la Magna Università di Studi Altamente Strategici di Chippenham, England, un punto rilevante era rappresentato dall'ampliamento della gamma.
In particolare il piano per l'anno 2013 prevedeva l'uscita di un prodotto innovativo e di grosso impatto mediatico, un coraggioso rosato, tipologia che i guru del marketing vedevano già nel 2003 (sì, hanno la vista molto lunga alla Magna Università ecc. di Chippenham) in grande ascesa. Tutti avrebbero amato il rosato perché nel 2013 le vie di mezzo sarebbero state di moda, gli incroci sarebbero stati a tre strade, nei ristoranti sarebbero stati molto richiesti i contorni, perfino nella progettazione delle case si sarebbero realizzati due finti corridoi ciechi ed uno centrale reale.

Naturalmente, trattandosi di un piano a lungo termine, abbiamo atteso i dati effettivi di crescita del mercato del rosato e abbiamo visto che l'aumento del consumo per molti anni era effettivamente stato a due zeri.
Non abbiamo verificato se le previsioni sulle vendite dei contorni al ristorante, sugli incroci a tre strade e se il corridoio di mezzo fossero effettivamente cresciuti come avevano previsto i guru, ma tant'è.
Prima della vendemmia 2012 abbiamo analizzato ogni singola foglia delle viti di ogni vigneto e abbiamo deciso che il nostro rosato sarebbe nato da un unico appezzamento baciato dal sole, ricco di ombra ed accarezzato dalla luna.
Purtroppo non era luna di mezzo come ci chiedevano i guru.
Abbiamo affidato la ricerca del nome per il vino ad una famosa agenzia di Milano ( i Guru dicono che a Milano si trovi il 70% delle agenzie che fanno questo lavoro e il 100% di quelle che vanno bene per noi) e alla fine di un lungo lavoro creativo il nome scelto è Rosa. Carbone, naturalmente.

La vera storia di Rosa. Carbone, naturalmente.

Ok, non è andata esattamente così. Nelle piccole aziende e quando si ha a che fare con la natura le decisioni talvolta vengono prese fuori dal business plan.
Luglio 2012
Sara:”Luca, mi ha scritto l'importatore di New York. Ci chiede perchè non facciamo un rosato. Ne ha assaggiato uno della zona e si è innamorato”
Luca:”oh, regina delle microvinificazioni, non ho altri contenitori piccoli in cantina, ti ci voleva solo questo.”
Sara “ no, no, parlo sul serio stavolta. Produzione”
Luca:” altra etichetta? Tanto in cantina ci lavoro io. Vabbè, parlo con Sergio ( l' enologo vulcanico ndr)”


Settembre 2012
L'annata è stata calda e poco piovosa. I vigneti vecchi che sorgono sul tufo vulcanico hanno sofferto relativamente poco. Le radici delle piante sono state in grado di trovare facilmente l'acqua che il tufo ritiene in modo naturale, creando una riserva per l'utilizzo al bisogno.
Le piogge di settembre poi hanno rimesso la situazione a posto.
Ma i vigneti giovani non hanno avuto la stessa fortuna. Le radici non sono riuscite ad arrivare alle riserve idriche e le piante sono andate in forte stress.

Luca: “Sara, siamo andati a fare il giro dei vigneti: Piani dell'incoronata e Montelapis perfetto, le piogge hanno fatto bene, è ripresa la maturazione e poi lo vedi dal fogliame che le radici si sono andate a cercare acqua. Per la vendemmia ci sarà ancora molto tempo.
Alle Braide (vigna giovane ndr) non va bene. La siccità si fa sentire, vedessi la differenza con il verde dei vigneti vecchi. Rischiamo di fare una marmellata. A meno che non facciamo un rosato, vendemmiando tra poco. La quantità non è molta, ma verrebbe un bel rosato: corpo, acidità.”
Sara: “ E vai allora. Sarà contento l'importatore a stelle e strisce”
Luca “ sta buona, prima vediamo come viene fuori, è la prima annata da quei vigneti”


Novembre 2012
Luca: “ Sara, guarda che l'annata promette.”
Sara “ ottima annata? Annata del secolo?”
Luca “ tu scherzi, ma vedrai. E anche il rosato, ma aspetta dopo Natale a scrivere”


Gennaio 2013
Luca : “ti sei persa tutti gli assaggi dei vini nuovi.”
Sara: “ Simpatico”
Luca: “ Il rosato funziona”
Sara: “campiona allora!!!!”


Febbraio 2013
Sara : Luca, New York vuole il rosato ma pure Maine e Colorado
Luca: e per l'Italia? Non lasci nulla?
Sara: “Che bel problema. Vabbè, contingentiamo. Ma il nome?”


Rosa. Carbone, naturalmente.
 
  • condividi su Facebook
  • 3084
  • 0
  • 0

#9 Commenti

  • Corte Sant'Andrea srl - Marco Lorusso

    Corte Sant'Andrea srl - Marco Lorusso

    Ciao Sara,
    ho letto con estremo piacere questa piccola storia.......raccontata proprio bene !!! Complimenti e in bocca al lupo al vostro Rosa. Carbone, naturalmente !!!

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Eliana Negroni

    Eliana Negroni

    non vedo l'ora... italiana intendo... :)
    ciao Sara, buon lavoro!!
    a presto
    E.

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Manilo Frattari

    Manilo Frattari

    Sara al Vinitaly parleremo di Rosa.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Carbone Vini

    Carbone Vini

    @Marco grazie mille e crepi il lupo .

    @Eliana ci si vede a Vinitaly?

    @Manilo mi troverai pronta, con bottiglia in mano :)

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Roberto Stocco

    Roberto Stocco

    leggendo la prima parte avevo preso paura!... la seconda mi riporta tutto nei giusti binari.
    In bocca al lupo.

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Carbone Vini

    Carbone Vini

    @Roberto come mai? sei uno di quelli che hanno realizzato l'innovativo design del corridoio di mezzo ? ;)

    Scherzi a parte, era un tentativo di raccontare come vengono prese le decisioni, talvolta, nelle piccole aziende e in agricoltura. Nascono da un insieme di fattori: necessità ed opportunità.
    Insomma è la decisione che prende te e non viceversa, se hai a cuore la qualità del tuo lavoro

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Essepi Wine Services

    Essepi Wine Services

    Non vedo l'ora di assaggiarlo! Complimenti.
    Speriamo bene per il vostro faticoso lavoro di qualità.
    Se è buono come i rossi non c'è da preoccuparsi.
    A presto al Vinitaly.
    Ciao

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Paolo Carlo Ghislandi - Cascina i Carpini

    Cara Sara, complimenti.. davvero me la sono vissuta nelle tue parole questa avventura, la nascita di un nuovo vino è sempre un momento di grande emozione per tutta la cantina e ti ringrazio di averne condiviso la bellezza con tutti noi.
    Come sai e come è usanza ormai fra noi, anche quest'anno baratteremo qualche bottiglia, se puoi, tieni anche una di rosa per me che ho anche io una sorpresa per te.

    Ciao, Paolo

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Carbone Vini

    Carbone Vini

    @Sandra grazie, al vinitaly allora :)

    @Paolo Merci. prontissima per il baratto. Ma dicci dicci... che novità?

    link a questo commento 0 0
    #9

inserisci un commento