assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Vinitaly and bloggers accreditation

inserito da
Vinitaly and bloggers accreditation
Foreward.
I believe that speaking of bloggers credentials and accreditations in 2013 can be misleading. Blogging is a phenomenon that peaked between 2005 and 2010 and today; although still a very much alive tool, it cannot be representative of a web world that includes registered and non-registered mastheads, magazines, multi-author blogs, periodical newsletters, high-profile twitter accounts, facebook profiles, etc.. Not much else is left to do, but to sit down, read a lot, study and try to pinpoint the situation.

Lately, on several (italian) blogs, there has been a lot of clamor about the usual yearly issue of the blogger (sic) credentials at Vinitaly; this year the discontent was sharpened by the space being restricted exclusively (and inexplicably) to foreign bloggers. For the most critical comments, for instance, you may wish to read: Intravino, Intravino2, Soavemente Wine Blog, Enoiche Illusioni, Marketing del Vino (they are the first who come to my mind, but surely there are more).

There are a few other things that puzzled me, such as the launching of an e-commerce, rumored to have costed more than € 500,000 and of which Vinitaly owns 20% in shares – a potentially volatile issue. And not one single event during Vinitaly, aimed at introducing it or explaining it to the Italian or Foreign public. Just a presentation, possibly more ritualistic than technical, in the course of “Opera Wines alla Gran Guardia”, on the day before the start of Vinitaly (when plausibly most journalists and participants will still be at home). I would also ask Vinitaly why the only “web” and “social” portion of the exhibition has been delegated almost entirely to Vinitaly International, with meetings largely addressed to China and very little to the internal markets. Just a matter of choice, I suppose.

I spoke at length by phone with Vinitaly's Press Office. Among other things, it has transpired that, as for the téte a téte that stirred some emotions lately, the whole issue of bloggers et al, seems to have become the concern of this entity, now called Vinitaly International that, if I understood correctly, is one of Vinitaly's “outsourced offsprings, handled by a team coordinated by Stevie Kim.

The choice - not very wise, in my opinion - to create this area reserved to 30 reputable foreign bloggers and, one would guess, forbidden to Italians, was made completely by this team of “outsiders” (meaning not by employees of the Fair, but by consultants). On several occasions Press Office associates pointed out that this could create serious problems, but no attention was paid to their warnings. In other words: the Press Office was in disagreement with choices that would emasculate the Office in spite of itself and in defiance of our understanding as well as their own. Thus here we are, with the usual pre-Vinitaly bunch of garbage.

One must also add that, under the direction of the previous brand Manager, Elena Amadini, now promoted to a higher position within the Fair, the importance of web communications had been understood; through gradual steps and seminars, the weaving of relationship with this world had begun: a monitoring process of the most authoritative sources was started with the aim of giving them credit (and accreditations) with a modicum of trust (keeping in mind that for each accreditation there are legal, bureaucratic and economic problems, limiting the accessibility). This “approachment” process, however, was abruptly interrupted by the new management, perhaps not intentionally, but simply because, since every change at the top implies a brak-up with the past on many different fonts and in any case requires an adjustment period that, rightly or not, causes a shifting of priorities.

It would appear that this is how things are going, this year.
Nevertheless, from the words from the Press Office, I have perceived a strong desire to arrive at a solution that would be acceptable to all groups, meaning that they are well aware that bloggers represent a slice of the communication world that can no longer be ignored.

The long chat touched also on many other subjects. It would appear that there will be a much improved wi-fi and mobile connectivity service, specifically I have heard with my own ears “free wi-fi” in some areas connecting the pavillions (possibly between areas 6/7 or similar).

For my part, I suggested much clearer communications regarding credentials and accreditations for mastheads and on-line bloggers; this could entail a limited number, reviewable yearly (since accreditations cannot be unlimited), but with clear and transparent methods and criteria of selection.

Furthermore, I dared to make other suggestions, offering a comprehensive overview of the current state of the art.


My two cents. 
  • condividi su Facebook
  • 5800
  • 0
  • 0

#14 Commenti

  • Maria Grazia Melegari @SoavementeWB

    Maria Grazia Melegari @SoavementeWB

    Filippo, hai visto la risposta che ni ha dato Vinitaly International sull' apertura dell'Area Blogger ( un post su facebook)?

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Mauro Fermariello

    Mauro Fermariello

    Io resto ancora in attesa di risposta. Risolveremo all'italiana, chiedendo un pass a qualche azienda amica, con un discreto danno di immagine (manco li fanno entrare! ).

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Mauro Fermariello

    Mauro Fermariello

    Io resto ancora in attesa di risposta. Risolveremo all'italiana, chiedendo un pass a qualche azienda amica, con un discreto danno di immagine (manco li fanno entrare! ).

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Portate fede, non faccio miracoli ma forse qualcosa si muove.

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Maria Grazia, scusa, mi è scappato il commento precedente per cui ne scrivo un altro per risponderti. Si ho visto di sfuggita, sembra che sia tutto aperto per tutti ma per me quello che conta è quello che mettono fuori formalmente, non quello che ti dice in un commentino su twitter o su fb.

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Fiorenzo Sartore - Vinoteca Online

    Fiorenzo Sartore - Vinoteca Online

    La signora Kim ha commentato il mio post su intra di oggi dicendo, tra l'altro "it seems that whatever Vinitaly does seems to irritate you. I hope in the near future, we can have a more constructive dialogue with you and the wine blogging community to better formulate a professional arena for all". In attesa di sto dialogo costruttivo (ma si sa, siamo noi i perditempo) spiega alla signora che "l'ufficio stampa non era molto in linea con queste decisioni dalle quali però si è trovato suo malgrado in qualche modo esautorato". A me pare uno scaricabarile sconcertante. E molto oh-so-italian

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ho appena risposto di là, così più o meno:

    "Dear Stevie,

    it seems you answered only a part of the question.
    The unanswered part is: why no italians are allowed in this area? You completely divert from this point. May you give us a stright answer to this? And if it wasn’t exactly in those terms, why publicly the thing has been represented in this way?

    Under Elena Amadini direction there was a timid beginning in this process addressed to set relations and involve the wine web community (not only bloggers) in the accreditation process but this new issue you’ve done ridiculizing the whole italian wine discriminating their access to this area I suppose has broken the few good things you’ve started (you, Vinitaly) in the past years.

    What could have driven you to a decision like that? I imagine that, as a Fair, you have as primary objective to bring the more reputable foreign wine bloggers as you can to the exhibition and it’s ok but in the meantime, you can’t forget you’re working in Italy with a moltitude of hig reputable and well prepared online publishers.

    Here my two cents on the question (in italian):
    https://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=6969

    Cheers, Fil."

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Manuela, cose di semplice buon senso.
    Non c'è motivo di pubblicare regole restrittive all'accesso come, per esempio, la registrazione della testata (o del blog) al tribunale, se poi comunque senti l'esigenza di creare una piccola task force per individuare almeno uno zoccolo duro di "reputable" (anche italiani) da invitare alla manifestazione a tue spese. Molto meglio, a mio avviso, spazzare via i burocratismi, mettere chiaro nero su bianco limiti e paletti all'accredito del mondo web (che naturalmente non può essere senza alcun limite) e spiegare in modo trasparente come e/o da chi verrà fatta questa selezione evidenziando nel contempo in modo molto preciso i limiti strutturali di accoglienza (es. 10-30-50-100 testate web) ma che sia chiaro e nero su bianco e non sibillino, penso verrebbe apprezzato e/o accettato molto più che una richiesta di registrazione che poi in qualche caso vale, in qualche caso non vale, ecc.

    Io mi sono limitato, oltre a questo, a rappresentare al meglio delle mie capacità ciò che a mio avviso potrebbe meritare attenzione, almeno in via primaria, nel panorama web italiano a partire da piccoli blog emergenti o non emergenti di qualità che durante tutto il corso dell'anno svolgono - sia pur indirettamente e gratuitamente, ovvio - un lavoro prezioso per le aziende e quindi meritevole di attenzione anche da parte di Vinitaly.

    Poi sono rimasto a disposizione, per ogni necessità mi fa piacere, se e dove possibile, dare una mano.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #8
  • Cantine Buoso

    Cantine Buoso

    Mi sembra il tutto ridicolo, non capisco cosa voglia limitare la fiera non accentando i vari blogger.
    Da espositore posso dire che moltissime persone entrano con le tessere espositore strisciate fino a tre volte, per non parlare degli inviti fatti spedire agli importatori stranieri che costano mi sembra 5 euro per tutti i giorni della fiera e che poi ti lasciano quando dopo 2 giorni se ne vanno, senza dimenticare gli inviti acquistati dalle cantine a metà prezzo e poi dati/rivenduti alle orde di ragazzini in gita "osteria".
    Forse vogliono limitare le connessioni internet wi-fi perchè la rete della fiera non regge, ricordo negli scorsi anni che avevamo una connessione internet via cavo e che la gente si attaccava allo switch via cavo per mandare mail o altro perchè la rete cellulare era allo sbando, boh...
    Di certo chi lavora nel settore ed ha un blog e può darti un minimo di visibilità basta che chiami una cantina e gli inviti te li tirano dietro.
    Se vogliamo fare qualcosa di serio cerchiamo di limitare gli ingressi agli operatori del settore, mandiamo in giro la sicurezza nei padiglioni per allontanare i molesti che vogliono bere "un rosso" perchè in tre anni da espositore non ho mai visto un security, e non ditemi che ci sono e girano in borghese...

    link a questo commento 0 0
    #9
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Manuela, assolutamente no.
    Probabilmente non hai letto bene. I limiti numerici che ho indicato - totalmente a caso - sono solo a spiegare che probabilmente Vinitaly avrà comunque la necessità di mettere dei paletti quantitativi alla distribuzione di accrediti nel senso che non potrà ospitare chiunque abbia un blog o una testata online (registrata o meno) anche per ragioni di budget immagino.
    La selezione direi che non ha niente a che vedere con questo che, appunto, è un limite strutturale della fiera da stabilire da loro, la selezione dicevo, è qualcosa di diverso che andrà fatto a monte sulla base di criteri oggettivi e soggettivi da stabilirsi dalla fiera stessa (a mio avviso importante è la reputazione prima ancora della dimensione / traffico) a suo insindacabile giudizio.

    Quello che sto cercando di dire è che qualsiasi sia la "policy", questa deve essere assolutamente trasparente e ben dichiarata nero su bianco, ciascuno si deve assumere le proprie responsabilità, tenendo presente che è naturale che qualcuno resti sempre scontento.

    Spero di aver ulteriormente chiarito il mio pensiero in merito.


    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #10
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    La reputazione di una persona o di una testata è qualcosa di soggettivo nel momento in cui la si considera individualmente ma potrebbe anche essere qualcosa di oggettivo nel caso in cui la si consideri collettivamente o quanto meno con un gruppo un po' più ampio di lavoro con il quale confrontarsi, poi ci mancherebbe, nessuno è perfetto e anzi, siamo tutti fallibili.

    Certo la reputabilità non è l'unico parametro. Ci sono anche alcuni parametri oggettivi (spesso quantitativi) che possono esser tenuti presenti e che possono aiutare in un certo senso ma escludere a priori, per esempio, siti o blog che non arrivano ad una certa soglia di traffico potrebbe essere un errore magari perché sbarcati da poco in rete ma con lunga tradizione cartacea alle spalle oppure perché nuovi ma già estremamente stimati (pensa per esempio al blog multiautore di Fabio Rizzari che certamente non godrà ancora di grandissimi numeri ma che dal mio punto di vista è probabilmente oggi quanto di meglio sia possibile trovare in rete in campo enoico dal punto di vista contenutistico). Esempi così ce ne sono a milioni.

    Giustamente tu mi dici come posso fare?
    Ognuno con le sue possibilità e la propria sensibilità e le proprie regole, purché trasparenti. Penso che già leggere molto, informarsi, vivere "l'arena mediatica" giorno per giorno, sia qualcosa che ti consenta di avere quanto meno "il polso" della situazione. Poi, come dicevo, la verità in tasca non la tiene nessuno, per fortuna.

    Fil.

    link a questo commento 0 0
    #11
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Carlo Alberto Delaini, responsabile ufficio stampa di Vinitaly, è intervenuto sulla questione accrediti web aprendo un apposito post su Vinix:
    https://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=6970


    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #12
  • Deika Elmi-Abdulle

    Deika Elmi-Abdulle

    Accreditation or aggreditation?
    Surely you meant accreditation. Vado ora a leggere il tuo post.
    Saluti da Austin, Texas Dea.

    link a questo commento 0 0
    #13
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Thanks Dea, it was a refuse.
    I've just updated the title.

    Cheers, Fil

    link a questo commento 0 0
    #14

inserisci un commento