Distance selling of wine, beer and spirits to private consumers abroad, let's unite!

inserito da
Distance selling of wine, beer and spirits to private consumers abroad, let's unite!
The free movement of goods - I quote from Enciclopedia Treccani - "is one of the fundamental freedoms guaranteed by the legal system of the European Union (EU) and implies the prohibition between Member States of customs duties on imports and exports and of all charges having equivalent effect, and the adoption of a common customs tariff in their relations with third countries.” (Article 28 of the Treaty on the Functioning of the European Union).

and:

"The prohibitions resulting from the free movement of goods include any measure which, although not classified as a duty, however, have a discriminatory or restrictive type of effect of intra-Communitarian trade. The discipline also extends the prohibition of quantitative restrictions on imports and exports and of any measures having equivalent effect, understood as a measure that can hinder, directly or indirectly, actually or potentially, intra-Communitarian trade. (... omitted ...) These prohibitions shall be derogated, but only on grounds of public morality, public policy, public security, the protection of health and life of humans, animals, and plants, protection of national treasures possessing artistic, historic or archaeological value, the protection of industrial or commercial property, exceptions should not, however, constitute a discrimination or disguised restriction and must respect the principles of proportionality and suitability to achieve the purpose."

The dream, that all of us studying communitarian law in the middle of the transition from the Lira to the Euro, was that of an united Europe not only economically and monetarily but also in its policy, integration and of positive contamination of its population, languages and cultures. Perhaps we could not breathe the same excitement as in ‘68 but I guarantee that in the classrooms of the Law faculty of the University of Genoa, in Via Balbi, the perception of change and excitement that pervaded this historic revolution was palpable.

Many things have been done positively, though banks, central economic and financial powers, large industries impacted negatively on what could have become of Europe if in the past 20 years they would have worked differently, with greater vision. Often we get lost in a multitude of regulations, directives to be implemented and converted into law and, on one hand they surely have sound reasons for their existence, on the other hand are added to the already unbearable bureaucratic load of every member state. Of course, in this transition the virtuosity of individual States could make a difference in some cases even if, looking at the macro picture of the situation in Europe seems to me that we are all suffering from the excessive concentration on economic and financial aspects rather than on values, humanistic aspect, on the cultural and social progress of the European population.

Whatever happened to that yearning revolutionary, that vision of the future?

One of the most striking examples of the distance, also at European level (not just domestic) interposed between "those in the decision making room" and the reality of people living normal lives is to be found in the legislation governing the taxation, methods of its collection and the figures in the chain of control and guaranty on excise duties for goods subject to them for intra-Communitarian trade (intra-Communitarian I want to stress because, paradoxically it is becoming more complex then shipping outside of Europe). I am referring of course to wine but also to beer and to other alcoholic beverages disciplined together in one big melting pot together with the oil industry, electricity - for example - or of tobacco.

An excellent summary of this situation from a pragmatic point of view, comes from an old (but very current) post of our friend Giuseppe Carlucci, which appeared right here on Vinix some time ago, and from which I extract this key passage:

“According to Article 11 of the Consolidated Law on excise duty, which handles sales to private parties within the European community, subject to the limitations of 90 liters of wine of which a maximum of 60 sparkling wine ... you are not subject to any obligation provided that the transport is carried out by the purchaser."

Let me try to explain:

- If you are French consumer, and take your car to come to Italy, you go into a cellar and load in the trunk 90 liters of wine (60 if sparkling wine) and you go back home, nobody can tell you anything, you do not need special documents and so we are all set. The winery has sold the goods and can make investments through increased income, the customer takes home wine that will be drunk happily with family and friends.

- If the same French consumer instead of coming to Italy to take the wine with him, asked me to send him the wine, then everything becomes complicated, legislations on excise duty come into the scene and direct shipping to the private becomes de facto impossible. It becomes obligatory to go through a tax warehouse or a tax representative or other person not registered but with the requirements for the condition in which I want to send wine, in order to fulfill the obligations (mostly bureaucratic) under applicable laws and regulations.

Even if we were to stop here, it would seem evident that there is not only a mere logical anomaly (if you come and get your wine it’s ok, if I send you the wine then it’s not ok) but also that there is a gap in the legislation (we might say an abyss considered the extent and severity of the problem) where online sales, that once could have fit in the archaic concept of "distance selling", went from being a hypothetical concept to becoming normal and consolidated practice in the relations between people in the civilized and globalized digital world.
But this is just a glimpse of what we have to endure.

Let's say that we are smart, willing and with the desire to make things right and we inform ourselves on how to proceed according to the law for shipment to our French friend. The requirements for a single shipment for a single subject, decided by some inadequate and incompetent bureau to face the challenges of the globalized world, are as follows:

a) identify and determine a pre-trade agreement with the persons who will act as "excise debtors" in the destination countries ("Fiscal representatives already registered according to the procedures laid down by each Member State", i.e. physically established in each of the EU countries with which I would have to deal commercially);

b) pay the deposit to guarantee payment of excise duty in the EU country of destination;

c) keep separate accounts of the consignments that will be transferred in the EU;

d) submit, prior to each shipment, a statement for reimbursement of our national excise duty charged to the sender, to demonstrate the absolution "upstream";

e) from time to time, destroy the markings on bottles of liquor, subject to prior specific authorization by the competent Customs office which for that purpose may send officials to attend and verbalize, always at the expense of the sender;

f) have a registered fiscal warehouse, buy the software in order to issue the electronic AAD, or e-Ad (always hoping that the system works) to print the document to the transporter

g) ascertain the success of the expedition through the "Note of receipt" this needs to be done by the consignee electronically

h) in case the "Note of receipt" is not forwarded by the consignee within 2 months the consignor may be sanctioned for 3000 Euros!


After having done all this the goods would still be at our taxable fiscal representative abroad or at the chosen fiscal warehouse and would be still waiting to be sent to our French friend who in the meantime starts to wonder if it would be better to buy the product in any other way, and the producer/seller would start to think that maybe giving up on the sale could prolong his life of a few years.

It seems logical, in this situation, that to think of free and without constraints expansion - as clearly assumed by the authors of the basis of free movement of goods - of new forms of electronic commerce for products subject to excise duty, appears inconceivable, especially regarding disintermediation, which in the opinion of who is writing would be the physiological outcome of the dynamics of the network. In other words, where the processes of exchange and of sales might work best and where they could create a driving force of commerce of considerable proportions for all member countries, they build high bureaucratic and administrative walls that only encourage to go in the opposite direction.

It is important in this respect, to point out that unlike with VAT and customs duties, excise duties are the sole responsibility of the national treasuries, hard to blame Europe for this bureaucratic disaster except for its complacency (more or less interested) for reasons that unfortunately go far beyond my skills. What is certain is that "currently, in Italy, the excise tax authorities provide a very significant revenue, making it the second group of indirect taxes for total amount after the Value Added Tax" and I think this is, before any consideration on the psychophysical protection of the recipients of products containing alcohol or environmental type (for oils and electrical services, for example.), one of the reasons why this burdensome legislation also involves our beloved wines, beers and spirits of quality. However, the overall revenue from excise taxes on "spirits and beer", do not impact more than 0.50% of the total (petroleum, natural gas, electricity, tobacco bring into the cashier of the state infinitely more), so it would also be easily renounceable or replaceable in light of the dramatic increase in tax revenue that States would have as consequence if they left more freedom of maneuver in this type of exchange.

It is hence clear the need to gather together starting from producers with their main trade associations (I am thinking of FIVI - Italian Federation of Independent Winegrowers - , of Assodistil - the National Association of Industrial Distileries, and of Unionbirrai - Association of Brewers) , to major e-commerce sites of the Italian wine and food world, consumer organizations, agencies and institutions responsible for the development and promotion of foreign trade and of course to our political representatives, both at national and Communitarian levels. Common front to the request for a change that is not necessarily aimed at the abolition of customs costs (least of our problems) but rather a radical simplification of the administrative procedure, which applies in this kind of trade.

For this reason, I invite all those who may feel involved in some way in this problem to put a signature (and any comments) in the comments and boost my writing as much as possible to stimulate public opinion and mass media on the issue in the hopes of stirring something at the legislative level.


Sources:

- Erica Varese, Francesco Caruso, Commercio internazionale e dogane. Le dogane negli scambi
internazionali, Giappichelli, Torino, 2011, p. 129. 

- Marzia Cavallini, Tesi di Laurea 2004-2005 all'Università degli studi di Padova

[Many thanks for the english translation must go to Reka Haros from Sfriso Winery]
  • condividi su Facebook
  • 25243
  • 0
  • 0

#23 Commenti

  • Giuseppe Paolo Trisciuzzi

    Giuseppe Paolo Trisciuzzi

    Il discorso non vale solo per i privati ma anche per i ristoranti che all'estero sono abituati a servirsi del grossistaimportatore e quindi non vogliono o possono seguire tutte le pratiche del pagamento dell'accisa.
    Ho suggerito da tempo a unioncamere veneto ed alla segreteria del commissario europeo Tagliani una procedura molto semplice per ovviare a tutta la burocrazia.
    Provvedo io esportatore a pagare l'accisa in Italia ad un ente preposto dallo stato ove risiede il cliente. Punto e basta.
    La merce viaggerà con i documenti necessari compresa la ricevuta del pagamento dell'accisa.
    Se mi fido del cliente è semplice, se non mi fido gli chiedo il pagamento anticipato.
    Troppo semplice?

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Cantina Cirotto

    Cantina Cirotto

    Si uniamoci. questa questione oramai è logorante. è una delle ragioni che dissuadono una cantina di produzione dal investire in uno shop-online. OK che il mercato domestico rappresenta una fetta importante degli introiti per noi piccoli, ma non trovo il senso di mettere in piedi uno shop on-line (negozio senza limiti di nazione per antonomasia) se non posso vendere al di fuori dell'Italia.
    Altro scoglio pratico, giusto per condividere alcune riflessioni: il lavoro di winery tour & degustazioni guidate in cantina insieme alla comunicazione del territorio a gruppi di privati è un'altra fonte di introito; un lavoro interessante che si può sviluppare con le agenzie viaggi e tour operators di tutto il mondo. In molti casi gli ospiti, (che essendo in aereo possono portare con sè al massimo 2 bottiglie per bagaglio) chiedono di farsi spedire il vino a casa, con buone possibilità poi che questi diventino clienti abituali. Ma qui casca l'asino.

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Riccardo Zilli

    Riccardo Zilli

    Io e tutto Tannico.it ovviamente siamo assolutamente convinti che l'impostazione attuale non funzioni, quindi siamo chiaramente dell'idea che sia necessario muoversi per cambiare lo stato attuale delle cose, che impedisce, di fatto, la possibilità di vendita di vino all'estero.
    Parliamoci, tutti, al più presto.
    A breve qualche info in più. Leggendo un po' di letteratura a riguardo, unita ad una recente circolare dell'agenzia delle dogane, non sono più sicuro sia necessaria la compilazione del DAS, che è attualmente in formato elettronico e non più nei 3 fogli.
    Comunque altre news a breve. E comunque parliamoci al più presto.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Cembrani Doc Consorzio

    Cembrani Doc Consorzio

    purtroppo è un grande problema che ci impedisce di esaudire le richieste di vino, spumante e grappa che arrivano dall'estero...speriamo vivamente le cose cambino!

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Chi visse sperando come si dice... :)
    Dobbiamo unirci, contarci e agire. Nel frattempo più persone rilanceranno e diffonderanno questa problematica, più aiuteranno la causa. Anche perchè per esempio l'ottimo lavoro portato avanti fino ad oggi da FIVI sul tema ha avuto l'unico difetto di averlo fatto in modo troppo "interno" senza creare un vero e proprio movimento d'opinione che avesse come compartecipi i consumatori oltre che le istituzioni. Dobbiamo cercare di sopperire a questo aspetto per arrivare nel più breve tempo possibile al legislatore.

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Sergio Ronchi

    Sergio Ronchi

    La questione è complessa e quando si parla di leggi e regolamenti in Ialia non ci batte nessuno in fatto di complicazioni burocratiche (altrimenti perchè avremmo così tante università dove si studia legge?).
    Mi pongo solo un banale dubbio: se io volessi acquistare un cartone di vini di Bordeaux o di Rioja direttamente dal produttore questi andrebbe incontro agli stessi problemi nostri? Essendo nella comunità europea ....

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Cantina Cirotto

    Cantina Cirotto

    per importare vino (poniamo esempio Champagne dalla Francia) ho meno complicazioni a cui far fronte. Basta disporre di un deposito fiscale (o non avendolo ci si può appoggiare a un trasportatore), importare il vino, darne comunicazione all'ufficio dogane, ma senza pagare l'Accisa a destino.
    Basterà caricarlo sul proprio registro di commercializzazione e vederlo in Italia al lordo di IVA o berselo per proprio consumo.
    L'Italia ci insegna a non essere protezionisti insomma. che in questo periodo non è proprio quello che ci serve. con tutto il rispetto per i vini non italiani e francesi in particolare.

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Giampiero Nadali

    Giampiero Nadali

    Ho appena rilanciato questo post sui miei canali.
    Questa è un'ottima iniziativa, che andrebbe organizzata in una vera e propria lobby a Bruxelles.
    Penso a quanto stanno facendo negli USA con la American Wine Consumer Coalition (vedi qui: http://www.aristide.biz/2013/06/wine-lovers-fanno-lobby-negli-usa.html), una lobby nata da alcuni wine blogger "insider" del settore vino.
    L'iniziativa FIVI è meritoria ma di taglio corporativo, non coinvolge i consumatori. Pensate che forza avrebbe se si fondasse su un'alleanza con i wine lovers europei, sfruttando l'energia della comunicazione online.

    link a questo commento 0 2
    #8
  • Reka Haros - Sfriso Winery

    Reka Haros - Sfriso Winery

    Giampiero questo è lo scopo, bisogna fare alleanza, bisogna far sentire le voci e trovare delle soluzioni, che ci sono già quando si fanno fiere al estero Ad esempio:
    1. i tedeschi danno un codice temporaneo, che dura il tempo della fiera, e quindi le accise si possono pagare
    2. in Svezia (dove c'è il monopolio) ci si può registrare con la dogana (sempre come azienda) e pagare le accise dovute

    Non possiamo fermarci, dobbiamo andare avanti perché nell'era delle condivisioni, della comunicazione, e della infinità della rete non possiamo fermare i prodotti ed andare nel senso opposto.

    link a questo commento 0 1
    #9
  • Stéphanie Pelet-Serra

    Stéphanie Pelet-Serra

    Buonasera.
    Sono un avvocata (francese), con mio ufficio a Bruxelles, lavorando principalmente in diritto del UE (food and wine law). Scusate il mio italiano...
    Mi interesso a questo problema da qualche mesi. Posso già informarvi che la Commissione europea, le autorità dei stati membri e gli parlamentari europei sono già stati interpellati su questa problematica. La commissione ha creato un Project Group che sta esaminando la situazione attuale e un rapporto e previsto per Juno 2014, forze un po più tardi. Pero sono d'accordo con voi tutti, sarebbe tempo di unirci per fare capire i problemi concreti incontrati, con l'aiuto della European Confederation of Wine Growers per esempio. Una nuova Commissione sera eletta alla fine di 2014, sensibilizzare i nuovi commissari responsabili sarà indispensabile.

    link a questo commento 0 2
    #10
  • Max Beretta puntidigusto

    Max Beretta puntidigusto

    grazie @Stephanie, le tue informazioni sono preziosissime!!!!

    link a questo commento 0 0
    #11
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    A livello nazionale mi sto occupando, insieme a Sergio Boccadutri, tesoriere di SEL, che si è resto gentilmente disponibile, a portare avanti la procedura per un'interrogazione parlamentare in proposito. Vi tengo aggiornati. Se riuscite a far girare la cosa ai vostri amici esteri, magari rilanciando il post tradotto (semplicemente citandone la fonte), può essere utile a far mobilitare altri almeno in Europa.

    Solo se riusciremo ad arrivare ai media mainstream però credo riusciremo a catalizzare l'attenzione. Bisogna che se ne parli anche sui quotidiani e in tv.
    Nel frattempo andiamo avanti con i canali diplomatici e istituzionali.


    Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #12
  • Katrin Walter

    Katrin Walter

    Da qualche anno che ci lavoro su questo tema (vedete anche qui http://www.simplywalter.biz/blog/index.php/2013/04/22/il-mio-incubo-di-un-mercato-libero/) e tramite Wein-Plus abbiamo da un anno una soluzione per tutti i soci di Wein-Plus, un e-commerce verso la Germania dove possono entrare tutti i vini che raggiungon minimo 80 punti nella degustazione per garantire nello shop la qualità al consumatore. Per sapere di più scrivete a katrin.walter@wein-plus.eu

    link a questo commento 0 0
    #13
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Si qui però Katrin stiamo cercando una soluzione che soddisfi tutti, indipendentemente da iscrizioni a siti o portali o superamento di punteggi. Qui parliamo di libera circolazione delle merci e semplificazione, per tutti, della procedura burocratica per l'invio di vini verso l'estero, non solo verso la Germania ma verso tutti i paesi della Comunità Europea (almeno).

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #14
  • Katrin Walter

    Katrin Walter

    Certamente, lo cerco anch'io ma intanto dobbiamo vivere e le piccole-medie cantine vendere il vino anche in questa situazione.

    link a questo commento 0 0
    #15
  • Katrin Walter

    Katrin Walter

    Ho condiviso il link al post anche nel mio blog :-)

    link a questo commento 0 0
    #16
  • Marco Peluso - La Vineria Peluso

    Marco Peluso - La Vineria Peluso

    Anch'io, come enoteca, sarei interessatissimo a vendere vino a privati all'estero. Ricevo continuamente richieste di questo genere ma devo declinare per le difficoltà ben descritte nell'articolo. Tanto più che al momento l'estero è il miglior mercato. Ogni qual volta m'informo presso l'agenzia delle dogane sono gli stessi impiegati a scoraggiarmi segnalandomi che non ci sono novità. Spero che non ci siano le solite lobbies di turno (ben appoggiate politicamente) a controllare il mercato delle vendite di vino all'estero. Se così fosse vedo poche possibilità di spuntarla. Mi chiedo anche se le enoteche che vendono all'estero on line a privati (specie su ebay) siano tutte in regola o rischino, più o meno consapevolmente, sanzioni. Comunque parteciperei volentieri a petizioni, raccolte firme o quant'altro possa aiutare a smuovere le acque.

    link a questo commento 0 0
    #17
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Sono quasi tutti fuori regola. Già far girare questo articolo può essere d'aiuto. Grazie per il tuo commento Marco. Aggiornerò qui se ci sono novità legislative, nel frattempo mi sa che l'unica è attrezzarsi direttamente in ogni stato appoggiandosi a distributori di zona che possano fare la parte burocratica, gli spedizionieri costano una fortuna (specie per i piccoli ordini). La cosa più ragionevole sarebbe ovviamente poter spedire direttamente con un corriere, ci arriveremo forse, stiamo lavorando anche sul fronte istituzionale.

    Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #18
  • Alessandro Zingoni

    Alessandro Zingoni

    Riporto fresca fresca http://www.cronachedigusto.it/archiviodal-05042011/325-scenari/13205-uesi-apre-uno-spiraglio-per-la-vendita-diretta-ai-privati-la-commissione-avvia-uno-studio.html e non l'ho ancora finito di leggere :)

    link a questo commento 0 0
    #19
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    A tutto ciò, si aggiunge l'obbligo, per i prodotti soggetti ad accisa trasportati dall'azienda vinicola o per suo conto da apposito vettore, di versamento dell'iva nel paese di destino della merce. Non fosse stato già abbastanza complessa... Sergio Boccadutri - Gastrofanatico

    link a questo commento 0 0
    #20
  • Davide

    Davide

    Buongiorno a tutti, ad oggi è cambiato qualcosa?

    link a questo commento 0 0
    #21
  • Vinix Team

    Vinix Team

    Ciao Davide, le notizie più aggiornate qui:
    https://www.vinix.com/myDocDetail.php?ID=8711&ref=search

    link a questo commento 0 0
    #22
  • Nowekolory

    Nowekolory

    L'espansione sui mercati esteri mi è sempre sembrata un’impresa impegnativa e molto costosa. Pochi mesi fa, per curiosità ho affrontato le mie aspettative con le offerte reali e ho scoperto che è sufficiente affidarlo a professionisti che si prendono cura di tutto. Ho scelto la ditta Nuovi Colori e sono soddisfatto dei loro servizi. Hanno preso su di loro tutti i passi necessari ad espandere l’attività a un prezzo ragionevole, e la mia azienda ora porta profitti reali.

    link a questo commento 0 0
    #23

inserisci un commento