assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

#5 Commenti

  • Paolo Carlo Ghislandi - i Carpini

    Paolo Carlo Ghislandi - i Carpini

    Concordo, condivido, ammiro, apprezzo e sottoscrivo col sangue... OLA !

    link a questo commento 0 1
    #1
  • Lorenzo Conci

    Lorenzo Conci

    Un tempo consultavo piu' guide (Espresso, Veronelli, Gambero Rosso, Luca Maroni, ecc.), alcune le acquistavo ogni anno. A quei tempi stavo "studiavo" da autodidatta e ero ancora poco "svezzato" tanto che inviai a Luigi Veronelli una email per chiedergli un parere su alcune delle stranezze e inconrguenze, allora le consideravo tali, che riscontravo nel consultare appunto le guide. Ad esempio come fosse possibile che lo stesso vino ricevesse tre bicchieri da Gambero Rosso e a malapena una sufficienza da altre guide. Per quanto soggettivo degustare un vino, almeno per gli addetti ai lavori, avrebbero pur dovuto esistere dei parametri che rendessero dei giudizi se non eguali quantomeno accostabili. Veronelli fu cosi' gentile, era una persona squisita, che mi rispose (conservo ancora gelosamente la sua email) nella quale confermo' l' idea che gia' si stava facendo strada nella mia testa. Le guide servono per conoscere l' indirizzo delle aziende e il tipo di vini che producono e, se e' fatte con criterio, per far conoscere un po'di storia dell azienda con, magari, qualche scambio di idee con il vignaiolo. Il resto, punteggi e infiorature verbali con termini astruso-tecnico-fantastici, buoni per allocchi e mercato.
    Conta usarle con il sale in zucca e badare al sodo. La guida di Luigi Veronelli l' ho sempre comperata fino a che lui e' stato tra noi perche' leggerla era un piacere come leggerei libri di Mario Soldati o gli articoli di Viola e Brera (in campo sportivo). Gli inviai anche un campione del mio vino su sua richiesta.Mi disse che era piu' incuriosito dai vini "famigliari" che dai grandi nomi. Ora acquisto solo una guida, appunto per avere spunti su cosa vale la pena andare a curiosare e gli indirizzi...

    link a questo commento 0 2
    #2
  • Claudia Donegaglia

    Claudia Donegaglia

    Da persona che deve inviare i campioni alle guide , mi chiedevo se era possibile operare con piu' uniformità.
    Oramai tutto il mondo è certificato, perche' il mondo guidaiolo deve essere esente ?
    Schede tutte diverse , per utenza differente , ma il vino di fondo è sempre quello , non è che facciamo un vino diverso per tipologia di guida.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Carolina Gatti @ Azienda Agricola Gatti

    io non mando nulla. sono diventata allergica e lo sai. preferisco che la gente assaggi e mi dica se gli piace o no. non va bene? chissenefrega, sai quante cose non vanno bene a me?

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Claudia Donegaglia

    Claudia Donegaglia

    Ma tu Caro fai bene a non mandare.
    Il ns mondo é ampio e variegato, io tutti gli anni mi chiedo....se continuo ad esserci le guide, vorrà pur dire che servono a qualcosa.
    Poi adesso sono uscite le Corone e secondo qualcuno nn vanno bene perché sono troppe.

    link a questo commento 0 0
    #5

inserisci un commento