assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Il caldo fa male

inserito da
Il caldo fa male
Sara' colpa dell'ondata di caldo che non si ricordava dal 2003, o l'adrenalina prevendemmiale che attraversa i polpastrelli , magari l'uscita delle prime guide (Romagna da Bere e Vini Buoni D'Italia in ordine d'arrivo) , oppure i recenti controlli a tappeto in varie regioni d'Italia . ma davvero il clima di discussione nell'enomondo oramai 3.0 mi sembra abbia assunto toni davvero leggermente astiosi.
La settimana scorsa inizia Intravino innescando la solita miccia biodinamici , muiltinazionali, rame si , rame forse, rame può darsi .
Trovandoci taggati in una lenzuolata di persone ci siamo infilati in un cul de sac di poolemiche a non finire , mente aperta mente chiusa , scienza contro empirismo ecc ecc ecc.
Da quel post però ho imparato che non ho ancora affinato l'arte di eludere le domande .
Escono le Corone dei Vini buoni d'Italia nella noia dello stiro della domenica pomeriggio .
Leggo i nomi delle persone che mi sono care, mi complimento con loro , ma di nuovo s'innesca una polemica :'Le Corone sono troppe' .
Ma accidenti e miseriaccia miseria , se una guida esiste, vorra' pur dire che ci sono gli utenti? Se poi ci sono i produttori che mandano i campioni , vorra poi dire che un valore aggiunto l'ottengono in termini di visibilità e di vendita?
Mi capita poi di trovare da uno del club di Vinessum una divertente definizione dei degustatori , colorita e folcloristica, al di fuori dei canoni usuali .
Pero' nelle pieghe della discussione di nuovo poi a lanciare strali contro sto cavolo di buorocrazia del gusto.
Amici miei per favore, mi potete fare un elenco di etichette burocratizzate così
capisco meglio ed evito di buttare benzina sul fuoco .
Ma andiamo avanti con a random con l'invito di Marilena Barbera, che in questo momento invidio moltissimo pèerche' ha iniziato a vendemmiare, ai curatori di guide di andare un po' a vendemmiare.
Nel post poi si sono sollevate molte questioni, di cui una mi sta particolarmente a cuore ma a cui non ho mai avuto una risposta : gli scriventi vino autorevoli , parlo di Melandri, Falcone,Giavedoni, Castagno, Gariglio, Gravina, Vizzari, quali competenze tecniche hanno per stroncare o meno un vino?
Mi spiego meglio , hanno mai fatto un corso di formazione per il riconoscimento dei difetti ad esempio , oppure se le cantano e se le suonano fra di loro?
Davvero la polemica in genere mi ha un po' avuto, come al solito sono piena di domande .
Per fortuna che la prossima settimana vado in ferie e dopo inizia la vendemmia .
Ridatemi delle foto di mostimetri. 
  • condividi su Facebook
  • 1960
  • 0
  • 1

#1 Commenti

inserisci un commento