Una serata con Compagnie du Champagne

inserito da
Una serata con Compagnie du Champagne
Compagnie du Champagne è il nome di una piccola e interessante realtà, un club di champagne con sede a Treviso. Fondato da 4 amici appassionati di champagne, il club organizza periodicamente serate e degustazioni riservate agli iscritti dove vengono presentate le cuvée di piccole maison non importate in Italia che i ragazzi di Compagnie vanno a ricercare personalmente oltralpe. Il club opera solo nel trevigiano, in seguito alle serate degustative viene fatto un ordine comultativo per i membri del club. Una formula intelligente che permette di gioire del piacere di bere anche spesso champagne a prezzi accessibili.

Andrea Florida, uno dei soci fondatori ci racconta come è nato il tutto.

"Abbiamo iniziato una decina di anni fa, tra amici. Ci piaceva bere vino e stare in compagnia, abbiamo iniziato a trovarci ogni lunedì a casa di qualcuno e ad aprire bottiglie da condividere, cosa che continuiamo a fare tutt'ora. Abbiamo iniziato con cose senza grosse pretese: Prosecco, vini locali, bianchi friulani ecc. Poi abbiamo scoperto lo Champagne, ci siamo appassionati e abbiamo cominciato a studiarlo con più attenzione. Abbiamo iniziato a leggere e a documentarci, a visitare produttori, a coltivare il nostro gusto.

Questa passione è cresciuta negli anni trasformandosi in qualcosa di più grande. Così è nata l'idea di Compagnie du Champagne. Ci piace bere bene spendendo il giusto, in Italia lo Champagne in enoteca è molto costoso, così abbiamo pensato a trovare un modo per acquistarlo sul posto a prezzi più accessibili. Oggi abbiamo una quarantina di iscritti, fedeli e affezionati che fanno parte del club, ci unisce la passione per lo champagne,

Compagnie è una realtà piccola, convivale, ci si conosce tutti, c'è un bello spirito, una bella energia. Cerchiamo produttori interessanti, soprattutto piccole maison famigliari che non sono presenti sul mercato italiano per offrire ai membri del club Champagne dall'eccellente rapporto qualità prezzo. Acquistiamo i campioni, facciamo la serata degustazione, solitamente monotematica centrata su un singolo produttore, poi facciamo un ordine cumulativo. Sono produttori che abbiamo visitato personalmente, piccoli artigiani, siamo spesso in Francia alla ricerca di nuove cuvée emozionanti".



Nata quasi per gioco, Compagnie ha la bellezza e il fascino delle cose alimentate dalla spontanea passione, fatte per divertire e per divertirsi. I quattro ragazzi che l'hanno creata, Francesco, Enrico, Andrea e Giuseppe sono anche loro naturali e spontanei, senza pose e filtri. Durante la cena del nostro incontro, svoltosi a casa di Beppe e accompagnato dai suoi ottimi piatti (Beppe fa lo chef di professione) abbiamo bevuto 6 bottiglie di Champagne in 6 sperimentando come la magica effervescenza dello Champagne sappia transitare dai bicchieri ai pensieri, fin nelle parole e nei gesti...

"Quello che mi affascina nello champagne è la sua leggiadra natura, la sua bevibilità" dice Andrea. "Se avessimo bevuto la stessa quantità di un vino rosso, ora ci sentiremo tutti parecchio appesantiti, con lo champagne è diverso. Ha la complessità e la profondità di un vino rosso importante senza la pesantezza di beva".


Andrea, di formazione agronomica, ha una visione molto realistica e pragmatica del mondo del vino. "Siamo tutti figli dello scandalo del metanolo, punto di svolta impressionante per il settore vino in Italia. Da lì sono cambiate tante cose, sono crollati i consumi, c'è stato poi il cambio generazionale, il vino è passato da alimento a bene voluttuario".

Ha una visione decisamente non naïf sul vino naturale/contadino a proposito del quale ci racconta un divertente aneddoto, riguardante il nonno, imprenditore agricolo:

"mio nonno una volta all'anno andava a raccogliere gli affitti da quelli a cui affittava i terreni. Quando andava dai contadini loro gli offrivano sempre un bicchiere del vino che facevano e lui non poteva rifiutare per non offendere. Faceva il suo giro sempre d'estate ed era solito dire una frase enigmatica: peccato non avere gli stivali! Loro non capivano bene il significato di questa frase e pensavano che gli stivali fossero per poterne bere di più! In realtà il significato era l'opposto, poter versare il calice di nascosto senza offendere!

In estate all'epoca il vino dei contadini virava spesso con il caldo verso odori sgradevoli, acetica, odori di feccia ecc. Il vino naturale, se non viene seguito va in direzioni che non necessariamente sono quelle che vogliamo noi. Senza avere un' idea sul vino tecnologica spinta, ritengo comunque che aggrapparsi a tecniche arcaiche può essere controproducente e che il progresso, se applicato con sensibilità e criterio, può solo giovare alla qualità del vino"



Chiedo ai ragazzi di Compagnie qualche indizio sulle loro cuvée del cuore. Riporto le risposte sotto. 


Bottiglie che più hanno colpito
Jacquesson DIZY Corne Bautray 2002
Krug Vintage 2000-1990
Perrier Jouet Belle Époque 1985
Taittinger Comte de Champagne 1986
Pol Roger Winston Churchill 1996

Bottiglie da avere sempre in frigo
Jacquesson Cuvée Numerata
Bouquin Dupont Fils Vieille Vigne Chardonnay
Ulysse Collin Les Pierrières Corbon Anthracite
Benoit Lahaye Brut Grand Cru Blanc de Noirs

Bottiglie da bere prima di una pausa forzata
Perrier Jouet Belle Époque 1998
Pol Roger Winston Churchill 2002
Krug 2000
Bollinger R.D. 1998
Taittinger Comte de Champagne 1998
Salon 1997

Villaggi del cuore
Avize e Mesnil per lo Chardonnay, Ay, Ambonnay, Bouzy per il Pinot Nero, Cumieres per il Meunier. Menzione speciale per Vertus e Cuisine per lo Chardonnay.


Un grazie speciale a Francesco, Enrico, Andrea e Beppe per la bella serata in compagnia di Compagnie du Champagne.
  • condividi su Facebook
  • 753
  • 0
  • 6

#2 Commenti

  • Lorenzo Greco

    Lorenzo Greco

    Bravi ragazzi, anch'io faccio parte di un club enologico il "Club Enologico Isontino", attivo da più di trent'anni ormai, anche noi facciamo serate a tema, degustazioni, ed ospitiamo e andiamo a trovare vari produttori del territorio.

    link a questo commento 0 1
    #1
  • Nicoletta Dicova

    Nicoletta Dicova

    Bella iniziativa Lorenzo, bravi! :)

    link a questo commento 0 0
    #2

inserisci un commento