assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Musco, Storia di un Futuro

inserito da
Musco, Storia di un Futuro

"Nasco così per desiderio di chi, con consapevolezza, sapere e utensili antichi vuole mantenere vivo il racconto di una storia senza tempo"



Percorrendo un irto sentiero sterrato attraverso un maestoso bosco di castagni si giunge ad una antica grotta scavata nel tufo, risalente con molte probabilità all'epoca etrusca.

E' questa la casa del Musco, la più recente tra le etichette di Palazzone.

Un progetto che nasce nella mente e nel cuore di Giovanni Dubini, da un lato enologo preciso e rigoroso dall'altro animo desideroso di riscoprire quella tradizione che lo vedeva fanciullo gioire tra tini e mastelli nel fare il vino per famiglia e amici sotto la guida sapiente dei vecchi contadini.

Così il terreno dietro casa, un discontinuo tra i suoli prevalentemente argillosi, su cui insistono le altre vigne dell'azienza e quelli tufacei che caratterizzano la sommità della collina, vede nascere il nuovo impianto.

Vigna all'Orto, un susseguirsi di filari in cui convivono Procanico, Verdello e Malvasia, vitigni che hanno fatto la storia delle campagne orvietane.
Rigorosamente raccolta a mano, l'uva arriva in grotta per la macerazione in una piccola tinella di castagno. Segue la pressatura con un antico torchio a mano e poi piccole botti sempre in castagno, come tradizione vuole, per affrontare le lunghe, lente fermentazioni, scandite solo dai tempi della natura.

Dopo circa un anno il vino viene trasferito in damigiane di vetro per otto mesi e poi in bottiglia a riposare.

Etichetta Musco Il Musco 2015 che si è appena presentato ad operatori ed amici nella suggestiva grotta di tufo è un vino già in perfetto equilibrio.
Il legno, a differenza della prima annata (2013) è già perfettamente integrato. Frutta gialla, agrumi ed erbe aromatiche, si presentano con un bel corpo, più sostanzioso rispetto alla 2014, anche grazie ad una annata più generosa.

Un vino sicuramente importante, che ci parla di tradizione.
  • condividi su Facebook
  • 1611
  • 0
  • 3

#0 Commenti

inserisci un commento