assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Vinellando 2019: giovani promesse crescono

inserito da
Vinellando 2019: giovani promesse crescono
Il borgo di Magliano in Toscana si veste a festa per il ventennale di Vinellando. Ricorrenza importante che vede la concessione del patrocinio del Parlamento Europeo particolarmente attento a promuovere lo sviluppo del turismo enogastronomico nel nostro paese.

Banchi di assaggio dislocati nelle due piazzette principali di Magliano con la presenza dei produttori a valorizzare la degustazione, e le performance al pianoforte del maestro Robin Stapleton ad allietare anche il folto pubblico di turisti.
A compendio dei banchi d'assaggio il consueto Concorso per il miglior Morellino di Scansano che quest'anno vede protagonisti 17 campioni della vendemmia 2017.

Un format consolidato che offre una ampia panoramica sulla DOCG, non certo esaustiva, ma alquanto rappresentativa della situazione, con la partecipazione di aziende storicamente radicate nel territorio e altre giovani realtà che negli ultimi anni si stanno affacciando sul variegato palcoscenico maremmano.

Sono proprio alcune di queste giovani realtà di cui avevo scritto la scorso agosto a confermarsi tra gli assaggi più interessanti.

Si concretizza la ricerca di tipicità del giovane Iacopo Rossi di Cantina 8380, che con l'acquisizione di altri diritti della DOCG, abbandona il saldo di Merlot per regalarci un Morellino di Scansano 2018 con il 100% di Sangiovese.
Un vino decisamente diverso dall'annata 2017 che avevo definito un po' troppo rotondo e uniformato ad uno stile del passato. Oggi nel bicchiere un Morellino di grande impatto, elegante, succoso e scorrevole.
Si conferma una gestione magistrale del legno (tonneaux) che dà complessità senza mortificare le note fruttate e floreali. Decisamente uno dei migliori assaggi di questo Vinellando.

Non nasconde il giovane enologo un velato timore per l'impatto sui vecchi clienti di un cambiamento così netto. Personalmete non ho dubbi che il nuovo corso che verrà accolto con successo.
La strada è quella giusta, avanti tutta.

Resta ancora nel cassetto invece l'altro progetto, quello sul Vermentino in zona Saturnia, ma l'azienda è giovane e piccina e fare un passo alla volta è un ottimo modo per arrivare in alto senza inciampare.

Grande soddisfazione per il primo posto nel suddetto concorso per Tenuta il Quinto, giovane realtà nata nel 2016 che mi aveva intrigato proprio con quel Ficaie 2017 oggi assurto agli onori della cronaca.
Una grande iniezione di fiducia per un progetto ambizioso che vede una limitata produzione di Morellino di Scansano come tributo al territorio e concentra maggiormente le sue energie su vitigni internazionali (circa 10 ettari certificati BioAgriCert).
Vini di impronta bordolese che vedranno il palcoscenico pubblico progressivamente nei prossimi anni anche in funzione dei diversi affinamenti.
Grande curiosità e un motivo in più per il mio (finora colpevolmente disatteso) intento di visitare la cantina.

In degustazione ai banchi di assaggio anche il Ficaie 2018 attualmente in commercio. Sangiovese in purezza e solo acciaio per un vino di grande finezza sicuramente più snello rispetto alla '17 che pure era di grande equilibrio ed eleganza.

Poggio alle Viole - Col di Bacche Affacciandosi fuori dalla DOCG, due citazioni per altrettanti vini che hanno attirato la mia attenzione:

Poggio delle Viole 2015 dell'azienda Col di Bacche, Sangiovese in purezza frutto di una severa selezione delle migliori uve di un vigneto dedicato, che si contraddistingue per riuscire a coniugare la potenza della Maremma con l'eleganza della Toscana più blasonata.

Solo Sangiovese anche per l'altro outlined, il nuovo nato dell'azienda I Cavallini.
Clone chiantigiano, alla ricerca di vino di grande finezza che in effetti si ritrova in questa 2015 assaggiata in anteprima.
Vino di grande freschezza e piacevolezza con nota boisé  per i miei gusti leggermete evidente che tradisce il passaggio in legno piccolo. Confido che l'affinamento in bottiglia possa dargli l'equilibrio che merita.
P.S.: per dovere di cronaca riporto il podio del concorso. Al primo posto del Ficaie 2017 segue il Tore del Moro 2017 dell'azienda Santa Lucia. Terzo posto per il Morellino di Scansano 2017 di Podere 414
  • condividi su Facebook
  • 290
  • 0
  • 2

#0 Commenti

inserisci un commento