assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

La maniera di Carlo

di Federico Smanio
  • Via Pietro Calvi, 2 , Milano (MI) - Lombardia - Italia
  • fascia di prezzo: da 51 a 80
La maniera di Carlo
CUCINA: 8
SERVIZIO: 9
CARTA DEI VINI: 7
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Ambiente elegante, forse un pò troppo da Milano “bene”, ma la realtà è diversa perché l’atteggiamento del padrone di casa e l’ottimo servizio del personale di sala lo rende un locale onesto, non da “fighetti”, dove si vuole che il protagonista unico sia il cibo. Due sale ben arredate di un palazzo antico dai soffitti molto alti creano qui la giusta atmosfera potendo chiacchierare senza correre il rischio di disturbare i vicini. I tavoli non sono troppo vicini e si vocifera di un giardino estivo che rappresenta obiettivamente un plus per un ristorante nel centro di Milano.
Non mi piace particolarmente la luce, troppo fioca perché è meglio poter vedere bene quello che arriva nel piatto e che mangiamo, i colori del cibo e riconoscere gli ingredienti non solo in bocca ma anche con la vista. Però si sta bene qui e il servizio è più che buono.
Dopo un ottimo prosecco per preparare la bocca con la giusta salivazione ordiniamo i piatti che vengono anticipati da un paio di pre-antipasti di cui ricordo in particolare una parmigiana di melanzane rivisitata servita in un bicchierino e da mangiare con il cucchiaino, che mi è piaciuta assai.
Come antipasto scegliamo Fassone VS Chianina, una tartare di Fassone con creme bruleè di cipolla rossa e trevisana e un Carpaccio celtico di Chianina Marco D’oggiono, due tipi di carne cruda: quest’ultima preparata a tartare mentre la prima a carpaccio. Di sfida vera e propria si tratta a giudicare anche dal nome, ma chi ha vinto non lo so. Primo posto ex equo!
Proseguo con il risotto con speck d'anatra affumicato, zucca e spinacino mantecato con burro al rosmarino, un piatto senza dubbio interessante, ma la porzione è forse fin troppo abbondante e l’accostamento dei gusti un pò spinto: mi spiego: il petto d’anitra ok era evidente ma poi l’accostamento dei gusti mi è sembrato se non proprio forzato un pò al limite dell’affollamento, tutto comunque fatto bene, con cottura a puntino.
Assaggiamo anche i totanetti ripieni su fagioli all’ uccelletto in cestino di pasta kadaifi, che mi sono parsi più che buoni.
Per secondo decido di avventurarmi in un’esperienza difficile: Piccione in salsa di mirtilli su riso al salto: premetto che non è un piatto da tutti i giorni ma io che adoro il piccione, come nella “sopa coada” trevigiana e in altre celebri ricette, non ho potuto fare a meno di assaggiare anche questo. Che dire: sinceramente troppo minimalista il piatto, sia pur completato da un ottimo riso al salto. Il gusto complessivo è da promozione ma non l’esperienza, che mi ha lasciato un pò così, essendo le polpette vere e proprie un pò scarse.
Ho avuto poi modo di assaggiare il dolce, un tortino al cioccolato bianco veramente ottimo.
Abbiamo bevuto un super Gattinara di Franchino Mauro, un vino non per tutti i palati, un pò come un portiere poco appariscente ma efficace.
A dispetto dell’ambiente e del bagno - quando vi trovate gli asciugamanini di cotone vuol dire che di solito il conto è salato - abbiamo pagato 55 € a testa che mi sembra onesto nel complesso. Resta il ricordo di una bella serata e di una positiva esperienza eno-gastronomica.
Federico Smanio
31 marzo 2012



vedi tutte le recensioni di Federico Smanio i miei ristoranti

  • Enrietto
    @ @ @ @ @

    Enrietto

    inserito da Federico Smanio
    Gli insistenti inviti di mio cugino e la curiosità di soprire un nuovo territorio mi hanno mosso alla volta di Prascorsano, paesino che vive in pace...

    • 0
    • 9525
  • Al d.
    @ @ @ @ @

    Al d.

    inserito da Federico Smanio
    Atmosfera, originalità’, colore, gusto, passione, qualità, attivismo: questi i tratti distintivi del “d.”. Originalità è infatti quello...

    • 0
    • 4580

#0 Commenti

inserisci un commento