Antica Trattoria Di Pietro 1934

di Raffaele Pellino
  • Corso Italia, 8, Melito Irpino (AV) - Campania - Italia
  • telefono: 0825472010
  • fascia di prezzo: da 31 a 50
Antica Trattoria Di Pietro 1934
CUCINA: 8
SERVIZIO: 7
CARTA DEI VINI: 7
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
La prima volta che sono stato in questo locale di Melito Irpino risale al 1995, quando per motivi di lavoro nella vicina Ariano Irpino, sono stato portato da alcuni colleghi romani.



Dopo tanto tempo sono ritornato con la mia famiglia, a seguito di un tour gastronomico programmato per visitare i dodici ristoranti irpini, tra cui Antica Trattoria Di Pietro, che aderiscono alla Associazione "I mesali". Ho avuto modo di andare già da Valleverde- Zi Pasqualina di Atripalda e Osteria del Gallo e della Volpe di Ospidaletto d'Alpinolo. Per come ho mangiato abbondante e saporito penso che il Tour richiederà molto tempo "per ovvi motivi di dieta".



Melito Irpino, nella valle dell'Ufita in provincia di Avellino, è uno dei tanti paesi distrutti dal terremoto del 23.11.1980. Molte attività, hanno provato a riorganizzarsi. Tra queste, l'Antica Trattoria Di Pietro "con albergo" come recita la vecchia insegna, conservata vicino al bancone del bar, all'ingresso della nuova trattoria. Quando si viene da Di Pietro bisogna venirci senza fretta, in modo da assaggiare e gustare in totale rilassatezza, i piatti proposti rispettando la più classica e autentica cucina irpina, assolutamente non rivisitata, reinterpretata, rivista, corretta.



Il patron Enzo, uomo radicato sul territorio, risulta una autentica barriera contro l'omologazione dei sapori. Si comincia alla grande con gli antipasti di assoluta qualità e di produzione artigianale, ad iniziare dai salumi di maiale casertano, come la salsiccia, il capicollo, il prosciutto e la soppressata che, con ricottine fresche , zucca in agrodolce, la focaccia rossa fatta come una volta con pasta di pane in teglia, pomodoro e origano, la bruschetta di pane casereccio con pomodoro, la focaccia bianca con rosmarino, frittata di cipolle con patate, formaggio pecorino e caciocavallo e altre meraviglie che vengono servite come antipasto. Tra i primi non mi sono perso la minestra maritata con verdure di campo, scarola, verza, cardo selvatico, cicoria e altre ancora con salsiccia, cotiche e ossa di prosciutto, i ravioli di ricotta pecorina al ragù cotti nella terracotta, mentre i miei figli hanno scelto i fusilli a cianfottella, con pomodoro, peperone e aglio.



Come secondo, assolutamente da non perdere, per l'alta qualità dei prodotti, l'agnello alla brace o alla cacciatora, il baccalà al forno con patate o il baccalà con peperoni dolci secchi, aglio e olio irpino, piatto semplicissimo ma di grande sapore.



I dolci sono fatti in casa, e tra questi si è scelto il croccante di mandorle e zucchero, e la crostata di marmellata.



Ottima la selezione di vini irpini, dei migliori produttori locali. Ho scelto un Salae Domini 2004 Aglianico d'Irpinia IGT di Antonio Caggiano.



Il costo è sui quaranta euro escluso i vini.



















vedi tutte le recensioni di Raffaele Pellino i miei ristoranti

  • La Bifora
    @ @ @ @ @

    La Bifora

    inserito da Raffaele Pellino
    Non ho più voglia di scrivere di cibo, ma per Michele e la madre faccio una eccezione. Sono ritornato mercoledì 12 giugno in questo locale ben...

    • 0
    • 859
  • Old Rope
    @ @ @ @ @

    Old Rope

    inserito da Raffaele Pellino
    Il Ristorante che non ti aspetti. OLD ROPE è un locale di recente apertura realizzato all’interno di una antica corderia frattese; da qui il nome...

    • 0
    • 13385

#4 Commenti

inserisci un commento