assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

I Malavoglia

di Cesare Rossi
  • Via Lecco, 2, Milano (MI) - Lombardia - Italia
  • telefono: 02 29531387
  • fascia di prezzo: da 51 a 80
I Malavoglia
CUCINA: 7
SERVIZIO: 6
CARTA DEI VINI: 7
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Prenotiamo per le ore 21, il locale è in una zona particolarmente critica per il parcheggio, ma la fortuna ci viene in aiuto. Arriviamo puntualissimi e ci viene assegnato il tavolo proprio dietro la
porta d'ingresso .. è vero che c'è una doppia porta, ma tutte le volte che entra qualcuno veniamo "investiti" dai rigori invernali: pessima sistemazione. Decido di non pensarci, e di concentrarmi sul cibo. La Guida valuta questo ristorante con un punteggio di 73/100. Il locale ha un buon livello di raffinatezza, carte antiche della Sicilia appese alle pareti, un Pupo siciliano in un angolo, ed altre varie testimonianze della bellissima isola. Arriva una ragazza che ci propone un aperitivo: accetto, e ci viene servito un Prosecco di Valdobbiadene Bisiol, che io considero una delle massime espressioni di prosecco del panorama enologico .. ottimo!
Ci viene consegnato il menu, e, dopo attenta scelta, optiamo per:
- tonno freddo alla siciliana
- caponata di melanzane
- nastrine con calamari e verdure
- involtini di pesce spada
Riceviamo anche la carta dei vini, di buona levatura, con una attenta selezione di vini siciliani: optiamo per uno Chardonnay di Rapitalà. Recentemente a casa abbiamo bevuto lo Chardonnay di Planeta, pagato in enoteca 18 €, mentre in carta notiamo che viene proposto a 28.40 €.
Arriva l'antipasto, e il mio tonno è sicuramente ottimo, mentre la caponata è stata preparata con una ricetta alquanto strana (l'esperta conferma ): avete mai visto i pinoli? Beh, in quella aponata c'erano! E' comunque ben realizzata. Lo Chardonnay di Rapitalà si difende bene, ma dopo il Planeta diventa una sfida difficilissima .. d'alctro canto non si spiegherebbe una differenza di costo cosi' sensibile, il Rapitalà in carta viene venduto a 16 €.
Eccoci pronti per il mio primo piatto: le nastrine sono una strana pasta fresca che assomiglia alle pappardelle, sono ben realizzati, forse mancano un po' di sale (ma è comunque una valutazione molto personale): non posso dire che mi abbiano esaltato più di tanto.
Il secondo di involtini di pesce spada si difende bene, ma anche qui nulla di esaltante.
Arriviamo ai dolci, e optiamo per una cassata siciliana e per una fantasia di pasticceria. Ci viene servito un Passito di Pantelleria, ma non sono riuscito a "spiarne" il produttore.
La cassata non ha nulla a che fare con le "originali" siciliane: gusto piatto, sembra costruita per non interessare le papille gustative .. ed anche la pasticceria non è niente di eccezionale.
Il conto finale è di 102.25 €: direi che per due antipasti, un primo, un secondo e due dolci è forse un po' eccessivo, in considerazione anche della "sicilianeità" dei piatti.
Forse per i "non siciliani" la cucina della Trinacria deve essere interpretata così .. ed anche i 73 punti della guida, secondo noi, sono forse un po' eccessivi ...

vedi tutte le recensioni di Cesare Rossi i miei ristoranti

  • Quarta Carbonaia
    @ @ @ @ @

    Quarta Carbonaia

    inserito da Cesare Rossi
    Leggo di questo ristorante, dove servirebbero ottima carne (fiorentina). Siamo da qualche settimana tornati dalle vacanze in Sicilia, dove abbiamo...

    • 1
    • 14466
  • Grand Hotel L'Osteria
    @ @ @ @ @

    Grand Hotel L'Osteria

    inserito da Cesare Rossi
    Conoscevo gia' il locale, essendo la "sede" milanese della Slow-Food. Ho convinto alcuni nuovi amici ad andarci la scorsa settimana. Purtroppo, a...

    • 0
    • 11955

#1 Commenti

  • Stefano Figini

    Stefano Figini

    Penso siano un bene anche queste recensioni...
    Ottimo consigliare buoni ristoranti... ancora meglio sconsigliare i pessimi... se poi entrambi i commenti a questo ristorante sono sullo stesso filone significa che non è un'impressione di un singolo cliente

    bene bene

    link a questo commento 0 0
    #1

inserisci un commento