assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

La Trattoria del Povero Nando

di Cesare Rossi
  • Piazza Vittorio Veneto, 15, Montalto Pavese (PV) - Lombardia - Italia
  • telefono: 0383 870119
  • fascia di prezzo: da 31 a 50
CUCINA: 4
SERVIZIO: 5
CARTA DEI VINI: 5
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Un'altra avventura diretta ed orchestrata dalla Guida SlowFood delle
Osterie d'Italia ..

Sabato sera, voglia di provare un'altra osteria. Scegliamo la Trattoria
del Povero Nando, a Montalto Pavese, non molto distante da casa (abito a
Vigevano). Chiamo per prenotare, ed il proprietario mi dice di non arrivare dopo le 21.30, altrimenti la cucina chiude: confermo il mio arrivo per le 21. La strada che giunge a Montalto Pavese non e' delle piu' "scorrevoli": tornantini di collina e strade poco illuminate, ma riusciamo ad arrivare in perfetto orario. La Trattoria si trova su di una piazza, di fronte ad un altro ristorante-pizzeria-birreria gigantesco, una costruzione che sembra fuori posto rispetto alla "dimensione" del paese.
Entriamo nel locale: ricorda proprio una vecchia trattoria anni 60 (da
noi si chiamano "trani", erano in realta' i vecchi Circoli Economici Ricreativi ..) ma l'aspetto e' confortevole.

Veniamo fatti accomodare ad un tavolo per due al centro della sala. Dopo
pochi minuti arriva un ragazzo a prendere le ordinazioni. Non esiste il
menu, tutte le portate vengono elencate a voce dal cameriere: purtroppo
questa mancanza, a mio avviso, e' piuttosto grave, anche per il solo
fatto che, cosi' facendo, non e' neanche possibile conoscere i costi
delle singole portate. Optiamo per un antipasto, io scelgo come primo lo "zuppone" del Nando, e, come secondo ci orientiamo su anatra arrosto.
L'antipasto e' decisamente triste: sottaceti misti e tre diversi tipi di
affettato, da dimenticare. Lo "zuppone" (cereali misti) e' ben cucinato, la porzione e' decisamente abbondante. L'anatra arrosto e' decisamente mal cucinata, senza nessuna personalita', con un aspetto piuttosto deludente, sia dal punto di vista olfattivo che gustativo.

Concludiamo con un tris di dolci (brut&bon, zuccotto e torta alle noci)
di buona fattura. Abbiamo bevuto una bottiglia di minerale ed una di Bonarda Oltrepo' Pavese (non mi chiedete il produttore perche' l'ho rimosso immediatamente ...). Conto totale 50 Euro per due antipasti, un primo, due secondi, due dolci, acqua e vino. Di solito la guida SlowFood ci azzecca .. ma questa volta direi che ha "toppato" in pieno.

vedi tutte le recensioni di Cesare Rossi i miei ristoranti

  • Quarta Carbonaia
    @ @ @ @ @

    Quarta Carbonaia

    inserito da Cesare Rossi
    Leggo di questo ristorante, dove servirebbero ottima carne (fiorentina). Siamo da qualche settimana tornati dalle vacanze in Sicilia, dove abbiamo...

    • 1
    • 14001
  • Grand Hotel L'Osteria
    @ @ @ @ @

    Grand Hotel L'Osteria

    inserito da Cesare Rossi
    Conoscevo gia' il locale, essendo la "sede" milanese della Slow-Food. Ho convinto alcuni nuovi amici ad andarci la scorsa settimana. Purtroppo, a...

    • 0
    • 11537

#5 Commenti

  • Giuliano Boni @ Vinidea

    Giuliano Boni @ Vinidea

    Il vero ed originale "povero Nando" ha dovuto lasciare il ristorante un paio di anni fa, per dedicarsi alla creazione dei suoi dolci (esclusivamente pasticceria secca da forno, ma di ottimo livello) in quel di Casteggio (PV).

    Non ho idea di chi gestisca ora il ristorante, ma il fatto che non abbiano nemmeno cambiato il nome mi fa sospettare che vogliano vivere di rendita sui fasti della gestione precedente, il che non fa supporre nulla di buono.

    Mi fa specie che Osterie d'Italia non abbia ancora registrato il cambiamento (o forse sei in possesso di una vecchia edizione della guida?).

    giuliano boni

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    In educazione e correttezza si può are tutto Ugo. Go ahead.

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Tommaso Farina

    Tommaso Farina

    Questa recensione l'ho trovata per caso, ed è a dir poco incomprensibile.
    Anzitutto, perché il Povero Nando, purtroppo, ha chiuso nel 2005. Nando Fornaro si è ritirato nella sua Casteggio a sfornare i suoi estrosi dolcetti. Gli ho telefonato ieri, mi ha detto che non gli risulta che nel suo vecchio locale sia stato aperto un nuovo ristorante, tantomeno col suo nome.

    In secondo luogo, l'edizione 2007 delle Osterie d'Italia non riporta più il Povero Nando, essendo il locale chiuso da un po'...

    Per questo la rece non mi risulta chiara.
    L'unica cosa certa è che il vero "povero Nando" non fa più il ristoratore.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    A questo punto spero che Cesare Rossi, l'autore della recensione, abbia una spiegazione. Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Cesare Rossi

    Cesare Rossi

    Eccomi!
    La mia recensione racconta una visita di parecchi anni fa: in effetti avete ragione, occorrerebbe inserire nella recensione anche la data del pranzo o della cena.

    link a questo commento 0 0
    #5

inserisci un commento