assistenza whatsapp: +39 347 211 9450

Baby

di Le Vigne di Alice - Life is a bubble
  • via Ulisse Aldovrandi 15, Roma (RM) - Lazio - Italia
  • telefono: 063223993
  • fascia di prezzo: da 81 a 120
Baby
CUCINA: 4
SERVIZIO: 4
CARTA DEI VINI: 4
VALUTAZIONE: @ @ @ @ @
Mi piacerebbe poter raccontare sempre in positivo le mie esperienze a tavola. Un sabato sera a Roma per una degustazione organizzata da Enopoli la domenica e il lunedì successivi portano me e alcuni colleghi produttori a provare un ristorante il Baby, la dependance di Iaccarino a Roma. il ristorante è all'interno dell'Hotel Aldovrandi, vi conduce ad esso la scala quella che porta alla toilette. Una sliding door vi immette alla sala.
L'odore che sento subito è quello di borotalco, lo sniffavo nel bagno della nonna. i miei compagni scelgono la sala fumatori, mi adeguo perchè gli aspiratori sembrano funzionare bene, ma fa un caldo pazzesco. Paolo chiede la possibilità di togliersi la giacca ma il cameriere rifiuta per disposizioni della Direzione, scaricando ogni responsabilità. In questo ristorante è richiesta la giacca ma al momento della prenotazione nessuno ci aveva avvisato riguardo il dress code.
Amouse bouche: pacchero ripieno di ricotta e non so che, duro come el béc, sembra un avanzo del pranzo riscaldato per cena ed è "offerto dal nostro chef Alfonso Iaccarino".
Alcuni scelgono 3 piatti altri 2
Non voglio spendere troppe parole perchè abbiamo speso già troppi soldi, 120 euro a cranio per un'accozzaglia di ingredienti di bassa qualità, piatti senza profumi e senz'anima, un fritto di pesce che puzzava d'olio stracotto e riciclato: immangiabile, mal di stomaco sino al mattino successivo.
Una carta dei vini e soprattutto delle bollicine scontata.
Abbiamo evitato i dolci per timore di dover affrontare un'altra indecenza e invece ci hanno propinato dei dolcetti "offerti dal nostro chef Alfonso Iaccarino" che parevano chewing gum.
Camerieri che toglievano i bicchieri ancora mezzi pieni, dal tavolo senza chiedere...
Può capitare di mangiare male ma per 120 euro abbiamo mangiato in maniera indecente e dispiace che un grande chef come Iaccarino perda di vista un luogo che porta il suo nome e dove il suo nome viene fatto a sproposito. D'altra parte il pesce puzza sempre dalla testa.
Vivamente non consigliato.

vedi tutte le recensioni di Le Vigne di Alice - Life is a bubble i miei ristoranti

#8 Commenti

  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Ciao Cinzia, colpisce la tua recensione, soprattutto dopo aver letto il parere diametralmente opposto di Pignataro :
    http://www.lucianopignataro.it/articolo.php?pl=2458

    Siccome so che entrambe siete persone affidabili serie e preparate, questa discrepanza di visioni mi colpisce ancor di più. Sembra quasi parliate di due locali completamente diversi. Dimenticavo : i tag vanno separati da virgola, altrimenti vengono presi come un tag unico.

    link a questo commento 0 0
    #1
  • Pino Bellantoni

    Pino Bellantoni

    Finalmente una persona che dice pane al pane e vino al vino(è una metafora ma sempre mangiare è) e non fa' sospette celebrazioni

    link a questo commento 0 0
    #2
  • Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Caro Filippo, conosco Luciano Pignataro e so che è persona seria e preparata. Mi dispiace dover scrivere in questo modo di un ristorante. Ho atteso qualche giorno prima di farlo, riflettendoci a lungo. Non si può abbandonare un locale a se stesso e pensare che i clienti siano tutti americani. grazie per la nota sui tag. Sei sempre molto preciso.
    Ad Ugo, che ringrazio per la fiducia, dico che ho sottolineato il fatto che la scala portasse alla toilette quasi come un segno premonitore. lo riconosco quando mi metto sono cattivissima. ma 120 euro sono 120 euro e nel mio portafoglio valgono ancora qualcosa (3 cartoni da sei del mio Prosecco brut Doro:-). Ciao Pino, ho sempre detto quello che penso.

    link a questo commento 0 0
    #3
  • Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Caro Filippo, conosco Luciano Pignataro e so che è persona seria e preparata. Mi dispiace dover scrivere in questo modo di un ristorante. Ho atteso qualche giorno prima di farlo, riflettendoci a lungo. Non si può abbandonare un locale a se stesso e pensare che i clienti siano tutti americani. grazie per la nota sui tag. Sei sempre molto preciso.
    Ad Ugo, che ringrazio per la fiducia, dico che ho sottolineato il fatto che la scala portasse alla toilette quasi come un segno premonitore. lo riconosco quando mi metto sono cattivissima. ma 120 euro sono 120 euro e nel mio portafoglio valgono ancora qualcosa (3 cartoni da sei del mio Prosecco brut Doro:-). Ciao Pino, ho sempre detto quello che penso.

    link a questo commento 0 0
    #4
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Cinzia, Ugo, mi sembrava chiaro che il mio commento fosse volto solo a stimolare il dibattito. Come di atto sta accadendo. Benvenagano recensioni negative da parte di persone preparate e competenti se ci osse bisogno di sottolinearlo. Benvengano, in egual misura, recensioni positive di locali che lo meritano. Tra l'altro qui, a differenza di TigullioVino.it, il materiale pubblicato è di esclusiva proprietà dell'autore, così come la responsabilità anche se immagino che qualche giudice potrebbe storcere il naso. Siete d'accordo su questo punto ? Vinix non è una testata editoriale con un direttore responsabile - come più facilmente può essere identificato www.tigulliovino.it - vinix è una piattaforma di social networking. Oddio, ora che ci penso in effetti youtube è stata costretta a rimuovere taluni contenuti pur non avendone la titolarità. Ma è una buona occasione per approfondire l'argomento. Ciao, Fil.

    link a questo commento 0 0
    #5
  • Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Gentile Signora Cinzia,
    avendo letto il suo articolo riguardo la cena presso
    il ristorante Baby di Alfonso Iaccarino, e
    impossibilitato a replicare sul blog del sito per
    difficolta` nella registrazione, le invio una mail per
    contestare alcune sue osservazioni. Naturalmente le
    opinioni non si discutono, ma essendo un cliente
    abituale del ristorante sopracitato, mi preme
    sottolineare alcune sue imprecisioni. Il gusto e
    l`eleganza dell`arredo possono essere ovviamente
    discutibili, ma la qualita` e gli abbinamenti dei
    prodotti non credo possano essere oggetto di tanto
    discredito. La tradizione Iaccarino e` puntualmente
    rispettata e la semplicita` ricca dei suoi piatti
    continuano a mantenerne alto il nome. La stella
    Michelin non sembra piovuta per caso! Inoltre,
    conoscendo la serieta` e l`impeccabile cura dei
    particolari messa dalla proprieta` dell`Aldrovandi
    creano un delizioso connubio di eleganza e
    professionalita`. Spero che in un secondo momento
    possa ricredersi su certe sue convinzioni, anche se,
    perdoni la franchezza, credo che certo suo "livore"
    sia dettato dal mancato riscontro di vini di sua
    produzione, considerato che la carta dei vini e` tra
    le piu` fantasiose e ricercate dell`alta ristorazione
    romana
    Marco de Bernardi

    link a questo commento 0 0
    #6
  • Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    Le Vigne di Alice - Life is a bubble

    @ Marco De Bernardi
    Gentilissimo De Bernardi,
    Il mio livore è stato dettato semplicemente dal fatto di aver pagato 120,00 euro e aver mangiato malissimo e aver ricevuto un pessimo servizio.
    Non sono abituata a parlar male di un ristorante solo perché non ci sono i miei vini in carta. Ho scritto recensioni positive senza che questi ristoranti abbiano i miei vini e quindi non accetto questa sua osservazione, alquanto azzardata visto che nemmeno ci conosciamo.
    Del gusto e dell'eleganza non ho parlato, il mio riferimento era all'eccessivo profumo che dal mio punto di vista stona in una sala ristorante dove dovrebbero sentirsi solo i profumi del cibo e dei vini.
    Io sono una persona che normalmente al ristorante beve sempre i vini degli altri e con piacere.
    Se lei mi dice che la carta dei vini è tra le più fantasiose mi viene da pensare che ne abbia viste davvero poche.
    Sarò pronta a ricredermi e ne sarò felice se questo potrà accadere (ci andrò solo se invitata) come sono felice di sentire che lei invece ha avuto un'esperienza positiva.
    A breve inserirò altre recensioni di ristoranti che non hanno in carta i miei vini e dove sono stata divinamente.

    link a questo commento 0 0
    #7
  • Filippo Ronco

    Filippo Ronco

    Puoi dire al sig. De Bernardi di scrivermi per i problemi di registrazione ? Sarò lieto di assisterlo affinché possa commentare direttamente. Ciao, Fil

    link a questo commento 0 0
    #8

inserisci un commento